Pelle grassa: cause, creme e prodotti per la cura del viso oleoso

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Jessica Zanza
(Specialista in farmacia)

La pelle grassa si caratterizza per l’incontrollata produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee e può essere grassa oleosa, grassa seborroica, grassa asfittica, mista. Ma da cosa è causata? E quali sono i prodotti consigliati dagli esperti per curarla? Andiamo a scoprirlo...

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
    1. Tipologie
  2. Cause
    1. Predisposizione genetica
    2. Squilibri ormonali
    3. Cattiva digestione
    4. Stress
    5. Farmaci
    6. Alimentazione scorretta
    7. Cosmetici inadeguati
  3. Rimedi naturali
    1. Detergenti
    2. Esfolianti
    3. Creme idratanti
    4. Trucchi
    5. Integratori fitoterapici
    6. Integratori omeopatici
    7. Rimedi fai da te
  4. Farmaci

Caratteristiche e tipologie di pelle grassa.

La pelle grassa, in particolare quella del viso, è un problema estetico che può avere forti ripercussioni sul piano individuale e sociale di chi ne è affetto, soprattutto quando si associa alla comparsa di brufoli e punti neri.

Questo disturbo è causato da una maggior produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee che rende la pelle oleosa al tatto, lucida e spenta.

Tipologie.

Sebbene l’aggettivo “grassa” ci faccia venire in mente una pelle lucida e unta al tatto, non sempre essa assume queste caratteristiche; infatti, ne esistono varie tipologie. Vediamo quali.

La pelle grassa può essere associata alla couperose, un inestetismo particolarmente frequente in persone con carnagione e occhi chiari, La pelle (molto sensibile a stimoli quali freddo, caldo, emozioni, alcool e qualsiasi cibo tendente ad aumentare la circolazione) tende ad arrossarsi (flushing) per poi tornare al colorito di partenza. Sebbene il flushing sia un fenomeno inizialmente temporaneo, col tempo, le pareti dei capillari e il derma circostante perdono elasticità e il rossore diventa persistente (eritrosi); i capillari dilatati diventano visibili (soprattutto nelle guance e nel naso).Nei casi più gravi, la couperose può evolvere in acne rosacea, con la comparsa di papule e pustole.

Puoi approfondire le caratteristiche della couperose.

Cause dell’eccessiva attività delle ghiandole sebacee.

Nonostante il problema possa interessare diverse parti del corpo (come schiena, petto e braccia), il viso è sicuramente la zona più soggetta ad “ungersi”.

Questa predisposizione è dovuta, fondamentalmente, ad una maggior densità di ghiandole sebacee, soprattutto nella zona T (fronte, naso e mento) e, in minor misura, nelle guance. Le ghiandole sebacee sono deputate alla produzione e alla secrezione del sebo (costituito da lipidi e detriti cellulari) che, insieme al sudore (prodotto dalle ghiandole esocrine), va a costituire il film idrolipidico, una miscela di sostanze avente il compito di idratare, ammorbidire e proteggere la cute da agenti esterni. L’attività delle ghiandole è sotto il controllo di diversi fattori e può risultare alterata, qualora insorgano degli squilibri. In particolare, un’aumentata secrezione di sebo (seborrea), sta all’origine della pelle grassa.

La seborrea può essere dovuta a cause endogene cioè di natura interna, che a cause esogene cioè determinate da fattori esterni.

.

Tra le cause endogene abbiamo:

Predisposizione genetica.

Per predisposizione genetica si intende la presenza nel DNA di varianti che predispongono all'insorgere di una patologia. Infatti, la predisposizione ala pelle grassa è un problema che si presenta tra molti membri della stessa famiglia.

Squilibri ormonali.

La seborrea è associata ad un aumento dei livelli di androgeni, soprattutto il DHT (diidrotestosterone). Quest’ultimo è un prodotto del metabolismo del testosterone, rispetto al quale risulta essere fino a tre volte più potente. L’enzima implicato nella conversione è la 5-α-reduttasi, abbondante nei follicoli piliferi. A seguito del legame col suo recettore, il DHT stimola la proliferazione delle cellule ghiandolari e, quindi, la loro attività secretoria. La seborrea affligge soprattutto gli uomini, i quali hanno livelli di androgeni più alti rispetto alle donne, nonché una maggior densità di follicoli nel volto (barba) e nel resto del corpo. Oltre agli androgeni, anche gli ormoni surrenali (come il cortisolo), aumentano le secrezioni sebacee, mentre gli estrogeni la riducono.

Le principali cause di squilibri ormonali sono:

Difficoltà digestive.

Le ghiandole sebacee possono espellere i lipidi in eccesso derivanti da un’alimentazione ricca di grassi o da un’insufficiente secrezione di bile, necessaria per la digestione dei grassi stessi;

Stress.

Stimoli come lo stress possono portare all’attivazione del sistema nervoso e, quindi, aumentare le secrezioni ghiandolari.

La pelle grassa può insorgere anche per cause esterne come:

Farmaci.

