Nespole: proprietà, benefici, calorie e valori nutrizionali

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

Dolci e gustose le nespole sono frutti poco calorici ma ricchi di proprietà. Scopriamo insieme valori nutrizionali e benefici di questi piccoli frutti, le controindicazioni al loro consumo e le svariate ricette a cui si prestano

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
  2. Valori nutrizionali
    1. Calorie
    2. Indice glicemico
  3. Proprietà e benefici
    1. Intestino
    2. Pressione
    3. Cancro
    4. Sportivi
    5. Pelle
    6. Dieta
  4. Controindicazioni
    1. Allattamento
    2. Stitichezza
    3. Diabete
    4. Gravidanza
  5. Quante mangiarne al giorno?
  6. Utilizzo
    1. Ricette

Caratteristiche delle nespole.

La nespola è il frutto del nespolo comune (germanico o europeo) un albero che appartiene alla famiglia delle rosaceae. Questo frutto, oggi quasi dimenticato, viene coltivato in ambito locale soprattutto in Piemonte dove viene raccolto in autunno e consumato dopo un lungo periodo di maturazione. Attualmente la specie europea è stata quasi del tutto soppiantata dal nespolo giapponese che matura in primavera.

Le nespole giapponesi hanno colore giallo-arancio e racchiudono grossi semi che, poichè contengono acido cianidrico, non sono commestibili.

La polpa dal colore giallognolo è ricca di tannini e quindi ha un gusto aspro quando è acerba, ma poi, con la maturazione, i tannini si trasformano in zuccheri rendendo il frutto dolce e succoso.

Valori nutrizionali.

Le nespole (Eriobotya jiaponica) sono frutti piccoli, ovali e carnosi con colorazione giallo-arancione. Di origine giapponese questa specie botanica si è diffusa in molti altri paesi comprese alcune regioni europee tra cui l’Italia.

Cento grammi di nespole contengono:

Il basso contenuto calorico è giustificato dal fatto che la polpa in cento grammi di frutto sono presenti ben85,3 grammi di acqua.

Nelle nespole particolarmente abbondante è la vitamina A mentre minori sono la concentrazioni di vitamina C e del gruppo B.

I sali minerali presenti nelle nespole sono soprattutto potassio, fosforo e calcio.

Calorie.

100 grammi di nespole apportano un’energia pari a 46 kcal.

Indice glicemico.

Le nespole hanno un indice glicemico elevato

L'IG della nespola è 55

Proprietà e benefici di questi piccoli frutti.

Le nespole sono frutti poco calorici, ricchi di fibre, sia solubili che insolubili, e di antiossidanti che le conferiscono proprietà utili per il nostro organismo…

Regolano l’intestino.

Le fibre solubili presenti nella polpa del frutto formano all’interno dell’intestino un gel che favorisce lo scivolamento delle feci. Le fibre insolubili, invece, sono presenti soprattutto nella buccia. Esse a livello intestinale aumentano il volume fecale favorendone l’espulsione.

Abbassano la pressione e depurano l’organismo.

Grazie alla presenza di potassio le nespole favoriscono la minzione. Questo minerale, infatti, promuove l’escrezione a livello renale. I benefici che ne risultano sono notevoli: favorendo la diuresi, infatti, il potassio determina la riduzione del volume di sangue e quindi della pressione sanguigna esercitata dai vasi. Non solo, l’aumentata diuresi facilita l’espulsione delle scorie dall’organismo con un effetto depurativo generale.

Aiutano a prevenire il cancro.

Le nespole sono ricche di caroteni, antiossidanti responsabili del colore arancione dei frutti, che combattono efficacemente i radicali liberi, molecole reattive che alterano e danneggiano le strutture cellulari. I caroteni, proteggendo le cellule dai radicali liberi, aiutano a prevenire i tumori causati dalle alterazioni al DNA.

Sono adatte agli sportivi.

Ricche di vitamine e sali minerali, le nespole aiutano a rifornire l’organismo dei composti persi con la sudorazione al costo di pochissime calorie.

Fanno bene alla pelle.

Grazie al contenuto di vitamina A che , favorisce l'idratazione della pelle, e di vitamina C che svolge funzione antiossidante, le nespole prevengono l'invecchiamento delle cellule e proteggono dall'azione dei radicali liberi.

