Dieta per diverticoli: cosa mangiare? Alimenti consigliati e da evitare

Vediamo come deve essere organizzata una dieta adeguata per chi soffre di diverticoli. Scopriamo cosa mangiare in caso di diverticolite, cioè di infiammazione acuta dei diverticoli, e quali sono gli alimenti da evitare in caso di diverticolosi, cioè di presenza di diverticoli non infiammati e asintomatici, per evitare l'insorgenza di un attacco acuto.

    Indice Articolo:
  1. Regole generali
  2. Cosa mangiare
    1. Alimenti consigliati
    2. Alimenti da evitare
  3. Norme comportamentali
  4. Menù di esempio

Diverticolosi e diverticolite: la dieta come prima via di guarigione.

La presenza di diverticoli nel colon, o l’infiammazione di uno di essi, pone il soggetto affetto a dover prestare particolare attenzione dal punto di vista alimentare. Difatti alcuni alimenti possono sia peggiorare lo stato infiammatorio, nel caso di diverticolite, sia predisporre alla comparsa di infiammazione, in caso di diverticolosi. Ecco perché una corretta alimentazione diventa la prima via di guarigione.

Le regole generali che un soggetto deve seguire riguardano principalmente l’esclusione di alcuni alimenti, in particolare:

Pertanto risulta evidente quanto sia importante rivolgersi ad un professionista che possa stilare un’adeguata dieta e consigliare un elenco di alimenti vietati e concessi al fine di evitare l’infiammazione dei diverticoli.

Cosa sono i diverticoli?

I diverticoli sono delle piccole estroflessioni della parete del colon (in particolare di quel tratto di colon chiamato sigma) che hanno la forma di una piccola sacca e che sono formati da tutti e quattro gli strati che costituiscono la mucosa intestinale. La presenza di diverticoli a livello del colon determina in un soggetto una patologia nota come diverticolosi o malattia diverticolare, una patologia che nella maggior parte dei casi risulta essere del tutto asintomatica. Quando i diverticoli presenti nel colon si infiammano danno luogo ad una patologia con sintomi acuti nota con il nome di diverticolite. La diverticolite, causata dall'infiammazione di uno o più diverticoli, è quasi sempre sintomatica e si manifesta con:

  • Diarrea o stitichezza
  • Dolore addominale acuto
  • Nausea e vomito
  • Febbre

Talvolta l'infiammazione può essere tale da determinare la perforazione del diverticolo e dunque la presenza di sangue nelle feci, inoltre la perforazione causa la fuoriuscita di materiale fecale nella cavità addominale e la possibile comparsa di peritonite (infiammazione del peritoneo, la membrana che riveste i visceri addominali).

Cosa mangiare? Gli alimenti consigliati e quelli da evitare.

Sia nel caso si soffra di diverticolosi sia nel caso in cui si abbia un attacco acuto di diverticolite, vi sono degli alimenti consigliati e degli alimenti da evitare al fine di migliorare il quadro clinico sia a scopo preventivo che per evitare l'insorgenza di un episodio acuto.

Quando si manifesta un attacco acuto di diverticolite il paziente dovrebbe essere tenuto a digiuno per un paio di giorni, specialmente in caso di diverticoli emorragici, in modo da favorire l'attenuazione dei processi infiammatori, consentire all'intestino di riprendersi e alle ferite di cicatrizzarsi. Una volta passata la fase acuta il paziente può iniziare ad alimentarsi nuovamente.

Gli alimenti concessi sono:

Sono invece sconsigliati alimenti come:

La dieta per la diverticolosi ha lo scopo di prevenire l'infiammazione dei diverticoli e lo sviluppo della diverticolite. Per mantenere l'intestino in forma si consiglia l'assunzione di 25 - 30 g di fibre al giorno e di almeno 1,5 litri di acqua, per migliorare il transito intestinale e ridurre fenomeni di gonfiore e dolore addominale (l'assunzione di fibre è indicata anche per altre patologie che possono manifestarsi contemporaneamente ai diverticoli come la sindrome del colon irritabile o la colite).

