Semi di papavero: benefici, controindicazioni, calorie, proprietà nutrizionali e ricette.

Approfondimento sui benefici e le controindicazioni dall'uso alimentare dei semi di papavero. Calorie e valori nutrizionali dei semi ricavati dal fiore e ricette semplici per inserirli in una dieta sana e bilanciata.

Semi di papavero: benefici, controindicazioni, calorie, proprietà nutrizionali e ricette

    Indice Articolo:

  1. Cosa sono?
  2. Valori nutrizionali e calorie
  3. Proprietà benefiche
  4. Controindicazioni
  5. Utilizzo in cucina
  6. Approfondimenti

Cosa sono i semi di papavero? E da dove si ricavano?

I semi di papavero utilizzati in cucina sono i semi oleosi ricavati dal Papaver setigerum o dal Papaver nigrum che apportano svariati benefici all’organismo.

I semi di papavero sono molto piccoli, dell’ordine di pochi millimetri, e possono essere bianchi o neri, ma la differenza è solo nella colorazione, dato che non cambiano le proprietà chimiche e nutrizionali.

Hanno un odore intenso e aromatico grazie alla cospicua presenza di oli essenziali, caratteristica che li rende un condimento ideale per diversi piatti e dolci, anche se l’uso dei semi in ambito alimentare non è ancora molto comune in Italia, se non in alcune regioni del nord dove fanno parte della cucina tipica.

Specie di papaveriCon il termine “papavero” si intende un variegato gruppo di piante, coltivate o spontanee, che crescono bene in zone temperate e in terreni molto fertili. Conosciute fin dal Neolitico, sono molteplici gli usi a cui le diverse specie di papavero si prestano.

  • La varietà più comune in Italia è sicuramente il Papaver rhoeas che cresce spontaneo ed è facilmente riconoscibile, grazie al suo colore rosso acceso, nei campi coltivati a frumento ma che non possiede particolari proprietà.

  • A scopi medicinali e farmaceutici si usa invece il Papaver somniferum, di colore bianco, da cui vengono estratte delle sostanze stupefacenti utili per la produzione dell’oppio e della morfina.

  • Le specie da cui si ricavano i semi per uso alimentare sono invece il Papaver setigerum e il Papaver nigrum che non hanno assolutamente a che fare con il papavero usato in medicina.

Valori nutrizionali e calorie.

 

Calorie e valori nutrizionali dei semi di papaveroI semi di papavero, come tutti i semi oleosi, sono costituiti per quasi il 50% da lipidi e di questi oltre la metà è rappresentata da acidi grassi polinsaturi omega-6, cioè gli acidi grassi essenziali molto importanti per l’organismo, in quanto precursori di diverse molecole biologicamente attive.

I carboidrati rappresentano poco più del 30% del peso totale e si tratta soprattutto di glucidi complessi e fibra insolubile.

Il rimanente 20% circa è costituito da proteine ma, a causa dell’assenza degli amminoacidi essenziali, queste proteine sono considerate di scarso valore biologico.

Dalle percentuali elevate di grassi e carboidrati complessi si può intuire come l’apporto calorico non sia trascurabile, infatti, un etto di semi di papavero contiene ben 525 Kcal!

Molto elevata nei semi di papavero è la presenza di vitamine del gruppo B, quali tiamina, acido pantotenico, riboflavina e soprattutto folati, mentre troviamo piccole quantità di vitamina E e di vitamina C.

Approfondisci i benefici dell'acido folico e in quali alimenti si può trovare.

Sono presenti nei semi anche elevate concentrazioni di diversi sali minerali e in particolar modo manganese, calcio, rame, selenio e fosforo mentre è irrisoria la quantità di sodio presente in questi semini.

Proprietà benefiche e curative dei semi del papavero.

Grazie ai numerosi nutrienti, alle vitamine e ai minerali in essi contenuti, l’assunzione dei semi di papavero può apportare all’organismo numerosi effetti benefici.

