Pidocchi: come eliminarli con rimedi naturali e casalinghi.

Consigli utili su come eliminare i pidocchi. Scopriamo i rimedi naturali e le soluzioni casalinghe più efficaci per liberarsi dei fastidiosi parassiti che vivono tra i capelli e non solo.

Pidocchi: come eliminarli con rimedi naturali e casalinghi

    Indice Articolo:

  1. Cosa sono?
  2. Come si riconoscono
  3. Rimedi naturali
    1. Oli essenziali
    2. Olio di neem
    3. Olio di oliva
    4. Aceto
  4. Prevenzione
  5. Approfondimenti

Cosa sono i pidocchi e come avviene il contagio.

Prima di scoprire come eliminare i pidocchi cerchiamo di conoscere meglio il nostro nemico e le diverse specie con cui potremmo trovarci a contatto.

I pidocchi sono insetti di minuscole dimensioni, 2-3 mm, di color grigiastro che infestano l’uomo in diverse parti del corpo. Essi non hanno ali e si infettano per contatto diretto o attraverso l’uso promiscuo di accessori per l’igiene con persone infette.

  • I pidocchi del capo sono la specie più comune. Vivono sui capelli ed emettono un liquido che provoca prurito nel momento in cui pungono il cuoio capelluto per nutrirsi del sangue. Le uova - lendini - vengono deposte dalla femmina (circa 10 al giorno, per un totale di 300 uova nel suo ciclo vitale) e rimangono attaccate ai capelli all’altezza della nuca e nella fascia dietro le orecchie.La trasmissione avviene per contatto, anche solo a causa dello scambio degli oggetti (spazzole, pettini, lenzuola, cappelli, fermagli) del soggetto colpito dai parassiti.
  • I pidocchi del corpo colpiscono generalmente soggetti con scarsa igiene personale. Vivono nelle cuciture degli indumenti dove depongono le loro uova e possono portare patologie quale tifo.
  • I pidocchi del pube (piattole) si presentano nell’area genitale e si trasmettono col contatto sessuale.

Le possibilità di contagio di pediculosi sono oggi notevolmente aumentate vista la maggiore tendenza, rispetto al passato, a frequentare luoghi affollati, come scuole, palestre o mezzi pubblici. Il problema quando sopraggiunge, non riguarda solo il soggetto colpito, ma tutte le persone che lo circondano e ne vengono a contatto, per cui va tempestivamente affrontato.

Ciclo vitale del pediculus capitis.

Ciclo vitale dei pidocchi

Il ciclo vitale del pidocchio del capo dura circa sei-sette settimane e si divide in tre fasi.

  1. La femmina depone fino a 300 uova (lendini) che si schiudono in circa 10 giorni,

  2. Le uova dischiuse danno vita alle ninfe o larve che si nutrono di sangue e passano attraverso tre mute successive.

  3. Dopo 10/15 giorni le ninfe raggiungono lo stadio adulto e sopravvivono circa 30 giorni.

Come si riconoscono? I sintomi.

Non sempre e non tutti sanno riconoscere i pidocchi, poichè essi sono insetti che scappano alla luce e quindi non facilmente individuabili. In caso di infezione provocano però sintomi inconfondibili:

  • prurito (sebbene tale condizione possa anche non verificarsi),
  • cute arrossata,
  • ingrossamento dei linfonodi sopra le orecchie e nella parte posteriore della testa.

Con un’attenta osservazione del capo, con l’aiuto di un pettine molto fitto, dietro la nuca e sopra le orecchie si potranno scorgere le uova che sono più facilmente individuabili rispetto ai pidocchi, poiché hanno forma allungata, sono di colore bianco o marroncino chiaro e si distinguono dalla forfora - con cui potrebbero essere confuse - perché rimangono ben ancorate al capello, o ai peli, nel caso di pidocchi pubici, o alle fibre dei tessuti in caso si tratti di pidocchi del corpo. Ma una volta individuati come combatterli?

Rimedi naturali per i pidocchi.

