Igiene personale: regole e consigli per la pulizia del corpo.

Avere una corretta igiene personale è fondamentale per mantenere il nostro fisico in uno stato di costante benessere, per prevenire alcune delle malattie infettive più diffuse (anche epidemiche e contagiose) e per tutelare le condizioni di vita anche degli altri individui (pensiamo ai luoghi di lavoro, alle scuole, al contatto con i cibi).

Igiene personale: regole e consigli per la pulizia del corpo

Che cosa è l’igiene personale.

L’igiene è una disciplina medica che si occupa delle interazione tra la salute dell’uomo e l’ambiente, creando regole, criteri e misure sia per il comportamento individuale che per quello collettivo, ai fini di aumentare il benessere e di prevenire il più possibile le malattie.

Per quanto riguarda l’igiene personale, ci sono una serie di regole da seguire in ogni momento della nostra vita, dall’infanzia fino alla vecchiaia, sia in stato di salute che in stato di malattia.

La pulizia del corpo

Dobbiamo riflettere attentamente sulle azioni e sui comportamenti che teniamo nel corso della giornata e adattare le nostre abitudini a dei sani gesti che si occupando della nostre igiene e che quotidianamente ci aiutano a ridurre i rischi di contrarre malattie infettive e a mantenere il nostro stato di benessere fisico.

L’igiene base cura del corpo.

Igiene delle mani.

È fondamentale lavarsi le mani (la parte del nostro corpo che più viene a contatto con oggetti esterni) molto spesso: anche per i bambini questa operazione deve diventare spontanea, specialmente ogni volta che si ritorna a casa, dopo aver toccato un animale, dopo essere andati in bagno e prima di mangiare. Il lavaggio deve essere effettuato con accuratezza: strofiniamo con cura le mani con un buon detergente per almeno trenta secondi, sciacquiamo con cura e asciughiamo con un tessuto pulito; prestiamo attenzione anche alle unghie e all’eventuale sporcizia che si accumula sotto.

Igiene orale.

Eliminare i residui di cibo dalla nostra bocca è un elemento molto importante: bisognerebbe, perciò, lavarsi i denti dopo ogni pasto e dedicare il giusto tempo a questa operazione. Con il dentifricio e un buono spazzolino (che i medici raccomandano di cambiare ogni due o tre mesi, dovremo effettuare un movimento dall’alto al basso con rotazione, toccando tutti i denti (sopra, davanti e dietro) per tre minuti circa. Accompagnamo l’operazione utilizzando, se necessario anche quotidianamente, un colluttorio: chiediamo consiglio al dentista e stiamo attenti alla sua prescrizione per usare il prodotto con le giuste dosi e modalità. Una corretta igiene orale diminuirà la formazione della placca, preverrà i problemi gengivali e aiuterà a mantenere in salute denti e cavità orale.

Igiene del corpo e cattivo odore.

Il nostro corpo è a contatto quotidianamente con corpi estranei (polvere, smog) e quindi molto soggetto all’incontro con i microbi. Inoltre, le secrezioni corporee e il sudore favoriscono sempre (non soltanto a seguito di grossi sforzi fisici) lo sviluppo dei microbi e dei microrganismi, oltre che generare cattivo odore.

Igiene e cattico odore

Non bisogna perciò rinunciare alla pulizia quotidiana del nostro corpo.

I passi fondamentali da seguire sono:

  • la doccia: una doccia quotidiana, in particolare la mattina, permette non solo di attivare il nostro organismo e di tonificare la pelle, ma anche di garantirci una buona igiene personale durante l’arco della giornata. Scegliamo un detergente adatto al nostro tipo di pelle (per una pulizia frequente sono da preferirsi quelli senza agenti aggressivi, per evitare che la pelle si secchi o irriti) e strofiniamo ogni parte del corpo. In particolare concentriamoci sul collo, sui piedi, sulle parti intime e sullo spazio dietro delle orecchie. Risciacquiamo, dall’alto verso il basso, e utilizziamo un asciugamano o un accappatoio pulito (si raccomanda di non utilizzare in casa lo stesso accappatoio che si usa, ad esempio, negli spogliatoi dopo l’attività sportiva: per l’igiene quotidiana converrà avere tessuti sempre puliti, che non sono stati a contatto con luoghi pubblici).

