Smagliature rosse: cause, prevenzione e rimedi per eliminarle

Perchè si formano le smagliature rosse? Quali sono le tecniche di prevenzione? Ed esistono rimedi per eliminare l'inestetismo o sono permanenti? Approfondiamo la conoscenza di uno degli inestetismi più temuti dalle donne, partendo dal presupposto che conoscere il problema è il modo migliore per sconfiggerlo!

    Indice Articolo:
  1. Cosa sono
  2. Come si formano
  3. Cause
  4. Soggetti a rischio
  5. Prevenzione
  6. Creme idratanti
  7. Rimedi naturali
  8. Trattamenti estetici
  9. Terapie mediche

Cosa sono le smagliature rosse: la formazione.

Tutti le conoscono e tutte le temono, ma chi sa cosa siano effettivamente le smagliature?

In gergo medico sono definite “atrofie dermo epidermiche”, parole  complicate che in realtà nascondo una risposta semplicissima.

Le smagliature infatti non sono altro che  una forma di cicatrici. Nella sua semplicità questa risposta ci fa capire anche perchè le smagliature siano tanto temute, il termine “cicatrice” infatti fa pensare inevitabilmente a qualcosa di profondo e soprattutto di definitivo.

Fortunatamente però qui stiamo parlando delle smagliature rosse, ovvero di quelle nella fase iniziale della formazione, definita fase infiammatoria,  in cui le smagliature si presentano come striature di colore rosso-violacee,  in gergo “stria rubra”, causate da alterazioni del derma.

Durante questa fase, la pelle si tende, divenendo più sottile e lasciando intravedere lo strato sottostante di cute ricco di sangue.

Le smagliature rosse rappresentano un problema estetico, sia per la diversa colorazione della stria rubra rispetto al derma circostante, sia per il “solco” percettibile al tatto rappresentato dal ridotto spessore della pelle.

Con il tempo queste si atrofizzano, il sangue smette di circolare nella zona e le smagliature evolvono da “strie rubrae” a “strie distensae”,  le smagliature bianche. 

L’indebolimento del derma: carenza di proteine e squilibri ormonali innescano il processo. 

Questi inestetismi estetici sono causati dalla rottura delle fibre delle principali proteine del tessuto connettivo: 

La rottura di queste fibre trae origine da due meccanismi: 

Nello specifico, una produzione abnorme dell’ormone cortisolo da parte della ghiandola surrenale, porta all’inibizione dei fibroblasti che conseguentemente non producono sufficienti proteine di collagene ed elastina. Sulla base di questa carenza proteica, una qualsiasi distensione e/o allungamento del tessuto connettivo determina la rottura delle fibre connettive del derma; in condizioni fisiologiche ottimali ciò non avviene, poiché i fibroblasti provvedono tempestivamente alla produzione di elastina e collagene per far fronte alla forte trazione esercitata sulla pelle. 

La comparsa delle smagliature rosse, di norma, non è accompagnata da sintomi. Tuttavia in casi eccezionali si può verificare un leggero prurito della zona colpita e, molto raramente, una sensazione di bruciore. 

Cause: adolescenza, stress, farmaci e variazioni di peso all’origine delle strie rosse.

Abbiamo visto che tecnicamente le smagliature si formano quando si ha  una variazione  del tessuto connettivo in periodi o ad una velocità tale che il corpo non riesce a sostenerlo. In particolare  la produzione esagerata di cortisolo è una delle principali cause che determina la formazione delle smagliature rosse.

La domanda da porsi ora è perché si verifica questa iper-produzione? In alcuni casi la secrezione di cortisone è fisiologica (sviluppo adolescenziale, stress, menopausa, ecc) in altri invece è dettata da patologie (malattia di Cushing). 

Smagliature rosse e gravidanza.

La “condizione ideale” per la formazione di queste striature è senza dubbio la gravidanza.

Lo stress e l’ansia assieme alle modificazioni della struttura addominale sono il terreno ideale per la formazione di smagliature rosse. In particolare, tra il 6° e l’8° mese di gestazione si verifica un aumento della concentrazione ematica di steroidi ematici (cortisolo) che determina l’insorgere di smagliature rosse (soprattutto sulla pancia in continua crescita) nel 70-80% delle donne gravide.

