Fave di cacao: guida completa

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

Le fave di cacao, meno caloriche dei loro derivati, cacao e cioccolata, rappresentano uno spuntino alternativo ma gustoso e soprattutto più salutare. Queste infatti, contengono vitamine, sali minerali ed antiossidanti molecole alle quali si devono i numerosi effetti benefici sull’organismo. Scopriamone insieme i dettagli…

    Indice Articolo:
  1. Cosa sono?
    1. Lavorazione
  2. Valori nutrizionali
    1. Calorie
  3. Proprietà e benefici delle fave di cacao
    1. Ossa sane e forti
    2. Depressione
    3. Aterosclerosi
    4. Colesterolo
    5. Diabete
    6. Pressione
    7. Metabolismo
  4. Fanno dimagrire o fanno ingrassare?
  5. Controindicazioni, rischi ed effetti collaterali
    1. Emicrania
    2. Stitichezza
    3. Reflusso gastroesofageo
    4. Interazione farmacologica
    5. Allergia
  6. Come si usano?
    1. Ricette
  7. Dose giornaliera: quante al giorno?
  8. Dove si comprano?
    1. Quanto costano?

Cosa sono le fave di cacao?

Le fave di cacao, non sono altro che i semi contenuti all'interno del frutto prodotto dalla pianta del cacao, la Theobroma cacao. Questi semi, o fave, presentano forma allungata, come delle mandorle e colorazione marrone scuro. Ogni frutto contiene 25/40 semi.

La lavorazione: dalle fave al cacao.

Una volta raccolti, le fave vengono lavorate e possono subire diversi processi che danno origine a diversi prodotti.

Una volta liberate dalla cabosse (frutto), le fave vengono messe a fermentare per un periodo che va da due a sette giorni.

Dopo la fermentazione le fave vengono essiccate al sole e poi spremute per liberarle della parte grassa che poi verrà raffinata e trasformata in burro di cacao.

A questo punto i semi vengono tostati in forni appositi ad una temperatura elevata e quindi macinati per ottenere il cacao in polvere.

Valori nutrizionali delle fave fresche e tostate.

La composizione nutrizionale delle fave di cacao fresche è simile a quella delle fave tostato. Esse contengono:

Particolarmente rappresentate nei semi di cacao, sia freschi che tostati, sono le vitamine del gruppo B e la vitamina E.

Tra i sali minerali, invece, spiccano il calcio, il magnesio e a seguire il potassio, il fosforo, il ferro e il sodio.

Calorie.

Le fave di cacao tostate sono abbastanza caloriche: 100 grammi di semi apportano 572 kcal

Le fave di cacao fresche, invece sono caratterizzate da un apporto calorico leggermente inferiore (459 kcal/ 100 g) dovuto alla presenza di acqua ma sono meno diffuse rispetto a quelle tostate a causa della maggiore deteriorabilità.

Proprietà delle fave di cacao e benefici per la salute.

Le numerose proprietà delle fave di cacao, sono dovute alla presenza, oltre che di vitamine e sali minerali, anche di numerosi antiossidanti naturali, come flavonoidi e polifenoli, e di fibre.

I benefici delle fave di cacao in sintesi:


  • Fanno bene alle ossa.
  • Contrastano la depressione.
  • Contrastano l'aterosclerosi.
  • Regolano i livelli di colesterolo.
  • rallentano l'assorbimento degli zuccheri.
  • Regolano la pressione del sangue.
  • Accelerano il metabolismo.

Vediamo in dettaglio gli effetti di queste molecole sul nostro organismo.

Sono importanti per lo sviluppo e la salute delle ossa.

I semi di cacao rappresentano una buona fonte di calcio e di sali minerali importanti per la crescita ed il mantenimento del tessuto osseo.

Puoi approfondire le funzioni del calcio.

Regolano l’umore e contrastano la depressione.

Nei semi di cacao e di conseguenza anche nel cacao e nel cioccolato, si trovano alti livelli di magnesio, un minerale che svolge numerose funzioni ma, in particolare, rappresenta il precursore della serotonina, un ormone dall'azione calmante, antidepressiva e che controlla l’umore.

Combattono l’aterosclerosi.

L’azione antiossidante delle fave di cacao si mostra particolarmente utile nel prevenire l’ossidazione dei grassi che tendono a depositarsi lungo i vasi sanguigni provocando il restringimento e l’occlusione (aterosclerosi).

Regolano i livelli del colesterolo.

Consumare fave di cacao piuttosto che cacao in polvere o cioccolato è vantaggioso perché solo nei semi sono presenti le fibre insolubili costituite essenzialmente da cellulosa e lignina, molecole che come reti catturano i grassi e il colesterolo limitandone l’assorbimento a livello intestinale. Inoltre la teobromina è in grado di aumentare il colesterolo buono.

E’ stato dimostrato da una ricerca condotta nei paesi bassi dalla nutrizionista Nicole Neuhingerl, che la teobromina, secondo meccanismi non del tutto noti, innalza in livelli di HDL (lipoproteine ad alta densità) che fungono da spazzini liberando il circolo ematico dal colesterolo in eccesso.