I cortisonici e gli anabolizzanti mimano gli effetti degli androgeni endogeni e possono provocare la così detta “acne steroidea”. La sospensione della pillola anticoncezionale può portare ad un effetto di rimbalzo, ovvero, l’organismo tenta di ripristinare le condizioni precedenti l’uso degli estroprogestinici, aumentando i livelli di androgeni.

Alimentazione scorretta.

Un' alimentazione sregolata può provocare un aumento di sebo e quindi pelle grassa. Un eccessiva alimentazione o anche alimenti ricchi di grassi rendono la pelle particolarmente grassa ed untuosa. Anche fumo ed alcol sono responsabili di pelle grassa, il Il fumo, infatti, sporca la pelle, mentre l'alcool, sovraccarica il fegato provocando un ammento del sebo.

Uso di cosmetici inadeguati al proprio tipo di pelle.

Alcuni detergenti rimuovono lo “sporco” in maniera troppo aggressiva, provocando un effetto di rimbalzo (la pelle irritata reagisce aumentando la secrezione di sebo).

Rimedi naturali per la cura del viso oleoso.

Il fatto che la pelle grassa sia causata, spesso e volentieri, da squilibri di natura ormonale, non implica che vi sia sempre bisogno di un trattamento farmacologico vero e proprio.

L’uso di prodotti per il viso adeguati può rappresentare un buon punto di partenza per risolvere o, quantomeno, minimizzare il problema.

Detergenti.

L’obiettivo della detersione è quello di asportare l’eccesso di sebo con delicatezza, onde evitare effetti di rimbalzo. I comuni detergenti e i detergenti aspecifici (come i doccia shampoo) contengono, infatti, componenti molto aggressivi come SLES e LES (rispettivamente sodium laureth sulfate e sodium lauryl sulfate), i quali rimuovono completamente il film idrolipidico, lasciando la pelle talmente tanto pulita da farla “tirare”; l’organismo reagisce aumentando la secrezione sebacea, col risultato che, nel giro di qualche giorno, la pelle è ancora più lucida.

Gli esperti consigliano, quindi, di usare:

Le regole principali per la corretta detersione della pelle grassa sono:

Esfolianti per la pelle grassa.

L’uso di esfolianti ha lo scopo di rimuovere le cellule morte, in maniera tale da favorire il ricambio dell’epidermide (lo strato cutaneo più superficiale), e di liberare i pori ostruiti.

Per chi possiede una pelle problematica, sarebbe opportuno fare la pulizia del viso dall’estetista almeno una volta al mese. L’esfoliazione può avvenire attraverso:

Puoi approfondire come realizzare altri scrub viso fai da te.

Approfondisci quali sono i peeling chimici

Creme per l’idratazione e la protezione solare della pelle seborroica.

Contrariamente a quanto si possa pensare, anche la pelle grassa va idratata. Quali creme usare? Si tratta di formulazioni leggere (oil-free) e non occludenti, tra cui:

Così come i detergenti, anche le creme per questo tipo di pelle contengono delle sostanze funzionalizzanti ad azione disinfettante, seboregolatrice e lenitiva.

Per quanto riguarda l’esposizione alle radiazioni, le pelli grasse non differiscono dalle altre: anch’esse hanno bisogno di essere protette, in quanto gli UV-B possono peggiorare processi infiammatori in atto. Sono da prediligere le creme con un fattore di protezione medio-alto, contenenti polveri opacizzanti per ridurre l’effetto lucido. Da ridurre al minimo l’uso di lampade abbronzanti.

Prodotti per il trucco.

I prodotti per il trucco della pelle oleosa devono essere ipoallergenici e non comedogeni. Vediamo quali sono:

Integratori fitoterapici per contrastare l’untuosità della pelle.

L’uso di integratori alimentari, secondo la medicina naturale, ci permette di affrontare il problema dall’interno, potenziando i benefici apportati dai cosmetici.

In generale, si tratta di formulazioni a base di estratti vegetali, tra cui annoveriamo:

Integratori omeopatici.

Tra i rimedi naturali, abbiamo anche quelli omeopatici, il cui impiego si basa sul fatto che la pelle riflette lo stato di salute interiore del paziente.

Tra i principali abbiamo:

Rimedi fai da te per la pelle grassa.

Vediamo ora alcuni rimedi naturali che possiamo preparare comodamente a casa.

Trattamenti farmacologici per la pelle grassa.

Qualora i rimedi di cui abbiamo parlato dovessero risultare inefficaci e le complicanze di una pelle grassa non curata (l’acne) siano sempre più estese o compaiano nell’età adulta, sarebbe bene rivolgersi allo specialista.

Il medico può prescrivere degli esami mirati (come il dosaggio di androgeni nelle donne) e studiare delle terapie ad hoc.

Tra i farmaci più impiegati nel trattamento dell’acne abbiamo:

Approfondisci i benefici della vitamina A.

Qualora l’acne abbia lasciato cicatrici più o meno profonde (come nel caso dell’acne nodulo-cistica), lo specialista può proporre la chirurgia laser, che consiste nel sottoporre la pelle a radiazioni che determinano la dissoluzione degli strati cutanei colpiti. Ciò porta alla scomparsa delle cicatrici più superficiali e ad un miglioramento di quelle più profonde.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Jessica Zanza
(Specialista in farmacia)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.