Inoltre, dopo il parto, la repentina diminuzione dell’addome, non permette a collagene ed elastina di intervenire tempestivamente per evitare la rottura delle fibre connettive.

Anche il seno risulta particolarmente colpito da questi inestetismi: La fase di allattamento necessita dello sviluppo della ghiandola mammaria che implica un ingrossamento dei seni.

Oltre alla produzione di cortisolo ed alla gestazione ci sono altre condizioni che sono particolarmente propizie alla formazione delle striature rosse, ed in particolare:

repentine variazioni di peso: un dimagrimento troppo veloce non da il tempo alla pelle di ricompattarsi e quindi provoca la formazione di smagliature. Lo stesso vale se si ingrassa o si aumenta la massa muscolare in tempi brevi, se non ha il tempo di adattarsi al nuovo stato la pelle si strappa dando origine alla smagliatura. 

 

“Epidemiologia”: i numeri delle smagliature

La comparsa delle smagliature è soggettiva. Esiste una componente genetica che determina una scarsa elasticità della pelle e quindi la comparsa o meno di questi inestetismi epidermici.

Esistono, quindi,  persone che anche ad elevati livelli di cortisolo e modificazioni rapide di peso non sono soggette alla comparsa delle strie rubra. In genere le smagliature rosse compaiono:

  • nel 10% degli obesi
  • nel 40% dei casi di perdita di peso importante
  • nel 60% dei casi di malattia di Cushing
  • Tra il 50-90% dei casi di donne in gravidanza

Soggetti e zone a rischio.

Essendo causate  da fattori ormonali, oltre che meccanici, le donne risultano più colpite (quasi il doppio rispetto agli uomini), dalla pubertà, in cui gli ormoni sono in subbuglio a causa dello sviluppo, fino alla menopausa, in cui gli ormoni subiscono un drastico cambiamento.

Le zone più colpite dalle smagliature rosse, nella donna, sono quelle più soggette alle modificazioni di peso, ossia: addome, seni, glutei, fianchi, braccia e interno cosce; ma generalmente questi inestetismi possono colpire tutto il corpo.

Anche nell’uomo le smagliature possono comparire su tutto il corpo, ma sono prevalentemente distribuite su glutei, fianchi, schiena, gambe e braccia. Anche per loro, sono dovute a perdite e/o aumenti di peso, ma per lo più si verificano a causa dell’accrescimento esagerato della massa muscolare che si ha prevalentemente negli sportivi e nei body builders.

Prevenzione: dieta e stile di vita  le armi più efficaci per contrastarne la comparsa.

Come in tutte le cose la prevenzione è la miglior cura, anche se  non si possono avere garanzie sulla sua efficacia vista la soggettività e complessità del fenomeno.

Ad ogni modo  seguendo questi accorgimenti si avrà la certezza, se non di evitarne del tutto la formazione, quanto meno  di riuscire a limitare i danni!

Ecco qualche consiglio utile: 

Evita l’effetto yo-yo delle diete, ossia perdere peso e riacquistarlo in breve tempo (basta evitare le diete drastiche che promettono la perdita di molti chili in poco tempo che oltre che alle smagliature fanno male anche alla salute!);

Idrata la pelle, dall’interno, bevendo molta acqua (circa 2l al giorno);

Applica ogni giorno (anche 2 volte al giorno) creme idratanti e nutrienti, per evitare che la pelle si secchi e favorisca così la rottura delle fibre connettive;

Usa creme esfolianti per eliminare le cellule morte del derma, favorendo la formazione di nuove cellule;

Pratica un’attività fisica lieve ma adeguata, in modo da evitare gli accumuli adiposi, e per mantenerti in salute!

Evita di fumare e bere molti alcolici, poiché queste sostanze inibiscono l’azione dei fibroblasti.

Attenzione! Seguire uno solo di questi accorgimenti non basta! Per una reale prevenzione  è necessario che vengano osservati tutti!

