Echinacea purpurea e compositum: proprietà, benefici e controindicazioni

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

L'echinacea è nota per le proprietà antinfiammatorie ma fa bene anche a pelle e capelli ed i suoi benefici non finiscono quì. Approfondiamo tutti gli usi di questa pianta e le modalità di assunzione corrette per evitare i possibili effetti collaterali.

    Indice Articolo:

Echinacea: una grande famiglia di specie diverse.

L’echinacea è una pianta erbacea della famiglia delle Asteracee con un nucleo simile a un riccio e lunghi petali simili a quelli di una margherita il cui colore può variare dal bianco al glicine. Apprezzata per essere una pianta ornamentale, l’echinacea è famosa soprattutto per le eccezionali proprietà terapeutiche.

Numerose sono le specie di echinacea, ma solo alcune sono dotate di proprietà officinali: l’’Echinacea purpurea, l’Echinacea pallida e l’Echinacea angustifolia. L'echinacea purpurea è più utilizzata pur contenendo gli stessi principi attivi.

L'Echinacea purpurea è un popolare integratore a base di erbe che viene utilizzato per rafforzare il sistema immunitario e ridurre i sintomi di raffreddore e influenza.

L'Echinacea compositum è una combinazione di Echinacea purpurea e altri ingredienti, come le diluizioni omeopatiche, che viene utilizzata per trattare una varietà di condizioni, tra cui infezioni del tratto respiratorio, allergie e malattie autoimmuni.

Proprietà e principi attivi dell’echinacea purpurea.

L’echinacea purpurea veniva usata fin dall’antichità per curare ferite e patologie da raffreddamento.

Oggi, grazie alle ricerche effettuate sugli estratti della pianta, si sa che l’echinacea possiede una capacità stimolante il sistema immunitario. Questo in virtù di alcuni principi attivi presenti soprattutto nella radice:

L’Echinacea compositum: prodotti a base di echinacea.

L’echinacea compositum è un medicinale omeopatico che contiene estratti di Echinacea, nei quali vengono aggiunti altri principi attivi e che si devono assumere solo dietro prescrizione medica.

Qualche esempio:

I benefici per la salute.

Quella immunostimolante è la proprietà più conosciuta dell’echinacea, ma grazie alla ricchezza in principi attivi, questa pianta vanta anche altre qualità utili in diverse circostanze:

Combatte le infezioni batteriche e virali (cistite, herpes, candida).

Secondo meccanismi ancora ignoti, l’echinacoside e le aclamidi, sono in grado di attivare il sistema immunitario attraverso l’aumento delle cellule deputate all’eliminazione dei virus e batteri (fagociti e monociti) e dei linfociti (globuli bianchi) che attuano la risposta immunitaria.

L’echinacea potenzia il sistema immunitario e quindi rende l’organismo capace di difendersi dagli attacchi di agenti patogeni siano essi di natura batterica (come nel caso della cistite), o fungina (candida), o virale (come l’herpes). In presenza di globuli bianchi e fagociti attivati per effetto dell’echinacea è più difficile per un patogeno sfuggire al sistema immunitario e causare infezione. Tuttavia, gli studi scientifici sull'efficacia dell'Echinacea per trattare specifiche infezioni batteriche e virali sono limitati.

Previene le patologie da raffreddamento.

I poliacetileni e le glicoproteine dell’echinacea svolgono un’azione antibatterica: queste sostanze inibiscono la proliferazione di alcuni germi che causano infezioni e possono aiutare a ridurre la frequenza delle infezioni delle vie respiratorie superiori e la durata dei sintomi del raffreddore quali mal di gola, tosse, e febbre da influenza stagionale.

Contrasta le infiammazioni della pelle come dermatite e allergie cutanee.