     

  • lavaggio dei piedi dopo aver indossato sandali e scarpe aperte: quando indossiamo questo tipo di scarpe, la pelle dei nostri piedi è a stretto contatto con l’esterno e con il terreno. Sarà opportuno, perciò, lavare accuratamente i piedi ogni volta che si torna a casa. È importante anche asciugare correttamente la nostra pelle, in particolare tra le dita, dove l’umidità favorirebbe la nascita di batteri e micosi.

     

  • il cambio quotidiano della biancheria: su un tessuto usato anche una sola giornata si accumula un numero molto alto di germi; è necessario perciò cambiare biancheria tutti i giorni, ancora meglio se dopo la doccia, in modo che il nostro corpo appena lavato verrà subito a contatto con tessuti puliti e igienizzati.

     

  • assicurarsi di andare a letto puliti: poiché le lenzuola nel nostro letto possono raccogliere e trattenere i germi, evitiamo di andare a letto senza esserci fatti la doccia dopo l’attività sportiva o dopo essere stati seduti per terra (ad esempio dopo aver giocato con un bambino) o senza esserci lavati viso e mani.

     

Potremo, inoltre, accompagnare questi gesti quotidiani con altre attenzioni. Ad esempio è bene sostituire, più o meno una volta alla settimana, la doccia con un bagno caldo: oltre a rilassarci e a procurare benefici sulla nostra pelle, il bagno assicurerà una pulizia completa e prolungata di ogni parte del corpo.

Igiene intima.

Per l’igiene delle parti intime sarà necessario prestare una particolare attenzione, perché le zona è molto delicata e sensibile, ma anche a rischio di germi. In particolare la conformazione fisica degli organi femminili e della mucosa, rende le parti intime della donna molto soggetta alle infezioni. Sia per l’igiene intima maschile che per quella femminile, potremo però prevenire i rischi con delle semplici regole:

lavaggio accurato una o due volte al giorno, con movimenti sempre da davanti a dietro;

utilizzo di buoni detergenti intimi, meglio se senza profumo e a PH neutro;

cambio quotidiano della biancheria e preferenza per i tessuti naturali (cotone) piuttosto che sintetici;

asciugarsi bene dopo ogni lavaggio per eliminare l’umidità che favorisce la prolificazione dei batteri;

lavaggio dopo ogni rapporto sessuale.

Igiene del naso.

Il naso è un veicolo di contaminazione: da un lato respirando inseriamo nel nostro organismo gli elementi che si trovano nell’aria, dall’altro con uno starnuto o un naso che gocciola possiamo trasmettere agli altri i nostri microbi. Per l’igiene del naso è perciò fondamentale prestare attenzione a mettersi la mano davanti alla bocca e al naso quando si starnutisce e ad utilizzare frequentemente un fazzolettino di carta usa e getta (più igienico di quelli di tessuto).

Igiene dei capelli.

L’igiene dei capelli è molto importante, non solo per la nostra pulizia ma anche per prevenire problemi attualmente diffusi, come quello della caduta dei capelli o quello dei pidocchi. È necessario effettuare due (massimo tre: un numero eccessivo potrebbe portare i capelli a sfibrarsi) lavaggi a settimana, utilizzando dei prodotti che salvaguardino sia la fibra dei capelli sia il cuoio capelluto, e spazzolare frequentemente i capelli, anche per i bambini piccoli. Inoltre bisognerà controllare periodicamente la testa e la cute dei bambini in età scolare per eventuali pidocchi o uova di pidocchio.

L’igiene in condizioni particolari.

Igiene dell’anziano.

L’igiene di una persona anziana è molto importante da curare e, qualora la persona non fosse in grado di provvedervi da solo, dovrà ottenere l’assistenza e l’aiuto di qualcuno. In particolare sarà necessario controllare la cute, in modo che possa essere pulita ogni volta che si sporchi, usare saponi molto delicati, ricchi di liquidi e senza alcol e profumo, prestare attenzione alla temperatura dell’acqua, che non dovrà mai essere molto calda ed evitare di frizionare e sfregare eccessivamente, in quanto la pelle sarà più debole e secca.

Igiene della donna.

