Peli sul viso: cause e rimedi per eliminare la peluria.

Eccesso di peli sul viso? Approfondiamo i rimedi più efficaci per eliminarli in base alle diverse cause. Spesso considerato un problema puramente estetico, la peluria in eccesso nella zona del volto può creare problemi psicologici a chi ne è affetto interferendo sulla qualità di vita.

Peli sul viso: cause e rimedi per eliminare la peluria

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Cause
  3. Rimedi estetici
  4. Rimedi farmacologici
  5. Approfondimenti

Peluria sul viso: ipertricosi o irsutismo?

Tranquilla, non sei sola! La crescita di peluria sul viso è un fenomeno abbastanza diffuso che colpisce circa il 15% della popolazione femminile in Italia, ma è giusto fare un’opportuna distinzione tra le varie tipologie e il livello con cui si manifesta.

  • In generale si parla di ipertricosi in caso di uno sviluppo eccessivo di peli in zone definite “normali” per una donna, si tratta dunque di un problema di numero e spessore dei peli.
  • Si può invece parlare di irsutismo quando la comparsa della peluria riguarda zone del corpo femminile che ne sono generalmente prive, come le guance o il mento.

In entrambi i casi si tratta dunque di una crescita eccessiva di peluria assolutamente normale e risolvibile.

Spesso le donne affette da tali inestetismi (che come vedremo possono essere sintomo di vere e proprie patologie) tendono a ridurre al minimo i rapporti sociali e ad isolarsi per nascondere agli altri questo problema considerato insormontabile. Per poter dunque affrontare il problema e cercare di risolverlo al meglio non basta rivolgersi all’estetista ma è necessario conoscere le cause della comparsa della peluria e ricercare il rimedio più adatto. Il primo passo è superare dunque l’imbarazzo che porta a nascondersi e farsi visitare da uno specialista.

Causa dei peli superflui sul volto: ormoni ballerini.

La comparsa di zone di eccessiva peluria sul viso può essere causata da vari fattori di origine ormonale, alcuni semplici da affrontare e da risolvere, altri più complessi che richiedono un’approfondita analisi medica.

  • La causa più frequente (70-80% dei casi) di comparsa di peluria sul volto è la Sindrome da Ovaio Policistico, una condizione che colpisce molte giovani donne e che presenta un quadro sintomatico molto vario, dall’obesità all’amenorrea, dall’acne fino ad appunto la peluria eccessiva. Non si tratta di una patologia grave ma è comunque una situazione che va tenuta sotto controllo in quanto si può andare incontro a complicanze che possono portare anche ad infertilità.
  • Un’altra frequente causa è l’azione degli androgeni, gli ormoni maschili che vengono prodotti in minime quantità anche dalle donne attraverso la secrezione surrenale e ovarica o che sono il prodotto della conversione di altri precursori.

Queste variazioni ormonali, a loro volta, possono avere diverse cause

  • Alcune malattie ereditarie a carico delle ovaie, delle ghiandole surrenali e della tiroide.
  • Sempre più spesso i problemi ormonali sono causati dallo stress, che influisce sulla produzione di ormoni localmente al livello dei bulbi piliferi; in questi casi è sufficiente prendersi un periodo di riposo per combattere l’eccesso di peluria e i sintomi correlati.
  • Un’altra causa abbastanza frequente è l’assunzione di alcuni tipi di farmaci, in primo luogo il cortisone ma anche la ciclosporina, un immunosoppressore, e vari ormoni.

Ovviamente non bisogna subito allarmarsi quando si nota la presenza di irsutismo facciale ma rivolgersi ad un medico specialista, endocrinologo o ginecologo, che ricercherà la causa scatenante per trovare la cura adatta.

Per quanto sia una situazione molto studiata e ben conosciuta, esistono casi in cui alla crescita eccessiva di peluria non si riesce ad associare una causa ben precisa; queste forme vengono dette idiopatiche.

A volto scoperto! Rimedi estetici contro i peli sul viso.

Come è facile intuire, i primi rimedi che si prendono in considerazione per combattere l’eccesso di peluria sono quelli puramente estetici, che consentono di nascondere o comunque rendere meno visibile il problema. Ciò avviene sicuramente perché spesso è l’imbarazzo a far da padrone quando si propongono queste problematiche e si tenta dunque di trovare un rimedio che si possa attuare in casa, senza l’aiuto di nessuno.

Per questo motivo, tutte le soluzioni che servono a tagliare, strappare o rendere invisibili i fastidiosi peli sembrano rappresentare il primo passo, spesso del tutto insufficiente, per chi vuole affrontare il problema.

Vediamo dunque quali sono i rimedi estetici, dai più classici alle nuove tecniche definitive che promettono di eliminare il problema per sempre:

  • Un rimedio casalingo è il rasoio che taglia il pelo alla base. Ahimè questo rimedio non è efficace: il pelo ricresce nel giro di un paio di giorni, ancor più spesso e più fastidioso di prima creando l’effetto “barba” che sicuramente si vuole evitare.
  • Sempre più spesso viene invece usata la ceretta, non solo dall’estetista ma anche a casa grazie alle strisce già pronte da utilizzare a freddo; in questo caso il pelo viene strappato dal bulbo e questo meccanismo ne rallenta la crescita e ne indebolisce la struttura. Un meccanismo simile viene utilizzato dal rasoio elettrico, noto anche come silk epil, una macchinetta con lamine rotanti che strappano il pelo dalla radice. Entrambi i rimedi non sono adatti a pelli sensibili e soggette a irritazioni.

