Te nero: proprietà, valori nutrizionali, benefici e controindicazioni.

Il tè nero, è una varietà di tè le cui foglie subiscono un processo di ossidazione durante la lavorazione e diventano così del caratteristico colore nero. È una bevanda che pura, è praticamente senza calorie, ma ha un elevatissimo contenuto di principi attivi che gli conferiscono numerose proprietà benefiche e cosmetiche. Può presentare controindicazioni legate all'elevato contenuto di caffeina e va quindi evitato in alcuni casi.

Te nero: proprietà, valori nutrizionali, benefici e controindicazioni

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Calorie e valori nutrizionali
  3. Proprietà
  4. Approfondimenti

Caratteristiche e varietà del tè nero.

Il tè nero è una delle varietà di tè più diffusa e bevuta al mondo e così come il tè verde, deriva dalla pianta Camelia sinensis (chiamata anche Thea sinensis). Differisce dalle altre varietà di tè per il processo di lavorazione delle foglie, le quali, una volta raccolte, sono fatte macerare, ed essiccare. Questo processo di lavorazione, porta all'ossidazione delle foglie, grazie alla liberazione di alcuni particolari enzimi chiamati polifenolossidasi, ed al caratteristico colore nero da cui prende il nome la bevanda.

La preparazione: si pongono in infusione un paio di cucchiaini di foglie per 5 minuti in acqua bollente, successivamente si filtra e se ne bevono da 2 a 3 tazze al giorno, in base alla tolleranza individuale verso la caffeina.

Calorie e valori nutrizionali.

Dal punto di vista nutrizionale, una tazza di tè nero puro, ovvero senza aggiunta di zucchero, miele o dolcificanti vari, apporta circa 1 kcal per 100 grammi di prodotto (teniamo conto che una tazza è circa 237 g). Sempre riferendoci a 100 g di prodotto in tazza (quindi non al tè nero in foglie ma alla bevanda), nel tè nero troviamo:

  • Carboidrati, nella misura di 0,3 g.
  • Acidi grassi monoinsaturi 0,001 g.
  • Acidi grassi polinsaturi 0,004 g.
  • Acidi grassi saturi 0,002 g.
  • Sali minerali, quali sodio (3 mg), potassio (37 mg), fosforo (1 mg), ferro (0,02 mg), zinco (0,02 mg), magnesio (3 mg), rame (0,01 mg), manganese (0,219 mg), fluoro (372,9 mcg).
  • Vitamine, quali la B2 o riboflavina (0,014 mg), vitamina B5 o acido pantotenico (0,011 mg), folati totali (5 mcg), vitamina J o colina (0,4 mg).
  • Principi attivi, quali caffeina (20 mg) e teobromina (2 mg). Contiene inoltre teofillina, tannini, e polifenoli.

In una tazza di tè nero la percentuale di caffeina può variare, in base alla varietà di tè da un minimo di 40 mg fino ad un massimo di 100 mg.

Quante e quali tipologie di tè nero esistono in commercio?

Il tè nero esiste in commercio in tantissime varietà, tali da soddisfare tutti i palati.Tra quelle maggiormente conosciute ed apprezzate troviamo:

  • Earl grey: è forse il più famoso tra le tipologie di tè nero. È formato da una miscela di diversi tè neri e dall'aroma dell'olio estratto dalla scorza del bergamotto.
  • Gelsomino: tè nero che viene impreziosito con i fiori del gelsomino che conferiscono un aroma delicato.
  • Arancia e cannella: perfetto per le serate invernali, il tè nero con scorze d'arancia e stecca di cannella è una combinazione aromatica ideale.
  • Pecko: è la varietà più pregiata di tè nero che si ottiene dalla lavorazione di foglie e germogli giovani.
  • Affumicato: è di origine cinese e si ottiene ponendo le foglie essiccate in affumicatore con del legno di abete. La varietà più diffusa è Lapsang Souchong.
  • Darjeeling: dal delicato sapore di uva moscata ricorda lontanamente l'aroma dello champagne.

Le proprietà: perchè fa bene bere te nero. 

Questa bevanda, deve le sue proprietà benefiche all'elevato contenuto di antiossidanti.

In particolare si è visto che bere tè nero è utile:

  • nella prevenzione dell'ictus, in particolare uno studio ha mostrato che bere 4 tazze di tè nero al giorno ridurrebbe il rischio di ictus del 21%. Questo è dovuto agli effetti benefici sulla circolazione dell'elevato contenuto di flavonoidi.
  • In caso di diarrea, poichè grazie al suo contenuto di tannini ha proprietà astringenti che aiutano a contrastare le scariche diarroiche. Questo effetto migliora se ci si aggiunge anche del succo di limone.
  • Nella prevenzione dei tumori, infatti, in letteratura scientifica vi sono numerosissimi studi in vitro che mostrano come i polifenoli contenuti nel tè nero abbiano attività antiproliferativa nei confronti delle cellule tumorali, con particolare riferimento al tumore colorettale ed al tumore ovarico.
  • Nel migliorare la concentrazione, stimolare il sistema nervoso e migliorare il tono dell'umore grazie al contenuto di teobromina e caffeina.
  • Per potenziare gli effetti di una dieta dimagrante, grazie al contenuto di caffeina che ha un'azione stimolante sul metabolismo ed aiuta quindi a bruciare i grassi.
  • Per ridurre gli accumuli di grasso nel fegato (steatosi epatica), effetto probabilmente legato al contenuto di caffeina e di antiossidanti.
  • Nel trattamento delle emorroidi, sia per uso esterno che per uso interno, grazie alle sue proprietà astringenti, che si potenziano aggiungendo del succo di limone.
  • Nella prevenzione delle patologie cardiovascolari, grazie alla presenza di sostanze antiossidanti come i polifenoli che riducono l'ossidazione del colesterolo cattivo e ne evitano l'accumulo nelle arterie, e di sostanze dalla blanda attività diuretica (che aiutano a ridurre la pressione sanguigna) come la teobromina. In particolare, l'assunzione di circa 4 tazze al giorno di tè nero, ridurrebbe il rischio di infarto dell'11%.
  • In caso di raffreddore, asma e bronchite, grazie all'azione broncodilatatrice della teofillina.

L’uso del tè nero per la cura di pelle e capelli.

Il tè nero, è utile anche in campo cosmetico in particolare:

  • risulta utile nel trattamento di acne e brufoli, grazie alle proprietà astringenti legate alla presenza di tannini. L'aggiunta di succo di limone potenzia l'effetto astringente e aiuta anche a disinfettare i brufoli. Si applica direttamente sulla parte da trattare mediante un batuffolo di cotone.
  • È un ottimo tonico per il viso con attività antiossidante, antinvecchiamento ed astringente. Basta applicarlo, insieme a del succo di limone, con un batuffolo di cotone.
  • È utile in caso di piccole abrasioni, ferite e scottature. Si può applicare direttamente la bustina imbevuta di acqua sulla parte da trattare, oppure applicare il tè con un batuffolo di cotone.
  • Per il trattamento di occhiaie e borse sotto gli occhi, le bustine usate del tè nero ancora imbevute di acqua, possono essere utilizzate, grazie alle proprietà astringenti ed antiossidanti. Si applicano direttamente sugli occhi e si tengono in posa per una decina di minuti.
  • Può essere utilizzato come collirio per il trattamento di infezioni oculari lievi e di infiammazioni dell'occhio. I suoi principi attivi infatti aiutano a contrastare l'arrossamento oculare. Basta metterne qualche goccia direttamente negli occhi.
  • Può essere utilizzato per scurire i capelli o dar loro dei riflessi castano scuro. Per fare ciò si devono porre in infusione in 500 ml di acqua bollente (2 tazze circa) dalle 2 alle 4 bustine di tè nero. L'infusione va mantenuta almeno per 6 - 8 ore. Una volta trascorso questo tempo lavare i capelli, risciacquarli, e distribuire l'infuso su tutta la capigliatura mantenendolo in posa per 20 - 30 minuti prima di risciacquare.
  • È utile per irrobustire i capelli, prevenirne la caduta e renderli lucidi. Basterà utilizzare l'infuso di tè nero (ottenuto ponendo in infusione 2 bustine di tè nero in 1 litro di acqua) prima dell'ultimo risciacquo.

Le controindicazioni di questo tè.

Sebbene abbia molteplici proprietà, presenta anche qualche controindicazione a causa dell'elevato contenuto di caffeina.

In particolare:

  • È sconsigliato a tutti i soggetti che soffrono di insonnia o di disturbi del sonno.
  • È sconsigliato a coloro che soffrono di anemia sideropenica (da carenza di ferro) o che hanno problemi di assorbimento del ferro in quanto la caffeina riduce l'assorbimento di questo minerale.
  • È controindicato per i soggetti che soffrono di ansia o che si trovano in un particolare periodo di stress in quanto può portare ad un peggioramento dello stato ansioso.
  • È controindicato in gravidanza ed in allattamento e se lo si vuole assumere è consigliabile non eccedere con le dosi e chiedere sempre al proprio medico.
  • È sconsigliato nei bambini, e si consiglia pertanto di limitarne l'assunzione e chiedere sempre al pediatra.
  • È sconsigliato alle donne che soffrono di dismenorrea (ciclo mestruale doloroso) e tensione al seno in fase premestruale, in quanto può aumentare il mal di pancia.

Un abuso di tè nero inoltre può portare all'insorgenza di effetti collaterali legati all'eccesso di caffeina.

Puoi approfondire gli effetti della caffeina sulla salute.

Ta essi abbiamo:

  • Dolori e crampi addominali.
  • Mal di testa.
  • Aumento della frequenza cardiaca (tachicardia).
  • Bruciore di stomaco e sensazione di nausea.

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista) - Dott.sa Roberta de Martino

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Te nero: proprietà, valori nutrizionali, benefici e controindicazioni"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...