Per una donna è necessario fare molta attenzione alla sua igiene intima, compiendo lavaggi esterni una volta al giorno. È bene però non esagerare con i lavaggi (evitare di superare le due volte al giorno) ed evitare prodotti aggressivi, che potrebbero modificare l’equilibrio della flora vaginale e quindi favorire la produzione di batteri. Norme generali saranno, inoltre, quelle relative ai tessuti e ai capi d’abbigliamento: per la nostra igiene sono consigliati slip (piuttosto che tanga ecc, che favoriscono lo sfregamento), biancheria di cotone e pantaloni comodi, non troppo stretti, per evitare irritazioni. Durante il ciclo mestruale, oltre a seguire le norme precedenti, bisognerà fare attenzione a cambiarsi minimo 4 volte al giorno, a non tenere assorbenti interni per più di quattro ore di seguito.

Una visita ginecologica di controllo, almeno una volta all’anno, potrà prevenire o curare eventuali infezioni, anche poco gravi.

Igiene maschile.

Per evitare dermatiti e malattie più gravi, anche l’uomo deve seguire un’attenta igiene personale, lavandosi una o due volte al giorno ed eliminando le eventuali secrezioni che potrebbero generare infezioni. È importante sciacquare con cura ogni zona, specialmente quelle con più peli, ed utilizzare prodotti buoni che non irritino, rispettino il PH fisiologico delle mucose e rendano la pelli elastica e riducibile.

Igiene in gravidanza e post-parto.

Una donna che aspetta un bambino è più soggetta a sbalzi ormonali e a stress, e ciò può causare problemi intimi, favorendo la contrazione di infezioni. Durante la gravidanza sarà necessario applicare ancora più attenzione alle cure igieniche e seguire con rigore tutte le norme. In particolare bisogna attenersi alle norme generali, lavarsi quotidianamente, utilizzare slip di cotone ed evitare di utilizzare acqua troppo calda o fredda per la doccia (la temperatura deve essere sempre compresa tra i 30 e i 35 gradi). Anche nel periodo successivo al parto è importante mantenere una buona igiene intima, anche se talvolta può essere fastidioso toccare le zone intime: a questo proposito converrà utilizzare le bottigliette con beccuccio a spruzzo, che favoriscono l’applicazione dei detergenti o di eventuali prodotti indicati dal ginecologo per l’igiene post-parto.

Dopo la depilazione.

Poiché la depilazione rende la pelle più irritabile, è necessario avere delle precauzioni nell’applicazione delle quotidiane norme igieniche. In particolare, dopo la depilazione è importante:

  • usare acqua tiepida per sciacquarsi,
  • non usare detergenti aggressivi,
  • non strofinare con spugne e non fare il peeling nei giorni immediatamente successivi,
  • utilizzare una crema lenitiva, come quelle alla calendula.

Consigli sull’igiene in generale.

Ogni tanto può essere bene fare ricorso ad alcuni strumenti e prodotti particolari ad esempio:

  • spugna, va sfregata contro la pelle, delicatamente, in modo da avere una pulizia completa, ed eliminare le cellule morte della cute,
  • bicarbonato, se ne può scioglie mezza tasca in una vasca da bagno, o usarne due cucchiaini in una bacinella per effettuare un pediluvio: entrambe le soluzioni rilassano e migliorano la salute della pelle.

In viaggio: Ci sono molte situazioni in cui sembra difficile mantenere una corretta igiene personale, soprattutto quando si è fuori casa per molto tempo. In particolare, sia in viaggio che durante il lavoro, quando non è possibile lavare la mani con acque e sapone possiamo utilizzare, senza esagerare, un gel disinfettante per le mani, molto comodo da applicare e che non richiede risciacqui. Per quanto riguarda, invece, l’igiene intima, esistono molte salviettine già imbevute di detergente: è importante, però, non usarne in eccesso (non sono molto salutari, in quanto potrebbero risultare aggressive per la pelle) e scegliere quelle delicate, senza alcol e con il PH fisiologico.

I prodotti naturali:Un buon consiglio potrebbe essere quello di cercare di utilizzare prodotti naturali a base di estratti vegetali che, oltre a non danneggiare in alcun modo la nostra pelle, salvaguardano anche l’ambiente, in quanto fatti di elementi naturali e quindi biodegradabili. A questo proposito il prodotto migliore e universale, adatto a tutti i lavaggi, è il sapone di marsiglia.

COMMENTI


SU
Condividi su Facebook
"Igiene personale: regole e consigli per la pulizia del corpo"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...