Lo so sembra difficile... eppure con un po’ di pratica ti renderai conto che in fondo per prevenire le smagliature non devi far altro che prenderti cura di te, e in fondo è anche piacevole!

Creme ed oli naturali per evitare le striature del derma.

Parlando di prevenzione abbiamo detto che è importante idratare e nutrire la pelle dall’interno e dall’esterno, vediamo quindi quali sono le lozioni più efficaci a mantenere elastica l’epidermide, cominciando da quelle naturali create dalla miscelazione di prodotti naturali.

Tutti questi prodotti sono facilmente reperibili in erboristerie, farmacie o parafarmacie. Un altro prodotto molto utilizzato, ma non facilmente reperibile (solo nelle farmacie più fornite), è la:

Creme ed unguenti fai da te. 

Non ti  accontenti di prendere parte alla battaglia? Vuoi  costruire con le tue mani le armi per sconfiggere questo odiato inestetismo?

Ecco qualche ricetta doc!

Crema a base di argilla, avocado, olio di germe di grano e farina d’avena.

Ingredienti: due cucchiai di argilla verde in polvere, la polpa di mezzo avocado, due cucchiai di farina d’avena e olio di germe di grano qb.

Miscela argilla, avocado e farina, poi aggiungi l’olio di grano fin quando il composto non diviene cremoso.

Applicato sulla pelle, deve essere lasciato a riposo per qualche minuto prima di risciacquare.

Olio di oli essenziali.

Ingredienti.  10 g di olio extravergine d’oliva, 10 g di olio di jojoba, 10 g di olio di mandorle, 5 gocce di olio essenziale di finocchio e 5 gocce di olio essenziale di geranio.

Metti in una bottiglietta e miscela.

Agita bene la bottiglietta prima dell’uso dell’olio e applicare sulle zone da trattare due volte al giorno.

Unguento iper-elasticizzante.

Ingredienti: 20 ml di olio di mandorla, 20 ml di olio di jojoba, 10 ml di olio di rosa mosqueta; 10 ml di olio extravergine di oliva, Il contenuto di 4 capsule di vitamina E (reperibili in farmacia), 8 gocce di olio essenziale di geranio, 6 gocce di olio essenziale di sandalo, 6 gocce di olio essenziale di arancio (possibilmente dolce);

In un contenitore miscela gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo.

Versa, un cucchiaino della miscela sulla pelle umida e massaggia fino al completo assorbimento della sostanza.

Ok, ora hai gli strumenti adatti. Piano d’attacco? Applica la lozione  dopo il bagno o la doccia, su tutto il corpo  insistendo maggiormente sulle zone colpite dalle smagliature. E ricorda il segreto per la vittoria è la costanza!

Rimedi per eliminare le smagliature: lozioni elasticizzanti, il primo step. 

Nonostante tutta la prevenzione hai notato che sta per formarsi? E allora come eliminare le smagliature nei primi stadi Non disperare! Fortunatamente ci sono ancora molte cose che puoi fare per rimediare, nella fase infiammatoria è possibile ridurre questi inestetismi con l’uso di prodotti specifici e senza troppa sofferenza, se non per il portafoglio! 

Attenzione però è fondamentale un intervento tempestivo, infatti più la smagliatura si cicatrizza più diventa difficile toglierle del tutto! 

La prima cosa da fare, (soprattutto se fino a questo momento non hai attuato le strategie di prevenzione) è andare in farmacia, profumeria o erboristeria e comprare una buona crema, se invece se una di quelle che ha già l’abitudine di applicare creme o oli 2 volte al giorno, beh dovrai scendere lo stesso, e magari passare ad un trattamento un po’ più potente.  