Approfondisci le caratteristiche e le cause della pelle sensibile.

  • Infine, per chi non vuole soffrire strappando i peli da zone certamente delicate, si possono utilizzare le creme scolorenti che decolorano la peluria rendendola molto meno visibile.

Questi trattamenti possono essere facilmente utilizzati da chiunque, strisce per ceretta e creme decoloranti si acquistano in tutti i supermercati a prezzi molto modici e non esistono particolari controindicazioni, se non il fatto che non risolvono il problema, ma semplicemente lo rimandano.

Molte donne decidono invece di utilizzare delle soluzioni più complesse e costose, ma di certo più efficaci nel combattere la crescita degli inestetici peli.

  • Tra questi trattamenti ricordiamo l’uso dell’ago elettrico schermato, una tecnica per la depilazione definitiva che usa un sottile ago che conduce elettricità fino al bulbo pilifero e ne provoca la bruciatura definitiva. Viene generalmente usata in zone delicate come il viso e di solito alla seduta si associa l’applicazione di pomate antibiotiche per prevenire un eventuale infezione.

Leggi tutte le tecniche di depilazione definitive per risolvere il problema della peluria.

  • Un’altra tecnica molto utilizzata è quella del laser, ossia un fascio di luce con lunghezza d’onda che colpisce il bulbo; si tratta di un trattamento che richiede molte sedute e anche in questo caso deve essere effettuato da personale competente. I risultati di questa tecnica dipendono essenzialmente dal tipo di pelle: una donna con pelle chiara e peli poco spessi, avrà risultati migliori ed in minor tempo rispetto ad una donna scura e con peli spessi.

Scopri come funziona la depilazione laser e quali sono le controindicazioni del trattamento.

  • Infine ricordiamo la tecnica della luce pulsata, che come dice il nome utilizza impulsi di luce ad elevata intensità per tempi brevi.
Attenzione, però, a “chi vi mette le mani addosso”! Tutti questi rimedi hanno bisogno di particolari strumenti e condizioni, utilizzabili da mani esperte e precise. La loro errata applicazione può, infatti, portare a bruciature e cicatrici indelebili.

Nonostante la validità di questi trattamenti, che consente di eliminare il problema della peluria sul viso in modo definitivo, rimane il problema del costo di questi trattamenti. Esso è in genere abbastanza elevato e varia in base all’ampiezza della zona da trattare: si va da un minimo di 70 € per piccole zone come il mento fino a oltre 500 € per le cosce. Esistono poi centri estetici specializzati che offrono particolari promozioni, quello che conta è assicurarsi che il trattamento venga eseguito da mani esperte e preparate.

Rimedi farmacologici per eliminare una eccessiva peluria facciale.

Molto spesso, i rimedi estetici da soli non bastano per combattere alla fonte il problema della peluria facciale, per questo motivo è consigliato associare una terapia farmacologica che miri a curare il disturbo all’origine, individuando la causa primaria o la patologia originaria. Per far ciò, bisogna ovviamente rivolgersi ad un medico specialista, in genere un ginecologo o endocrinologo o ancora un dermatologo: attraverso un’accurata anamnesi e le adeguate analisi è possibile individuare l’origine e associare la terapia farmacologica adeguata.

Ricordiamo che la causa più frequente di irsutismo facciale è la sindrome da ovaio policistico, in questo caso la terapia maggiormente utilizzata e che in genere presenta tollerabilità ed efficacia è la pillola contraccettiva, che ha il ruolo di stabilizzare i livelli di ormoni.

Trattandosi di terapie farmacologiche che interessano in vari modi l’equilibrio ormonale, è sempre sconsigliato l’utilizzo in gravidanza in quanto potrebbero provocare danni al feto.

Sempre più diffuso è oggi un principio attivo, la eflornitina che si trova sotto forma di creme da applicare sulla zona interessata; la sua funzione è quella di inibire un enzima implicato nella formazione del pelo a livello del bulbo. In genere con l’applicazione continuativa per qualche mese, si nota un miglioramento evidente.

Libera di uscire allo scoperto!

Ed eccoci qui, finalmente libere di uscire allo scoperto. La peluria facciale che fino a poco fa sembrava un problema insormontabile e ci nascondeva al mondo, è ora solo un fantoccio da combattere con rimedi pratici ed efficaci. Siamo finalmente pronte per un benessere complessivo che, dando una regolata agli ormoni, ci permetta di liberarci di questo fastidioso problema e beneficiare di un miglioramento complessivo della nostra salute, eliminando, magari altri piccoli fastidi che non sapevamo essere collegati.

Le dita battono già sulla tastiera alla ricerca del più vicino centro endrocinologo/ginecologico/dermatologico. E le tue? Sei pronta a sentirti libera?

Supervisione: Collaboratori: Dott.ssa Delia Belluccia (Biologa-Nutrizionista) - Dott.sa Teresa Spadaro



Indice Articolo:
Condividi su Google+ Condividi su Facebook

Articoli Popolari: