Erbe dimagranti naturali: piante efficaci per dimagrire

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Delia Belluccia
(Specialista in biologia, nutrizione e nutraceutica)

Come funzionano le erbe dimagranti? Sono davvero naturali ed efficaci per dimagrire? Dove trovarle e quali sono le controindicazioni? Se hai qualche chilo in eccesso ne hai sicuramente già sentito parlare.

    Indice Articolo:
  1. Cosa sono?
  2. Come agiscono?
  3. Quali sono?
  4. Brucia grassi
    1. Caffè, tè, cola.
    2. Tè verde
    3. Guaranà
    4. Rhodiola rosea
  5. Aumentano il senso di sazietà
    1. Glucomannano
    2. Crusca
    3. Semi di lino
  6. Azione drenante e depurativa
    1. Tarassaco
    2. Carciofo
    3. Betulla
  7. Funzionano? Sono efficaci?
  8. Come e quando si assumono
  9. Controindicazioni
    1. Sistema nervoso
    2. Ipotensione
    3. Patologie renali
  10. Effetti collaterali
    1. Nervosismo
    2. Gonfiore e meteorismo

Cosa sono le erbe dimagranti?

Le erbe dimagranti sono piante officinali che aiutano a dimagrire a patto che si segua la giusta alimentazione e si svolga una regolare attività fisica. Le erbe da sole non fanno miracoli! Il loro vero pregio è che permettono di dimagrire in modo tutto sommato rapido e sano, senza particolari rischi per l’organismo. .

Come funzionano le erbe dimagranti?

Vorresti dimagrire ma non sai da dove iniziare? Il tuo scopo è snellire pancia, fianchi e cosce senza grossi rischi né troppi sacrifici? Premesso che il primo passo verso l’obiettivo è seguire una dieta sana ed equilibrata, esistono diverse tipologie di erbe dimagranti, definite erroneamente da alcuni miracolose, dotate, invece, di principi attivi e meccanismi d’azione diversi finalizzati alla perdita di peso;

Le categorie in cui si possono suddividere in base alle loro caratteristiche sono 3:

Quali sono?

Ma quali sono nello specifico le erbe e le spezie i contro i chili di troppo?Ecco le dieci più efficaci!

Erbe bruciagrassi

Erbe che inducono senso di sazietà

Erbe diuretiche e depurative

L’ideale per chi deve dimagrire è creare un mix perfetto abbinando varie erbe (che come si vede possiedono proprietà diverse) da assumere in infuso o compresse, per ottenere un risultato completo e mirato. Sicuramente in erboristeria puoi trovare la soluzione più adatta a te.

Erbe bruciagrassi che accelerano il metabolismo.

Queste erbe contengono dei principi attivi eccitanti che agiscono direttamente sul sistema nervoso centrale, accelerando i ritmi del metabolismo basale (utile ad esempio in menopausa quando il metabolismo rallenta); per accentuare gli effetti è preferibile assumerle al mattino.

Caffè, tè, cola.

Contengono principi attivi con proprietà stimolanti ed energizzanti (metilxantine) come la caffeina. L’assunzione dei prodotti da esse derivati non deve mai essere eccessiva per evitare gravi effetti collaterali come ipertensione e tachicardia; inoltre assumerle regolarmente provoca una sorta di dipendenza, che in caso di interruzione provoca spesso cefalea e piccoli tremori.

Approfondisci le proprietà di caffè  e .

Tè verde.

Forse la più classica delle erbe utilizzate per dimagrire, grazie alle tante proprietà che permettono a questa pianta di accelerare il metabolismo e mantenere sane le cellule del nostro corpo, in quanto è un ottimo antiossidante; insomma, fare colazione con una buona tazza di tè verde aiuta a dimagrire, depurarsi e mantenersi in forma!

Puoi scoprire tutte le proprietà del te verde.

Guaranà.

Pianta esotica che contiene le stesse sostanze presenti nel caffè, che quindi agiscono con gli stessi meccanismi. Attenzione: un solo grammo di guaranà contiene la stessa quantità di caffeina di una tazzina di caffè! Per questo motivo bisogna sempre seguire la posologia consigliata in etichetta, o meglio ancora da un medico, per evitare la comparsa di effetti collaterali come la nausea, l’irritabilità e l’ipertensione.

