Argilla ventilata verde o bianca: proprietà, controindicazioni ed usi

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Jessica Zanza
(Specialista in farmacia)

L’argilla ventilata, verde o bianca, è una polvere finissima dalle proprietà antisettiche, antinfiammatorie, remineralizzanti. Questo composto si ottiene separando la polvere dell’argilla dai granuli tramite un potente getto d’aria. Ma come viene utilizzata? E quali sono le controindicazioni? Scopriamolo...

    Indice Articolo:
  1. Cosa è?
    1. Tipologie
      1. Verde
      2. Bianca
    2. A cosa serve: le proprietà
    3. Benefici terapeutici
      1. Aerofagia e meteorismo
      2. Diarrea
      3. Gastrite
      4. Ossa
      5. Ferite
      6. Raucedine
      7. Artrite
      8. Muscoli
      9. Circolazione
    4. Benefici estetici
      1. Cellulite
      2. Capelli
      3. Pelle
    5. Come si usa
      1. Argilla da bere
      2. Cataplasmi ed impiastri
      3. Unguenti
      4. Polvere
      5. Lozioni
      6. Maschere
      7. Dentifrici
      8. Deodoranti
    6. Effetti collaterali
      1. Allergia
      2. Stitichezza
    7. Controindicazioni
      1. Interazioni farmacologiche
      2. Gravidanza
      3. Allattamento
    8. Dove si compra
    9. Fa male? Normativa

Che cos'è l’argilla ventilata?

L’argilla ventilata si presenta come una polvere finissima, simile ad una cipria, ottenuta attraverso un processo noto come ventilazione: l’argilla, precedentemente essiccata al sole, viene sottoposta ad un getto d’aria che consente la separazione delle particelle con diametro inferiore ai 0,002 mm.

Dal punto di vista chimico, questa polvere è costituita da silicati di alluminio che si dispongono in modo da ottenere una struttura lamellare, data dalla sovrapposizione di strati tetraedrici (ricchi in silicio), e ottaedrici (che possono contenere, oltre all'alluminio, magnesio e ferro). Per tali motivi, viene anche definita fillosilicato (dal greco fyllo, foglia).

Tipologie di questa sostanza.

La composizione dell’argilla, in particolare la predominanza di un elemento piuttosto che un altro, fa sì che esistano diverse varietà di argilla ventilata. Tra le più diffuse vi sono l’argilla ventilata bianca (anche nota come caolino) e l’argilla ventilata verde (o montmorillonite).

L’argilla ventilata bianca.

Contiene un alto tenore di alluminio sotto forma di ossido (circa il 28%); per tali motivi, le normative vigenti ne consentono solo un uso esterno. Essa è ampiamente utilizzata in cosmesi.

Approfondisci le proprietà dell'argilla bianca.

L’argilla ventilata verde.

Contiene meno ossido d’alluminio (circa il 10%) ed è ricca in ferro, più precisamente nella forma non ossidata, che le conferisce la tipica colorazione verde. Questa tipologia d’argilla viene impiegata anche a scopo terapeutico, sia per uso esterno (per il trattamento di svariate condizione infiammatorie), sia per uso interno (soprattutto per i disturbi del tratto digerente).

Puoi approfondire gli utilizzi dell'argilla verde.

Ma quali sono le proprietà che rendono l’argilla ventilata uno dei rimedi naturali più utilizzati? La risposta è nel prossimo paragrafo!

Proprietà dell’argilla ventilata: a cosa serve?

Tutti conosciamo gli impieghi cosmetici dell’argilla: acne, capelli grassi e cellulite sono tra gli inestetismi che più traggono benefici da questo rimedio.

Meno conosciute sono invece le proprietà per cui viene utilizzata in naturopatia.

Benefici terapeutici.

Come abbiamo già anticipato, l’argilla ventilata viene utilizzata nel trattamento di diverse condizioni, sebbene non esistano dati scientifici che ne attestino l’efficacia e la sicurezza, soprattutto quando assunta per via orale.

Contrasta aerofagia e meteorismo.

Grazie alla sua capacità di assorbire i gas e intrappolare i batteri responsabili della loro formazione, l’argilla ventilata è un ottimo rimedio per questi sintomi associati alla sindrome del colon irritabile e alle intolleranze alimentari (come quella al lattosio);

Riduce la diarrea.

