Valori del colesterolo: livelli alti, bassi e normali di LDl, HDL e colesterolo totale

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

Come si leggono i valori del colesterolo? Quando si può parlare di valori alti o bassi di LDL o HDL? E quali sono i valori corretti per il colesterolo totale? Approfondiamo come viene valutata la colesterolemia e quale deve essere il rapporto tra colesterolo cattivo e colesterolo buono per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

    Indice Articolo:
  1. Valori normali del colesterolo
  2. Colesterolo alto
  3. Colesterolo basso

Quali sono i valori normali del colesterolo?

I valori del colesterolo totale sono dati dalla somma dei valori di colesterolo LDL più i valori di colesterolo HDL. Ma quali sono i parametri ritenuti normali, e quando invece i valori sono alti o bassi?

I valori di riferimento del colesterolo, secondo il NCEP (National Cholesterol Education Program) sono:

I grassi come il colesterolo per circolare nel sangue si uniscono alle proteine ed ad altre sostanze dando vita a varie lipoproteine:

  • VLDL, lipoproteine a densità molto bassa
  • LDL, lipoproteine a bassa densità
  • HDL, lipoproteine ad alta densità

Puoi approfondire le differenze tra colesterolo buono e cattivo.

Naturalmente tali valori vanno sempre riportati alle caratteristiche del soggetto: sesso, età, presenza di malattie cardiovascolari in famiglia, ecc..

L’organismo regola autonomamente i livelli di lipoproteine aumentando o diminuendone la produzione, e regola inoltre, la velocità con cui esse vengono rilasciate o rimosse dal circolo. L’alterazione dei livelli di colesterolo può essere dovuta all’invecchiamento, a patologie, all’uso di alcuni farmaci, ed allo stile di vita (dieta, attività fisica).

E’ importante tenere sotto controllo i valori del colesterolo, effettuando almeno una volta l’anno, (l’ideale sarebbe ogni 6 mesi), delle analisi del sangue, soprattutto se si è superata la soglia dei 50 anni d’età.

A differenza di altre patologie, infatti, il colesterolo non ha una sintomatologia precisa che può fare da campanello d’allarme per farci correre ai ripari.

Colesterolo alto: quando i livelli di HDL e LDL superano il limite.

Vediamo adesso quando i valori di colesterolo buono o cattivo sono considerati oltre il limite.

Nel caso in cui l’LDL sia particolarmente elevato si può andare incontro a problemi come l’aterosclerosi che possono sfociare addirittura in infarto o in un ictus.

Tuttavia non tutti i tipi di colesterolo aumentano tale rischio, mentre livelli elevati di colesterolo LDL aumentano sempre il rischio, livelli elevati di colesterolo HDL possono ridurre il rischio, mentre livelli bassi di HDL l’ aumentano.

  • Rischio Basso = Colesterolo Totale minore di 200 mg/dl - Colesterolo HDL maggiore di 60 mg/dl.
  • Rischio Moderato = Colesterolo Totale compreso tra 200-250 mg/dl – Colesterolo HDL minore di 35 mg/dl.
  • Rischio Elevato = Colesterolo Totale maggiore di 250 mg/dl – Colesterolo HDL minore di 35 dl/mg.

Oggi è chiaro che bisogna fare distinzione colesterolo cattivo e colesterolo buono, e che la pericolosità del colesterolo deriva dalla percentuale di HDL in proporzione alla colesterolemia totale.

In generale si può dire che:

Un altro parametro di riferimento facilmente calcolabile è quello del rapporto tra HDL e la colesterolemia totale, il soggetto viene considerato a rischio se questo risulta superiore a 5 per gli uomini e 4, 5 per le donne.

In ogni caso è possibile intervenire e regolarizzare i valori del colesterolo seguendo una dieta per il colesterolo, praticando una regolare attività sportiva e nei casi più gravi assumendo farmaci ed integratori alimentari, naturalmente sotto stretto controllo medico

Livelli di colesterolo bassi.

Livelli di colesterolo bassi, anche se non rischiosi come quelli alti, sono pericolosi perchè sono indice di una compromissione dello stato di salute generale, in quanto il colesterolo è una sostanza che svolge numerose funzioni essenziali per il nostro organismo.

Bassi livelli di colesterolo possono essere dovuti a ipercolesterolemie primitive che sono disturbi ereditari:

Quando i valori di colesterolo totale sono inferiori a 120 mg/dl possono indicare la presenza di qualche patologia quali:

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sui Consulenti Scientifici

BLOG WORKOUT SHIRT APP
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.