  • Colesterolo e malattie cardiovascolari: la presenza di fitosteroli come l’omega 6, dona un importante contributo al mantenimento dei valori di colesterolo nel sangue, diminuendo la quantità di LDL (il colesterolo cattivo) a favore dell’HDL (il colesterolo buono). Controllando il colesterolo i semi risultando utili per la prevenzione di malattie cardiovascolari.
  • Ossa: grazie alla presenza di una buona quantità di calcio, i semi di papavero sono molto indicati per coadiuvare la salute delle ossa. Sono consigliati agli sportivi, alle donne in gravidanza e, in particolare, alle persone anziane che possono avere problemi di osteoporosi.
  • Invecchiamento cellulare: le vitamine presenti nei semi di papavero, in particolare vitamina C ed E, svolgono un’importante azione antiossidante contro i radicali liberi, i principali responsabili dello stress ossidativo e dell’invecchiamento cellulare.
  • Ansia e stress: i semi di papavero comunemente utilizzati per scopi alimentari contengono, tra l’altro, piccole quantità di alcaloidi come papaverina e morfina che possono dare un lieve effetto distensivo sul sistema nervoso e sono dunque indicati come coadiuvante per chi soffre di disturbi legati all’ansia.

Tisana al papavero per rilassarsi prima di andare a letto.

Le proprietà rilassanti dei semi di papavero li rendono un ottimo aiuto per dormire: una ventina di muniti prima di andare a letto, tenete in infusione un paio di cucchiaini di semi di papavero per circa 5 minuti e poi filtrate.

L’effetto rilassante è duraturo, provare per credere!

Controindicazioni dei semi di Papaver setigerum.

I semi di papavero sono un alimento abbastanza sicuro che raramente provoca effetti collaterali, soprattutto per la quantità relativamente scarsa che di solito è possibile assumere. In ogni caso, è opportuno sapere che L’ EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha divulgato un parere scientifico secondo cui questi semi potrebbero essere pericolosi a causa della presenza di alcaloidi tossici.

Un comitato scientifico ha però sottolineato che le procedure di lavorazione dei semi causano una diminuzione della concentrazione degli alcaloidi tossici di oltre il 90%.

In ogni caso è bene che ne evitino l’assunzione:

  • donne in gravidanza e bambini: soggetti in cui si possono verificare sonnolenza e problemi respiratori;
  • nell’ambito di una dieta ipocalorica e ipolipidica, essendo i semi un alimento abbastanza calorico.

Possibili usi di questi semi: un tocco di fantasia in cucina!

In ambito alimentare i semi di papavero possono essere usati in vari modi, crudi o tostati:

  • come “saporita guarnizione” per grissini, pane e altri prodotti da forno, dato che rendono la pietanza gradevole esteticamente e danno anche un particolare aroma esotico;
  • come vero e proprio ingrediente per la preparazione di primi piatti, semplici insalate e dolci, soprattutto se precedentemente tostati;
  • dai semi di papavero si estrae anche un olio alimentare che può essere utilizzato come condimento a freddo per varie pietanze, al posto del più classico olio d’oliva;
  • come ingrediente base di decotti o infusi rilassanti.

Ricette.

Vediamo dunque una ricetta tipica del Trentino Alto Adige che prevede l’utilizzo dei semi di papavero per la preparazione di un dolce tipico: lo strudel ai semi di papavero.

Non è una ricetta semplice in quanto prevede prima la preparazione della sfoglia, che potrebbe però essere sostituita dalla quella già pronta!

Ingredienti per la farcitura:

  • 200 g di semi di papavero

  • 200 ml di latte

  • 80 g di zucchero

  • 40 g di miele di castagno

  • 20 g di margarina

  • la scorza di un limone

  • un pò di cannella

In una casseruola si portano ad ebollizione tutti gli ingredienti per la farcitura, fino ad ottenere una crema. Si lascia raffreddare e poi si spalma sulla sfoglia che verrà poi arrotolata.

Dopo aver lasciato riposare per un paio d’ore, si inforna a 180°C per circa 40 minuti e sarà pronto uno strudel goloso e ricco di proprietà nutritive!

Dove posso acquistare i semi di papavero?

E’ possibile comprare i semi di papavero nei supermercati più forniti nel reparto delle spezie, oppure nelle erboristerie, dove in genere si trova ogni sorta di seme oleoso.

Supervisione: Collaboratori: Dott.ssa Delia Belluccia (Biologa-Nutrizionista) - Silvia Barcellona

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Semi di papavero: benefici, controindicazioni, calorie, proprietà nutrizionali e ricette"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...