Zanzara tigre: rischi e rimedi contro le punture

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Margherita Mazzola
(Specialista in biologia e nutrizione)

Le punture delle zanzare tigre possono provocare forti reazioni allergiche e la trasmissione di malattie virali quali la febbre gialla o la febbre dengue e la malattia associata al virus Zika. Vediamo come prevenire le fastidiose punture e quali sono i trattamenti farmacologici o naturali per alleviare la sintomatologia.

    Indice Articolo:
  1. Cos'è?
    1. Ciclo vitale
  2. E' pericolosa?
    1. Sintomi puntura
    2. Malattie trasmesse
  3. Cosa fare?
    1. Prevenzione
    2. Rimedi naturali
    3. Repellenti
    4. Farmaci

Che cos’è la zanzara tigre? Come riconoscerla?

La zanzara tigre, nome scientifico Aedes albopictus, è una varietà di zanzara che appartiene alla famiglia delle Culicidae. Le sue dimensioni variano dai 2 ai 10 millimetri ed ha un corpo nero con delle striature bianche che ricorda, in qualche modo, il mantello della tigre. È un insetto ematofago, ovvero si nutre di sangue, che si procura attraverso un pungiglione che viene introdotto nelle vittime; esso secerne una sostanza (responsabile poi del classico ponfo post - puntura) in grado di impedire la coagulazione del sangue così che l'animale possa succhiarlo agevolmente. A differenza di altre specie di zanzare, la zanzara tigre è un insetto diurno e tende quindi a pungere le sue vittime durante il giorno. La ritroviamo prevalentemente nelle regioni calde ed umide, ed è originaria del Sud - Est asiatico.

Ciclo vitale di questo insetto.

La zanzara tigre si riproduce in luoghi in cui vi è acqua stagnante (vasi, fognature, sottovasi, specchi d'acqua e così via) in quanto le uova vengono deposte sopra la superficie dell'acqua. Il ciclo vitale è così composto:

La zanzara tigre è pericolosa?

La zanzara tigre è un problema sanitario perché ha un comportamento molto aggressivo durante le ore diurne, al mattino o al tramonto. Come tutte le zanzare è la femmina che punge gli esseri viventi perché ha bisogno di sangue per nutrire le uova. La zanzara tigre può causare problemi all'uomo che vanno dal semplice ponfo post - puntura, alla trasmissione di gravi patologie che possono mettere a rischio salute e vita umana.

Sintomi della puntura dell’ Aedes albopictus.

Il problema meno grave che la zanzara tigre può provocare all'essere umano è lo sviluppo del cosiddetto ponfo dopo la puntura. Tale ponfo può causare:

Malattie trasmesse.

Il problema più grave rappresentato dalla zanzara tigre è che questo insetto può essere vettore di agenti patogeni i quali svolgono il loro ciclo vitale all'interno della zanzara e vengono inoculati nell'ospite al momento della puntura. Tra quelli possibili abbiamo:

Come combattere la zanzara tigre.

Le misure di prevenzioni sono fondamentali per evitare la diffusione della zanzara tigre in modo da evitare di essere punti. Anche i repellenti naturali e di sintesi servono per evitare la fastidiosa sintomatologia ed in caso di puntura è possibile curare l'irritazione ed il prurito con farmaci appositi.

Prevenzione.

La lotta alla zanzara tigre spetta alle istituzioni sanitarie oltre che ai singoli cittadini.

I comuni e le istituzioni sanitarie, infatti, devono individuare e distruggere i focolai per limitare la diffusione dell’insetto.

Il centro di riferimento per il controllo di quest'insetto è il Laboratorio di parassitologia dell’Istituto superiore di sanità che, attraverso numerosi studi, segnala i comportamenti alle Asl e dai Comuni.

Poiché la zanzara tigre depone le uova vicino all'acqua è necessario controllare tutte le zone in cui vi è ristagno di acqua come fontane e aiuole.

Le autorità dovrebbero effettuare trattamenti contro le larve in tutte le aree dove l’infestazione può essere particolarmente intensa. Inoltre le autorità devono svolgere una campagna informativa per coinvolgere i cittadini nella lotta alla zanzara tigre.

In linea generale viene consigliato di:

Rimedi naturali.

Per contrastare il fastidio provocato dal morso della zanzara tigre è possibile ricorrere ai rimedi naturali. Tra i rimedi naturali più indicati dalla medicina alternativa troviamo:

I repellenti naturali o di sintesi.

Efficaci contro la zanzara tigre, sono molti repellenti di sintesi quali:

Farmaci.

Per quanto riguarda i farmaci, quelli maggiormente utilizzati sono le pomate da applicare sulla zona da trattare, a base di cortisone o sostanze antistaminiche, per ridurre prurito ed infiammazione.

Ricordiamo che l’articolo ha uno scopo esclusivamente informativo; per maggiori informazioni sui rimedi contro le punture di zanzara tigre consultate il medico.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Margherita Mazzola
(Specialista in biologia e nutrizione)

SALUTE ALIMENTAZIONE FITNESS
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.