Kick boxing.

La kick boxing non è una vera e propria disciplina orientale, in quanto è nata negli Stati Uniti intorno agli anni '70.

Kick boxing

Storia della Kick boxing.

Le sue origini però hanno stretti legami con le arti marziali giapponesi, essa deriva infatti da una pratica nata negli anni '60 ad opera di un maestro di karate che introdusse in questa disciplina un contatto concreto tra i lottatori.

Negli Usa, già contagiati dalle arti marziali "pure", questa nuova forma di combattimento trovò un terreno fertile per svilupparsi. Fino al 1974, anno in cui fu realizzato il primo torneo ufficiale, questa disciplina era conosciuta con il nome di Karate full contact; fu solo in seguito all'introduzione dei guantoni e delle altre protezioni, per salvaguardare i combattenti dai colpi dell'avversario, che il suo nome venne cambiato in Kick boxe, avendo ormai perso la caratteristica distintiva del karate ovvero le "mani nude".

La Kick boxing: dagli Usa all'Europa.

La pratica della kick boxe arrivò presto dagli Usa anche in Europa tanto che già alla fine degli anni '70 si organizzavano competizioni su scala mondiale.

Le diverse specialità della kick boxe.

Oltre che per diffusione, l'evoluzione della kick boxe è stata anche qualitativa; negli anni infatti sono stati codificati diversi modelli di combattimento tanto che oggi all'interno di questa categoria vengono distinti 5 tipi di specialità, tra queste ricordiamo:

  • Full Contact: è il tipo di combattimento più duro, i combattenti possono usare sia pugni che calci, purchè siano al di sopra della vita. Lo scopo finale è quello di stendere l'avversario, motivo per cui i colpi richiedono una certa intensità. L'incontro avviene su un ring ed è suddiviso in più round.
  • Semi Contact: nonostante l'uso delle protezioni ed il fatto che i colpi siano reali, è il modello di combattimento che più ricorda il progenitore karate. Possono essere colpite solo la parte frontale e laterale del viso e del busto, ma il giudizio del colpo viene dato in base alla tecnica e non all'intensità. L'incontro si svolge in più riprese, la fine del round viene determinata dalla riuscita tecnica dei colpi.
  • Light Contact: è una via di mezzo tra il full ed il semi contact, i lottatori possono infatti usare calci e pugni per colpire la parte superiore del busto dell'avversario. La valutazione del colpo avviene su basi tecniche per cui l'intensità ha un valore relativo, ma a differenza del semi contact il combattimento non viene interrotto ogni volta che si assesta un colpo.

COMMENTI


SU
Condividi su Facebook
"Kick boxing"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...