Tonno fresco o in scatola: valori nutrizionali, proprietà e benefici

Al naturale o sott’olio, il tonno è il pesce in scatola più consumato nei paesi occidentali perché buono e poco costoso. Il tonno fresco però, gode di proprietà nutrizionali superiori e si sposa bene con mille sapori in numerose ricette. Quale scegliere? Scopriamo insieme le varietà e le controindicazioni.

    Indice Articolo:
  1. Fresco o in scatola: caratteristiche
  2. Calorie e valori nutrizionali
  3. Proprietà e benefici
  4. Controindicazioni
  5. Ricette

Tonno fresco o in scatola?

Il tonno più utilizzato in campo alimentare appartiene al genere “Thunnus” e in particolare alle specie alalunga, albacres (noto come tonno a pinne gialle), orientalis e thynnus (detto anche tonno rosso). Quest’ultimo, per la tenerezza e il sapore delle sue carni ma anche e soprattutto per le sue proprietà nutrizionali, viene ritenuto quello qualitativamente più pregiato e viene riservato al consumo fresco. Le altre specie come il tonno a pinne gialle (dopo quello rosso, è il tonno a maggiore contenuto di grassi buoni) vengono impiegate soprattutto per l’inscatolamento. Ma il tonno va preferito fresco o in scatola?

Il tonno in entrambi i casi è da considerarsi un alimento valido anche se fresco è sicuramente migliore!

Calorie e valori nutrizionali del tonno.

I valori nutrizionali come la quantità di grassi e proteine, dipendono da diversi parametri come:

Tuttavia è possibile analizzare mediamente le calorie e i valori nutrizionali del tonno fresco e in scatola:

Tonno fresco: 100 grammi contengono 159 kcal ripartite in:

  • carboidrati 0,1 g.

  • proteine 21,5 g.

  • lipidi 8,1 g.

Nel tonno fresco sono presenti elevati livelli di vitamina A e fosforo, selenio, calcio sodio e magnesio.

Tonno in scatola sott’olio: 100 grammi sgocciolato, ossia privato dell’olio di conservazione in eccesso hanno un valore energetico pari a 192 kcal ripartite in:

  • carboidrati 0 g.

  • proteine 25,2 g.

  • lipidi 10,2 g.

Sensibilmente inferiore rispetto al tonno fresco è la concentrazione di vitamina A e di sali minerali tra i quali rimangono elevati il fosforo e il potassio e aumenta il contenuto di sodio, aggiunto per prolungare la conservabilità del prodotto.

Tonno in salamoia: sgocciolato possiede 103 kcal in 100 grammi ripartite in:

  • carboidrati 0 g.

  • proteine 25,1 g.

  • lipidi 0,3 g.

Discreti sono i livelli di vitamina A, mentre il contenuto in sali minerali è scarso, fatta eccezione per il sodio dell’acqua di conservazione.

Tonno affumicato: in 100 grammi sono presenti circa 130 kcal di cui:

  • carboidrati 0,30 g.

  • proteine 28,0 g.

  • lipidi 1,5 g.

L’affumicatura lascia pressocché invariata la quota di sali minerali e vitamine presenti nel tonno fresco.

Proprietà e benefici di questo pesce.

Sia in scatola che fresco il tonno rappresenta un alimento adatto per chi vuole seguire un regime alimentare sano, in quanto, a prescindere dalla lavorazione, il tonno è caratterizzato dall’avere poche calorie, grassi buoni (omega 3) e proteine importanti per il nostro organismo. Scopriamone in dettaglio le proprietà:

Puoi approfondire li benefici degli omega 3.

Le principali controindicazioni.

Al consumo di tonno sia fresco che in scatola sono legate alcune controindicazioni:

Gustose ricette.

Il sapore intenso e deciso del tonno, sia fresco che in scatola, ispira in cucina numerose ricette, vediamo qualche esempio:

Tonno fresco con arance, finocchi e mandorle:

Preparazione: il tonno tagliato finemente si distribuisce su un piatto. Poichè viene consumato crudo, si consiglia di congelarlo preventivamente per 24 ore per eliminare patogeni pericolosi. Si dispongono poi nello stesso piatto i finocchi tagliati sottilmente e degli spicchi d’arancia privati della pellicina. Si prepara una salsa frullando la scorza e due spicchi d’arancia, la barbetta del finocchio, olio, peperoncino. Con la salsa ottenuta si condisce il tonno distribuendo delle lamelle di mandorle appena tostate in padella.

Insalata messicana con tonno sott’olio:

Preparazione: ideale per chi ha poco tempo, per realizzare questa insalata basta mescolare al tonno sott’olio sgocciolato, fagioli lessati, mais dolce, porri tagliati finemente, prezzemolo e peperoncino.

Crema spalmabile con tonno al naturale:

Preparazione: si frulla lo yogurt bianco con il tonno al naturale. Si aggiungono poi delle olive nere e un filo d’olio, quindi si frulla nuovamente. La crema viene fatta riposare in frigorifero per circa mezz’ora per poi servirla spalmata su crostini di pane.

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Valentina Coviello (Biologa)- Dott.sa Roberta de Martino