Tra gli alimenti consigliati abbiamo:

Sono invece da limitare o eliminare gli alimenti come:

Tabella riassuntiva degli alimenti consigliati

Diverticolite
  • alimenti semiliquidi (minestre, crema di riso, semolino)
  • yogurt magro
  • pane bianco tostato, grissini, crackers
Diverticolosi
  • 20-30g di fibre
  • 1,5 l di acqua
  • cereali integrali
  • latte e latticini magri
  • legumi sbucciati e/o passati
  • uova
Patologie diverticolari
  • frutta priva di semi (centrifugata e/o sbucciata)
  • verdura non fibrosa
  • carni e pesci magri

Tabella riassuntiva degli alimenti da evitare

Diverticolite
  • alimenti ricchi di fibre
  • legumi
  • latte e latticini
  • carni e pesci grassi
Diverticolosi
  • formaggi grassi
  • alimenti che possono produrre meteorismo (bevande gassate, broccoli)
Patologie diverticolari
  • spezie e alimenti piccanti
  • frutta con semi
  • verdure filamentose
  • cioccolato, caffè, tè, alcool

Le buone norme in caso di patologie diverticolari.

In caso di patologie diverticolari, seguire una dieta sana non è sempre sufficiente. Ciò che contribuisce ai benefici della dieta sono delle corrette norme comportamentali.

Vediamone alcune che è bene rispettare per prevenire l'infiammazione dei diverticoli e per mantenere in forma il nostro intestino.

Per evitare l'insorgenza della diverticolite in soggetti affetti da malattia diverticolare, si consiglia di:

Approfondisci quali sono gli alimenti ricchi di fibre.

Puoi approfondire cosa sono e quali benefici apportano i fermenti lattici.

Se la lista degli alimenti consigliati o da evitare vi confonde, ecco due esempi pratici di dieta giornaliera.

Una dieta semiliquida  per la diverticolite da seguire per tre o quattro giorni  ed una dieta per la diverticolosi che andrebbe seguita preventivamente per evitare l'infiammazione.

Menu per diverticolite

Nel caso di diverticolite la dieta deve essere semiliquida e va seguita per 3 - 4 giorni.

Colazione, scegliere tra le seguenti proposte:
  • Un centrifugato di frutta da farsi con frutta mista a scelta tra banana, mela, pera, albicocca o prugne e 150 ml di acqua.
  • Un tè deteinato o una tazza di camomilla e due biscotti secchi a basso contenuto di fibre.
  • Uno yogurt magro e un frutto a scelta tra quelli consentiti.
Spuntini:si consiglia di assumere un succo di frutta a scelta tra la frutta consentita oppure uno yogurt magro.
Pranzo, scegliere tra le seguenti proposte:
  • 60 g di semolino da condire con olio extravergine di oliva e un cucchiaino di parmigiano.
  • 200 g di passato di verdure da consumarsi senza pasta.
  • 60 g di crema di riso da condire con olio extravergine di oliva e un cucchiaino di parmigiano.
Cena, scegliere tra:
  • Un purè di verdure tra quelle consentite (esempio carote o patate) da condire con un cucchiaino di parmigiano e olio extravergine di oliva.
  • Una vellutata di verdure (esempio carote) da condire con un cucchiaino di parmigiano e olio extravergine di oliva.
  • Due patate lesse e 5 - 6 fettine di bresaola.

Menu per diverticolosi

La dieta per la diverticolosi dovrebbe essere seguita sempre, al fine di evitare l'insorgenza di diverticolite.

Colazione,  scelta tra le seguenti proposte:
  • 200 ml di latte parzialmente scremato, due fette biscottate integrali, un cucchiaino di marmellata, un caffè d'orzo.
  • 125 g di yogurt (un vasetto), tre biscotti secchi integrali o con aggiunta di fibre, un tè deteinato.
Spuntini, scegliere tra:
  • 125 g di yogurt (un vasetto)
  • Un frutto (tranne quelli sconsigliati)
  • Due fette biscottate integrali o due biscotti integrali o con aggiunta di fibre
Pranzo, scegliere tra le seguenti proposte:
  • 60 g di pasta integrale
  • 60 g di riso integrale
  • 60 g di orzo perlato
  • I condimenti utilizzati possono variare a scelta tra verdure consentite, sugo al pesce, minestrone di verdure, legumi, passato di verdure.
Cena, un secondo a scelta tra:
  • 120 g di pollo o di tacchino o di vitello da consumarsi preferibilmente ai ferri, in umido o al forno.
  • 200 g di pesce a scelta, da consumarsi preferibilmente ai ferri, in umido o al forno.
  • 6 - 7 fettine di bresaola o di fesa di tacchino e una porzione di formaggio a scelta tra una decina di scaglie di parmigiano, 60 g di scamorza, 80 g di ricotta, 60 g di mozzarella.
  • Aggiungere una porzione di verdure tra quelle concesse da consumarsi lessata o grigliata, e 60 - 70 g di pane integrale.

Informazioni Sugli Autori: Dottoressa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista) - Dottoressa Teresa Spadaro

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
MAGAZINE WORKOUT APP