Mesoterapia: cos’è? Funziona? Costi, controindicazioni ed effetti collaterali.

La mesoterapia è una tecnica di medicina alternativa indolore, che consiste nell'iniettare farmaci nel mesoderma mediante aghi sottilissimi. È una pratica utilizzata prevalentemente per il trattamento della cellulite e degli inestetismi. Sebbene presenti numerosi vantaggi, ha effetti collaterali minimi e risulta indicata in casi specifici. Di seguito scopriamo il metodo, l’efficacia, i vantaggi e gli svantaggi da tenere bene a mente prima di iniziare un trattamento.

Mesoterapia: cos’è? Funziona? Costi, controindicazioni ed effetti collaterali

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche e tipologie
  2. Benefici medici ed estetici
  3. Costi e durata
  4. Effetti collaterali
  5. Controindicazioni
  6. Approfondimenti

Mesoterapia: gli aspetti e le tipologie.

La mesoterapia è una metodica farmacologica appartenente alla medicina “non convenzionale” che prevede la somministrazione di farmaci in aree specifiche del corpo mediante aghi. La somministrazione può essere intradermica superficiale o profonda e sottocutanea, in base al grado di penetrazione degli aghi nella cute. Si propone come tecnica innovativa in quanto consentiva (nonostante la diffusione risalga al 1952 da Michel Pistor) grazie alla modalità di utilizzo, in quanto viene ridotta la quantità di farmaco utilizzato e nello stesso tempo garantisce una maggiore durata in circolo del medicinale.

Classificazione e metodologie.

Questa pratica in base alle necessità la troviamo sotto nomenclature diverse come:

  • Omotossicologica: vengono utilizzati farmaci omeopatici e naturali “omotossicologici” che non sono sintetizzati chimicamente. Viene anche detta “mesoterapia biologica o omeopatica”.

  • Antalgica: è specifica per la terapia del dolore con dei farmaci determinati per il trattamento della sintomatologia dolorosa.

  • Antinfiammatoria: prevede la somministrazione di medicinali antinfiammatori non steroidei per trattare le aree localizzate.

  • Senza aghi: chiamata anche “veicolazione transdermica o mesoterapia virtuale”, questa tecnica sfrutta un apparecchio che eroga un certo tipo di corrente per favorire la penetrazione del farmaco a livello cutaneo.

  • Lipolitica: distrugge le cellule di grasso, grazie all'azione di prodotti farmaceutici definiti lipolitici e per questo è detta metodica lipodissolve.

  • Flebotonica: questo tipo di mesoterapia prevede l'utilizzo di farmaci ad azione flebotonica che aiutano cioè a migliorare la circolazione in particolare a livello dei capillari e del microcircolo.

  • Fibrinolitica: è una varietà che si utilizza nelle fasi avanzate della cellulite, quando cioè oltre al grasso si sono formati anche dei depositi di fibrina (una proteina che normalmente fa parte del processo di coagulazione).

  • Decontratturante: è una tipologia utilizzata nel caso di contratture muscolari.

Benefici e vantaggi di questo trattamento.

In base al farmaco che viene impiegato, oltre a migliorare la circolazione, la mesoterapia ha diversi benefici poichè ha effetti lipolitici e di conseguenza anche dimagranti, drenanti, antinfiammatori ed antalgici. Risulta pertanto utile sia per trattamenti di tipo estetico o dermatologico sia per trattamenti di tipo medico relativi all'apparato osteoarticolare come ad altre problematiche.

 Trattamenti estetico - dermatologici.

Il suo maggior impiego è nei trattamenti estetico - dermatologici, volti a ridurre ed eliminare numerosi inestetismi. Gli usi della mesoterapia in campo estetico sono i seguenti:

  • Riduzione della cellulite di grado II e III e delle adiposità localizzate in particolare a livello di addome, glutei, interno ed esterno coscia.

Approfondisci come agisce la mesoterapia contro la cellulite.

  • Miglioramento della circolazione con riduzione di edemi, gonfiore e ritenzione idrica, in particolare a livello di glutei, cosce e arti inferiori in generale.

  • Trattamento al cuoio capelluto, in particolare è utile per trattare l'alopecia seborroica e quella areata.

  • Cura di cicatrici cutanee, in particolare di cheloidi e cicatrici ipertrofiche (due tipologie di cicatrici che si presentano come in rilievo sulla pelle) e di smagliature (in particolare su fianchi e seno) o di problemi cutanei come l'acne.

