Tiglio: proprietà, benefici e controindicazioni

Albero maestoso dalle preziose proprietà terapeutiche, il tiglio viene impiegato fin dall’antichità a scopi curativi. Scopriamo insieme in dettaglio i benefici che esso apporta, le controindicazioni e gli usi che se ne fanno.

    Indice Articolo:
  1. Proprietà e benefici
  2. Utilizzo
  3. Controindicazioni

Proprieta' e benefici del tiglio.

Il tiglio è un maestoso albero le cui foglie, fiori e gemme contengono svariati tannini, flavonoidi e cumarine, principi attivi che conferiscono alla pianta diverse proprietà benefiche, vediamole nel dettaglio:

Proprietà cosmetiche: pelle giovane ed elastica.

Il tiglio contiene importanti fitochimici come fitoli, l’isoquercetina e l’acido ialuronico la cui azione sinergica inibisce le metallo-proteasi del connettivo la cui funzione e quella di degradazione del collagene. Gli stessi componenti inoltre, hanno un effetto inibitorio anche sull’elastasi, enzimi capaci di degradare le fibre di elastina, responsabili dell’elasticità della pelle.

Da queste straordinarie proprietà scaturiscono importanti benefici che il tiglio è in grado di donare all’organismo:

Varietà dell’albero.

Appartenente al genere Tilia il Tiglio ha un grosso tronco, folto fogliame verde brillante e fiori gialli molto profumati. Si conoscono 5 varietà di tiglio:

  • Tilia cordata: si tratta della specie selvatica che in genere non raggiunge grandi altezze e possiede foglie verdi scuro brillante. I suoi fiori e le sue foglie sono utilizzati in campo erboristico.
  • Tilia platyphyllos o europea: diffusa in tutta Europa, possiede fiori profumatissimi ed è la più utilizzata in campo fitoterapico.
  • Tilia americana: è la specie più imponente raggiungendo notevoli altezze e ad essere utilizzato è soprattutto il suo legno.
  • Tilia intermedia: nata da un ibrido della tilia cordata e della europea, questa specie è la meno diffusa ma viene utilizzata anch’essa a scopi terapeutici.

Come si usa il Tiglio? Forme e posologia.

Disponibili in erboristeria sotto forma di estratto secco, o anche in farmacia come capsule e gocce, il tiglio viene ampiamente utilizzato in fitoterapia a scopi curativi.

Vediamo come:

Controindicazioni.

Il tiglio non ha particolari controindicazioni, tuttavia viene sconsigliato in caso di:

Supervisore: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Valentina Coviello (Biologa)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. (Maggiori Informazioni) Se prosegui accetti tale utilizzo.