Sapone di aleppo: proprietà, usi, benefici e ricetta.

Quali sono le proprietà del sapone di Aleppo e per cosa si utilizza? Scopri i benefici di questo prodotto e come realizzare in casa delle ottime saponette da utilizzare per la bellezza e la cura della pelle e non solo.

Sapone di aleppo: proprietà, usi, benefici e ricetta

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Ricette
  3. Tipologie
  4. Usi e benefici
    1. Cosmetica
    2. Altri usi
  5. Approfondimenti

Sapone di Aleppo: cos’é?

Il sapone di Aleppo è un prodotto cosmetico naturale costituito da due ingredienti, l’olio di oliva e l’olio di alloro. È un sapone completamente naturale, non prevede l’uso di additivi chimici, conservanti e profumi artificiali, è completamente biodegradabile e, dato che non contiene nulla di chimico, ha una durata limitata, circa 3 mesi. Per questo, per conservarlo è preferibile tenerlo poggiato su un supporto di legno oppure avvolgerlo in un panno di cotone.

Il sapone di Aleppo esiste sia solido che liquido e può essere acquistato nelle migliori erboristerie, parafarmacie e farmacie. I prezzi sono variabili, si va dai 7 euro circa per un panetto di sapone di Aleppo solido, ai 10 – 15 euro di un flacone di sapone di Aleppo liquido da 250 – 500 ml.

Come e dove nasce: la storia.

Il sapone di Aleppo è tipico della città di Aleppo, situata in Siria ma viene prodotto anche in alcune zone della Palestina dove però non contiene olio di alloro, ed è esclusivamente a base di olio di oliva. Le sue origini sono antichissime, si pensa fosse già utilizzato nel 2500 a.C. nella città di Babilonia, e veniva anche utilizzato negli antichi bagni turchi orientali per idratare la pelle mediante un massaggio di qualche minuto. Nell'800 d.C., nel periodo delle crociate, il sapone di Aleppo venne esportato in Occidente,

Come si prepara questo sapone?

La preparazione industriale del sapone di Aleppo avviene con un processo suddiviso in diverse fasi di lavorazione, in dettaglio:

  • Il primo passo del processo è la raccolta delle olive per ricavarne l’olio. La raccolta avviene nel mese di novembre e queste vengono fatte essiccare per almeno un anno, prima di estrarre l’olio.
  • L’olio di oliva viene poi cotto dentro degli emulsionatori, con calore ricavato a partire da legno di olivo che consente di mantenere costante la temperatura.
  • Terminata la fase di cottura, che dura alcuni giorni, vengono aggiunti l’olio di alloro in percentuale variabile, l’acqua e l’idrossido di sodio (che serve a favorire la trasformazione delle sostanze in sapone).
  • Una volta aggiunti tutti gli ingredienti il sapone viene lasciato solidificare in appositi supporti, per alcune settimane.
  • Ottenuto il sapone solido questo viene tagliato in panetti e viene posto il timbro della casa produttrice.
  • L’ultima fase del processo è quella di essiccazione. Il sapone, tagliato in panetti, viene impilato in appositi magazzini di stoccaggio e lasciato essiccare. Durante l’essiccamento il sapone cambia il suo colore, da verde a paglierino, a causa del cambiamento dello stato di ossidazione. Una volta raggiunto il caratteristico colore il sapone è pronto per essere messo in commercio.

Ricetta per preparare il sapone di Aleppo in casa.

Per quanto riguarda invece la preparazione casalinga, la ricetta prevede l’utilizzo di:

  • 1 litro di olio di oliva,
  • due manciate di foglie di alloro
  • 125 g di soda caustica (la si può acquistare in farmacia).
  • 185 g di infuso di alloro

La preparazione può essere a caldo o a freddo. Iniziamo spiegando il procedimento per la preparazione a caldo:

  • preparare l’ olio di alloro: porre le foglie di alloro in un contenitore e versare 500 ml di olio di oliva. Lasciare riposare per due settimane, possibilmente in un ambiente caldo ad esempio su un termosifone o direttamente al sole.
  • Preparare l’infuso di alloro, ponendo le foglie in infusione in acqua bollente. Una volta ottenuto l’infuso, lasciare raffreddare fino a che l’acqua non raggiunge i 40°C.
  • Aggiungere lentamente l’infuso alla soda caustica, mescolando delicatamente per farla sciogliere tutta.
  • Riscaldare a bagnomaria l’olio di oliva e l’olio di alloro, avendo cura che l’acqua utilizzata per il procedimento raggiunga la temperatura di 40°C.
  • Quando entrambe le miscele sono pronte ed hanno la stessa temperatura mescolarle delicatamente tra loro e successivamente frullarle con un mixer.
  • Una volta ottenuto il composto frullato il tutto va cotto a bagnomaria per almeno due ore.
  • Versare il sapone negli stampi e lasciato solidificare per circa 3 giorni, trascorsi i quali il sapone potrà essere tagliato.
  • Dopo il taglio il sapone va fatto essiccare per circa sei mesi.

La preparazione a freddo prevede le stesse fasi di quella a caldo eccezion fatta per la cottura a bagnomaria. Dopo aver frullato il composto quindi lo si mette direttamente negli stampi.

Tipologie: come cambia il sapone di Aleppo in base alle percentuali degli ingredienti.