Potrebbero interessarti i benefici del Guaranà.

Rhodiola rosea.

Una pianta tipica del nord Europa e dell’America Settentrionale in grado di accelerare il metabolismo senza però apportare le controindicazioni sopra elencate. Secondo recenti studi avrebbe effetti antistress e dimagranti: la rodiola , infatti, oltre a stimolare il processo di eliminazione dei grassi, favorirebbe anche la produzione di serotonina, contribuendo sia a ridurre il desiderio di carboidrati che a mantenere uno stato di tranquillità e serenità generale, e così abbasserebbe i livelli di ansia.

Leggi anche gli altri consigli per accelerare il metabolismo in modo naturale.

Erbe che aumentano il senso di sazietà.

Le piante di questo gruppo (dette anche lassative) contengono un’alta percentuale di fibre, le quali aumentano naturalmente il senso di sazietà e riducono l’assorbimento dei principi nutritivi; inoltre regolano l’attività intestinale, migliorando il transito e permettendo di eliminare più facilmente scorie e tossine (anche questa azione dimagrante risulta molto efficace in menopausa). È preferibile assumere erbe ricche di fibre circa mezzora prima dei pasti e bere abbondantemente. Fanno parte di questa tipologia:

Il glucomannano.

Polisaccaride ricavato dalla radice della konjak (pianta tropicale) praticamente privo di calorie che, una volta ingerito insieme all'acqua, crea nello stomaco una sorta di sostanza gelatinosa e riesce ad aumentare il proprio volume fino a 100 volte, inducendo in breve tempo la sazietà. Questo integratore può interferire con l’assorbimento di nutrienti essenziali (proteine, vitamine, sali minerali etc.), provocando effetti collaterali anche gravi, perciò va preso in modo controllato e per un periodo di tempo limitato. Si assume spesso in capsule prima dei pasti e la posologia più comune è di 2-3 capsule alla volta, comunque, per evitare errori grossolani, segui sempre le indicazioni riportate in etichetta.

Il glucomannano fa dimagrire?

La crusca.

Oltre al glucomannano, è l’ingrediente principale degli integratori alimentari a base di fibra; se non vuoi assumerla così puoi farlo attraverso l’alimentazione, con cereali e altri prodotti integrali, che ne contengono una buona percentuale. Le sue proprietà consistono nel mantenere attivo l’intestino, donare un senso di sazietà che dura a lungo e riequilibrare la flora intestinale, la cui salute è indispensabile per il corretto funzionamento del tratto intestinale.

Approfondisci le proprietà della crusca.

Semi di lino.

Agiscono con lo stesso meccanismo delle altre piante simili, cioè quando assorbono acqua formano una massa nello stomaco che favorisce il senso di sazietà. Per di più, contengono gli acidi grassi essenziali Omega 3, che sono utilissimi per bruciare calorie! I migliori semi di lino sono quelli macinati, da accompagnare con acqua e vari alimenti (frutta, yogurt, insalate), ma anche in questo caso bisogna prestare molta attenzione a controindicazioni e posologia per non farne un uso inappropriato.

Puoi scoprire come utilizzare i semi di lino.

Erbe ad azione drenante e depurativa.

Assumere erbe diuretiche e drenanti può far perdere diversi chili, ma la loro azione non comporta comunque un vero e proprio dimagrimento in quanto si tratta più che altro di eliminazione dei liquidi in eccesso e non di perdita di grasso corporeo. In ogni caso, l’effetto di queste piante può essere benefico per combattere il gonfiore, depurarsi dalle tossine e alleviare i sintomi della cellulite (o di altre patologie come le vene varicose, strettamente correlate con il sovrappeso). Tra queste erbe ricordiamo:

Il tarassaco.

