Dieta del riso: funziona per dimagrire velocemente? Schema e menù

Analizziamo come funziona la dieta del riso illustrando gli schemi delle fasi ed i menù tipo da seguire per dimagrire velocemente e depurare l’organismo dalle tossine. Funziona? Quali sono le caratteristiche e le controindicazioni di questa dieta? In che modo si possono ottimizzare i risultati?

    Indice Articolo:
  1. In cosa consiste?
  2. Schema dieta
    1. Dieta in due fasi
    2. Dieta nove giorni
  3. Menù
  4. Funziona?
  5. Rischi per la salute

In cosa consiste la dieta del riso?

Come si può intuire dal nome, la dieta del riso è un piano alimentare basato sull’assunzione principalmente di riso e di pochissimi altri alimenti al fine di perdere peso in maniera veloce. Questo cereale che viene dall’Oriente è ricco di proprietà benefiche, utili per chi ha bisogno di rimettersi in forma e snellire in particolare alcune parti del corpo (per esempio appiattire la pancia).

Ma perché il riso fa bene?

Grazie alla composizione di nutrienti, il riso è un alimento ideale da inserire nell’ambito delle diete ipocaloriche; certamente salutare e ricco di proprietà benefiche per l’organismo, è costituito quasi interamente da carboidrati, in quanto la maggior parte delle proteine viene persa durante i processi di lavorazione, ed ha inoltre un bassissimo contenuto di grassi.

L’apporto calorico non varia molto da una varietà all’altra di questo cereale ed è di circa 330 Kcal per 100 g.

Il riso è particolarmente ricco anche di micronutrienti, cioè di vitamine (in particolare quelle del gruppo B) e sali minerali (i più presenti sono fosforo, potassio e calcio).

Osserviamo, dunque, nella seguente tabella quali sono nello specifico i valori nutrizionali per 100 g di riso:

Calorie 330 ca.

Proteine 6.5 g

Lipidi 0.52

Fibre 2.8 g

Carboidrati 79.15 g

Acqua 13.29 g

Ma sono anche le altre caratteristiche proprie del riso a renderlo un alimento ideale per le diete, tra cui:

La dieta a base di riso, proprio grazie alle caratteristiche appena elencate di questo cereale, assicura un certo senso di sazietà e permette di cucinare molte pietanze, in modo da non scontentare nessun palato. Non ti sembra vero? Invece è così.

Esistono 2 tipologie: lo schema in due fasi e la dieta dei 9 giorni, vediamo come funzionano.

Pur mantenendo lo stesso obiettivo, esistono diverse varianti di tale regime dietetico che differiscono per l’apporto calorico consentito e per la qualità degli alimenti permessi. 

Ora prendiamo in considerazione due varianti della dieta del riso ed esaminiamo le relative differenze, che possono tener conto di esigenze diverse:

Prima tipologia: dieta in due fasi.

Meno drastica, prevede il susseguirsi di due distinte fasi:

La prima fase, detta di disintossicazione, con le seguenti caratteristiche:

In questo primo periodo vi è un calo di peso molto significativo, per lo più dovuto alla perdita di liquidi e all’assunzione del riso integrale che fa sgonfiare. In genere questa fase non deve durare più di 2-3 settimane, in quanto un regime alimentare così restrittivo è molto difficile da mantenere e, se protratto, può provocare gravi danni alla salute. Quindi, non esagerare!

la seconda fase risulta maggiormente bilanciata rispetto alla precedente e può durare anche più a lungo. Le sue caratteristiche sono:

L’alcool dovrebbe essere del tutto abolito, così come le bevande gassate o zuccherate. Ricordati poi di bere circa 2 litri di acqua al giorno, quantità indispensabile per il corretto funzionamento renale e dell’intero organismo.

Seconda tipologia: dieta in tre fasi o dei nove giorni.

Una seconda variante della dieta del riso, ancor più restrittiva rispetto all’altra, prevede invece tre diverse fasi, ognuna delle quali caratterizzata dall’assunzione di un solo alimento e della durata complessiva di 9 giorni; non si tratta, infatti, di un piano alimentare che si può seguire a lungo, sia a causa dello squilibrio di nutrienti che può causare malnutrizione, sia perché psicologicamente è molto difficile seguire una dieta di questo tipo.

La fase 1 ha queste caratteristiche:

La fase 2 invece prevede:

Infine la fase 3:

Seguendo questo piano alimentare è possibile perdere fino a 5 Kg nei 9 giorni previsti!

