Germe di grano: proprietà, benefici, controindicazioni e valori nutrizionali.

Germe di grano: proprietà, benefici, controindicazioni e valori nutrizionali

    Indice Articolo:

  1. Proprietà e benefici
  2. Valori nutrizionali
  3. Utilizzo in cucina
  4. Controindicazioni
  5. Approfondimenti

Cos'è il germe di grano e quali sono le sue proprietà? La guida approfondisce benefici e controindicazioni dell'alimento ed i valori nutrizionali che ne rendono utile l'assunzione.

Attraverso la guida proponiamo all’attenzione del lettore i benefici che si possono ottenere dall’utilizzo del germe di grano, un alimento molto energetico, ricco di proprietà benefiche ed adatto per apportare le giuste dosi di vitamine in modo da soddisfare il fabbisogno quotidiano necessario per lo svolgimento ottimale dalle funzioni vitali dell'organismo.

Proprietà dei germi di grano.

Il germe di grano è l’embrione, ovvero la parte fondamentale del semino, da cui nasce e cresce la pianta. Un chicco di grano è, infatti formato da un tegumento esterno o crusca, da un tessuto farinoso, ricco di amido, chiamato endosperma e dall'ambrione o germe.

Ma a cosa serve tale alimento? Si tratta di un elemento naturalmente antiossidante che contiene al suo interno preziose vitamine per l’organismo umano e che, pertanto, dovrebbe rientrare a pieno titolo tra i nutrienti equilibrati da assumere regolarmente.

Benefici per la salute.

Il germe di grano contiene un mix di eccipienti che apportano enormi benefici a molti aspetti della salute dell'organismo.

Riduce il colesterolo. La presenza di Omega 3 comporta una riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue.

Aumenta la fertilità. Per coloro che soffrono di sterilità, studi e ricerche scientifiche sembrano dimostrare che l'assunzione di vitamina E, presente in buone quantità nel germe estratto dal grano, contribuisca ad aumentare la fertilità sia negli uomini che nelle donne.

Benefici per la pelle.

Ciò che caratterizza l’azione e l’efficacia del germe di grano è l’azione contro i radicali liberi, che si oggettiva direttamente sulla pelle, rinforzando le pellicole idrolipidiche insufficiente, correggendo la pelle opaca e la disidratazione.

Un efficace dopo sole naturale. Da sottolineare anche l’azione comprovata di quest’olio come crema corpo dopo sole, che aiuta la pelle a prevenire le aggressioni del tempo.

Olio di germe di grano contro le rughe. Sotto forma di olio, anch’esso ricco di proteine e vitamine, il germe di grano si può utilizzare direttamente applicandolo sulla pelle del viso in sostituzione della crema da notte, come antirughe.

Consigli pratici. Basta spalmarne poche gocce sulle palpebre e sulle zone del viso maggiormente soggette alle rughe la sera, prima di dormire. La mattina successiva si noterà una maggiore turgidità della pelle, più liscia e morbida. Conviene applicarlo una volta a settimana, massaggiando localmente sulla zona della pelle pulita, permettendo l’azione per almeno 10-20 minuti, prima di ripulire il tutto con un fazzoletto.

Aiuta contro l'acne. L'assunzione di germe di grano è, secondo alcune ricerche, uno dei pochi rimedi naturali, per via interna, che aiuta ad arginare la comparsa dei brufoli e gli inestetismi prodotti dall'acne. La presenza di una importante quantità di vitamina E serve ad aumentare l'elasticità della pelle che in tal modo è in grado di rispondere più efficacemente alla comparsa dei brufoli.

Un aiuto per i capelli.

E' un olio altamente nutritivo ed aiuta a ristrutturare i capelli rovinati, riparare i danni dovuti a trattamenti decoloranti e tinture, o agenti atmosferici e smog. E' di colore giallo oro e quindi lascia un riflesso gradevole sui capelli biondi, l'odore è particolarmente intenso, tipico del grano, per cui è meglio applicarlo durante la notte. L'olio è estremamente idratante per i capelli quindi va usato se molto secchi effettuando un impacco prima dello shampoo. Le proprietà idratanti allevieranno anche problemi di forfora e secchezza della cute.

Valori nutrizionali e calorie.

Valori nutrizionali e calorie del germe di grano

Per quanto concerne i valori nutritivi e l’apporto calorico che esso comporta, è bene tener presente che ha una composizione che si avvale del 38% di proteine, 15% grassi, 22% di cellulosa ed il restante 5% è costituito dai Sali minerali, quindi è sicuramente un alimento importantissimo per il corretto funzionamento del nostro corpo.

Calorie.

100 grammi di germe di grano apportano un contributo di circa 360 calorie, più o meno l'equivalente di 100 grammi di grano duro, di conseguenza non si può ritenere un alimento ipercalorico.