I polisaccaridi contenuti nell’echinacea sono in grado di ridurre la flogosi attraverso l’inibizione di due enzimi direttamente coinvolti nell’innesco del processo: la Cox e la 5-Lox. Quest’azione antinfiammatoria è utile nel coadiuvare l’azione antimicrobica della pianta per uso esterno per dare sollievo a rossori e bruciori dovuti alle dermatiti e alle allergie cutanee. Per quanto riguarda le allergie cutanee, ci sono alcune evidenze che l'Echinacea possa aiutare a ridurre i sintomi dell'orticaria cronica idiopatica, ma anche in questo caso gli studi sono stati di piccole dimensioni e ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati.

Aiuta nella prevenzione dei tumori.

le interleuchine sono sostanze che favoriscono l’insorgenza dei tumori. L’echinacea sarebbe in grado di bloccare la produzione delle interleuchine impedendo così al tumore di svilupparsi.

Anche in questo caso, però non ci sono prove scientifiche che l'echinacea possa prevenire i tumori. Ci sono alcuni studi sulle presunte proprietà antiossidanti e immunomodulatori ma non ci sono prove che sia efficace e potrebbe addirittura interferire con i trattamenti standard.

Aiuta a curare dermatite seborroica.

La dermatite seborroica si manifesta con desquamazione del cuoio capelluto e comparsa di crosticine con perdita di capelli . L’echinacea disinfetta e potenzia le difese immunitarie contro le invasioni fungine e batteriche e se accoppiata all’azione emolliente di altre erbe come l’olio di mandorle o di borraggine può essere molto efficace.

Favorisce la guarigione di ferite cutanee.

L’echinacea stimola la replicazione cellulare e il rinnovamento della cute, perciò è indicata per le ferite, le smagliature e le ulcere cutanee. Alcuni principi attivi dell’echinacea mettono a riparo il collagene dall’attacco dello stress ossidativo.

Come si usa l’echinacea?

Oltre che in campo farmacologico l’echinacea è utilizzata in erboristeria, la si può trovare sotto forma di:

Cos’è, ed a cosa serve la tintura madre di echinacea?

La tintura madre di echinacea è l’estratto ricavato dalla radice, dai fiori e dai semi. Si ottiene per macerazione e successiva estrazione con alcol. La tintura madre ottenuta da questa pianta è un potente antidolorifico, antinfiammatorio e disinfettante. Può essere utilizzata sia pura in gocce da diluire in acqua sia come base per altre preparazioni. Si può reperire in erboristeria e in farmacia ad un prezzo di 7 - 10 euro per boccetta.

In ogni caso, sia che si tratti di un medicinale omeopatico che di un prodotto erboristico è importante sapere che l’assunzione di echinacea non deve superare i 15 giorni. La stimolazione prolungata del sistema immunitario, infatti, può dare origine a disordini e a malattie auto-immunitarie.

Controindicazioni ed effetti collaterali.

Ad attestare l’efficacia di questa pianta sono i tantissimi prodotti presenti in commercio a base di echinacea, ma l’echinacea presenta delle controindicazioni?

In tutti gli altri casi l’echinacea fa male solo se assunta in quantità eccessiva e gli effetti collaterali possono essere nausea e vertigini.

Quanta assumerne?

La quantità di echinacea da assumere dipende dalla forma in cui viene utilizzata (capsule, tisana, estratto liquido, etc.) e dalla concentrazione dei principi attivi nella formulazione. In generale, le dosi raccomandate per gli adulti variano da 300 a 900 mg al giorno per estratti standardizzati e da 2 a 4 ml al giorno per estratti liquidi.

Tuttavia, è importante notare che non esiste una dose ufficialmente stabilita per l'echinacea, quindi è consigliato seguire le istruzioni del produttore o del proprio medico prima di assumere qualsiasi integratore. In generale, è meglio evitare di assumere l'echinacea per periodi prolungati, per evitare un'eventuale sovradosaggio e possibili effetti collaterali. La durata del trattamento con echinacea non dovrebbe superare le 8 settimane in un periodo di 12 mesi.

Studi e pubblicazioni.

Ci sono molti studi sull'echinacea, alcuni dei quali includono:

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Valentina Coviello
(Specialista in biologia e nutrizione)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.