L’argilla è utile in caso di diarrea per la sua capacità di inglobare i microrganismi responsabili e aumentare la consistenza delle feci;

E’ indicata in caso di gastrite, ulcera e reflusso gastroesofageo.

Grazie alla capacità di tamponare il pH, l’argilla assunta in presenza di tali patologie proteggere le mucose dall'azione lesiva dei succhi gastrici;

Rinforza le ossa.

Grazie alle sue proprietà remineralizzanti, l’argilla è in grado di legare sali minerali e cederli ai tessuti come quello osseo e cartilagineo viene impiegata in caso di osteoporosi, fratture e artropatie o altre patologie a carico delle articolazioni;

Aiuta a rimarginare lesioni cutanee e ferite.

Fin dai tempi antichi, l’argilla viene utilizzata per la medicazione delle lesioni cutanee poiché - oltre ad assorbire gli essudati - sembrerebbe in grado di ridurre l’infiammazione e accelerare la guarigione. Essa, ha, infatti, un ph quasi neutro che innesca le reazioni chimiche necessarie per la coagulazione del sangue e la rigenerazione della pelle.

Contrasta afonia o raucedine.

In caso di voce roca o completamente assente si può applicare un cataplasma caldo sulla gola, e fermarlo con una sciarpa.

Aiuta a lenire il dolore articolare con i cataplasmi.

In caso di infiammazioni articolari di vario tipo, si consiglia di applicare un cataplasma caldo, a cui può essere aggiunta l’essenza di ginepro.I cataplasmi sono utili anche a contrastare il dolore provocato dall'accumulo di cristalli di acido urico nelle articolazioni che provocano manifestazioni dolorose acute.

Rinforza i muscoli ed il cervello.

Per la sua capacità di apportare sali minerali, si pensa che l’argilla possa essere utile in caso di astenia (debolezza muscolare), convalescenza e stress psico-fisico.

Migliora la circolazione.

Applicare un cataplasma freddo sulle gambe può migliorare la circolazione degli arti inferiori e alleviare la sensazione di pesantezza alle gambe.

Benefici estetici

L'argilla ventilata oltre che apportare benefici a molti disturbi e patologie, può essere un valido alleato per la bellezza.

Contrasta la formazione della cellulite.

In questo caso si consiglia di applicare un impiastro freddo e con l’aggiunta di rosmarino, sotto forma di oleolita o essenza, nelle aree interessate in modo da riattivare la circolazione nei piccoli vasi, ed evitare l’accumulo di liquido nei tessuti .

Elimina la forfora grassa e rende i capelli più forti.

L’impiastro all'argilla ventilata verde svolge un’azione antisettica e intrappola sebo e forfora, facilitandone la rimozione. Applicare l’impiastro nel cuoio capelluto, massaggiare delicatamente e lasciare in posa per circa 30’. Rimuovere con acqua tiepida e applicare lo shampoo.

Purifica la pelle.

Grazie alle sue capacità detossinanti, l’argilla in polvere può essere miscelata a particelle abrasive (quali zucchero di canna o farina d’avena) per rimuovere le cellule morte e donare luminosità alla cute. Per il viso si consiglia l’argilla bianca, per il corpo l’argilla verde.

Ora che abbiamo passato in rassegna le sue virtù (reali o presunte), vediamo in che modo può essere impiegata!

Quali sono gli usi e le modalità di assunzione di questo composto?

Grazie alle tante proprietà vantate dall'argilla verde, essa viene largamente utilizzata sia sotto forma di bevanda per uso interno, sia sotto forma di polvere, unguenti o creme per uso esterno.

l’argilla ventilata da bere.

L’argilla ventilata verde può essere assunta per uso interno, sotto forma di bevanda diluita in acqua, è consigliata dalla medicina naturale per il trattamento di diversi disturbi.

Per preparare l’acqua d’argilla è sufficiente aggiungere un cucchiaino di argilla verde ventilata ad un bicchiere d’acqua, mescolare e lasciar decantare il tutto per una notte. L’indomani mattina bere solo il liquido, a digiuno.

Attenzione: non utilizzare cucchiaini in metallo per evitare eventuali interazioni con l’argilla ventilata

Solitamente si effettuano trattamenti della durata di un mese, 2-3 volte l’anno. Se si decide di effettuarli consecutivamente, occorre fare una pausa di almeno 10 giorni tra un mese e l’altro.

Possono essere utilizzate anche capsule oppure le compresse, da assumere 2-3 volte al giorno, lontano dai pasti. In questi casi, l’argilla viene solitamente associata ad oli essenziali o erbe che ne coadiuvano l’azione.

L’argilla ventilata per uso esterno, a scopo terapeutico o cosmetico, si utilizza sotto diverse forme.

Fango per cataplasmi e impiastri.

Prima di tutto, occorre preparare un impasto fangoso disponendo uno strato di argilla ventilata verde (circa 3cm di spessore) in un contenitore in ceramica e ricoprendolo d’acqua (il rapporto è di 2 cucchiai d’argilla ogni 1,5 cucchiai d’acqua). Si mescola e si lascia riposare per qualche ora, avendo l’accortezza di coprire il contenitore con un telo in modo che non vi cada nulla all'interno.

Alcuni consigli:
  • Non utilizzare contenitori e mestoli in metallo, poiché possono interagire con l’argilla.
  • Il fango ottenuto non dev'essere troppo liquido. Per accertarsi che non lo sia basta vedere se cola quando versato con un mestolo in legno.
  • Ciò che avanza può essere conservato, per un periodo di tempo indefinito, al riparo dalla luce e coperto con un telo. Ogni tanto, aggiungere un po’ d’acqua per evitare che si secchi.
  • Quando richiesto, il fango ottenuto può essere scaldato a bagnomaria o messo in frigo.

Il cataplasma si effettua avvolgendo il fango ottenuto con un telo, e appoggiandolo sull'area da trattare. L’Impiastro, invece, si effettua applicando uno strato di fango, dello spessore di mezzo centimetro, direttamente sulla pelle. Una volta essiccato si rimuove con acqua tiepida.

Unguenti.

L’argilla ventilata verde può essere incorporata in una base oleosa (olio d’oliva, olio alle mandorle o oleoliti) da applicare sulla pelle per trattare geloni, escoriazioni, piaghe o dermatiti.

Polvere aspersoria o per bagno.

In caso di abrasioni o lesioni con essudato, l’argilla ventilata verde può essere applicata come tale in modo da assorbire i liquidi e svolgere un’azione antisettica. Può altresì essere utilizzata, al posto del talco, per assorbire il sudore.

Il bagno all'argilla unisce l’azione antisettica, detossificante e lenitiva dell’argilla, all'azione rilassante dell’acqua calda. Porre 250-500 g di argilla ventilata verde nella vasca, riempirla d’acqua tiepida e aggiungere una decina di gocce di essenza alla lavanda. Rimanere immersi per circa 15’ e rimuovere i residui con acqua tiepida. In alternativa, possiamo porre 80 g di argilla ventilata in un catino d’acqua calda, aggiungere del sale marino (5%) ed effettuare pediluvi o maniluvi, oppure utilizzare il liquido come lavanda vaginale o collutorio.

Acqua tonica per lozioni.

L’argilla può essere utilizzata per preparare lozioni toniche o lenitive.

L’acqua tonica all'argilla è un rimedio utile per purificare le pelli impure e acneiche.

Ingredienti.

Preparazione.

  1. Porre l’acqua e il sale marino in una terrina in vetro o in ceramica, aggiungere l’argilla ventilata e mescolare;
  2. Lasciar sedimentare l’argilla;
  3. Travasare il liquido e utilizzarlo entro 2 settimane.

Applicare con un batuffolo di ovatta, dopo la detersione.

Volendo, possiamo utilizzare questa lozione anche per detergere e struccare. Basta passare sulla cute un batuffolo di ovatta imbevuta di lozione e olio di cocco: in un solo gesto la pelle sarà detersa e idratata!

Pasta di argilla bianca per maschere purificanti

Le maschere all'argilla sono conosciute per le proprietà dermopurificanti e antisettiche, utili in caso di cute seborroica e acneica. In linea generale, sarebbe meglio utilizzare l’argilla ventilata bianca, dall'azione più delicata.

Maschera all'argilla semplice.

Aggiungere un po’ d’acqua all'argilla ventilata (utilizzare la verde solo se la pelle è molto grassa) e mescolare fino ad ottenere una pasta omogenea, da applicare abbondantemente sul viso. Lasciare in posa circa 15’ e rimuovere con acqua tiepida. La maschera può essere applicata una volta alla settimana.

Alcuni consigli:

Maschera al pomodoro e basilico.

Ingredienti.

Preparazione.

  1. Frullare il pomodoro e il basilico;
  2. Aggiungere l’olio, l’argilla e frullare nuovamente.

Applicare sulla cute, lasciare in posa per 15’ e rimuovere con acqua tiepida.

