Fondotinta coprente per acne macchie e cicatrici.

Come scegliere un fondotinta coprente per attenuare acne, macchie della pelle e cicatrici? Quali caratteristiche deve avere e quali sono le differenze con quello normale? Approfondiamo il tema.

Fondotinta coprente per acne macchie e cicatrici

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Grado di coprenza
  3. Tipologie
  4. Fondotinta fai da te
  5. Approfondimenti

Caratteristiche del fondotinta coprente: differenze con i tradizionali.

Il fondotinta coprente è usato generalmente da ragazze e donne che hanno problemi di epidermide. Viene scelto in prevalenza da chi ha una forte acne, cicatrici, macchie dovute all’esposizione al sole, couperose, pori dilatati od occhiaie particolarmente evidenti.

Molto spesso le donne con queste problematiche hanno qualche difficoltà a rapportarsi con gli altri, si sentono a disagio perché “osservate” nei punti che ritengono critici, anche quando in realtà non lo sono.

La cosmetica viene loro incontro con la formulazione di fondotinta da coprenti a ultracoprenti, in grado di minimizzare e nascondere i difetti del volto e, nei casi più difficili, anche le smagliature, i tatuaggi e le vitiligini. Addio imperfezioni: si può essere perfette in ogni momento della giornata.

La principale differenza tra i fondotinta tradizionali, usati in genere da chi ha la pelle da normale a secca, sta nella quantità di pigmenti alla base della crema: se nel normale fondotinta la quantità di coloranti è bassa o media, nel caso del fondotinta coprente o ultracoprente, vista la loro funzione, questa è invece molto elevata.

Infatti, è dimostrato che in un fondotinta coprente la quantità di queste particelle colorate raggiunge addirittura il 30% in più rispetto ad un normale prodotto.

Naturalmente, per evitare il cosiddetto “effetto maschera” che il fondotinta coprente può causare, bisogna saperlo scegliere e applicare in modo corretto.

Potrebbe interessarti anche come scegliere il fondotinta normale in base alla pelle.

Come scegliere il colore in base all’ incarnato.

Come si suol fare per un fondotinta normale, anche nel caso di un fondotinta coprente, una prima selezione deve essere fatta sulla base di due criteri fondamentali:

  • Sottotono: è la nuance della pelle. Si intende il colore di fondo della pelle: rosa, giallo o neutro. Per capire qual è il nostro sottotono, basta guardare attentamente le vene della parte interna del polso, possibilmente alla luce del sole. Se le vene tendono al bluastro, allora il vostro sottotono è decisamente rosa; se tendono al verde, il sottotono sarà giallo; se avrete difficoltà a stabilire quale dei due colori prevalga, avete un sottotono neutro.

  • Colore: è l’intensità del sottotono della pelle. Ciascun sottotono precedentemente definito può essere diversamente intenso, dalla pelle chiara alla pelle scura. Infatti ci sono pelli dal colore light, medium o high (leggero, medio o alto).

La scelta del miglior grado di coprenza per macchie, acne e cicatrici.

Dopo essersi resi conto di quale sia la combinazione tra questi due elementi che più identifica il nostro tipo di pelle e le sue necessità, si può passare a scegliere il grado di coprenza. Questa decisione è naturalmente legata al tipo di imperfezione che si vuole celare con l’uso di questa base, più evidente è l’inestetismo che si desidera celare maggiore dovrà essere il grado di coprenza del prodotto.

Generalmente, vista la loro composizione e la loro funzione, i fondotinta coprenti sono tutti a lunga tenuta, proprio grazie alla maggior presenza di pigmenti che vanno a fissarsi sulla pelle e non sono comedogeni, quindi opacizzano l’incarnato con il loro proverbiale effetto “anti-lucido”. Ma non tutti i fondotinta coprenti sono uguali e la scelta può essere orientata tra:

