Amarene: proprietà, benefici, valori nutrizionali e ricette

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

Le amarene sono preziose alleate della salute, hanno buoni valori nutrizionali e sono ricche di proprietà che apportano all’organismo alcuni benefici. Scopriamo di più su questi frutti conosciuti soprattutto per lo sciroppo e la marmellata

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
    1. Varietà
  2. Valori nutrizionali
    1. Calorie
    2. Indice glicemico
  3. Proprietà e benefici
    1. Cellulite
    2. Stitichezza
    3. Vista
    4. Pelle
    5. Sistema immunitario
    6. Diabete
    7. Dieta
  4. Controindicazioni
  5. Come si utilizzano
    1. Sciroppate
    2. Marmellata
    3. Sciroppo
  6. Dove si trovano?

Caratteristiche.

Le amarene sono i frutti dell’amareno, pianta che appartiene alla specie botanica Prunus cerasus o ciliegio acido.

Le amarene sono simili alle ciliegie ma sono caratterizzate da una polpa chiara e succo di sapore amarognolo e leggermente acido.

Le amarene si possono consumare fresche ma sono utilizzate soprattutto per la preparazione di marmellate, sciroppi e liquori. In particolare, con i noccioli delle amarene si prepara il famoso liquore “maraschino”.

Particolarmente apprezzate sono le amarene sciroppate in quanto la sciroppatura, che è un procedimento che serve a conservare più a lungo il frutto, grazie allo zucchero, riduce il sapore acido proprio dell’amarena.

Le varietà del ciliegio acido.

Esistono molte varietà di amarene che si differenziano per il diverso grado di acidità:

Valori nutrizionali.

L’amarena è un frutto moderatamente energetico la cui composizione nutrizionale è così costituita:

Nelle amarene sono quindi presenti buone concentrazioni di vitamina C mentre minori sono i livelli delle vitamine del gruppo B.

Tra i sali minerali spiccano il potassio, il calcio e il fosforo, esigue, invece, sono le quantità di ferro.

Le amarene a causa della loro deperibilità si trovano spesso congelate.

In tal caso le calorie e i valori nutrizionali sono in tutto e per tutto simili a quelle fresche.

Le amarene disidratate, invece, subiscono un processo di essiccazione che le priva del loro contenuto in acqua. Per questo, le amarene disidratate, contengono molte più calorie  così ripartite:

Calorie.

Il basso contenuto calorico è giustificato dalla grande quantità di acqua presente nei frutti:

100 grammi di amarene fresche apportano solo 42 kcal

100 g di amarene secche contengono, invece circa 339 kcal

Indice glicemico.

L’amarena è un frutto che non innalza la glicemia, infatti:

l’IG delle amarene è pari a 22

Proprietà e benefici di questi frutti rossi.

Le amarene contengono elevatissime concentrazioni di potassio, buoni livelli di vitamine A e C e tante fibre che conferiscono a questi piccoli frutti proprietà benefiche straordinarie:

Mangiare amarene fa bene perché molteplici sono i benefici che ne derivano:

Contrastano la cellulite.

L’effetto diuretico dovuto al potassio si traduce in un’azione depurativa per l’intero organismo utile per l’eliminazione delle scorie e per il drenaggio dei liquidi superflui. Questa azione drenante risulta particolarmente utile per contrastare la cellulite causata, oltre che dall’accumulo di grasso, anche dal ristagno dei liquidi a livello tissutale.

Facilitano il transito intestinale e contrastano la stitichezza.

L’azione sinergica delle due fibre, solubili ed insolubili, aumentano il volume fecale e favoriscono il transito intestinale per cui le amarene sono degli ottimi rimedi naturali contro la stipsi.

Favoriscono la vista.

le amarene apportano vitamina A importante per la funzione visiva al buio. Essa, infatti, fa parte dei componenti della rodopsina, una sostanza che compone la retina che consente all’occhio di vedere al buio.

Sono un toccasana per la pelle.

le amarene sono importanti per la salute di pelle e capelli in quanto apportano vitamina A che stimola la produzione di collagene a livello del derma e vitamina C che costituisce un precursore fondamentale di questa molecola.

Rinforzano il sistema immunitario.

La vitamina C ben rappresentata nelle amarene, stimola la produzione di alcune cellule del sistema immunitario preposte alla difesa dell'organismo dagli attacchi esterni da parte di batteri e virus.

Possono essere consumate in caso di diabete.

Rispetto alle ciliegie le amarene hanno un indice glicemico inferiore, ossia non innalzano molto i livelli di zucchero nel sangue. Per questo possono essere consumate anche dai soggetti diabetici.

Sono adatte alla dieta.

Mangiare amarene “appaga” il senso di fame al costo di pochissime calorie. Possono essere consumate nella dieta e una porzione ne comprende circa 300 grammi, una quantità sufficiente a saziare senza sensi di colpa!

Controindicazioni al consumo di amarene.

Purtroppo le amarene non sono sempre adatte al consumo, vediamo i casi in cui sono controindicate:

Come utilizzare le amarene?

Le amarene trovano largo impiego in cucina. Esse, infatti, non solo vengono consumate fresche, ma si prestano per la preparazione di marmellate, sciroppi e liquori.

Moltissimi sono i dolci che utilizzano le amarene, ma questi piccoli frutti vengono impiegati soprattutto per realizzare il celebre sciroppo di amarene.

Amarene sciroppate.

le amarene lavate e asciugate private del picciolo si snocciolano stando attenti a raccogliere in una ciotola il succo che fuoriesce. Succo amarene, zucchero e succo di limone si lasciano cuocere a fuoco lento per 15 minuti dall’ebollizione. quindi si lascia raffreddare. Poi si cuoce per altri venti minuti. Le amarene sciroppate si versano in vasetti di vetro e si pastorizzano facendoli bollire a bagnomaria per circa 10 minuti. Possono essere utilizzate per guarnire torte o creme.

Marmellata di amarene.

Le amarene denocciolate si lasciano cuocere con lo zucchero per un’ora e mezzo circa. Si lascia raffreddare e si versa in barattoli puliti da pastorizzare. La confettura di amarene si presta bene alla preparazione di crostate o semplicemente può essere gustata sulle fette biscottate per la prima colazione.

Sciroppo di amarene.

Le amarene denocciolate (un chilo) si mettono a bollire con lo zucchero (un chilo) per circa 15 minuti dall’ebollizione. Il succo si raccoglie e si lascia raffreddare a parte. La cottura delle amarene si fa proseguire se si desidera avere anche le amarene sciroppate. Il liquido fatto raffreddare, poi, si versa in un recipiente di vetro e si conserva in frigorifero. Con lo sciroppo si possono guarnire dolci o gelati o preparare fresche bevande se diluito in acqua minerale.

Dove si trovano? Quanto costano?

L'amarena è un frutto che matura nel mese di luglio e può essere acquistato presso alcuni fruttivendoli ben forniti, non sempre, infatti, questo frutto è reperibile nei supermercati.

Il prezzo delle amarene fresche è di circa 3/5 euro al kg.

Per quanto, invece riguarda le amarene sciroppate esse si trovano in tutti i supermercati ed hanno un prezzo di circa 3 euro per la confezione di 100 grammi.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.