La maschera può essere applicata una volta alla settimana.

Dentifrici.

L’argilla ventilata può essere d’aiuto anche per l’igiene orale, in quanto svolge un’azione antisettica e aiuta a rimuovere lo sporco.

Vediamo come ottenere un dentifricio all'argilla in poche e semplici mosse!

Ingredienti:

Preparazione.

  1. Macinare il bicarbonato, il sale e le foglie di thé;
  2. Setacciare la miscela;
  3. Aggiungere l’argilla e gli oli essenziali;
  4. Mescolare e conservare in un contenitore ermetico, a temperatura ambiente, per un massimo di sei mesi.

Mettere il composto sullo spazzolino bagnato e procedere con lo spazzolamento dei denti.

Deodoranti.

Grazie all'azione antisettica, l’argilla può essere d’aiuto per prevenire la formazione dei cattivi odori in seguito alla fermentazione del sudore da parte dei batteri.

Deodorante in polvere all'argilla bianca.

Per la preparazione di questo deodorante per pelli sensibili ci occorrono i seguenti ingredienti:

Preparazione.

Mescolare il tutto in una terrina e conservare in un contenitore ermetico.

Applicare il deodorante con un batuffolo d’ovatta.

Deodorante solido all'argilla verde.

Per preparare questa variante ci occorrono i seguenti ingredienti:

Preparazione.

Mescolare acqua e argilla, modellare fino ad ottenere una pallina da lasciar essiccare al sole. Prima dell’uso, inumidire con acqua e passarla sulla cute come se fosse un roll-on.

Effetti collaterali dell’argilla.

L’impiego dell’argilla ventilata non è purtroppo scevro da effetti avversi. L’uso topico o interno dell’argilla può provocare alcuni effetti avversi.

Manifestazioni allergiche nelle persone più sensibili.

L’argilla può portare allergie se utilizzata per uso topico e quindi è consigliabile applicare il prodotto poco per volta e osservare la reazione della cute.

Stitichezza.

L’argilla viene usata per via interna può causare stitichezza poiché indurisce le feci dal momento che tende ad assorbire liquidi.

Controindicazioni.

L’impiego dell’argilla ventilata, soprattutto quando assunta per via orale è controindicato in alcuni casi.

Interazioni farmacologiche.

Se proprio si vuole utilizzare l'argilla ventilata, occorre assumerla lontano dai farmaci poiché potrebbe ridurre l’assorbimento.

In gravidanza e nei bambini.

L’argilla non ha particolari controindicazioni anche se assunta durante la gravidanza o dai bambini. Tuttavia va assunta con moderazione perché può causare stitichezza che è già un fenomeno frequente in gravidanza. In ogni caso sia per le donne in stato interessante che per i bambini è consigliabile l’assunzione solo con il consenso del medico.

Durante l’allattamento.

Siccome non vi sono studi riguardo la sicurezza per il neonato è sconsigliato assumere argilla verde per uso interno durante l’allattamento.

Dove si compra? Quanto costa?

L’argilla ventilata è un prodotto che si trova facilmente in farmacia, in erboristeria o anche in molti siti internet.

Si trova sotto varie forme: polvere, pillole ed anche aggiunta in preparati cosmetici come creme o maschere già pronte per l’applicazione.

L’argilla in polvere ha un prezzo molto accessibile: varia dai 5 ai circa 10 euro per un barattolo di 500 g.

I prodotti cosmetici, invece hanno prezzi più alti che variano anche di molto a seconda dei marchi che li propongono.

Cosa dice la legge sull'uso alimentare dell’argilla? Fa male?

Il Ministero della Salute ha fatto divieto - a partire dal 1 febbraio 2014 - di inserire negli integratori alimentari alcune argille contenenti additivi, quali:

Per tutte le altre argille, è fatto obbligo riportare in etichetta: tipo, tenore di alluminio e dosaggio.

Tali disposizioni sono state attuate in seguito all'approvazione del regolamento UE 380/2012, sulla base del parere dell’EFSA (l’autorità europea per la sicurezza alimentare), che ha fissato il dosaggio massimo tollerato di alluminio a 1 mg/kg alla settimana. Dosi maggiori sono associate ad un maggior rischio di effetti tossici, soprattutto a carico del sistema nervoso.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Jessica Zanza
(Specialista in farmacia)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.