Scrub corpo

In questa guida vengono esposti i suggerimenti per effettuare lo scrub corpo anche da soli a casa propria. Esistono infatti degli accorgimenti che ci permettono di godere dei benefici di questo trattamento estetico risparmiando, e volendo ci permettono di usare anche elementi naturali, facilmente reperibili nella propria casa.

Cos’è lo scrub?

Lo scrub è un trattamento estetico che favorisce l’eliminazione delle cellule morte della pelle. Quest’ultima infatti si rinnova continuamente generando cellule nuove in profondità, che devono salire in superficie, ma sulla superficie dell’epidermide sono presenti le cellule morte, che impediscono a quelle nuove di arrivare all’ultimo strato della pelle, che avrà un aspetto opaco e più scuro. Lo scrub quindi, eliminando le cellule di tessuto cutaneo non più vitali, consente a quelle giovani di arrivare in superficie. In questo modo la pelle apparirà più liscia e brillante,  dal momento che le cellule vive sono ricche di acqua che dona lucentezza alla pelle.

Le origini dello scrub.

Il trattamento scrub non è, come verrebbe da pensare, l’ultimo ritrovato nel campo della cosmesi, un’altra trappola per il culto dell’aspetto esteriore. Al contrario la sua storia ha radici profonde, saldamente impiantate nella tradizione islamica della cura del corpo: lo scrub infatti è un trattamento che viene effettuato da secoli nell’hammam (bagno turco) dove, massaggiatori esperti frizionano il corpo di uomini e donne con un guanto di crine e oli naturali, allo scopo di purificarlo così come vuole la legge del Corano. In Occidente invece lo scrub è apprezzato più per i suoi benefici estetici che morali, ma è altrettanto diffuso.

Quando fare lo scrub?

Per godere dei benefici di questo trattamento non è necessario avere delle particolari condizioni cutanee; lo scrub può essere effettuato su qualsiasi tipo di pelle che non sia lesa, poiché le cellule morte sono presenti su tutti. È un trattamento che non va effettuato spesso, poiché assottiglierebbe la cute, indebolendola. Naturalmente gli intervalli tra uno scrib e l’altro sono legati alla tipologia di trattamento che si sceglie, in linea di massima però uno scrub casalingo all’inizio andrebbe fatto ogni settimana e poi con il tempo anche una volta al mese. Se invece si ricorre a un trattamento chimico di scrub, si ripete ogni 6 mesi circa.

Tipi di scrub.

Esistono svariati tipi di scrub, tutti molto efficaci, che si differenziano per le sostanze in esso contenute:

Potete realizzare una lozione scrub usando anche olio d’oliva e sale grosso, per chi ha la pelle particolarmente ruvida, o anche cannella in polvere non raffinata e miele, che lascia un buon profumo sulla pelle. Il metodo di creazione e applicazione è lo stesso per tutti i tipi di scrub casalingo.

Consigli e suggerimenti utili.

Se eseguite da soli il trattamento scrub, sia con prodotti cosmetici, sia con lozioni fai da te, applicate sempre dopo il trattamento un crema o olio idratante adatta al vostro tipo di pelle.

Per qualsiasi tipo di trattamento scrub per il quale occorre un esperto, consultate sempre prima il dermatologo, per un’analisi della vostra pelle; in base al vostro tipo di pelle infatti, il medico sarà in grado di darvi validi consigli sul trattamento e sulle creme, sia scrub che post-scrub, più adatte.

Ricordate anche che gli effetti benefici del trattamento scrub, non sono visibili alla prima applicazione; non scoraggiatevi e continuate ad eseguirlo nei tempi stabiliti (ogni 8/10 giorni). Dopo al massimo un paio di mesi la vostra pelle sarà sicuramente molto più liscia e brillante.

Il trattamento scrub è consigliato anche in procinto dell’estate, come preparazione all’abbronzatura, poiché l’azione purificante permette alla pelle di ricevere meglio i raggi del sole.