Dieta antigonfiore

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Margherita Mazzola
(Specialista in biologia e nutrizione)

La dieta antigonfiore è l’ideale per chi vuole perdere quei due tre chili di troppo che di solito tendono a localizzarsi nei punti dolenti come addome fianchi e glutei, e che più che da accumuli di grasso sono costituiti da ristagno di liquidi.

    Indice Articolo:
  1. Cos'è?
    1. Perché ci si sente gonfi?
  2. Ruolo dell’alimentazione
  3. Cosa mangiare?
    1. Alimenti consentiti
    2. Cibi da evitare
  4. Dieta
    1. Menù dieta antigonfiore
    2. Menù per gonfiore addominale
  5. Benefici
    1. Cellulite
    2. Ritenzione idrica
    3. Pancia piatta
  6. Quanto dura?
  7. Fa dimagrire?
  8. In gravidanza?
  9. Controindicazioni
  10. Consigli alimentari
    1. Tisana al finocchio
    2. Tisana allo zenzero
  11. Ricette

Cos'è la dieta antigonfiore?

La dieta antigonfiore è un regime dietetico ipocalorico che mira a sgonfiare pancia e stomaco ed ad eliminare la ritenzione idrica. Solitamente è un tipo di dieta che apporta 1200 – 1400 kcal e consente di perdere circa 2 kg a settimana.

Ma cosa è il gonfiore e perché ci si sente gonfi?

Il “gonfiore” è un termine utilizzato per indicare un accumulo di liquido o di aria nei tessuti che determina sensazione di pesantezza e fastidio. Numerose sono le cause che possono determinarlo:

Ti potrebbe interessare cosa fare per riconoscere la ritenzione idrica, e come curarla con i trattamenti adeguati: naturali, farmacologici o estetici.

Un aiuto dall'alimentazione.

Per ovviare ai fastidi causati dal gonfiore può essere d’aiuto l’alimentazione. L’ideale per ridurre il gonfiore nella zona addominale, infatti, è:

La ricerca...

Secondo uno studio italiano, randomizzato e in doppio cieco, presentato all'Expo di Milano, eliminando gli alimenti che provocano un'eccessiva fermentazione si ottiene una diminuzione del gonfiore del 50%. Lo studio condotto su persone con intestino irritabile è comunque consigliabile per tutti coloro che hanno problemi di pancia gonfia.

Va comunque detto che la lista degli alimenti contiene alimenti consigliati per la prevenzione di molte malattie.

Seguire, infatti, un’alimentazione con poco sale, molte verdure, molte fibre e bere almeno due litri d’acqua al giorno, aiuta a prevenire la ritenzione idrica, ad eliminare liquidi e tossine in eccesso e ad evitare il gonfiore.

Puoi approfondire perchè troppo sale fa male.

Per il gonfiore determinato da meteorismo può risultare utile un integratore a base di carbone vegetale.

Da associare all'alimentazione è l’esercizio fisico, che aiuta a diminuire la quota di tessuto adiposo, a migliorare la motilità intestinale e quindi ad evitare e prevenire la comparsa del gonfiore.

Cosa mangiare: alimenti antigonfiore.

Un ruolo di primaria importanza sia nel generare che nel contrastare il gonfiore spetta quindi all'alimentazione.

Vediamo quindi nello specifico quali alimenti sono consentiti e quali invece quelli che possono determinare la comparsa di gonfiore e che quindi vanno eliminati, evitati o limitati nel corso di questa dieta.

Alimenti consentiti.

I cibi consentiti in questa dieta sono tutti quegli alimenti che aiutano l’organismo a sgonfiarsi e depurarsi. Tra questi abbiamo:

Cibi vietati.

Gli alimenti vietati in questa dieta sono quasi tutti alimenti che andrebbero normalmente evitati o limitati, fanno eccezione i legumi, che sono da evitare soltanto nei casi di ripetuti gonfiori addominali, mentre in un’alimentazione equilibrata vanno sempre inseriti.

Da evitare in questa dieta abbiamo:

La dieta in pratica.

Riportiamo ora un esempio pratico di una dieta antigonfiore generica e di una dieta specifica per il gonfiore addominale che prevede un maggior consumo di yogurt e di verdura per aiutare l’intestino.

Entrambe le diete sono ipocaloriche e contengono 1200 – 1400 kcal, prevedendo una suddivisione dei pasti in tre pasti principali, colazione pranzo e cena, e due spuntini, uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio. Vediamo i menu proposti.

Colazione è possibile scegliere tra:

Per gli spuntini scegliere:

Per il pranzo la scelta è tra:

A cena scegliere tra:

A colazione scegliere tra:

Per gli spuntini alternare le seguenti proposte:

A pranzo è possibile scegliere:

Per cena scegliere tra:

Benefici associati alla dieta antigonfiore.

Dopo aver esaminato le caratteristiche della dieta antigonfiore vediamo ora quali sono i pro e contro di questo regime alimentare.

Ha effetto anticellulite.

La cellulite è, infatti, dovuta oltre che ad una cattiva circolazione, ad una forte ritenzione idrica, ad un accumulo di tessuto adiposo e di tossine.

