Vitamine idrosolubili: dove si trovano, quali sono e a cosa servono

Approfondiamo la conoscenza delle vitamine idrosolubili: quali sono? A cosa servono? In quali alimenti si trovano e quali rischi comporta la carenza di queste vitamine solubili in acqua? Conosciamo meglio questi importanti nutrienti.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
  2. Dove si trovano?
  3. A cosa servono?
  4. Carenza e rischi
  5. La vitamina C nei farmaci

Quali sono le vitamine idrosolubili e quali le loro caratteristiche principali?

Le vitamine idrosolubili sono una delle due principali categorie di vitamine e, a differenza delle liposolubili, che si sciolgono nei grassi, hanno la capacità di sciogliersi in acqua.

L’idrosolubilità ha diversi effetti positivi sull’attività biologica di queste vitamine, uno dei quali è il bassissimo rischio di sovradosaggio.

Le vitamine idrosolubili sono 9 in tutto:

Dal punto di vista della biochimica, le vitamine idrosolubili non necessitano di trasformazione per essere digerite e assorbite, né vengono sottoposte a reazioni metaboliche; il corpo le assorbe direttamente e le utilizza tali e quali, senza modificarle in alcun modo.

Le vitamine idrosolubili non apportano calorie e sono micronutrienti, cioè nutrienti di cui l’organismo ha bisogno in piccole quantità per conservare il benessere, ma non per questo sono meno importanti per il corretto svolgimento delle funzioni biologiche.

La solubilità in acqua conferisce queste vitamine due pregi:

Al contrario una vitamina liposolubile, come per esempio la vitamina k, può essere assorbita solo se si lega ad uno specifico trasportatore e se in eccesso causa tossicità.

Dove si trovano queste vitamine: gli alimenti che le contengono.

Come nel caso di tutte le altre sostanze, alcuni alimenti contengono più vitamine idrosolubili di altri.

I cibi che ne sono più ricchi sono lievito, fegato, carne, latte, uova.

Riportiamo in tabella le vitamine idrosolubili e gli alimenti in cui sono contenute:

  B1 B2 B6 B12 Niacina Acido folico Acido pantotenico Biotina C
Germe di grano

X

 

X

           
Lievito

X

X X   X   X    
Latte X X   X       X  
Fegato   X X X   X X    
Rene   X       X X    
Cuore   X       X      
Carni     X X X   X X  
Pesce       X X   X X  
Formaggi             X    
Uova   X   X     X X  
Vegetali                  
Agrumi           X     X
Pane integrale X         X      

Il contenuto di vitamine idrosolubili nei cibi si riduce a causa di trattamenti termici, come per esempio la pastorizzazione del latte o la bollitura delle verdure, e per l’esposizione alla luce e all’aria.

A cosa servono le idrosolubili? Funzioni principali e proprietà benefiche.

Come è facile intuire, le funzioni svolte dalle vitamine idrosolubili nel nostro organismo sono molte e tutte fondamentali per mantenere una buona salute. Nello specifico:

Cosa comporta la carenza di vitamine idrosolubili nell’organismo? Rischi e conseguenze.

Le conseguenze dovute a una carenza di vitamine idrosolubili sono diverse.

La carenza di vitamina b6 e/o di vitamina b1 e/o di acido nicotinico (nicotina) determina la comparsa di disturbi del sistema nervoso.

In particolare l’ipovitaminosi di vitamina b1 si manifesta con una sindrome tipica chiamata beri-beri, molto frequente in Oriente, caratterizzata da nevrite (infiammazione di una fibra nervosa) ed insufficienza cardiaca.

Se manca la vitamina b6 aumenta il rischio di convulsioni.

La carenza di niacina provoca le cosiddette tre D, cioè demenza, dermatite e diarrea.

Per quanto riguarda l’acido folico, il fabbisogno aumenta in modo considerevole durante la gravidanza e non può essere soddisfatto con la sola alimentazione. Il deficit di acido folico nelle donne gravide determina nel neonato la cosiddetta spina bifida, una malformazione caratterizzata dalla mancata fusione dei dischi vertebrali.

Approfondisci cosa è l'acido folico e perchè è così importante in gravidanza.

Questo rischio viene scongiurato con la somministrazione di integratori dall’inizio della gravidanza in modo da coprire il fabbisogno. La carenza di vitamina c causa invece lo scorbuto, una malattia caratterizzata da una sintesi difettosa di ossa, cartilagine e tessuto connettivo.

Le carenze più “improbabili”!

È chiaro che qualunque vitamina può non raggiungere un livello sufficiente nell’organismo, ma per alcune in particolare è davvero raro che accada: è il caso della vitamina b12, dell’ acido pantotenico e della biotina!

  • Nel caso della vitamina b12 i depositi di cui l’organismo è dotato sono abbondanti, perciò gli stati carenziali sono rari e si manifestano solo dopo una carenza di lunga durata. Nei casi di carenza si sono osservati disturbi a carico del sistema nervoso.
  • L’acido pantotenico non è mai carente perché la sua presenza negli alimenti è quasi ubiquitaria, quindi riusciamo a coprire ampiamente il fabbisogno con una dieta variata. Non è possibile individuare con precisione i sintomi di ipovitaminosi di acido pantotenico in quanto la sua carenza si associa sempre a quella di altre vitamine.
  • La sintesi della biotina avviene ad opera della flora batterica presente nel nostro intestino e questo non rende indispensabile la sua assunzione con il cibo. L’unico caso in cui si può manifestare il deficit è in concomitanza di un consumo molto frequente di tuorli d’uovo crudi perché essi contengono l’avidina, una sostanza in grado di legare la biotina impedendone così l’assorbimento. La carenza si manifesta con desquamazione cutanea.

Fattori che possono ostacolare l’assorbimento di questo gruppo vitaminico.

Esistono casi in cui l’assorbimento delle vitamine idrosolubili può essere ostacolato, ad esempio:

Medicina e Vitamina C: l’impiego dell’acido ascorbico nei farmaci.

Recenti studi sostengono l’ipotesi che gli integratori di vitamina c potrebbero essere utili nel trattamento del morbo di Parkinson. I malati parkinsoniani hanno una ridotta concentrazione nel sangue dell’ormone noradrenalina e, per sopperire a questa carenza, devono assumere un farmaco a base di L-dopa, il precursore della noradrenalina.

Si è visto che la vitamina C ha la capacità di convertire la dopa in noradrenalina, perciò la combinazione di L-dopa e vitamina C sembra potenziare sensibilmente l’efficacia del farmaco. Inoltre grazie all’elevato potere antiossidante, la vitamina C:

Essa viene usata anche nell’industria alimentare come conservante, per garantire ai cibi, in maniera naturale, tempi di conservazione più lunghi.

Ancora una volta, sembra chiaro che le vitamine abbiano un ruolo determinante per la nostra salute e bisogna cercare quindi di assumerne le giuste quantità nella cornice di una dieta bilanciata e variata. Può essere anche una sfida divertente per mettere alla prova la nostra fantasia culinaria!

Supervisione: Collaboratori: Dott.ssa Valentina Coviello (Biologa) - Silvia Barcellona

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. (Maggiori Informazioni) Se prosegui accetti tale utilizzo.