Pedicure fai da te: cura in casa per piedi perfetti.

Con una pedicure fai da te è possibile sostituire il lavoro di un’estetista. Scopriamo come prenderci cura dei nostri piedi anche in casa, e come con un po’ di pazienza e gli attrezzi giusti, avere piedi perfetti, curati ed in ordine per poterli sfoggiare con disinvoltura, soprattutto in estate.

Pedicure fai da te: cura in casa per piedi perfetti

    Indice Articolo:

  1. Piedi perfetti
  2. Pedicure fai da te
    1. Occorrente
    2. Procedura
  3. Consigli utili
  4. Approfondimenti

Come avere piedi perfetti.

I piedi vanno curati come ogni altra parte del corpo sia d’inverno, per non incorrere in fastidiosi problemi che possono provocare dolore ed anche trasformarsi in vere patologie, sia in estate, quando i nostri piedi, finalmente liberi dalle scarpe devono avere un aspetto gradevole.

Per mantenere i piedi belli e sani, e quindi per godere di un benessere in tutto l’organismo, esistono due tipi di pedicure, uno estetico ed uno curativo.

  • Il pedicure curativo è naturalmente volto ad eliminare alcune problematiche quali calli, duroni, unghie incarnite, micosi delle unghie, vesciche, verruche ecc. Esso va fatto in centri specializzati e spesso necessita della cura di un podologo.

Puoi approfondire come si fa e quando è necessario il pedicure curativo.

  • Il pedicure estetico, invece, serve anzitutto ad abbellire la parte per avere un aspetto curato “dalla testa ai piedi”, ma anche a dare sollievo alle estremità spesso dolenti a causa di scarpe non adatte o per la necessità di stare molto tempo in piedi.

Pedicure casalingo fai da te.

Rimandando agli esperti del settore la pedicure curativa, vediamo come fare in casa un buon pedicure estetico magari cercando anche di eliminare, dove è possibile piccole problematiche.

Cosa serve

Per fare in casa una pedicure fatta bene è necessario avere a disposizione una serie di attrezzi, prodotti e strumenti adatti all'impiego. Nel fai da te relativo alla cura dei piedi, così come in ogni altra attività manuale, gran parte del risultato è determinata proprio dalla disponibilità degli attrezzi giusti. Ecco cosa dobbiamo procurarci:

  • Una bacinella con acqua calda per l’immersione dei piedi. Ovviamente se lo ritenete più comodo potete anche usare il bidet, ma poiché i piedi vanno immersi per circa 5-10 minuti, è più comoda una bacinella da posizionare a terra in modo da avere la possibilità di sedersi e assumere una posizione comoda.

  • Un kit per pedicure, reperibile in profumeria. In alternativa al kit potete anche procurarvi singolarmente delle forbicine, un tagliaunghie, una pietra pomice, uno spazzolino per unghie, una lima di cartone, dei separatori per le dita o in alternativa dei batuffoli di cotone.

  • Sali profumati, o essenza di lavanda, o del semplice sale grosso o del bicarbonato o ancora amido di mais.

  • Crema peeling esfoliante con spugna da scrub.

  • Asciugamano in cotone

  • Olio rilassante o crema idratante e nutriente.

  • Smalto trasparente.

  • Smalto colorato.

  • Acetone

  • Fissativo per smalto.

Come effettuare praticamente la pedicure.

Le regole da seguire per una pedicure da fare a casa sono molto semplici, ma vanno eseguite con cura e molta pazienza. Il trattamento da ripetere una volta a settimana, per avere piedi sempre in ordine e visibilmente curati:

Eliminazione del vecchio smalto con ovatta imbevuta di acetone.

Se si ha il tempo si può rimuovere lo smalto anche uno o due giorni prima in modo da lasciare respirare un pochino l’unghia prima dell’applicazione del nuovo.

Immersione dei piedi.

I piedi vanno immersi in una bacinella contenente acqua tiepida; vanno poi lasciati a mollo per circa dieci minuti, aggiungendo all’acqua del sale grosso o bicarbonato o dell’ amido di mais, un prodotto con proprietà detergenti, idratanti ed antinfiammatorie, è bene posizionare la bacinella sul pavimento in modo da potersi sedere ed assumere una posizione comoda e rilassante.

E’ possibile aggiungere anche sali profumati o dell’essenza di lavanda (antibatterica e rilassante) o menta (per chi ha problemi di sudorazione)

In caso di piedi stanchi o doloranti esiste un’alternativa molto efficace denominata pediluvio: consiste nell’immergere i piedi in acqua per 15-20 minuti circa, alternando l’acqua calda a quella fredda in modo tale da riattivare la circolazione sanguigna prevenendo così anche il formarsi di vene varicose.

Approfondisci come fare un rilassante pediluvio in casa.

Passato il tempo di ammollo in acqua, i piedi vanno asciugati con cura: è consigliabile usare asciugamani in cotone ed è importante asciugare bene tra le dita dei piedi poiché l’umidità che resta può agevolare la formazione di funghi e germi della pelle, e può portare quindi alla macerazione di quest’ultima.

Taglio delle unghie.

Il passo successivo del trattamento è quello del taglio delle unghie le quali, dopo il procedimento di immersione, detersione ed asciugamento, si saranno sicuramente ammorbidite. Per evitare lesioni conviene utilizzare forbicine non appuntite (nel caso in cui abbiate il kit per pedicure le forbicine saranno sicuramente del modello giusto). Le unghie dei piedi non vanno tagliate seguendone il garbo, ma bensì con un taglio netto orizzontale che non tocchi minimamente gli angoli; in questo modo eviterete il fenomeno delle unghie incarnite.