Composizione vitaminica.

Per quanto concerne la composizione del germe di grano, esso contiene le vitamine del ceppo B (ad esclusione della B2), unite alla lecitina, provitamina A, vitamina D, oltre alla già citata percentuale elevata di vitamina E: tale strutturazione svolge un’azione fondamentale, antiossidante capace di ostacolare il livello dei radicali liberi e quindi tardare l’invecchiamento della pelle, dei capelli e delle cellule in generale.

E' ricco di Omega 3 ed Omega 6.

Il germe di grano ed il relativo olio contengono acidi grassi polinsaturi omega 3 ed omega 6 e di conseguenza apportano tutti i benefici correlati all'assunzione regolare di tali sostanze:

  • Mglioramento dell'efficienza mentale.
  • Riduzione degli stati infiammatori dell’organismo e quindi un toccasana per colite, gastrite e infiammazioni simili.
  • Riduzione del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Il germe di grano in cucina.

Attraverso l’uso in cucina di questo alimento, potremmo avere un apporto notevole e concentrato di fattori benefici, acquisiti in totale leggerezza.

I germi di grano si presenteranno in forma di fiocchi, di conseguenza sono particolarmente adatti alla prima colazione, magari immersi nel latte o in altre bevande vegetali, in alternativa si può consumarli a pranzo o a cena accompagnandoli con zuppe o insalata: cosa fondamentale è evitare di cuocerli, per evitare di comprometterne le proprietà nutritive.

Cos'è il germe di grano e come viene ricavato ?

Il germe di grano proviene dalle cariossidi una volta germogliate: ponendo il chicco ad unione con l'acqua l'embrione aumenta in modo significativo il proprio serbatoio di componenti nutritive, calcio, fosforo, magnesio, amminoacidi e vitamine aumentano il proprio contenuto energetico: per tale motivo è meglio ricavare il germe direttamente dai germogli, piuttosto che dall’essiccazione degli stessi.

Purtroppo tale embrione, essendo microscopico, viene spesso trattato durante la lavorazione della farina di frumento, attraverso un approssimativa raffinazione che ne distrugge le proprietà nutritive. Per mangiare ed acquisire tali proprietà dobbiamo far riferimento ad un'altra tipologia di prodotti: i cereali integrali, che contengono tutte le parti, anche quelle embrionali, del chicco di germe di grano.

Come produrli con il fai da te.

Durante la raffinazione abbiamo visto che si perdono alcuni degli elementi benefici dei germi di grano, pertanto può essere utile capire come consumarli e farsi un idea di come produrli in casa fai da te.

I germi di grano si possono produrre in casa, trattando dei semi biologici e lasciandoli in ammollo per mezza giornata in acqua tiepida. In seguito, andranno immessi in un piatto fondo, coperto da un panno umido che li tuteli dalla luce e dal calore diretto che potrebbero comportare l'essiccamento. La temperatura ideale in cui lasciarli riposare è quella di 20°C, per raggiungere tale obiettivo, è bene bagnarli un paio di volte al giorno, per cinque giorno e poi potranno essere consumati.

Controindicazioni ed effetti collaterali.

Il germe di grano non è adatto alle persone con problemi di celiachia e per gli effetti tonificanti sono presenti controindicazioni in caso di problemi di ipertensione. Si tratta di una vitamina liposolubile e quindi va accompagnata con cibi  grassi per permetterne l'assimilazione. Se si rispettano le dosi consigliate non crea effetti collaterali noti.

Quanto olio consumare? indicazioni sulla dose giornaliera.

Poiché i germi di grano sono un alimento concentrato, e se ne consiglia un'assunzione controllata,  la dose giornaliere ideale da consumare è di un cucchiaio da cucina al giorno, senza assumerlo consecutivamente per oltre 3 giorni.

Germe di grano in gravidanza.

Dal punto di vista estetico l'olio di germe di grano è l'ideale per prevenire le smagliatura in gravidanza. Cospargendo l'intero corpo e lasciando l'olio agire per 20 minuti si incrementa l'elasticità della pelle e si rafforza il film idro-lipidico riducendo in tal modo il rischio di danneggiamento della pelle

Dove si compra e in che forme si trova in commercio?

L'olio di germe di grano è in vendita in qualsiasi erboristeria e ha un costo davvero basso, (difficilmente supera i 5 euro).

Integratori alimentari a base di germe di grano.

In farmacia sono in vendita numerosi integratori a base di germe di grano sotto varie forme, in polvere o in pillole capsule. Chiaramente è questa la forma più adatta per un uso interno del nutriente.

Supervisione:



Torna all'Indice:
Condividi su Facebook
"Germe di grano: proprietà, benefici, controindicazioni e valori nutrizionali"

Diventa Fan