Olio di colza: cos’è? Proprietà, uso e valori nutrizionali.

L'olio di colza è un olio vegetale che si ricava dai semi della colza. Il suo contenuto ricco di un particolare acido grasso, l'acido erucico, lo rende dannoso per il cuore ed in generale per l'organismo umano tanto da far si che si iniziassero a produrre varietà di colza geneticamente modificate in modo da ottenere un olio che avesse meno del 2 - 5% di acido erucico.

Olio di colza: cos’è? Proprietà, uso e valori nutrizionali

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Valori nutrizionali
  3. Utilizzi
  4. Approfondimenti

Olio di colza:caratteristiche.

L'olio di colza appartiene alla categoria degli oli vegetali e si ricava a partire dai semi della colza i quali derivano da alcune piante appartenenti alla famiglia delle Brassicaceae, nel dettaglio dalle piante di Brassica napus, Brassica rapa e Brassica juncea. In passato veniva usato come combustibile per i motori, per i veicoli nautici e per l'alimentazione delle lampade stradali, ma a metà del 19° secolo iniziò ad essere utilizzato anche dall'industria alimentare, sia per friggere che come ingrediente, tanto che lo ritroviamo tutt'oggi in moltissimi prodotti confezionati. Attualmente viene però anche usato per scopi non alimentari, quali la produzione di biocarburanti e l'industria cosmetica.

Valori nutrizionali e proprietà.

È un olio costituito prevalentemente da grassi saturi e insaturi (questi ultimi presenti in un'ottima proporzione tra omega 3 ed omega 6, in dettaglio 100 g di olio di colza contengono 9 g di omega 3 e 22 g di omega 6) ed apporta, per 100 g di prodotto, circa 890 kcal. In particolare contiene:

  • Acido palmitico, presente in una concentrazione variabile tra l'1,5 ed il 6,4%.

  • Acido miristico, con una concentrazione inferiore all'1%.

  • Acido oleico, in concentrazione compresa tra l'8 e il 45%.

Approfondisci gli alimenti ricchi di acido oleico

  • Acido stearico, con concentrazioni comprese tra 0,5 e 3,1%.

  • Acido linoleico, con una concentrazione dall'11 al 29%.

  • Acido linolenico, in concentrazioni variabili tra il 5 e il 16%.

  • Acido erucico, presente in altissime concentrazioni, tra il 30 ed il 50%.

Contiene inoltre piccole quantità di micronutrienti ritenuti importanti come il gamma tocoferolo (circa 30 mg circa per 100 g di olio di colza). L'acido erucico è il principale acido grasso messo sotto accusa da diversi enti di promozione della salute umana per gli effetti tossici che ha sul cuore, sul fegato e sui processi di crescita. Inoltre potrebbe anche essere una potenziale sostanza cancerogena.

Varietà e utilizzi.

Per ridurre l'impatto negativo dell'olio di colza sulla salute dell'uomo si è avviato un programma di produzione di diverse varietà genetiche (OGM, ovvero organismi geneticamente modificati) di olio di colza. I primi organismi di questo tipo furono creati nel 1968 e nel 1971 e contenevano un quantitativo di acido erucico inferiore al 5%. Da questi si è arrivati a creare uno standard, definito "CANOLA", che contiene meno del 2% di acido erucico, ed il cui nome deriva dall'unione delle parole Canadian e Oil poichè prodotto da una varietà di colza chiamata Canadian Brassica.

Oltre a questo abbiamo diverse varietà di olio di colza con diversi contenuti di acido erucico e di acidi grassi essenziali insaturi, ad esempio:

  • LEAR e LEHL rappresentano due varietà di olio di colza a basso contenuto di acido erucico, di cui la corrisponde al classico canola precedentemente descritto.

  • VGLN e VHOA, con alti contenuti di acido gamma linolenico ed oleico rispettivamente.

  • HEAR, con alto tenore di acido erucico, destinato a scopi non alimentari.

  • HOLL, con un alto tenore di acido oleico e basso tenore di acido gamma linolenico, adatto per le fritture e resistente all'irrancidimento.

Nonostante le varietà a bassa concentrazione di acido erucico il prodotto continua ad essere sconsigliato dagli esperti in nutrizione perchè a causa dei processi di trasformazione chimica e manipolazione genetica potrebbe comunque risultare nocivo per la salute.

Supervisione: Maria Grazia Cariello Collaboratori: Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista)

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Olio di colza: cos’è? Proprietà, uso e valori nutrizionali"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...