Cranberry: proprietà, valori nutrizionali, benefici e controindicazioni del mirtillo rosso americano

Cranberry: utile contro le malattie dell’apparato urinario ma non solo. Approfondiamo i valori nutrizionali e le proprietà benefiche del mirtillo rosso americano e quali sono le controindicazioni nell’utilizzo del succo e della bacca. Scopriamo inoltre i mille usi del frutto con qualche gustosa ricetta.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche e valori nutrizionali
  2. Proprietà e benefici
  3. Controindicazioni
  4. Posologia
  5. Ricette

Caratteristiche e valori nutrizionali del Cranberry.

Il cranberry, detto anche “mirtillo rosso americano”, è una bacca derivante dall’ossicocco americano, di discrete dimensioni 1-2 cm di diametro, da non confondere con il “mirtillo rosso europeo”.

“Cranberry” !Perché questo nome? Deriva da crane-berry, “crane”in inglese significa gru, i fiori della pianta hanno una forma che ricorda la testa di quest’animale. Le gru crescono nei luoghi dove è presente la pianta e se ne nutrono.Questo frutto è utilizzato fresco o essiccato, per la preparazione di succhi di frutta o concentrati ma anche per la preparazione di conserve e gelatine. Ma il mirtillo rosso americano non è solo questo....vediamo perché!

La pianta del mirtillo rosso americano appartiene alla famiglia degli Ericacee,ha origini nel nord-est degli USA, cresceva spotaneamente nei muschi delle torbee, la sua coltivazione arriva fino al sud Carolina, sono presenti numerose coltivazioni anche in Canada. In questi Paesi, infatti, il frutto è utilizzato per numerose preparazioni nelle feste invernali, come la festa del ringraziamento (Thanksgiving Day).Il nome latino del frutto “Vaccinium macrocarpon”, significa “frutto di grandi dimensioni”. La fioritura è nel periodo di maggio-giugno ma il frutto matura 80 giorni dopo la fioritura, nel periodo di ottobre-novembre.

Calorie e valori nutrizionali

Quali micro e macromolecole contiene questo frutto? Quali sono i suo valori nutritivi?

100 g di prodotto hanno 49 kcal, e sono composti da:

Le seguenti vitamine:

Ed i minerali:

Le proprietà e gli effetti benefici del mirtillo americano:un aiuto per la salute.

La bacca è molto saporita, infatti, viene utilizzata in cucina per la preparazione di succhi, marmellate, salse. Ma il suo arrivo e la sua coltivazione in Europa e sull’Appenino italiano in particolar modo, è dovuto alle proprietà benefiche:

Ma quali sono gli effetti?

Il frutto contiene numerose sostanze che comportano numerosi effetti benefici:

Macchie sul viso? Problemi di couperose? Ecco a voi una ricetta di maschera fai da te.

Per realizzarla è necessario:

  • 250 ml di acqua

  • un cucchiaio di mirtilli rossi

  • 2 cucchiai di avena polverizzata

Il procedimento è semplice: mettere l’acqua in un pentolino e portare ad ebollizione. Aggiungere poi le bacche e lasciare in ammollo per 10 min. Schiacciare le bacche e aggiungere l’avena. A questo punto il composto ottenuto può essere steso sul viso per 15 minuti e poi dopo eliminato con acqua tiepida. Facile vero?Non vi resta che provare!

Quindi il mirtillo rosso è utile:

Per tutte queste ragioni il mirtillo rosso è un componente importante della fitoterapia e dell’omeopatia.

Il cranberry e le vie urinarie: la cistite e prostatite.

Ebbene sì il cranberry è un alleato perfetto per la cura omeopatica di problemi alle vie urinarie. Infiammazioni lievi, bruciori, pruriti intimi, che spesso possono sfociare in cistiti sanguinanti, ovvero infiammazioni delle pareti vaginali. Molto spesso, infatti, viene consigliato come integratore alimentare, in associazione ad una dieta sana. La presenza delle protocianidine di tipo A, tannini condensati, rendono il frutto un ottimo disinfettante e antinfiammatorio.

Assumere regolarmente il cranberry come integratore, permette una riduzione significativa di incidenza di malattie uro-genitali. Gli studi sono stati effettuati sopratutto su un campione femminile, infatti le donne sono più soggette a questo tipo di problemi. (Jopson R.G., Craig J.C., Cranberries for preventing urinary tract infections, Cochrane Database Syst Rev 2008 Issue 1).E’ stato evidenziato che l’utilizzo di questo integratore è utile soprattutto a scopo preventivo, contro i primi sintomi di cistite per evitare l’utilizzo di antibiotici, ma anche per coadiuvarne l’azione in casi più gravi.

Approfondisci gli altri rimedi naturali contro la cistite.

Diversi studi clinici hanno dimostrato che il cranberry può prevenire la comparsa di cistiti in gravidanza senza creare controindicazioni.Oltre alla predispozione naturale della donna ad andare incontro a questo tipo di ppatologia in gravidanza subentrano anche altri fattori che favoriscono l’insorgenza di cistite: un aumento ormonale, cambiamenti fisici, aumento di germi nelle urine per maggior presenza di substrato come il glucosio. Per quest’ultima ragione anche i diabetici sono più predisposti a sviluppare cistiti.