Sono utili contro il diabete perché rallentano l’assorbimento degli zuccheri.

Le fibre, abbondanti nei semi di cacao, intrappolando i carboidrati nel lume intestinale fanno in modo che l’assorbimento degli zuccheri sia rallentato. Quest’azione si rivela particolarmente utile in caso di diabete, in quanto il rilascio graduale di carboidrati evita che nel sangue ci sia un picco glicemico troppo alto.

Riducono la pressione sanguigna.

La teobromina, inoltre, stimola il rilassamento della muscolatura liscia provocando dilatazione dei vasi sanguigni con conseguente riduzione della pressione sanguigna.

Stimolano il metabolismo.

La caffeina è presente in piccole quantità nei semi di cacao. A questa molecola si deve l’effetto blandamente eccitante delle fave e dei suoi derivati ma anche il lieve aumento del metabolismo basale. La caffeina, attraverso la stimolazione dell’adrenalina, favorisce l’utilizzo di grassi di deposito da parte dei muscoli (lipolisi) per la produzione di energia.

Approfondisci gli effetti collaterali della caffeina.

Le fave di cacao fanno dimagrire o fanno ingrassare?

Anche se abbastanza caloriche, le fave di cacao vengono spesso inserite nelle diete dimagranti soprattutto come spuntino, magari insieme alla frutta fresca: in questo modo, le fibre contenute nei semi insieme all’acqua della frutta danno un senso di sazietà che dura a lungo. Ne bastano 2 al giorno.

Ma le fave di cacao, quindi, fanno dimagrire?

Innanzi tutto il loro sapore molto simile al cioccolato fondente ma più delicato, soddisfa la voglia di dolce che spesso invade i regimi alimentari ipocalorici, ma nel contesto di una dieta i semi di cacao sono utili per la presenza di fibre che limita l’assorbimento di grassi e di colesterolo a livello intestinale.

Attenzione a non mangiarne troppe!

Come già detto le fave di cacao, soprattutto quelle tostate, hanno un contenuto energetico abbastanza elevato, è meglio evitare di farne delle scorpacciate altrimenti si rischia di ingrassare!

Controindicazioni rischi ed effetti collaterali.

Crude o tostate le fave di cacao possono portare effetti collaterali se assunte in eccesso.

Possono portare emicrania.

La presenza di amine biogene, dei microrganismi a volte tossici per l’organismo, può provocare mal di testa. Nonostante i valori delle ammine biogene nel cacao non siano elevati, alcuni individui sono particolarmente sensibili ad esse e quindi possono incorrere in frequenti emicranie.

Possono provocare stitichezza.

La presenza nelle fave di cacao di tannini provoca stipsi perché questi composti comportano una riduzione della peristalsi intestinale.

Incidono negativamente in caso di reflusso gastroesofageo

La teobromina, rilassando la muscolatura liscia, provoca il rallentamento della valvola posta tra l’esofago e lo stomaco (cardias) aumentando la sensazione di risalita dei succhi gastrici e il bruciore di stomaco.

Possono provocare allergia.

Naturalmente, anche le fave di cacao potrebbero provocare reazioni allergiche come i prodotti da esse ottenuti quali cacao in polvere o cioccolato.

Attenzione ai rischi di interazione farmacologica.

Nei soggetti in terapia con inibitori delle MAO (monoammino ossidasi), enzimi che degradano molecole come la tiramina, l'assunzione di fave di cacao può avere degli effetti collaterali anche gravi a seguito dell’ingestione di fave di cacao o derivati. Non essendo più degradata, infatti, la tiramina può provocare notevoli irritabilità, vomito, ipertensione.

A cosa servono? Come vengono utilizzate?

Le fave di cacao sono la materia prima per la produzione di prodotti largamente utilizzati quali il burro di cacao, il cioccolato e la polvere di cacao

Le fave crude possono essere sgranocchiate a colazione e come spuntino o prima di un allenamento per sfruttare le loro proprietà energizzanti.

Le fave di cacao inoltre, possono essere utilizzate in cucina sia crude che tostate per la realizzazione di squisite ricette.

Ricette.

Paccheri con fave di cacao e ricotta: cuocere la pasta e saltarla in padella con la ricotta e uno scalogno fatto imbiondire in un filo d’olio. Aggiungere solo alla fine le fave di cacao grossolanamente pestate.

Barrette di quinoa e fave di cacao: mescolare la quinoa cotta con le fave di cacao, burro di cocco, scaglie di cocco e mandorle tritate. Disporre il composto su una teglia ritagliando le forme desiderate e lasciar raffreddare in frigorifero. Farcire a piacere con cioccolato fondente fuso.

Quante mangiarne al giorno?

Per uno spuntino goloso ma non troppo calorico bastano 4 o 5 fave di cacao al giorno da mangiare anche tutti i giorni.

Ma dove si trovano?

Le fave di cacao si trovano in commercio sia crude che tostate e possono essere acquistate nei negozi bio oppure specializzati nella vendita di prodotti equo solidali ma anche online ed in alcune erboristerie.

Quanto costano?

Il prezzo delle fave di cacao si aggira.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.