Gamberi: tipi, proprietà, calorie e valori nutrizionali

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

Esistono diverse specie di gamberi, il che contribuisce a farne uno dei crostacei più utilizzati in cucina in tutto il mondo. Scopriamo le calorie, i valori nutrizionali, le proprietà e le eventuali controindicazioni al consumo di questi alimenti cotti e crudi.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche e tipologie
  2. Valori nutrizionali
    1. Calorie
    2. Indice glicemico
  3. Prprietà e benefici
    1. Fanno dimagrire
    2. Cuore
    3. Ossa
    4. Cervello
    5. Pelle e capelli
  4. Controindicazioni
    1. Colesterolo
    2. Ipertensione
    3. Diverticolite
    4. Allergie
  5. Quantità giornaliera
  6. Ricette

Caratteristiche e tipologie di gamberi.

I gamberi sono specie di crostacei , sia di acqua dolce che marina, che comprendono esemplari diversi. Nell’accezione comune invece, i gamberi sono praticamente le specie più commercializzate, più utilizzate in cucina e classificabili, in base alle dimensioni, in tre grandi categorie:

Gamberetti molto piccoli che possono essere di diversi tipi:

Gamberi di media grandezza che comprendono alcune specie molto utilizzate in cucina:

Gamberoni di elevate dimensioni che includono anch’essi specie diverse:

I gamberi si trovano in commercio, sia freschi, che congelati e possono essere sia pescati che allevati. Generalmente i gamberi freschi sono provenienti dal Mediterraneo, mentre quelli congelati possono provenire da altri mari e oceani e in genere dalle zone tropicali.

Valori nutrizionali delle diverse specie di questi crostacei.

Cento grammi di gamberi freschi contengono:

In cento grammi di gamberi sgusciati, surgelati la quantità di calorie varia solo di poco essendo pari a 85 kcal, ripartite in:

Anche se poco calorici, i gamberi, sia freschi che surgelati, presentano una buona quantità di colesterolo (150 mg per 100 grammi).

Poco rappresentate sono le vitamine: in esigue quantità sono presenti vitamine del gruppo B e la vitamina C.

Abbondanti sono, invece, i sali minerali, tra cui si annoverano il sodio, il potassio, il magnesio, il fosforo, il calcio e il ferro.

Calorie.

I gamberi sono alimenti poco calorici.

100 grammi apportano solo 71 kcal

Indice glicemico.

I gamberi hanno un indice glicemico pari a zero.

Quali sono le proprietà dei gamberi?

I gamberi fanno da sempre parte dell’alimentazione umana e il nostro corpo può beneficiare delle loro proprietà in quanto:

Grazie a questi nutrienti i gamberi sono una valida alternativa per variare l’alimentazione e contribuire al mantenimento della salute.

Poche calorie per mantenere la linea.

I gamberi sono ipocalorici quindi possono essere consumati anche da chi è a dieta visto che non apportano grandi quantità di calorie ma che contengono molte vitamine.

Aiutano a mantenere il cuore in salute. 

I gamberi, infatti, sono ricchi di omega 3 e 6, i cosiddetti grassi buoni, che non si accumulano lungo i vasi sanguigni, ma anzi favoriscono l’eliminazione dei trigliceridi preservando la salute delle arterie.

Contrastano l’osteoporosi.

Ricchi di minerali quali calcio, potassio, magnesio, fosforo e ferro, che sono importanti costituenti della struttura scheletrica, i gamberi contrastano l’osteoporosi.

Hanno effetti benefici sul cervello.

Poichè i gamberi si nutrono di alghe, sono a loro volta ricchi di un antiossidante chiamato l’astaxantina che è contenuto nelle alghe. Questo carotenoide protegge dai radicali liberi ed ha un effetto protettivo sulle cellule cerebrali prevenendo malattie degenerative come l’Alzheimer.

Sono benefici per pelle e capelli.

Grazie all’antiossidante contenuto, l’astaxantina, l’assunzione di gamberi contrasta i radicali liberi che sono nemici della pelle. Esso, infatti, protegge le cellule della pelle e previene l'invecchiamento. Inoltre lo zinco in essi contenuto, rinforza il bulbo pilifero e contrasta la caduta dei capelli.

Controindicazioni associate al loro consumo.

Anche se poco calorici, i gamberi non possono essere consumati in grandi quantità a causa del loro elevato livello di colesterolo e di sodio.

Infatti vengono sconsigliati in caso di:

Ipercolesterolemia e sindrome metabolica. 

I gamberi vanno evitati in tutti i casi in cui il colesterolo nel sangue risulta essere elevato e, quindi, anche in caso di sindrome metabolica, una condizione in cui si associa a obesità o sovrappeso anche un aumento di colesterolo e trigliceridi in circolo.

Ipertensione.

I gamberi, vivendo in acque marine, tendono ad assorbire il sodio disciolto aumentando la ritenzione idrica e il conseguente aumento di volume del sangue che, a sua volta aumenta la pressione esercitata sui vasi sanguigni. Meglio evitarli, quindi, in caso di pressione elevata.

Diverticolite.

In caso di diverticolite, (ossia in presenza di piccole estroflessioni nell’intestino che si infiammano provocando dolore e stipsi), il carapace non va assolutamente mangiato; non essendo digerito, può irritare ulteriormente le pareti intestinali.

Allergie.

Molto comune è l’allergia ai crostacei, gamberi compresi ovviamente. I soggetti che presentano questa allergia non solo devono evitare di mangiare i gamberi, ma devono evitare anche di respirare i vapori emessi dalla cottura degli stessi. Inoltre, i crostacei in generale vanno esclusi dall’alimentazione nei primi due anni di vita proprio perché particolarmente allergenici, ossia in grado di suscitare manifestazioni allergiche.

Quanti mangiarne?

Per evitare le controindicazioni i gamberi andrebbero assunti non più di una volta a settimana e, dato il loro contenuto di colesterolo, una porzione media non dovrebbe superare i 100 grammi. Buona regola, inoltre, è quella di non aggiungere sale: i gamberi hanno già un buon quantitativo di sodio sufficiente ad esaltarne il sapore!

Come mangiarli? Ricette.

Freschi o surgelati i gamberi si prestano a numerose ricette. Possono essere gustati semplicemente cotti sulla piastra con l’aggiunta di spezie, o utilizzati per la preparazione di antipasti, primi o secondi.

Cocktail di gamberi.

Ingredienti:

Preparazione 

Pasta rucola e gamberetti.

Ingredienti:

Preparazione:

Ricordiamo che l’articolo ha uno scopo puramente informativo; per maggiori informazioni sul consumo dei gamberi consultate il vostro medico di fiducia.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.