Piastra per capelli.

La comparsa delle piastre elettriche per i capelli ha segnato quasi un punto di svolta nell’universo della moda capelli.

Piastra per capelli

Pro e contro della piastra per i capelli.

La piastra, strumento al confine tra il magico e l’infernale, infatti ha dato alle donne la possibilità di realizzare una messa in piega perfetta da sole a casa in pochi minuti, rappresentando quindi un investimento davvero conveniente sia da un punto di vista economico, in quanto la la spesa iniziale d’acquisto è senz’altro equiparata da tutte le sedute dal parrucchiere risparmiate, sia da un punto di vista temporale, infatti per realizzare delle pieghe casalinghe prima dell’arrivo della piastra era necessario impiegare tempo e fatica nell’applicazione di bigodini, rolli, passaggio di phon etc…L’entusiasmo per la scoperta della piastra è andato però leggermente scemando quando si sono scoperti gli effetti collaterali, se non usata con le dovute precauzioni e con moderazione la piastra infatti può danneggiare anche gravemente la salute dei capelli rendendoli secchi ed aridi.

Tipologia di piastre.

Come già accennato la piastra è stata accolta da molte donne quasi come una liberazione da pratiche e trattamenti lunghi e stressanti cui erano costrette a sottoporsi per mantenere i capelli in ordine senza recarsi dal parrucchiere. Attraverso la piastra lisciante invece è possibile in pochi secondi mettere perfettamente in piega capelli crespi e ribelli rendendoli lisci ed ordinati, ma non bisogna dimenticare che, sebbene l’effetto liscio sia il più gettonato, esistono anche piastre che permettono di creare ricci e boccoli dando volume e movimento in pochi minuti anche ai capelli più piatti, per non parlare poi delle piastre, particolarmente in uso negli anni 80, che danno un particolare effetto frisè ai capelli. Più che sul look che si può ottenere usando la piastra, la cui scelta è strettamente soggettiva, meglio soffermarsi su alcuni aspetti tecnico qualitativi che bisognerebbe tenere in considerazione quando si acquista una piastra. Infatti visto il successo di questi strumenti negli anni sono stati fatti ricerche che hanno portato alla realizzazione di piastre meno aggressive per la salute dei capelli.

Consigli per la scelta della piastra.

Seguono alcune informazioni che possono risultare utili per la scelta della piastra che meglio risponde alle proprie esigenze:

  • Le piastre agli ioni, di ultima generazione, sebbene siano le più care sono anche le meno dannose per la salute dei capelli.
  • Piastre in ceramica, permettono di avere buoni risultati estetici e sono mediamente sicure.
  • Piastre economiche sarebbero da evitare, come ricordato all’inizio, investire in una piastra per capelli può essere molto vantaggioso, a meno che non si scelga un prodotto di bassa qualità che danneggi gravemente la salute dei capelli, ecco perché meglio spendere un po’ di più prima, ma risparmiarsi poi cure e trattamenti per rimettere in salute i capelli.
  • Oltre che la qualità andrebbero prese in considerazione anche le dimensioni della piastra, in linea di massima infatti è meglio sceglierne una leggera e maneggevole, altrimenti si rischia di stancarsi soprattutto se si hanno i capelli molto lunghi.

Preparazione dei capelli.

Sebbene come visto le piastre di ultima generazione siano molto meno pericolose è sempre meglio cercare di proteggere il più possibile i capelli, cercando di rispettare alcune piccole precauzioni:

  • Lavare i capelli con uno shampoo ed un balsamo particolarmente nutrienti ed idranti.
  • Non pettinare i capelli bagnati.
  • Asciugare i capelli con spazzola e phon, evitando che si formino nodi.
  • Applicare sui capelli asciutti un olio specifico pre-piastra (acquistabile in profumeria o dal parrucchiere) che protegga i capelli dalle bruciature.
  • Spazzolare delicatamente i capelli per controllare che non vi siano nodi.

Come si usa la piastra.

La piastra va sempre usata sui capelli puliti e perfettamente asciutti. L’ideale perciò è passare la piastra subito dopo il phon, per fare in modo che questa sia già calda è meglio accenderla mentre si sta finendo di asciugare i capelli. La piastra comincia ad avere effetti intorno ai 120°, ma può anche superare i 200°, naturalmente l’intensità a cui si deve utilizzare la piastra dipende dalla natura dei capelli, più difficili sono da lisciare più calda dovrà essere la piastra. Ad ogni modo per evitare che si surriscaldi eccessivamente, cosa che succede solo se si hanno capelli molto lunghi, è consigliabile disinserire la spina se si vede che la piastra è troppo calda ed inserirla nuovamente se questa si raffredda troppo. In particolare:

  • Dividere i capelli in piccole ciocche sottili.
  • Passare la piastra facendo attenzione a tenersi sempre a minimo un centimetro di distanza dalle radici.
  • Passare la piastra rapidamente, con un movimento fluido, senza soffermarsi.
  • Dopo aver passato la piastra spazzolare la ciocca con un pettine.
  • Non passare mai la piastra più di 2 volte sulla stessa ciocca.
  • Non legare le ciocche ancora calde di piastra per evitare che si formino segni ed onde.

Nonostante tutte le considerazioni fatte sula qualità delle nuove piastra e sulle precauzioni da prendere va comunque detto che la piastra andrebbe utilizzata con moderazione, al massimo una o due volte la settimana, meglio se a temperature basse.

COMMENTI


SU
Condividi su Facebook
"Piastra per capelli"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...