Fette biscottate integrali: fanno ingrassare? Calorie, valori nutrizionali e consigli per la scelta

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

Ci sono dei vantaggi a mangiare le fette biscottate integrali? Fanno davvero ingrassare meno delle normali? Come scegliere le migliori? Approfondiamo caratteristiche, valori nutrizionali e calorie dei diversi tipi di fette integrali

    Indice Articolo:

Fette biscottate integrali: cosa sono?

Le fette biscottate integrali sono un tipo di pane biscotto fatto con farina integrale invece di farina raffinata. La farina integrale è ottenuta dalla macinazione intera del chicco di grano, che include il germe, l’endosperma e la crusca, mentre la farina raffinata è ottenuta dalla macinazione solo dell'endosperma del chicco di grano, lasciando fuori la crusca e il germe. La farina integrale, e quindi le fette biscottate integrali, contiene più fibre, vitamine e minerali rispetto alla farina raffinata.

Le fette biscottate integrali vengono prodotte con un impasto di farina di grano integrale, lievito, malto d’orzo, sale e zucchero, fatto poi lievitare. L'impasto viene poi tostato, e per rendere il prodotto finale croccante ma friabile vengono aggiunti dei grassi, quindi tagliato.

Alcune aziende utilizzano anche altre farine provenienti da cereali integrali diversi come il farro, il kamut, la segale, ecc…

Fette biscottate integrali fatte in casa.

Fare le fette biscottate a casa con ingredienti genuini e di qualità è molto semplice.

Basta mischiare alla farina integrale preferita, anche di farro o di orzo o un mix di farine integrali, acqua, zucchero di canna, poco sale, olio extravergine di oliva e lievito madre. Volendo si può aggiungere miele o spezie (cannella, vanillina…).

L’impasto va fatto riposare per circa 30 minuti. Quindi si rimpasta, si dispone in uno stampo da plum-cake e si lascia lievitare per circa 8 ore.

Si cuoce a 180 gradi per circa 40 minuti e si affetta. Le fette ottenute si infornano a 160 gradi per circa 10 minuti.

Valori nutrizionali delle fette biscottate fatte con farina integrale.

In commercio esistono tantissimi tipi di fette biscottate integrali, proposte da diverse marche.

I valori nutrizionali delle fette biscottate integrali possono variare, ma, in generale, però, le fette biscottate integrali contengono più fibre rispetto alle fette biscottate tradizionali, mentre scarseggiano di vitamine e sali minerali

In media, una fetta di fette biscottate integrali può contenere circa:

Calorie.

In media le fette biscottate integrali presentano:

per 100 grammi di prodotto, circa 379 kcal.

Indice glicemico.

L'indice glicemico (IG) è la misura dell'effetto che i carboidrati di un cibo hanno sui livelli di zucchero nel sangue..

L'indice glicemico delle fette biscottate integrali può variare a seconda del tipo, ma, in n generale, le fette biscottate integrali hanno un indice glicemico più basso rispetto alle fette biscottate tradizionali.

L’ IG delle fette biscottate integrali è intorno a 55-70.

I benefici delle tostate non raffinate.

I benefici che apportano le fette biscottate integrali e che giustificano il loro utilizzo rispetto a quelle prodotte da farina raffinata, sono legati alla presenza di elevate quantità di fibre.

Migliorano la digestione.

La farina integrale contiene più fibre rispetto alla farina raffinata, questo significa che le fette biscottate integrali possono aiutare a migliorare la digestione e mantenere la sazietà per più tempo.

Aiutano a ridurre il diabete.

Le fette biscottate integrali hanno un indice glicemico più basso rispetto alle fette biscottate tradizionali raffinate, questo significa che possono causare un aumento moderato dei livelli di zucchero nel sangue, aiutando a mantenere una glicemia stabile. Inoltre le fibre contenute nelle fette integrali, rallentano l’assorbimento degli zuccheri nell’intestino facendo in modo che la glicemia, ossia i livelli di zucchero nel sangue, non raggiunga pericolosi picchi elevati.

Sono adatte per i body builder.

Il rilascio graduale dei carboidrati ad opera delle fibre delle fette biscottate integrali è vantaggioso per chi esegue allenamenti consistenti in quanto consente di avere una certa quota di carboidrati che possono essere utilizzati come fonte energetica per gli sforzi muscolari.

Contrastano sovrappeso ed obesità.

Il sovrappeso e l’obesità sono patologie causate dal consumo di cibi raffinati che, essendo molto ricchi di zuccheri, innalzano l’indice glicemico. L'aumento eccessivo e repentinodegli zuccheri nel sangue dopo un pasto li trasformain grasso di scorta. Le fette biscottate integrali, e in generale i prodotti integrali, grazie alle fibre, fanno assorbire i carboidrati lentamente e quindi evitano il picco glicemico e, conseguentemente, accumulo di grasso.

Non fanno ingrassare, ma sono dietetiche?

Le fette biscottate integrali, come detto, sono meno caloriche di quelle ottenute con farina raffinata. Queste ultime, infatti, hanno circa 408 kcal per 100 grammi contro le 379 delle fette integrali. Le fibre in esse contenute, non solo riempiono e saziano, ma rallentano l’assorbimento di carboidrati e grassi e quindi rendono le fette integrali più indicate nel contesto di una dieta ipocalorica.

Approfondisci le proprietà delle fette biscottate.

Tuttavia, le fette biscottate, sia bianche che integrali, hanno un certo contenuto in grassi, aggiunti per conferire friabilità ed ancora, essendo private del contenuto d’acqua attraverso la tostatura si caratterizzano di un apporto calorico abbastanza elevato rispetto, per esempio, al pane che conta solo 289 kcal per 100 grammi.

In conclusione, le fette biscottate integrali, definite dietetiche, in realtà non sono ideali per un piano nutrizionale ipocalorico, possono aiutare se vengono utilizzate come sostituto di opzioni meno sane come le fette biscottate tradizionali raffinate. Tuttavia, non possono essere considerate come una soluzione miracolosa per la perdita di peso.

Controindicazioni ed effetti collaterali.

Le fette biscottate integrali non raffinate sono dunque, un'opzione alimentare più salutare rispetto alle fette biscottate tradizionali raffinate, ma come per qualsiasi alimento, possono avere effetti collaterali e alcune controindicazioni.

Consigli per la scelta.

Le fette biscottate integrali non sono tutte uguali: variano gli ingredienti e le relative quantità e, quindi varia anche notevolmente la qualità.

Molte aziende, per esempio, utilizzano tra gli ingredienti, olio di palma perchè più economico, ma in realtà andrebbe evitato in quanto fonte di grassi saturi.

Puoi approfondire le controindicazioni dell'olio di palma.

Bisogna stare attenti anche al tipo di farina utilizzata: spesso, infatti, si trova di fronte a prodotti integrali “falsi”, prodotti con farina raffinata alla quale viene aggiunta crusca in seguito. Queste fette biscottate sono chiare come le classiche ma frastagliate di scagliette scure. Le vere fette biscottate integrali appaiono, invece, uniformemente colorate, più scure rispetto alle classiche e, per essere certi della loro autenticità, va sempre controllato il tipo di farina utilizzata sul retro della confezione nell’elenco degli ingredienti.

Inoltre, alcune marche come la “Gentilini”, prevedono l’aggiunta di uova e di latte in polvere nell’impasto aumentando il contenuto di colesterolo totale e, ovviamente, di calorie.

Le fette biscottate integrali “Misura” e “Mulino bianco”, invece sono prive di uova e latte, cosa che dimezza le calorie rispetto alle fette biscottate integrali precedenti.

Quasi tutte le fette biscottate integrali presenti in commercio contengono grassi idrogenati, cioè oli nocivi per la salute che possono provocare danni alle membrane delle cellule trasformandole in cancerogene.

Approfondisci i rischi dei grassi idrogenati.

Alcune come quelle biologiche “baule volante” utilizzano olio extravergine d’oliva e sono prive di uova e latte.

Quante fette integrali si possono consumare al giorno?

La quantità di fette biscottate integrali che si può consumare al giorno dipende dalle necessità caloriche- nutrizionali specifiche.

In generale, le raccomandazioni per una dieta equilibrata consigliano di limitare il consumo di alimenti trasformati come le fette biscottate, comprese quelle integrali, a una o due porzioni al giorno. Una porzione di fette biscottate integrali può essere considerata 2-3 fette.

Studi e pubblicazioni.

Ci sono molte ricerche che mostrano i benefici del consumo di cereali integrali, tra cui la farina integrale utilizzata per fare le fette biscottate, rispetto ai cereali raffinati. Ecco di seguito alcuni per approfondire:

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.