La più classica di questa categoria, è una pianta le cui radici contengono principi attivi che da un lato accelerano il processo digestivo e dall'altro favoriscono l’eliminazione di scorie e tossine, purificando così l’organismo. Se ne può facilmente utilizzare la tintura madre, in generale 25-30 gocce diluite in mezzo bicchiere d’acqua 2-3 volte al giorno sono la dose più consigliata; oppure si trova in forma di tavolette o tisana. In alternativa si possono assumere le foglie, magari in insalata per un buon contorno.

Approfondisci le proprietà curative del tarassaco.

Il carciofo.

Contiene una sostanza depurativa, la cinarina, responsabile del caratteristico sapore amarognolo, che migliora la funzionalità del fegato e abbassa il livello di grassi, oltre che di colesterolo; chi vuole un aiuto per perdere peso può semplicemente mangiare i carciofi, cucinati nel modo preferito, senza oli e condimenti. Per preparare invece un buon infuso diuretico basta far bollire 200 g di foglie di carciofo in acqua, lasciare qualche minuto in infusione e quindi filtrare. Le uniche controindicazioni possono sopraggiungere se i carciofi provengono da terreno contaminato, meglio dunque acquistare prodotti freschi e dall'origine sicura e lavarli scrupolosamente; inoltre l’uso è sconsigliato in gravidanza e durante l’allattamento perché l’assunzione di carciofi può inibire la secrezione del latte, ai soggetti con calcoli biliari o allergici alla famiglia delle Asteracee.

Scopri le proprietà deporative e dimagranti del carciofo.

La betulla.

Molto diffusa soprattutto nei paesi nordici, se ne utilizza la linfa estratta dai tronchi, dalle proprietà purificanti e diuretiche; può essere assunta sia pura che diluita e la dose consigliata è di un bicchiere al giorno, meglio se al mattino appena alzati. Oltre al potere diuretico, la linfa di betulla  contiene anche sali minerali che evitano dunque che a causa della diuresi vengano eliminati dall'organismo in quantità eccessive.

Dalla sua linfa, che viene estratta dai tronchi senza danneggiarli, si ricava, sin dall'antichità, una bevanda molto utile come coadiuvante della salute, in particolare all'arrivo della primavera. Un tempo era tradizione bere la linfa in sostituzione dell’acqua per le sue proprietà depurative, stimolanti e dimagranti. Oggi si può acquistare la linfa in erboristeria oppure ordinarla su Internet. 

Ma queste erbe naturali sono davvero efficaci per perdere peso?

Bene, adesso che ne sai un po’ di è il momento di scegliere il rimedio che fa per te! I prodotti in circolazione sono talmente tanti che è impossibile dare un giudizio valido per tutti, sia in termini di efficacia che di sicurezza, quello che però si può affermare senza alcun dubbio è che molto dipende sia dalle aspettative che dall'utilizzo che si fa di queste erbe.

I pareri sono contrastanti: da un lato vi è una continua promozione di prodotti a base di erbe naturali, che assicurano una perdita di peso veloce e senza troppe rinunce, dall'altro vi sono molti che sostengono non solo l’inutilità ma in alcuni casi addirittura la pericolosità di questi ritrovati pseudo-dimagranti.

Innanzi tutto, mettiti in testa che le erbe dimagranti da sole non bastano! Credere che facciano perdere peso senza sacrifici in poco tempo è del tutto illusorio; infatti tutti i tipi di tisane, decotti, integratori brucia grassi o dimagranti, vanno comunque sempre associati ad un regime di dieta ipocalorica ed alla pratica di un'attività fisica, e devono sempre essere assunti nel pieno rispetto dei tempi e modi di somministrazione indicati sulla confezione.

Informazioni e consigli per una dieta ipocalorica equilibrata.

Per esempio, l’assunzione di una tisana ad azione drenante risulta del tutto vana se si accompagna ad un’alimentazione ricca di sale, considerando sia quello aggiunto ai piatti che quello già presente in cibi pronti o confezionati; per favorire il naturale effetto di questo tipo di piante è necessario invece assumere dosi minime di sodio, che è la causa principale della ritenzione idrica.

Approfondisci le cause ed i rimedi per la ritenzione idrica causa di gonfiori e cellulite.