Diversi sono i farmaci efficaci contro la pediculosi, che vengono applicati per 10 minuti e poi eliminati con l’acqua, ma i pidocchi possono essere affrontati ed eliminati con rimedi naturali che sono preferibili all’utilizzo di sostanze chimiche in quanto queste ultime potrebbero generare resistenze nei parassiti e non essere più efficaci con il passare del tempo e con il ripetersi dei trattamenti.

Per debellare gli intrusi si possono quindi utilizzare trattamenti naturali, che sono una valida alternativa alla drastica soluzione di rasare tutti i capelli! Il pidocchio, una volta allontanato dal cuoio capelluto, dunque privato del suo nutrimento, muore dopo poche ore. È però importante eliminare non solo i pidocchi, ma anche tutte le uova, che sono più resistenti a causa di una sostanza collosa che le attacca al capello ai peli o alle fibre dei tessuti e che si scioglie con difficoltà. Analizziamo in dettaglio alcuni dei più conosciuti e utilizzati rimedi naturali:

Oli essenziali.

Olio di timo, di menta, di rosmarino, di eucalipto e di cannella svolgono un’azione irritante contro i pidocchi. Il più efficace è l’olio essenziale di lavanda, che ostacola il nutrimento dei parassiti, impedendone la suzione del sangue. Un particolare olio essenziale, che agisce in maniera differente dagli altri è l’olio di melaleuca, chiamato anche “tea tree oil”. Esso è ottenuto per distillazione dalle foglie della melaleuca alternifolia, pianta di origini australiane chiamata anche albero del tè (per via del sapore del suo infuso molto simile a quello del tè). Ne bastano poche gocce diluite in 100 ml di shampoo per combattere ed eliminare i pidocchi grazie alla sua efficace modalità di azione che ostacola i movimenti e le capacità respiratorie dei parassiti.

Puoi approfondire le proprietà curative e cosmetiche dell'olio essenziale di menta.

Olio di neem (o nīm).

E' un olio vegetale ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi dell’Azadirachta Indica, albero della famiglia delle Meliacee, tipico dell’India e con molte proprietà medicamentose. Efficace pesticida naturale, ecologico e atossico, è molto utile per combattere i parassiti. Nel caso del Pediculus humanus capitis basta cospargerlo e frizionarlo sui capelli, massaggiarlo sul cuoio capelluto per eliminare sia le lendini che i pidocchi, bloccandone il sistema respiratorio. Nello stesso tempo l’olio di neem protegge e cura i capelli.

Olio di oliva e di semi.

Anche l’olio di oliva, l’olio di semi (sia di girasole che di mais) e l’olio di soia sono in grado di eliminare i pidocchi soffocandoli.

Aceto.

Sciacquando accuratamente i capelli con acqua calda e aceto, e passandovi un pettine molto fitto più volte si possono rimuovere tutti i pidocchi e le uova. Bagnando un pettine a denti stretti nell’aceto caldo e passandolo tra i capelli si riusciranno a staccare più facilmente le lendini ancorate al capello, in quanto il ph acido dell’aceto ne scioglie la sostanza collosa.

Qualsiasi trattamento venga utilizzato contro i pidocchi è sempre necessario passare più volte tra i capelli un pettine a denti molto fitti per rimuovere tutti i pidocchi e le lendini.

Ogni trattamento va ripetuto a distanza di una settimana.

Pettini, vestiti e biancheria devono essere disinfettati a secco o con lavaggio in acqua a temperature molto alte.

E' possibile prevenire i parassiti?

Nessun trattamento, anche a base di shampoo, può prevenire i pidocchi: a dispetto di quanto comunemente si creda, essi non sono dovuti alla cattiva igiene, ma possono presentarsi in chiunque. Bastano però pochi accorgimenti per individuarli e poter intervenire al più presto, prima che vengano deposte più uova:

  • Controllare con una certa frequenza il cuoio capelluto.

  • Pettinarsi spesso con pettini a denti fitti.

  • Per quanto possibile, evitare contatti con persone affette da pidocchi e con i loro oggetti personali.

Una curiosità: è inutile trattare preventivamente persone non ancora affette dai pidocchi, poiché ciò, fastidio a parte, potrebbe solo causare una resistenza a futuri trattamenti.

Supervisione:

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Pidocchi: come eliminarli con rimedi naturali e casalinghi"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...