Limatura unghie.

Dopo aver tagliato le unghie si passa a limarle, convergendo con la limetta di cartone dall’angolo esterno dell’unghia verso il centro in modo tale da evitare che la stessa si possa sfaldare

Trattamento calli con pietra pomice.

Adesso bisogna eliminare duroni e callosità, che di solito si formano sotto la pianta o il tallone: il rimedio è quello di usare una pietra pomice che, quando viene strofinata sulla zona callosa, leviga e rimuove la pelle morta, eliminando quindi anche il durone.

Come prevenire calli, duroni e cattivo odore.

Con il pediluvio la pelle si ammorbidisce e questo può essere utile anche per eliminare eventuali calli, con l’aiuto di una pietra pomice. Questo fastidioso ed antiestetico problema è dovuto, infatti, ad un indurimento della pelle, che risulta ispessita; essi si formano laddove il piede è continuamente sfregato o subisce una costante pressione.

Per prevenirli: vanno evitate scarpe scomode, come tacchi troppo alti e punte strette.

Rimedi contro il cattivo odore dei piedi.

Il cattivo odore dei piedi può essere un limite e rappresentare un problema soprattutto in estate, quando la traspirazione della pelle è più abbondante. Ci sono certamente gli appositi deodoranti, che però non sempre funzionano e che, contenendo sostanze chimiche, spesso possono irritare la pelle. Per eliminare le difficoltà connesse a tale problema, un rimedio del tutto naturale e privo di controindicazioni è la pietra di allume, antibatterico naturale, che inumidita e sfregata sulla parte da deodorare ha un’azione di 24 ore.

Peeling esfoliante.

Trattate ora il piede con una crema scrub che, oltre ad avere un’azione esfoliante sulla pelle (rendendola più morbida), leviga anche le callosità più piccole che non è stato possibile eliminare con la pietra pomice. Applicate lo scrub dalle punte dei piedi e andate verso la caviglia, massaggiando in modo particolare sotto il tallone, dove la pelle è più dura.

Usate eventualmente una spugna da scrub umida, per massaggiare i piedi con movimenti circolari. I piedi risulteranno molto più lisci e morbidi al tatto quindi sciacquate con abbondante acqua e asciugate bene.

Rimozione delle pellicine.

Con un bastoncino di legno per cuticole - di betulla, di arancio, o di rosa - eliminare le pellicine morte che si formano intorno all’unghia; le pellicine non vanno però tagliate, ma semplicemente spostate: questo serve a liberare bene il letto ungueale e prepararlo alla successiva stesura dello smalto.

Crema idratante con massaggio.

Dopo l’applicazione della lozione esfoliante è sempre opportuno idratare la pelle del piede con una crema, da scegliere in base al vostro tipo di pelle, (quindi una crema idratante per pelli secche, se l’avete tale, o una per pelli grasse ad esempio).

Per favorire la circolazione del sangue nel piede può essere utile applicare la crema con un leggero massaggio, partendo dalle dita e arrivando alla caviglia: il piede si rilasserà poiché il movimento del massaggio fa una pressione linfodrenante.

Applicazione dello smalto.

Per concludere il trattamento potete colorare e decorare le unghie con un qualsiasi tipo di smalto.

E’ consigliabile prima di tutto applicare uno smalto trasparente, che abbia anche effetti rinforzanti, e poi applicare uno smalto colorato; in questo modo lo smalto colorato non toccherà la superficie dell’unghia e quindi quest’ultima non si macchierà. Ricordate di applicare lo smalto con il pennellino in senso verticale all’unghia e sempre partendo dalla base per arrivare poi alla fine dell’unghia e soprattutto di separare le dita dei piedi, con l’apposito separatore o con dei batuffoli di ovatta.

Ripetere l’operazione precedente per la seconda passata di smalto.

Togliere le eventuali sbavature dello smalto con un apposito correttore imbevuto di acetone.

Applicare uno spray fissativo per facilitare l’asciugatura dello smalto e per dare un tocco di lucentezza.

Consigli utili per avere piedi veramente perfetti.

Gli interventi che ci permettono di avere piedi sani e curati vanno eseguiti all’incirca ogni 10 giorni, e richiedono un perdita di tempo di circa 1 ora, durante la quale però si è impegnati a coccolarsi, quindi può essere anche un modo per rilassarsi.Ma se si desidera avere dei piedi veramente perfetti, la cura deve essere quotidiana:

  • I piedi vanno lavati almeno una volta al giorno senza usare prodotti detergenti molto aggressivi in quanto possono alterare il pH naturale delle pelle, già di per sé leggermente acido.

  • E’ possibile aggiungere all’acqua degli oli essenziali o delle erbe come la menta e la lavanda che costituiscono tra l’altro un ottimo rimedio contro l’ eccessiva sudorazione.

  • Per far respirare la pelle è meglio usare delle calzature aperte o che almeno consentano la traspirazione, quando la stagione fredda non lo consente, appena rientrate a casa togliete le scarpe mettete delle pantofole.

  • Infine quando mettete lo smalto ricordate di toglierlo dopo massimo sei giorni, e di far passare almeno altri due giorni prima di riapplicarlo al fine di far respirare le unghie.

Supervisione: Maria Grazia Cariello



Torna all'Indice:
Condividi su Facebook
"Pedicure fai da te: cura in casa per piedi perfetti"

Diventa Fan