In commercio si trova una vasta gamma di prodotti in diverse combinazioni per soddisfare tutti i gusti: creme, oli, soluzioni spray, composti a base di principi attivi di origine naturale che svolgono un’azione levigante della pelle e favoriscono il ripristino della normale elasticità del derma. Quando scegli il tuo prodotto leggi bene la composizione ed assicurati che contengano principi attivi come: 

Applicare la lozione due volte al giorno massaggiando fino a completo assorbimento può essere utile, ma per onestà va detto che l’efficacia non può essere garantita al 100% perché, come abbiamo già ricordato, questi inestetismi sono di carattere genetico, perciò l’esito della cura varia da soggetto a soggetto. Un bel problema questo, dati i prezzi, non proprio modici, dei prodotti (circa 30-40 euro per un flacone da 200 ml) . E purtroppo da qui in poi le cose andranno sempre peggio, più si va avanti più la lotta alle smagliature richiede un ingente impegno di risorse economiche! 

Il consiglio in più: Integratori di Silicio

Non dimentichiamo che come l’idratazione anche il nutrimento della pelle deve venire prima di tutto dall’interno, seguire una dieta sana è quindi importantissimo per la salute della pelle.

In particolare però per l’elasticità un ruolo di primo piano  spetta al silicio , minerale poco presente nell’organismo umano, è molto importante per la sintesi enzimatica del collagene.

Dal momento che il Silicio è poco presente anche negli alimenti (ne sono ricche soprattutto le patate, meglio se lesse) per la prevenzione delle smagliature può essere utile assumere degli integratori di silicio.

Trattamenti estetici per attenuare le smagliature e aumentare l’elasticità del derma.

 Abbiamo detto i che il risultato delle lozioni corpo, creme od oli che siano,  non è mai garantito al 100%, però per potenziarne gli effetti si può abbinarli ad altri trattamenti estetici: ed in particolare: 

Tutti questi trattamenti, hanno buoni margini di successo anche su smagliature non freschissime, e pur essendo abbastanza impegnativi da un punto di vista economico, non sono considerati invasivi dato che non vi è una vera e propria “operazione”. Ad ogni modo  è consigliabile sempre affidarsi sempre alle mani di un estetista esperto. 

Trattamenti medici per “cancellare” le striature rosse della pelle.

A mali estremi, estremi rimedi. Se le smagliature rosse dovessero resistere a creme e trattamenti estetici non vi resta che riccorrere all’intervento del dermatologo.

Fortunatamente infatti vi sono diverse tecniche, (sempre non invasive e non dolorose, anche se un po’ dispensiose!) che portano alla quasi totale scomparsa della smagliatura, ed in particolare:   

Rimedi e prevenzione in gravidanza.

Come detto sopra la gravidanza è il periodo più fertile per la nascita di nuove smagliature, durante questi 9 mesi quindi la prevenzione è obbligatoria!!

Semplici accorgimenti e facili rimedi possono garantire il supporto basilare alla pelle per mantenersi sufficientemente elastica. Vediamo dunque, cosa bisogna fare:

  • Applicare su tutto il corpo, già nei primi mesi di gravidanza, creme rigeneranti contenenti vitamina D e silicio.
  • Indossare reggiseni rinforzati e pancere impedisce il cedimento della pelle dovuto all’elevata tensione tissutale.
  • Seguire una dieta sana che permette l’apporto di vitamine e sostanze necessarie all’attivazione dei fibroblasti, può contrastare l’insorgere delle atrofie epidermiche. Gli alimenti che non possono assolutamente mancare a tavola sono: olio extravergine d’oliva, grassi non saturi (contenuti principalmente nel pesce), combinazione di carboidrati complessi e legumi (pasta e fagioli, riso e piselli, ecc). Questi accorgimenti culinari vi permettono di assorbire le fibre necessarie a rendere elastica la pelle senza farvi assumere troppe calorie.

Oltre ai metodi preventivi, durante la gestazione, dopo il parto e nell’allattamento, si possono utilizzare i prodotti topici anti-smagliature per combatterne lo sviluppo. L’unica accortezza necessaria sta nel non applicare i prodotti nelle immediate vicinanze del capezzolo (2-3 cm) per evitare che il lattante possa ingerirli accidentalmente.

 

Informazioni Sugli Autori: Dottoressa Daniela Curatolo (Ingegnere biomedico)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
MAGAZINE WORKOUT APP