Meditazione trascendentale: tecnica, esercizi e benefici

Ultimo aggiornamento:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Jessica Zanza
(Specialista in farmacia)

La meditazione trascendentale è una pratica che accomuna milioni di persone nel mondo. Deriva dall'India e dalle antiche conoscenze vediche sul potenziale dell'essere umano. Oggi è tramandata da Maharishi Mahesh Yogi, il maggiore studioso di testi Veda. La scienza sta ancora studiando gli effetti psico-fisici di questo tipo di attività mentale, ma coloro che la praticano assicurano di riceverne grandi benefici a livello sia fisico che mentale.

    Indice Articolo:
  1. Cos'è?
    1. Principi
  2. Come si impara?
    1. Apprendimento
    2. Follow-up
    3. Costo
  3. Benefici
    1. Stress
    2. Dipendenze
    3. Cuore

Cos’è la meditazione trascendentale?

La meditazione trascendentale è una tecnica di meditazione fondata dal mistico e filosofo indiano Mahesh Prasad Varma (1918-2008), noto come Maharishi Mahesh Yogi. Dal 1958, anno in cui venne fondata da Maharishi, la tecnica ottenne numerosi consensi in India per poi diffondersi su scala globale grazie alle celebrità, dai Beatles a Hugh Jackman, passando per l’eclettico regista David Lynch, che ha istituito una fondazione (David Lynch Foundation) per la raccolta di fondi destinati alla diffusione della sua pratica.

Puoi approfondire le tecniche di meditazione.

Lo scopo della meditazione è trascendere l'attività pensante della mente e raggiungere la sorgente del Pensiero, raggiungendo l'auto-consapevolezza di sé stessi. Anche il corpo viene interessato in questo processo, esso riceve uno stato di un vigile riposo che dona all'organismo un effetto di rigenerazione delle forze a livello fisico e di tranquillità a livello mentale.

In cosa consiste questa tecnica meditativa?

La meditazione trascendentale, che può essere effettuata da tutti indipendentemente dal proprio credo, non essendo una religione, è semplicissima e consiste nel ripetere un mantra (cioè una parola assegnata dall'insegnante) per 20 minuti 2 volte al giorno. In tal modo, il praticante può raggiungere il quarto stato di coscienza (cioè la sorgente dei pensieri) che, secondo i fautori di questa pratica, fornisce riposo sia alla mente, sia al corpo, favorendo il recupero delle energie e il raggiungimento della pace interiore.

Come s’impara la meditazione trascendentale?

Benché la tecnica sia molto semplice, per apprenderla occorre rivolgersi a insegnanti qualificati, addestrati a insegnarla agli allievi indipendentemente dal loro stato d’animo, dal livello culturale o dal credo religioso.

Il corso si suddivide in due fasi:

Apprendimento.

L’apprendimento avviene in 4-5 sessioni della durata di 2 ore ciascuna, distribuite in 4-5 giorni consecutivi.

Follow-up.

Il Follow-up non è obbligatorio, perché il corso fornisce tutte le nozioni necessarie per praticare la meditazione trascendentale in piena autonomia; tuttavia, gli insegnanti lo consigliano affinché i praticanti siano sicuri di eseguirla correttamente e non smettano di meditare.

Il follow-up, in particolare, consiste in:

Ma quanto costa apprendere la tecnica?

Il corso di meditazione trascendentale non è gratuito, ma è richiesto il pagamento di una quota associativa, di entità differente a seconda che si voglia seguirlo da soli, in coppia o con l’intera famiglia.

Come riportato nel sito ufficiale, infatti:

Per maggiori informazioni su dove seguire i corsi, vi basterà visitare il sito ufficiale.

I benefici (reali o presunti) della meditazione trascendentale

I seguaci della Meditazione Trascendentale professano di ricevere grandi benefici attraverso questa disciplina mentale.Il benessere psico fisico può così riassumersi:

Riduce stress, ansia e depressione.

Le tecniche di meditazione in generale, non solo quella discussa nell'articolo, possiedono effetti positivi da lievi a moderati su dolore, stress, ansia e depressione come evidenziato da una metanalisi pubblicata su Jama Internal Medicine. I fautori della Meditazione Trascendentale inoltre asseriscono che aiuti anche a livello comportamentale, favorendo rapporti interpersonali più cordiali, aumentando il senso di sicurezza della persona e incrementando la capacità comunicativa dell'individuo.

Contrasta le dipendenze.

I sostenitori della meditazione trascendentale affermano che questa tecnica possa esser d’aiuto anche per contrastare le dipendenze da nicotina, alcol o altri stupefacenti.

Riduce le patologie cardiometaboliche.

I seguaci sostengono che sono stati condotti circa 600 studi scientifici che evidenziano tali benefici. Quello che possiamo dire con sicurezza è che valutando gli ultimi studi su soggetti cardiopatici, in particolare uno durato 9 anni su soggetti afro-americani di entrambi i sessi con problemi cardiovascolari, gli individui che meditavano quotidianamente ricevevano miglioramenti riscontrabili sui livelli di pressione arteriosa (circa - 5 mm Hg in media) e sulle percentuali di morti per attacchi cardiaci e ictus (47% in meno) rispetto a pazienti che non praticavano la meditazione (lo studio è stato condotto dal Medical College di Milwaukee - USA).

I dati ottenuti, però, non sono obiettivi, dal momento che (come riportato nel sito ufficiale) le ricerche sono state condotte da 211 università e istituti affiliati e, dunque, non sono scevre da conflitto d’interessi. Di conseguenza, sono necessari studi indipendenti che facciano maggiore chiarezza sulle varie questioni.

Informazioni Sugli Autori:

Consulente Scientifico:
Dottoressa Jessica Zanza
(Specialista in farmacia)

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.