  • Riduzione delle “zampe d'oca”, trattamento delle rughe di espressione, effetto antiaging, tonificazione dei tessuti per ridurre l'invecchiamento cutaneo, in particolare nelle zone del viso e del collo.

2.2. Le tecniche di medicina “non convenzionale”.

Alla mesoterapia possono associarsi anche altre tecniche di medicina non convenzionale utili a potenziarne l'effetto curativo. Tra queste tecniche possiamo citare:

  • Kinesiologia: si occupa del sistema muscolare e della sua influenza sull'intero organismo. Si propone di ricreare l'equilibrio nel corpo attraverso tecniche di manipolazione muscolare.

  • Cavitazione: è un trattamento estetico volto a ridurre le adiposità localizzate utilizzando gli ultrasuoni.

  • Carbossiterapia: si utilizza per la cellulite ed altri inestetismi e che prevede la somministrazione, nella zona da trattare, di anidride carbonica attraverso degli aghi sottilissimi.

  • Ionoforesi: prevede la somministrazione di un farmaco attraverso l'epidermide sfruttando una corrente continua chiamata corrente galvanica.

  • Agopuntura: si tratta di una medicina tradizionale cinese che prevede l'applicazione di aghi in punti specifici del corpo per trattare una varietà di disturbi.

  • Pressoterapia: è una tecnica utilizzata per il trattamento della cellulite, della ritenzione idrica e delle adiposità localizzate e consiste nell'esercitare una pressione, mediante un'apparecchiatura apposita, sulla zona da trattare.

  • Ozonoterapia: è una tecnica che si avvale dell'ausilio di una miscela di ozono e ossigeno per ottenere un effetto analgesico ed antinfiammatorio. La miscela può essere somministrata con diverse modalità a seconda dei casi.

  • Linfodrenaggio: è una tipologia di massaggio che serve a ridurre la ritenzione idrica e la cellulite. Inoltre abbinare una dieta e lo sport alle sedute di mesoterapia può aiutare ad ottenere i risultati sperati, specialmente in termini di riduzione della cellulite, in minor tempo.

Cure mediche.

Le infiltrazioni di farmaci possono essere utilizzati per trattare altre patologie, come quelle che riguardano articolazioni e legamenti o quelle relative a problemi di circolazione. Tra le problematiche mediche che è possibile trattare possiamo citare:

  • Traumi sportivi quali contusioni, distorsioni, lesioni da sforzo, tendinopatie e complicanze derivanti da un trauma.

  • Condizioni patologiche delle arterie quali la sindrome di Reynaud, le piaghe da decubito e le arteriopatie obliteranti degli arti inferiori.

  • Flebolinfopatie, ovvero quelle condizioni che coinvolgono il sistema linfatico e quello circolatorio, come flebiti superficiali e delle vene varicose, insufficienza venosa, insufficienza linfatica, flebolinfoedemi, problematiche post - trombosi, ulcere flebostatiche, ipodermite, eczema varicoso.

  • Problemi al sistema osteo - articolare ed ai legamenti quali coxalgie, rachialgie, gonalgie, rizoartrosi, artrosi alle mani, periartrite scapolo omerale, cervicalgie, torcicollo, epicondlite, epitrocleite, artrite reumatoide.

  • Altri problemi quali lombosciatalgie, nevralgie, emicrania, asma bronchiale, psoriasi, cefalee muscolo tensive, coliche renali, dismenorrea, acufeni, sindromi fibromialgiche.

Uso dei prodotti farmaceutici.

I farmaci utilizzati per la mesoterapia variano in base alla problematica che si vuole andare a trattare. In linee generali quelli più utilizzati sono:

  • Lipolitici, ovvero tutti quelli che agiscono sulle cellule adipose distruggendole e riducendo quindi le adiposità localizzate e la cellulite. Tra quelli maggiormente usati possiamo citare: fosfaditilcolina, coenzima A, aminofillina, teofillina e carnitina.

  • Antinfiammatori non steroidei, ovvero farmaci utilizzati per trattare i processi infiammatori che riducono la sintomatologia dolorosa e l'infezione. Quelli più utilizzati sono: ketorolac, ketoprofene, diclofenac, acetil salicilato di lisina, piroxicam e noramidopirina.

  • Anestetici locali, utili per ridurre il dolore. Tra quelli più usati possiamo citare mepivacaina cloridrato, lidocaina cloridrato e bupivacaina cloridrato.

  • Flebotonici: comprendono tutti quei farmaci che servono a migliorare la circolazione sanguigna in particolare quella del microcircolo. Possiamo citarne alcuni omeopatici come i glucosidi saponinici derivanti dall'ippocastano, gli estratti di centella asiatica, gli antocianosidi del mirtillo, esperidina, rutina e troxerutina, e fnon omeopatici come xantinol nicotinato e naftidrofurile.

  • Fibrinolitici: sono medicinali che servono a disgregare i coaguli di fibrina, (proteina utilizzata nella produzione di sangue) tra questi il più usato è il defibrotide.

  • Antiedemigeni: sono prodotti che aiutano a ridurre il gonfiore causato dal ristagno dei liquidi e dalla ritenzione idrica.

  • Decontratturanti: si classificano come miorilassanti in grado di distendere la muscolatura dell’organismo aiutando a ridurre le contratture muscolari. Quelli maggiormente utilizzati troviamo tiocolchicoside e pridinolo mesilato.

Quali sono i costi e la durata delle sedute di terapia?

Una seduta di mesoterapia va eseguita da un professionista qualificato e certificato poichè si tratta comunque di una procedura medica invasiva.

  • Modalità: vengono utilizzati da 3 a 18 aghi della lunghezza di 4 - 12 mm che penetrano nella cute per arrivare fino al mesoderma.

  • Durata e frequenza: una singola seduta ha una durata variabile dai 15 ai 30 minuti e per ottenere risultati si devono fare non meno di 8 - 15 sedute da eseguire da 1 a 2 volte a settimana,

  • Costo: ha un costo medio a seduta che va dai 50 agli 80 euro. Le spese per la mesoterapia dovrebbero essere detraibili ma per maggiore sicurezza si consiglia di chiedere al proprio commercialista.

Avvertenze ed effetti collaterali.

Sebbene la mesoterapia rappresenti una tecnica molto efficace, specialmente per il trattamento della cellulite, (ambito nel quale garantisce risultati duraturi) presenta anche delle controindicazioni e degli esiti collaterali. Di per se, non è una metodica pericolosa che può causare danni permanenti, ma è sempre bene conoscere a quali problemi andiamo incontro sottoponendoci alle sedute

Gli effetti collaterali della mesoterapia sono da imputarsi alla penetrazione degli aghi nella pelle ed alla somministrazione dei farmaci. In particolare:

  • La penetrazione degli aghi nel derma provoca la rottura di piccoli capillari e questo può provocare la comparsa di lividi ed ematomi.

  • Possono verificarsi delle reazioni allergiche ai farmaci, in particolare se non si è mai fatto uso di quel determinato farmaco o se si utilizzano quelli omeopatici derivati dalle piante.

  • E’ possibile sentire dolore durante la penetrazione degli aghi, solitamente si avverte in modo lieve e non fastidioso ma in alcuni casi, molto soggettivi, può risultare più intenso.

  • L’introduzione di aghi in modo errato, può provocare un dolore molto forte e lasciare come conseguenza dell'errata iniezione delle cicatrici ipo o iperpigmentate (cioè più o meno colorate).

A chi non è indicata la mesoterapia?

In alcuni casi la mesoterapia risulta controindicata e pertanto, è bene rivolgersi al proprio medico prima di intraprendere tale metodica. I casi in cui non si dovrebbe fare mesoterapia sono i seguenti:

  • Gravidanza e allattamento, in quanto i farmaci iniettati potrebbero provocare problemi al feto o al bambino.

  • Accertate allergie ai farmaci che si utilizzano per la mesoterapia o ai farmaci in generale.

Inoltre è sconsigliato l’uso di tale metodica in caso di:

  • Debilitazione del sistema immunitario a seguito di patologie quali infezione da HIV o a seguito di pesanti cure come chemioterapia o radioterapia.

  • Patologie sistemiche quali diabete, leucemia, infezioni del sangue o patologie cardiache.

  • Assunzione di anticoagulanti o antiaggreganti quali l'eparina.In questo caso i problemi che potrebbe causare la mesoterapia, sono legati probabilmente alla patologia di origine e pertanto è necessario contattare il proprio medico prima di sottoporsi al trattamento, il quale in base al singolo caso, potrà decidere come procedere.

Supervisione: Maria Grazia Cariello Collaboratori:Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista) - Dott.sa Roberta de Martino

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Mesoterapia: cos’è? Funziona? Costi, controindicazioni ed effetti collaterali"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...