Come precedentemente accennato il sapone di Aleppo è prodotto a partire da due ingredienti principali, l’olio di oliva e l’olio di alloro.I

Puoi approfondire le proprietà dell'olio di oliva

In base alle percentuali dei due diversi oli (in particolare dell’olio di alloro) si distinguono diverse tipologie di sapone di Aleppo, ognuna consigliata per un particolare problema. 

Ad esempio:

  • Quando i due oli sono presenti nella stessa percentuale (50% olio di alloro e 50% olio di oliva) il sapone è particolarmente indicato per uso cosmetico, in particolare per detergere il corpo, ed in generale è da utilizzarsi per tutti i trattamenti di bellezza.
  • Se le percentuali sono 70% di olio di oliva e 30% di olio di alloro, il sapone è utile per il trattamento delle affezioni cutanee, in particolare per tutte le tipologie di infiammazioni della pelle.
  • Quando abbiamo una percentuale di olio di alloro del 20% e di olio di oliva dell’80%, il sapone è utile come cosmetico per tutti i tipi di pelle, secca, mista o grassa.
  • Con percentuali di olio di alloro del 16% e di olio di oliva dell’84%, il sapone di Aleppo ha un uso terapeutico nei confronti di affezioni cutanee quali psoriasi, acne, eczemi e dermatiti.
  • Quando le percentuali di olio di alloro sono molto basse invece, intorno al 4 -8 %, il sapone è indicato come antisettico cutaneo, per disinfettare e detergere pelli grasse e miste. Non è indicato per pelli secche.

Utilizzi e benefici di questo sapone.

Grazie al fatto che è costituito solo da ingredienti naturali, il sapone di Aleppo ha numerosi benefici a livello cosmetico e può essere usato per molte preparazioni di bellezza. In alcuni casi può essere usato anche per preparazioni non cosmetiche.

Le proprietà cosmetiche

Grazie al contenuto di olio di oliva e olio di alloro, il sapone di Aleppo ha numerose proprietà tra cui:

  • antisettiche, ovvero aiuta a contrastare eventuali infezioni causate dai batteri presenti sulla pelle.
  • detergenti, ovvero aiuta a detergere delicatamente la cute per eliminare lo sporco in eccesso.
  • idratanti, cioè aiuta a mantenere la corretta idratazione cutanea.
  • antibatteriche, evita cioè la moltiplicazione batterica incontrollata.
  • antiossidanti, previene cioè l’invecchiamento cutaneo.
  • disinfettanti, ovvero aiuta ad eliminare dalla cute eventuali patogeni.
  • antinfiammatorie, riduce cioè lo stato infiammatorio della cute.
  • lenitive, riduce cioè il dolore legato a stati infiammatori o infezioni batteriche.

Inoltre è adatto anche a soggetti allergici o intolleranti a sostanze chimiche e profumi.

Grazie alle sue numerose proprietà in cosmetica può essere usato:

  • Come detergente per i capelli, specialmente in tutti quei casi in cui vi è presenza di forfora o di sebo in eccesso. Per un migliore risultato si consiglia di utilizzare acqua mista ad aceto per risciacquare via il sapone dopo averlo utilizzato come shampoo.
  • In caso di pelle grassa, con eccesso di sebo cutaneo, punti neri e pori ostruiti. Il sapone di Aleppo aiuta a detergere, eliminare il grasso in eccesso ed aprire i pori,
  • Prima della depilazione in quanto, associato ad acqua calda, favorisce la dilatazione dei pori e migliora la qualità della rasatura.
  • Come struccante, da applicare sul viso per circa 3 – 5 minuti come se fosse una vera e propria maschera viso, e da risciacquare poi con acqua tiepida.
  • Come detergente intimo in quanto non altera il pH fisiologico della pelle e delle parti intime essendo un prodotto completamente naturale.
  • Per l’igiene dei neonati e dei bambini piccoli, in quanto non provoca allergie ed irritazioni cutanee.
  • Per detergere pelli affette da patologie quali acne, psoriasi, orticaria, dermatite seborroica, micosi ed eczema, grazie alle sue proprietà antibatteriche, lenitive ed antinfiammatorie. In questo caso si consiglia di eseguire un lavaggio delicato delle parti colpite con il sapone, lasciare agire qualche minuto la schiuma formatasi e poi risciacquare delicatamente.
  • Come detergente contro l’invecchiamento cutaneo e le rughe, grazie alle proprietà antiossidanti conferite dagli oli vegetali (l’olio di oliva in particolare contiene sostanze antiossidanti quali vitamina E e polifenoli).
  • Per favorire la cicatrizzazione di piccole ferite grazie alle sue proprietà disinfettanti ed antisettiche.

Essendo un prodotto completamente naturale il sapone di Aleppo non è tossico ma l’unico accorgimento è di evitare il contatto diretto con gli occhi poiché, anche se vegetale, potrebbe causare una leggera irritazione o un lieve bruciore.

Uso non cosmetico del sapone di Aleppo

Oltre all’uso cosmetico, il sapone di Aleppo poi può essere utilizzato anche per usi non cosmetici. Ad esempio è un ottimo disinfettante se aggiunto all’acqua di lavaggio del bucato a mano, o può essere aggiunto in scaglie al classico detersivo della lavatrice, può essere usato per lavare i piatti grazie alle sue proprietà antibatteriche e infine, se posto nei cassetti o negli armadi, ha effetti anti-tarme e anti-acari.

Supervisione: Maria Grazia Cariello. Collaboratori: Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista)

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Sapone di aleppo: proprietà, usi, benefici e ricetta"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...