Infatti le molecole antinfiammatorie agiscono aderendo alla membrana delle cellule andando a formare una sorta d di “strato antiaderente” per il batterio, E.coli, responsabile nella maggioranza dei casi delle infezioni alle vie urinarie, che così non riesce ad attaccarsi alla superficie e diventare infettivo (Agence Francaise de Securite Sanitarie des Aliments – Uscita N° 2004-SA-0214 e Uscite collegate N° 2003-SA-0056 e N° 2003-SA-0352).Ne volete sapere di più? Vi invito a leggere il box!

E.coli, è un batterio gram negativo, responsabile del 90% delle infezioni urinarie. In realtà non tutti i ceppi sono patogeni, questo batterio è presente come ospite normalmente nel nostro colon, il ceppo patogeno è definito “uropatogeno”. Il potere patogenico di questi batteri sta nella loro capacità di legare la membrana cellulare attraverso delle proteine chiamate adenosine, presenti alle estremità distali di strutture filiformi della parete batterica, chiamate fimbrie, in particolare la fimbria P. Il cranberry, grazie alle sue caratteristiche organolettiche ne previene l’adesione alla membrana plasmatica

La patologia colpisce solo le donne? Niente affatto! Infatti un batterio può risalire l’uretra o discendere la vescica e causare nell’uomo infiammazione alla prostata detta anche prostatite. Anche in questo caso il cranberry, che forma lo strato protettiva per la cellula, può essere un’utile risorsa naturale.

Quando non utilizzare il cranberry: le controindicazioni.

Ma ha solo proprietà benefiche? Quand’è che non bisognarebbe utilizzarlo?

Essendo un alimento di origine naturale il cranberry, anche se assunto sotto forma di integratore alimentare, non ha particolari controindicazioni.

Ma ne è sconsigliato l’uso:

Quindi è bene chiedere sempre il parere di un esperto nel settore prima di procedere con integrazioni alimentari di qualsiasi tipo, ciò che va bene per una persona, non è sempre detto che vada bene per un’ altra.

Non tutti sanno che anche i più piccini possono trarre benefici dal cranberry senza controindicazioni. Secondo diversi studi negli USA le infezioni urinarie in età infantile sono tra le infezioni batteriche più frequenti. L’utilizzo del mirtillo rosso è preferibile agli antibiotici per diversi motivi:

  • evitare la formazione di ceppi batterici resistenti

  • costo economico minore

  • evitare uso eccessivo di medicinali in età evolutiva

Dove si trova? Quanto assumerne?

Arrivati a questo punto la domanda sorge spontanea dove si può acquistare questo prodotto?

Lo potete trovare in supermercati, farmacie, parafaramcie, erboristerie. Si presenta sotto le più svariate forme succhi di frutta, marmellate, gelatine per uso alimentare, ma anche come integratore succo biologico, estratto, capsule, gocce, tavolette, bustine con formulazione in polvere.I commerci sono presenti anche tisane, infusi.

Da non sottovalutare è anche la vendita online di questi prodotti, si possono acquistare frutti sciroppati o essiccati, che possono essere la base per molto ricette o da aggiungere ad un semplice yogurt magro.

I prezzi variano da 5-7 euro fino a 20 all’incirca a seconda di marca e tipologia di prodotto.

Per quanto riguarda la posologia, gli integratori si usano una o più volte al giorno, lontano dai pasti nella maggior parte dei casi. Ma vi consigliamo sempre di consultare il foglietto illustrativo che ritrovate ne prodotto da voi scelto.

Premettendo che è sempre meglio rivolgersi ad un professionista perché i consigli variano da caso in caso, si può dire in linea generale che il succo, essendo diluito con acqua, ha un’azione più blanda rispetto alle capsule, ed è consigliabile usarlo come preventivo. Le capsule sono in forma più concentrata, e sono consigliabili in caso di malattia già in corso.

Uso alimentare del mirtillo rosso: ecco golose ricette.

Bene, avete trovato la vostra confezione di mirtilli...volete qualche consiglio per il loro utilizzo! Ricordiamo che questi frutti sono consigliabili per la preparazione di conserve, gustosissime marmellate.

Marmellata ai mirtilli rossi 400 g:

Ingredienti:

  • 350 g mirtilli rossi

  • 1 mela verde grattugiata

  • 250 g di zucchero

  • 60 g di burro

  • il succo di un limone piccolo

Procedimento:

  • sterilizzare i vasetti e lavare i tappi

  • in un pentola versare tutti gli ingredienti e portare ad ebollizione

  • far bollire per 20min, fin quando la marmellata non è densa, mescolando continuamente

  • versare il preparato nei vasetti assicurandovi di chiudere ermeticamente

  • mettere i vasetti in un pentolone e coprirli di acqua fino a 2-3 cm sopra l’orlo

  • portare ad ebollizione per 10min

  • Toglieteli dal pentolone con l’aiuto di una pinza e lasciateli freddare

Salsa di mirtilli

Questa è la ricetta della famosa salsa agrodolce, che accompagna il tacchino della festa del ringraziamento americana. E’ l’idea per accompagnare la carne di selvaggina.