Come già accennato, la dieta non impone limiti di quantità nell’assunzione di riso, anche se la dose ideale è di circa 50-60 g per porzione; invece, tra i vari tipi disponibili sul mercato, possiamo affermare che la qualità integrale è la migliore, perché è meno sottoposta a lavorazione delle altre e per questo conserva quasi inalterate le sue proprietà nutritive.

Ora vogliamo dare una “dritta” a chi ha bisogno di dimagrire velocemente! Vediamo infatti un esempio di menù giornaliero rappresentativo della dieta del riso, parlando ovviamente della prima variante descritta, che include diversi alimenti oltre a questo cereale. La giornata tipo prevede il seguente schema:

Colazione: un bicchiere di latte di riso (o uno yogurt magro) e 2 gallette di riso con l’aggiunta di 2 cucchiaini di marmellata 100% frutta, oppure con 3 biscotti di riso o 3-4 cucchiai di riso soffiato.

Spuntino: un frutto o un bicchiere di succo di frutta non zuccherato.

Pranzo: 60 g di pasta di riso, o in alternativa 50 g di riso integrale o risotto (senza soffritto), da condire con 50 g di formaggio fresco, un cucchiaio di olio extravergine di oliva e verdure varie.

Merenda: un frutto o un bicchiere di succo di frutta non zuccherato.

Cena: 40 g di riso condito con gamberi cotti al vapore (oppure pesce magro al vapore, carne bianca alla piastra, 100 g di bresaola o 2 uova sode con 2 gallette di riso), insalata mista (o verdure miste alla griglia) condita con un cucchiaino di olio di oliva.

Nonostante sia fortemente ipocalorico, questo schema dietetico risulta abbastanza equilibrato dal punto di vista dei nutrienti, anche se le restrizioni imposte provocano come conseguenza una scarsa varietà di cibi (che è alla base di qualsiasi piano alimentare corretto), rendendolo dunque difficile da seguire per molto tempo. Per questa ragione è sconsigliato prolungare la dieta oltre i giorni stabiliti, in quanto gli effetti dimagranti sono studiati proprio in base alla sua durata specifica.

Attieniti strettamente alle indicazioni della dieta del riso. Non solo ne va della tua salute, ma facendo di testa tua potresti anche compromettere o rallentare il dimagrimento!

Questo piano alimentare funziona per dimagrire?

Come già ricordato, se si segue alla lettera lo schema fornito, la dieta del riso è un piano alimentare ipocalorico che comporta un immediato calo ponderale, specialmente se in contemporanea si pratica una regolare attività fisica.

In particolare, riferendoci al regime alimentare suddiviso in 3 fasi, è molto semplice perdere chili poiché esso è molto restrittivo; tuttavia, il calo di peso in questo caso non coincide con una corretta alimentazione e non fa perdere massa grassa ma per lo più liquidi, fenomeno che può provocare anche malori durante i giorni di dieta. Ecco perché la dieta del riso non andrebbe considerata una soluzione definitiva contro i chili di troppo, quanto piuttosto una terapia d’urto momentanea in preparazione di un vero e costante cambiamento nelle proprie abitudini alimentari!

Puoi approfondire le caratteristiche di una corretta dieta ipocalorica per un sano dimagrimento.

Invece, la prima variante di dieta del riso è sicuramente più salutare, soprattutto nella sua seconda fase, dove gli alimenti concessi sono molti e vengono esclusi solo i cibi molto grassi e conditi; anche in questo caso, comunque, la perdita di peso è notevole e la silhouette risulta molto più snella.

La risposta alla domanda è dunque sì: la dieta del riso fa davvero dimagrire, ma non essendo mirata all’educazione alimentare, probabilmente sarà molto semplice riacquistare il peso perduto una volta tornati alle solite (sbagliate) abitudini alimentari.

L’unica soluzione per acquistare e conservare una linea ideale è quella di seguire una dieta bilanciata per il mantenimento del peso forma, che non escluda categoricamente nessun gruppo alimentare, che preveda un calo di peso graduale e che insegni ad alimentarsi abitualmente in maniera corretta, assumendo uno stile di vita sano e attivo.

Qualche ricetta “light” a base di riso.