Non bisogna quindi credere a slogan semplicistici quali ad esempio: "Dimagrire con le erbe in pochi giorni" o pubblicità che tendono a descrivere le erbe come miracolose, ma impegnarsi a fare qualche sacrificio per ottenere risultati soddisfacenti; dimagrire rimanendo in buona salute si può e di sicuro le erbe dimagranti o drenanti possono dare un valido aiuto per raggiungere il traguardo tanto sperato: una figura più snella!

Come e quando si assumono?

Ora che hai capito quali erbe e spezie sono amiche della linea, cerchiamo di scoprire anche come e quando assumerle.

La maggior parte di queste piante possono essere assunte sotto forma di infusi e tisane, semplicemente lasciando i filtri in infusione in acqua calda per alcuni minuti e assumendo la bevanda preferibilmente senza zucchero, al massimo con un po’ di miele.

Esistono comunque altre formulazioni, che possono essere più gradite in quanto spesso il sapore delle tisane non piace, oppure più comode, come ad esempio capsule e tavolette contenenti l’estratto della pianta, da deglutire semplicemente con un sorso d’acqua.

Infine, possiamo ricordare gli estratti contenuti in tintura madre, che si acquista in flaconcini e si utilizza in gocce, da prendere da sole o diluite in poca acqua.

In base alla tipologia di erba, può essere consigliata l’assunzione la mattina (nel caso degli acceleratori del metabolismo) oppure prima dei pasti principali (nel caso degli integratori contenenti fibra) per far sì che possano esplicare al meglio la loro azione.

In ogni caso, è sempre consigliato seguire le indicazioni riportate in etichetta, sia per quanto riguarda la posologia che le istruzioni per l’assunzione, per evitare di sbagliare e rendere vano (o dannoso) l’effetto sull'organismo. 

Controindicazioni delle erbe dimagranti.

In generale, l’impiego delle erbe drenanti o dimagranti è potenzialmente adatto a chiunque, ma è sempre necessario controllare il proprio stato di salute prima di iniziare una cura, assicurarsi di non essere allergici alle componenti degli integratori ed evitare sovradosaggio, che non porta alcun beneficio e, anzi, può essere estremamente dannoso. Queste erbe vanno comunque evitate in presenza di alcune patologie. 

Disturbi del sistema nervoso.

Le erbe che accelerano il metabolismo devono essere utilizzate con estrema cautela soprattutto nei soggetti che soffrono di disturbi al sistema nervoso o cardiocircolatorio, in quanto contengono dei principi attivi eccitanti che agiscono direttamente sul sistema nervoso centrale, accelerando i ritmi del metabolismo basale.

Ipotensione.

Le erbe ad azione drenante sono sconsigliate per chi soffre di ipotensione (pressione bassa) dato che un’eliminazione eccessiva dei liquidi può peggiorare un quadro di squilibrio pressorio già esistente. 

Patologie renali.

L’assunzione di erbe ad azione drenante può causare problemi in soggetti che soffrono di patologie renali, come i calcoli, in quanto agiscono proprio sull'eliminazione dei liquidi. 

Effetti collaterali.

Il fatto che le erbe dimagranti e diuretiche siano totalmente naturali non coincide con una mancanza di effetti collaterali; i prodotti fitoterapici, infatti, sono generalmente a tossicità molto bassa e meno pericolosi rispetto ai farmaci di sintesi, ma possono comunque avere particolari effetti collaterali.

Nervosismo ed agitazione.

Sono le erbe che accelerano il metabolismo che possono causare possono provocare agitazione, nervosismo, ansia ed insonnia. Gli stessi effetti collaterali sono causati anche da alcune alghe che agiscono sul funzionamento della tiroide, per esempio l’alga fucus, in quanto apportano naturalmente iodio.

Gonfiore e meteorismo.

Le erbe che inducono il senso di sazietà possono causare, se prese in eccesso, problemi gastrointestinali (gonfiore, meteorismo, stipsi o diarrea)a causa delle quantità di fibra.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Delia Belluccia
(Specialista in biologia, nutrizione e nutraceutica)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.