Ingredienti:

  • 340 g di mirtilli rossi

  • 1 arancia

  • 210 g zucchero

  • 240 ml di acqua

Procedimento:

  • dopo aver lavato l’arancia grattuggiare la scorza e ricavarne il succo con un premiagrumi

  • in una casseruola cuocere lo zucchero nell’acqua fino ad ebollizione

  • aggiungere i mirtilli, lavati precedentemente, cuocere per 5-6 min a fuoco medio e togliere la schiuma con un cucchiaio

  • aggiungere il succo e la scorza dell’arancio

  • mescolare bene, far raffreddare per poi servire a temperatura ambiente

I mirtilli possono essere anche assaporati con la semplice aggiunta di succo di limone e zucchero. Un’altra idea simpatica potrebbe essere la preparazione di una coppa di frutta mista o per guarnire un gustoso gelato. Da questi frutti oltre ai succhi di frutta e diverse tipi di bevande analcoliche, si può ottenere anche una grappa, dal sapore intenso e delicato.

Cranberry crash: cocktail analcolico

Ingredienti:

  • 400 ml succo arancia (preferibilmente puro e biologico)

  • 400 ml succo di mirtilli (anche in questo caso meglio se puro e biologico)

  • 70 ml di acqua

  • 1/2 cucchiaino di radice di zenzero (fresca o in polvere)

  • 1/2 cucchiaino di spezie (es cannella o chiodi di garofano)

  • zucchero (scegliere la tipologia che si preferisce a seconda del gusto)

  • possono essere inseriti pezzi di arancia o mirtilli per un sapore più intenso che andranno poi filtrati

Procedimento:

    • far raffreddare a temperatura ambiente in un recipiente (s. brocca di vetro) e poi mettere in frigo

    • servire con ghiaccio

    • in alternativa d’inverno può essere servito bollente, come un punch

Ma in cucina, si possono utilizzare per fare innumerevoli ricette, stuzzicanti e sfiziosi, bisogna solo avere tanta fantasia e creatività. Ecco a voi diversi spunti golosi.

Biscotti al cranberry

Ingredienti (per circa 35 biscotti)

  • 200 g di zucchero

  • 350 g farina

  • 125 g di cranberry secchi

  • 100 g di pistacchi

  • 1/2 cucchiaino lievito per dolci

  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato

  • 3 uova

  • 1 baccello vaniglia

  • 1 pugno di sale

  • 1 arancia, meglio se biologica

Procedimento:

  • tritare i pistacchi ed i cranberry e metterli da parte

  • grattugiare la scorza dell’arancia e premerla con uno spremiagrumi

  • mischiare assieme i restanti ingredienti, tranne le uova

  • unire le uova ed impastare

  • aggiungere i cranberry, i pistacchi, il succo e la scorza di arancia

  • impastare fino ad avere una pasta omogenea con una buona distribuzione della frutta secca

  • dividere in 2 l’impasto, e creare due filoni (lunghi 22 cm, spessi 6cm)

  • disporre su una teglia, non troppo vicini

  • cuocere a 180 °C in forno preriscaldato per 25min

  • far raffreddare e tagliare da ogni filone i biscotti (1,5 cm spessore)

  • disporre i biscotti sulla placca con la carta forno

  • far cuocere nel forno preriscaldato per 7min a 170°C

  • girare i biscotti e continuare la cottura per altri 6/8 min

  • far raffreddare e conservare (es scatola di latta)

Cookyes al cranberry e cioccolato bianco 

Ingredienti:

  • 200g fiocchi sdi avena

  • 165g zucchero di canna

  • 150g burro freddo a tocchetti

  • 140g cioccolata bianca

  • 125 g farina

  • 85g cranberry secchi

  • 1 cucchiaino lievito non vanigliato

  • 1 uovo

  • 1 stecca vaniglia

  • 1 pizzico sale

Procedimento:

  • impastare a mano o con un robot da cucina la farina, zucchero, burro, lievito

  • aggiungere tutti gli altri ingredienti e continuare ad impastare

  • formare tante palline (dimensioni noce) e disporle su una placca da forno ricoperta con carta forno

  • cuocere a 180°C in forno preriscaldato finché i biscotti non iniziano a dorarsi

  • far raffreddare e conservarli

Infine per rilassarsi dopo una giornata stressante non c’è niente di meglio che fare un’infusione: unendo qualche cucchiaio di mirtilli rossi a un litro di acqua! Dopo una decina di minuti avrete un elisir di relax e benessere per concludere in bellezza la vostra giornata, ed anche il nostro articolo!

Supervisione: Maria Grazia Cariello Collaboratori:Dott.sa Claudia Comune (Laurea in Biologia)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. (Maggiori Informazioni) Se prosegui accetti tale utilizzo.

VERSIONE_AMP: OFF - SUFFISSO_AMP: