Lamponi: valori nutrizionali, proprietà e benefici delle diverse varietà.

I lamponi sono utilizzati soprattutto come ingredienti di dolci, gelati, sciroppi e marmellate, e spesso viene sottovalutato il frutto fresco, probabilmente perché è difficile da reperire! Vediamo quali sono le caratteristiche, le proprietà benefiche e gli utilizzi del lampone nelle preparazioni gastronomiche e non solo!

Lamponi: valori nutrizionali, proprietà e benefici delle diverse varietà

    Indice Articolo:

  1. Carattertistiche
  2. Benefici
  3. Proprietà cosmetiche
  4. Controindicazioni
  5. Approfondimenti

Caratteristiche, calorie e valori nutrizionali dei Lamponi.

Il lampone è un frutto piccolo e succoso che cresce spontaneamente al limitare dei boschi e in climi collinari. Generalmente i lamponi si trovano surgelati o in alcune preparazioni come yogurt, marmellate e dolci, sempre in un mix di frutti detti frutti di bosco che, oltre ai lamponi appunto, comprendono anche altri frutti di colore rosso e viola, piccoli e succosi come fragoline di bosco, more, mirtilli, ribes, gelsi. Più raramente sul mercato si trovano i soli lamponi.

Origini e tipologie.

  • Famiglia: Rosacee
  • Genere: Rubus
  • Specie: Idae
  • Origine: Europa

Ma quali varietà sono le più diffuse, oltre al classico lampone rosso?

  • lamponi bianchi (o gialli): sconosciuti e rari, sono una varietà naturale del lampone rosso. Dal gusto intensamente dolce, ma allo stesso tempo delicato e gradevole, sono disponibili da luglio a settembre. Hanno un contenuto in antiossidanti di dieci volte superiore ai lamponi rossi e inoltre non presentano spine!
  • lamponi neri: detto anche lampone Americano, il lampone nero ha un colore viola intenso, è il più dolce tra tutte le varietà di lampone e matura in estate.
  • lamponi selvatici: se vi incamminate per delle belle scampagnate, potreste avere la fortuna di trovare dei lamponi selvatici e poterli gustare freschi e appena colti! Si possono trovare anche fino a 1500 metri di altitudine, in spazi ombrosi o parzialmente soleggiati. Fate attenzione: sono ben maturi quando si staccano senza alcuno sforzo dal peduncolo che li tiene appesi all’arbusto!

Quando non si ha la possibilità di cogliere i lamponi freschi, si possono comunque acquistare surgelati al supermercato e consumarli come tali o utilizzarli per arricchire le nostre golose ricette casalinghe!

Così piccolo e dolce il lampone ha un ridotto contenuto calorico se confrontato con altri tipi di frutti che sono considerati ipocalorici! Vediamo qualche esempio:

Frutti Valore energetico per 100 g
Lamponi 30 kcal
Mele stark 42 kcal
Mandarini 44 kcal
Melagrane 65 kcal
Prugne 51 kcal

Nonostante sia un frutto poco calorico il lampone è estremamente dolce e saporito!

Quali sono i nutrienti che contiene? Quanti zuccheri e grassi? Scopriamolo:

Nutriente
Carboidrati: 11,94 g
di cui zuccheri: 4,42 g
Proteine: 1,2 g
Grassi: 0,65 g
Fibre: 6,5 g
Acqua: 85,75 g
Sodio: 3,0 mg
Potassio: 220,0 mg
Ferro: 1,0 mg
Calcio: 49,0 mg
Fosforo: 52,0 mg
Tiamina: 0,05 mg
Riboflavina: 0,02 mg
Niacina: 0,5 mg
Vitamina A: 13,0 µg
Vitamina C: 25,0 µg

Proprietà e benefici di questi piccoli, dolci frutti.

Ricche di vitamine, sali minerali e antiossidanti, tutte le varietà di lampone sono caratterizzate dal possedere notevoli proprietà capaci di donare all’organismo alcuni benefici.

Vediamoli in dettaglio:

  • proprietà diuretiche: il lampone è costituito per circa l’80% da acqua, per questo disseta, rinfresca e stimola la funzionalità renale. Inoltre, l’elevata concentrazione di potassio aumenta la capacità di filtrazione ed escrezione renale con conseguente eliminazione delle scorie e dell’urea presenti in circolo.
  • Proprietà antinfiammatorie: grazie alla presenza di vitamina C, i lamponi svolgono un’azione antinfiammatoria. La vitamina C, infatti, inibisce il rilascio di istamina, un mediatore dell’infiammazione, nel circolo sanguigno.
  • La vitamina C, insieme alla vitamina A, stimola, inoltre, la ricostruzione del collagene a livello degli epiteli. Questa azione riparatrice, insieme alle proprietà antinfiammatorie di altri composti come gli ellagitannini, rende il lampone particolarmente indicato nella cura delle affezioni gastriche (ricerche condotte dall’Università di Milano e dalla Fondazione Edmund Mach, secondo cui basterebbero 150 grammi di lamponi e di more per curare gastriti e ulcere).
  • Proprietà antitumorali: i lamponi, come la maggior parte dei frutti rossi, contengono particolari composti detti ellagitannini, antiossidanti naturali, che posseggono una spiccata proprietà chemioprotettiva nei confronti di alcuni tumori, in quanto, essendo potenti antiossidanti, prevengono le alterazioni delle strutture cellulari causate dai radicali liberi.
  • Proprietà dimagranti: gli ellagitannini hanno la particolarità di legare e bloccare composti proteici come gli enzimi digestivi. Per questo, se assunti nel contesto di un pasto, i lamponi limitano la quantità di proteine e grassi assimilati. Grazie a questa azione, nelle diete i lamponi sono utili non solo perché ipocalorici ma anche perché diminuiscono la quota di nutrienti assorbiti. Tuttavia va precisato che anche l’assorbimento di una certa quantità di sali minerali, come il ferro e lo zinco, e molte vitamine viene inibito.
  • Per il diabete: i lamponi, oltre ad avere poche calorie, possiedono un indice glicemico basso, ossia, la loro ingestione e il successivo assorbimento, non determinano un brusco aumento della glicemia (concentrazione di glucosio nel sangue). Questo perché i lamponi sono ricchi di fibre che nell’intestino rallentano l’assorbimento di zuccheri.

Puoi approfondire quali sono gli alimenti a basso indice glicemico.

  • Azione protettiva del microcircolo: particolari antiossidanti detti antociani si trovano nei lamponi rossi e neri. Gli antociani sono composti che esplicano la loro azione antiossidante soprattutto a livello degli epiteli che rivestono i vasi sanguigni proteggendoli dalle rotture.

Proprietà cosmetiche dei lamponi.

I lamponi sono particolarmente richiesti in campo cosmetico, non a caso sul mercato si possono trovare moltissime formulazioni per il viso e per il corpo a base di lamponi. Questi frutti, infatti, possono essere considerati dei veri e propri alleati della bellezza perché, topicamente, svolgono una duplice azione sulla pelle:

  • Effetto anti-age: gli ellagitannini sono dei potenti antiossidanti capaci, cioè, di inattivare efficacemente l’azione dei radicali liberi, causa del cedimento e dell’opacità della pelle con il passare del tempo.
  • Azione riparatrice: usare i lamponi topicamente si traduce nel fornire direttamente alla pelle notevoli quantità di vitamina C, un importante precursore del collagene, la struttura dell’epidermide responsabile del tono e dell’elasticità cutanea.

Per giovare di tutti i benefici estetici dei lamponi non è necessario ricorrere ai cosmetici presenti in commercio, per chi preferisce si possono utilizzare anche direttamente i frutti.

Maschera di bellezza fai da te ai lamponi:

macerare con un mortaio 2 cucchiai di lamponi freschi o surgelati, 2 cucchiaini di argilla bianca e 2 cucchiaini di farina d’avena. Stendere il composto sul viso delicatamente per permettere che i semini dei lamponi, attraverso un’azione meccanica di sfregamento sulla pelle, esercitino un’azione esfoliante. Lasciare in posa 20 o 30 minuti per permettere agli antiossidanti di agire. Quindi sciacquare abbondantemente.

Controindicazioni di questi frutti.

Anche se apparentemente innocui, i lamponi possono avere delle controindicazioni:

  • allergie: i lamponi, come molti altri frutti di bosco, contengono salicilati, dei composti capaci di scatenare risposte allergiche con manifestazioni cutanee pruriginose. Oltre ai soggetti allergici, anche neonati e bambini si dimostrano più sensibili ai salicilati, per questo il consumo di lamponi e frutti di bosco è sconsigliato alle madri durante l’allattamento e nell’alimentazione della prima infanzia. Possono essere consumati liberamente, invece, dai soggetti con intolleranza alimentare al nichel, in quanto i lamponi ne contengono quantità limitate.
  • Epatite: al consumo di frutti di bosco surgelati è legato il rischio di contrarre il virus dell’epatite A, un patogeno che causa febbre, nausea, ittero e ridotta funzionalità epatica. La contaminazione da parte del virus, si ipotizza, sia avvenuta, in qualche centro di manipolazione durante il confezionamento di alcuni lotti di frutti di bosco surgelati. Attenzione quindi: si consiglia di usare frutti di bosco freschi, di origine nota, oppure di consumare quelli surgelati solo previa cottura, magari per realizzare, creme, sciroppi o marmellate.
  • Con anticoagulanti orali: in corso di terapia con anticoagulanti orali è bene evitare di mangiare grandi quantità di lamponi poiché contengono una quota rilevante di vitamina K, che, favorendo la coagulazione sanguigna, rende vana l’azione del farmaco.
  • Coliti: in presenza di infiammazioni intestinali (diverticoliti, coliti e diarrea) va evitato il consumo di lamponi, in quanto i semini in essi presenti aumentano l’irritazione dell’epitelio intestinale e la motilità, provocando diarrea.
  • Quando fanno ingrassare: i lamponi sono frutti particolarmente ipocalorici, tuttavia se frullati o spremuti le calorie aumentano: il frullato e il succo di lampone contengono solo gli zuccheri del frutto, mentre le fibre vengono eliminate dall’azione meccanica della spremitura o del frullatore e sono proprio le fibre a rallentare e limitare l’assorbimento degli zuccheri nel sangue. Inoltre, le preparazioni che prevedono l’aggiunta di ulteriore zucchero, come sciroppi e marmellate di lampone, sono molto caloriche e..fanno ingrassare!

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Valentina Coviello (Biologa)

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Lamponi: valori nutrizionali, proprietà e benefici delle diverse varietà"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...