Inulina: cos’è? Dove si trova? Proprietà, benefici, usi e controindicazioni

L'inulina è un oligosaccaride che si trova in alcune piante come carboidrato di riserva. Quando ingerito dall'uomo, si comporta come una fibra solubile che non viene digerita ma che apporta numerosi benefici a livello del microbiota intestinale. Viene utilizzata anche in ambito medico e cosmetico come idratante per la pelle e lisciante per i capelli. Attenzione però a non abusarne, poichè si potrebbero avere effetti collaterali quali diarrea, dolori addominali e meteorismo.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
  2. Proprietà
  3. Controindicazioni
  4. Utilizzo

L’inulina: cos’è e quali sono le sue caratteristiche.

L'inulina è una fibra vegetale solubile che si ricava dalla pianta della cicoria (Cichorium intybus) e che viene accumulata nelle piante a livello dei vacuoli come riserva energetica. Chimicamente parlando, è un oligosaccaride (cioè uno zucchero complesso formato dall'unione di più molecole di zucchero semplice), più precisamente un frutto - oligosaccaride (FOS) in quanto formata da monomeri di fruttosio legati tra di loro con legame β-1,2-glicosidico. Quando assunto dagli esseri umani, si comporta da prebiotico, ovvero favorisce la proliferazione nel tratto di alcuni batteri, in particolare Lattobacilli e Bifidobatteri, che fanno parte del microbiota intestinale e che hanno la funzione di mantenere in salute l'intestino e, conseguentemente, l'intero organismo. L'inulina, infatti, fa da substrato ai batteri per la produzione di acido butirrico, il quale mostra numerosi effetti benefici a livello intestinale. Inoltre inibisce la proliferazione di batteri dannosi quali Clostridi e Salmonelle, spesso responsabili di tossinfezioni alimentari.

Puoi approfondire i benefici dei probiotici.

Informazioni nutrizionali: in quali alimenti si trova?

L'inulina si ricava prevalentemente dalla pianta della cicoria.

Tuttavia la possiamo ritrovare anche in altri alimenti quali:

Dal punto di vista nutrizionale, l'inulina, è una fibra solubile che non viene digerita, e viene assorbita soltanto in parte dal nostro organismo (25 - 30%). Per tale motivo, la si può considerare quasi priva di calorie, tenendo conto che 5 grammi di inulina (una porzione) apportano circa 4,2 kcal e contengono 4,8 g di carboidrati e 4,4 g di fibre. L'inulina inoltre può essere acquistata pura come integratore presso le farmacie, le erboristerie o presso gli store on line più forniti sottoforma di polvere (in barattoli o bustine) da sciogliere in acqua o in capsule.

L'inulina, in quanto fibra alimentare, ha numerose proprietà che si esplicano per lo più a livello dell'intestino ma che possono coinvolgere tutto l'organismo.

Proprietà: i benefici i dell’assunzione di questa fibra.

Come accennato l'uso alimentare di inulina, apporta numerosi benefici al nostro organismo tanto che, in alcuni casi, la sua assunzione, può essere indicata per uso terapeutico.

In particolare i benefici derivanti dall'ingestione dell'inulina sono:

La dose di inulina giornaliera che si consiglia di assumere, va dai 4 agli 8 grammi al giorno, in base ai singoli casi. Sarà poi il medico a definire il dosaggio adeguato alla situazione.

Quali sono le controindicazioni di questo oligosaccaride?

Nonostante i benefici apportati, l'inulina può presentare alcune controindicazioni legate per lo più ad un sovradosaggio (oltre i 10 g al giorno) o a condizioni proprie dell'individuo.

In particolare:

Come viene utilizzata e in che ambiti?

Oltre ad essere utilizzata in campo medico - terapeutico, l'inulina è utile anche in campo culinario e per uso cosmetico. In entrambi i casi si utilizza come ingrediente e non come prodotto puro.

L’uso in cucina di questa fibra vegetale.

L'inulina si può utilizzare anche in cucina. Ad esempio:

L’impiego dell’inulina in ambito cosmetico.

L'inulina può essere utile anche in campo cosmetico. I benefici in questo settore, sono per lo più a carico dei capelli e della pelle, ed in particolare:

Queste proprietà dell'inulina, sono da imputare oltre che al suo effetto sulla flora batterica, anche alla presenza di gruppi ossidrilici (OH) nella sua struttura chimica. Tali gruppi, hanno la capacità di legare numerose molecole d'acqua conferendo alla sostanza proprietà idratanti ed ammorbidenti. In ambito cosmetico è utilizzata come ingrediente per la preparazione di prodotti specifici per pelle e capelli.

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista) - Dott.sa Roberta de Martino