Fanno ingrassare? Le nespole nella dieta.

Le nespole hanno pochissime calorie, circa 40 per 100 grammi, per questo sono indicate nel contesto di una dieta ipocalorica. Inoltre, essendo ricche di fibre, che rimangono a lungo nell’apparato digerente, e di acqua, hanno un elevato potere saziante.

Controindicazioni: quando non mangiarle.

Le nespole non hanno molte controindicazioni ma va evitato il consumo eccessivo di questo frutto in alcune circostanze.

Durante l’allattamento.

Le nespole vanno consumate con moderazione dalla madre che allatta in quanto potenzialmente allergizzanti per il neonato. Al pari di altri frutti come kiwi, fragole, pesche, ecc., le nespole contengono istamina che passa nel latte materno provocando reazioni cutanee al poppante. Per lo stesso motivo si sconsiglia la somministrazione di nespole ai neonati prima del nono/decimo mese di vita: nei primissimi mesi le nespole possono provocare allergia.

Possono provocare stitichezza.

Il frutto, soprattutto quando è acerbo, è ricco di tannini che possono determinare stitichezza, ma solo se il consumo è eccessivo.

Possono essere consumate dai diabetici?

Le nespole hanno un indice glicemico abbastanza elevato cosa che non le rende particolarmente adatte al consumo per i diabetici. Tuttavia, tenendo d’occhio la quantità, non sono del tutto bandite dalla dieta dei diabetici. E’ inoltre consigliabile mangiarle ancora un po acerbe, perché quando sono mature il contenuto in zuccheri aumenta notevolmente e possono aumentare la glicemia, ossia i livelli di glucosio nel sangue.

Le nespole si possono mangiare in gravidanza?

Le nespole, grazie ai principi nutritivi, possono essere mangiate in gravidanza naturalmente adottando le giuste precauzioni. Come tutta la frutta e la verdura, infatti, la nespola può causare toxoplasmosi, una malattia trasmessa da un parassita che si trova nel terreno. La frutta va quindi consumata senza buccia dopo averla accuratamente lavata.

Quante nespole mangiare?

Le nespole possono, dunque, essere gustate da tutti, dopo i pasti oppure come spuntino tra un pasto e l’altro, ma senza esagerazione. Come ogni frutto può essere consumata ogni giorno e più volte al giorno (circa 100 grammi a porzione) soprattutto se viene mangiata lontana dai pasti per controllare la glicemia.

Utilizzo delle nespole in cucina e non solo.

Sono tanti gli utilizzi di questo frutto, possono essere mangiate fresche, utilizzate in cucina ed anche in fitoterapia.

Con le foglie si possono preparare decotti antinfiammatori per proteggere il cavo orale e decotti contro la diarrea.

Con i semi viene preparato un liquore detto nespolino che ha un sapore simile al nocino.

Ricette.

Dolci e gustose le nespole si prestano alla realizzazione di diverse ricette golose, di seguito qualche esempio…

Marmellata di nespole.

Un chilo e mezzo di nespole ben lavate, dopo essere state denocciolate, si dispongono in una pentola a bordi alti con circa 150 ml di acqua e il succo di mezzo limone. Si lasciano bollire a fuoco lento con il coperchio per 30 minuti. Si aggiungono poi 440 grammi di zucchero di canna e si continua la cottura per altri 30 minuti. La marmellata ottenuta si versa in barattoli di vetro da pastorizzare.

Torta di nespole.

Si montano le uova con lo zucchero e si unisce la polpa delle nespole frullata. Infine si aggiungono latte, farina e lievito e si guarnisce la superficie con delle nespole tagliate a metà. Si inforna a 180 gradi per circa 40 minuti.

Tiramisù morbido alle nespole.

In bicchieri di vetro porre sul fondo dei biscotti di pasta frolla. Quindi sovrapporre uno strato di mascarpone precedentemente montato a neve con dei tuorli, zucchero e l’essenza di vaniglia. Quindi sulla crema di mascarpone versare uno strato di polpa di nespole frullata con lo zucchero. Alternare un altro strato di crema di mascarpone e di polpa di nespole e guarnire a piacere con fettine di nespole e foglioline di menta.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.