La dieta antigonfiore non solo purifica l'organismo, ma l’eliminazione di liquidi in eccesso e tossine migliora la circolazione linfatica e quindi aiuta a diminuire gli inestetismi della cellulite.

Contrasta la ritenzione idrica.

La dieta antigonfiore prevede l'assunzione di molta acqua che ha un effetto diuretico e drenante. L'acqua, infatti, incrementa la funzione renale che stimolati aumentano la diuresi e lo smaltimemento di tossine e liquidi in eccesso trattenuti dai tessuti con conseguente diminuzione del gonfiore.

Rende la “pancia piatta”.

L’eliminazione di cibi che tendono a fermentare e che causano gonfiore e formazione di gas riduce il gonfiore addominale. Inoltre una dieta corretta equilibra la flora intestinale e regolarizzano l'intestino evitando la stipsi. Una dieta siffatta, insieme all'esercizio fisico, fa sì che si possa avere un addome sgonfio e una pancia piatta. 

Una dieta depurativa che elimina grassi, alcolici, dolci, fritti, può aiutare ad avere una pancia piatta in soli sette giorni.

Quanto dura?

Gli esperti consigliano di seguire questa dieta da un minimo di una settimana a un massimo di due settimane, ma, se sotto controllo medico, può essere protratta fino a quattro settimane.

Questa dieta esiste anche in versione rapida, una dieta di 3 - 4 giorni che si può utilizzare come “situazione di emergenza” magari prima della prova costume

Fa dimagrire? Quanto si perde?

Eliminando molti liquidi e includendo cibi drenanti questa dieta riattiva il metabolismo per cui oltre ad eliminare i liquidi si inizia anche a bruciare i grassi, ottenendo così un effetto dimagrante.

E' comunque un regime ipocalorico che apporta 1200 – 1400 kcal e consente di perdere circa 2 kg a settimana.

Ha controindicazioni?

La dieta antigonfiore, se seguita per pochi giorni, non fa male e non presenta particolari controindicazioni.

Diverso è il caso in cui si segua un regime ipocalorico di questo tipo per periodi di tempi prolungati, in questo caso, infatti, si possono verificare carenze nutrizionali e quindi conseguenze per la salute.

Quando, infatti, si sceglie di seguire una dieta che promette di far perdere qualche chilo in pochi giorni è necessario tenere sempre a mente che questi tipi di diete sono più o meno squilibrati, per cui è consigliabile seguirle per un periodo non superiore a 7 – 10 giorni, e ripeterle massimo 2 volte nell'arco di un anno.

Come eliminare il gonfiore in gravidanza?

Disturbi della digestione, aerofagia e gonfiore sono sintomi che si manifestano spesso durante la gravidanza a causa dell’alterazione della flora batterica causata dall'aumento di progesterone.

Per alleviare il gonfiore durante la gravidanza (non legato a cause patologiche) è possibile seguire alcuni semplici accorgimenti:

Consigli: come aiutare la dieta.

Oltre alla dieta ed alla qualità dei cibi per eliminare il gonfiore ed avere una pancia piatta è necessario seguire una serie di accorgimenti che aiutano a sentirsi leggeri ed eliminare un fastidioso disturbo che colpisce subito dopo i pasti:

Tisana di finocchio contro l'aerofagia.

Si prepara miscelando:

Miscelare le erbe e mettere in infusione due cucchiaini in mezzo litro d'acqua, per circa mezzora. Portare poi ad ebollizione l'infuso e dopo averlo filtrato assumerlo 3 volte al giorno.

Tisana digestiva allo zenzero.

Si prepara ponendo in infusione in acqua bollente 475 fettine di zenzero essiccato io un cucchiaino di zenzero in polvere.

Si lascia in infusione per 5 - 10 minuti poi si filtra.

Se ne possono bere anche tre-quattro tazze al giorno.

Ricette antigonfiore.

Vediamo adesso alcune ricette “antigonfiore” che possiamo utilizzare nella nostra dieta.

Insalata di frutta, verdura e gamberi: per questa ricetta occorrono verdure miste, 80 – 100 g di gamberi, un’arancia e un pompelmo. I gamberi vanno lessati, le verdure pulite e tagliate e la frutta sbucciata e tagliata. Mescolare tutto insieme e condire con pepe, olio e il succo di un’arancia.

Crema di zucchine: gli ingredienti sono zucchine, formaggio di soia (tofu), menta, curry e sesamo tostato. Fare bollire le zucchine, successivamente frullarle insieme al tofu e alla menta. Aggiungere al composto il curry, il sesamo e cucinare a fuoco lento fino all'ebollizione. Servire ben caldo.

Pollo in spezzatino: per questa ricetta serve un petto di pollo, rosmarino, patate e fagiolini. Bisogna cucinare in una padella il pollo e mettere in forno le verdure precedentemente sbollentate. Ultimata la cottura mescolare tutto insieme e servire.

Insalata di cetrioli: gli ingredienti sono cetrioli, lattuga mista, erbe aromatiche e noci. Bisogna soltanto affettare i cetrioli, e mischiarli insieme alla lattuga e alle erbe aromatiche e le noci. Condire con aceto balsamico.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Margherita Mazzola
(Specialista in biologia e nutrizione)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.