Ci siamo: hai deciso di provare la dieta del riso e rispettare tutte le istruzioni che ti abbiamo dato. Ora quel che davvero ti spaventa è la prospettiva di dover mangiare solo piatti monotoni e insapori? Niente affatto! Proprio per non lasciarti in balia di una dieta anonima e senza fantasia, ti suggeriamo un paio di sfiziose ricette ipocaloriche a base di riso da inserire nel tuo speciale piano alimentare.

La prima è un’insalata di riso integrale con pomodorini, olive e tonno, per cui occorrono i seguenti ingredienti:

  • 50 g di riso integrale;

  • 1 confezione di tonno al naturale da 80 g;

  • 25 g di olive nere o verdi;

  • 75 g di pomodori ciliegino;

  • qualche foglia di basilico;

  • un quarto di cipolla rossa;

  • un cucchiaino di olio extravergine di oliva;

  • sale (pochissimo) e pepe.

Far bollire il riso in abbondante acqua salata; una volta cotto, scolarlo e passarlo sotto il getto d’acqua fredda. Nel frattempo, mettere in una ciotola capiente i pomodorini puliti e divisi in quattro parti, la cipolla sbucciata e affettata, il tonno sbriciolato e le olive, poi aggiungere il riso, un poco di sale e pepe, l’olio e guarnire con le foglie di basilico.

La seconda ricetta è invece per gli amanti del risotto, ai quali ne proponiamo uno veramente fresco e leggero: il risotto al limone.

Ingredienti:

  • 50 g di riso (qualunque tipo andrà bene);

  • la buccia di mezzo limone biologico;

  • 250 ml di brodo vegetale;

  • un cucchiaino di olio extravergine di oliva;

  • un quarto di cipolla;

  • qualche foglia di prezzemolo;

  • un pizzico di sale;

  • pepe bianco.

Per la preparazione del risotto è fondamentale rinunciare al soffritto che lo renderebbe troppo grasso; infatti bisogna mettere a cuocere la cipolla sbucciata e tagliata a pezzettini in un tegame con una tazzina di brodo caldo. Trascorsi 5 minuti, versare il riso e farlo tostare per un po’; quando sarà diventato trasparente, grattuggiarci sopra la scorza di limone e cominciare ad aggiungere il brodo un mestolo alla volta fino alla cottura (circa 16-18 minuti), girando continuamente per evitare che si attacchi al fondo. Infine, togliere il tegame dal fuoco prima di condire con il cucchiaino d’olio, il pizzico di sale, un po’ di pepe bianco e il prezzemolo.

Adesso tocca a te! Mettiti subito ai fornelli per dimagrire con la dieta del riso!

Programma dietetico a base di riso: quali sono i rischi per la salute?

C’è solo un ultimo aspetto da considerare, a questo punto. Se anche tu hai deciso di metterti alla prova con la dieta del riso, quali conseguenze dovrai aspettarti per la tua salute? In questo paragrafo cercheremo di spiegarlo.

La dieta del riso, così come tutte quelle monocibo ed eccessivamente restrittive, che ultimamente vanno tanto di moda (soprattutto con l’avvicinarsi della stagione estiva, quando cominciamo a scoprirci e vorremmo eliminare i chili di troppo il più velocemente possibile), può anche provocare seri danni all’organismo, in quanto tale regime alimentare non fornisce tutti i nutrienti e micronutrienti indispensabili per il corretto funzionamento di organi e tessuti. La verità è che sottoporsi per lunghi periodi a una dieta monocibo può essere molto dannoso e provocare fenomeni di malnutrizione, con conseguenti malesseri e carenze alimentari potenzialmente anche molto gravi per alcuni soggetti.

Che fare, allora? Innanzitutto, sarebbe opportuno assicurarsi, con una serie di controlli concordati con il proprio medico, di essere in buona salute prima di iniziare un piano alimentare del genere; in secondo luogo, occorre convincersi che non stiamo per assistere a nessun miracolo! Seguire questo tipo di dieta può anche dare effetti soddisfacenti nel breve periodo, ma i risultati raramente vengono mantenuti a lungo termine!

Le parole d’ordine sono: moderazione e buonsenso. Chi pretende “tutto e subito”, e dopo vuole adagiarsi sugli allori, ha proprio sbagliato strada!

Supervisione: Collaboratori: Dott.sa Delia Belluccia (Biologa - Nutrizionista) - Dott.sa Luigia Torrusio

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. (Maggiori Informazioni) Se prosegui accetti tale utilizzo.