  • Fondotinta a coprenza leggera: è indicato per le donne che hanno inestetismi leggeri e non molto evidenti. Lo scopo è semplicemente coprire un lieve rossore del volto e qualche brufoletto. Molto simile ad un fondotinta tradizionale, sin dalla prima applicazione la pelle apparirà più uniforme e sana e si avrà un effetto luminoso e naturale.
  • Fondotinta a coprenza media: è leggermente più coprente del primo. È indicato per le donne che oltre a lievi rossori hanno anche macchie causate dall’esposizione al sole, occhiaie e piccole cicatrici e vogliono ottenere un effetto un po’ più duraturo nel tempo senza rinunciare ad un incarnato il più possibile naturale.
  • Fondotinta a coprenza alta: è quello che ha un effetto maggiore sul viso. È in grado di camuffare qualunque difetto del viso. Oltre a coprire gli inestetismi cutanei citati in precedenza, riesce a nascondere anche brufoli, punti neri, macchie della couperose e le più evidenti cicatrici dell’acne.
  • Fondotinta ultracoprente: si tratta in assoluto della maggiore intensità possibile e in genere si usa davvero in casi particolari, ad esempio per coprire tatuaggi, smagliature o vitiligini. È una formulazione waterproof e per questo viene spesso usato nel trucco teatrale, televisivo e cinematografico per evitare sbavature impreviste.

La formulazione specifica e la tipologia del fondotinta.

Oltre ai vari livelli di coprenza, questi fondotinta sono formulati nei modi più disparati per adattarsi al meglio a qualsiasi esigenza e preferenza. Sul mercato possiamo trovare dalle formulazioni resistenti all’acqua a quelle prive di siliconi, più naturali e meno aggressive per la pelle.

In particolare possiamo distinguere tra:

  • Fondotinta coprenti fluidi: sono liquidi e si presentano in confezioni a tubetto con apposito dispenser. Come nel caso di un normale fondotinta, possono essere applicati per mezzo delle apposite spugnette triangolari, dischetti in lattice, pennelli a setole sintetiche o con le dita. Si può scegliere se umettare gli applicatori oppure lasciarli asciutti in base all’effetto che si vuole ottenere: naturalmente da umidi l’effetto sarà molto meno coprente che da asciutti. Queste tipologie di fondotinta coprenti sono adatti alle donne che hanno la pelle, secca, mista o normale: il fluido consente di idratare immediatamente la pelle evitando che si arrossi o screpoli.
  • Fondotinta coprenti compatti: si presentano in polvere pressata oppure in mousse. Anche in questo caso possono essere applicati per mezzo di spugnette e pennelli oppure semplicemente con le dita. Questa tipologia di prodotto è, invece, adatta alle pelli grasse o miste che si caratterizzano per un eccesso di produzione di sebo e per l’oleosità della pelle. Soprattutto la polvere consente di minimizzare la produzione di sebo, regolarizzandola e facendo traspirare i pori.
  • Fondotinta coprente minerale, compatto o in polvere: la più importante caratteristica di questa formulazione è che le polveri sono minerali naturali. Presenti in commercio sia nella versione compatta che in polvere libera, sono particolarmente consigliati per chi ha anche problemi di arrossamenti e allergie, proprio grazie alla presenza di estratti naturali.

Adatti a tutti i tipi di pelle, si applicano utilizzando un pennello kabuki o da fard, procedendo con movimenti rotatori su tutto il viso.

Correttore coprente: un alleato per mascherare le imperfezioni.

È chiaro ormai quanto il fondotinta sia importante per creare una buona base per il trucco, ma un altro elemento molto importante è senz’altro il correttore, anch’esso facilmente reperibile in formule coprenti e a lunga tenuta.

Se si vuole avere la garanzia di un’ottima coprenza, stendere il correttore, prima o dopo il fondotinta a seconda delle zone e dell’effetto desiderato, può essere davvero un passaggio fondamentale.

Possiamo distinguere tra:

  • Correttore coprente in stick: molto simile esteticamente ad un rossetto, come tutti i prodotti coprenti ha un alta percentuale di pigmentazione. Si può applicare direttamente sul viso nelle zone interessate, per poi essere sfumato con un pennello da correttore, con una spugnetta o con le dita, forse lo strumento migliore per truccarsi, sia per la capacità di sfumare che per lo scarso spreco di prodotto. (In genere pennelli e spugnette assorbono molto prodotto che chiaramente va sprecato).

  • Correttore coprente compatto (in crema o in polvere): in genere è venduto in contenitori simili a dei portacipria, anche se spesso un po’ più piccoli. Ha una consistenza leggermente più cremosa del correttore in stick se è in crema, leggermente più secca, se in polvere compatta. In ogni caso è molto pratico da usare e spesso è l’ideale per qualche rapido ritocco durante la giornata.

  • Correttore coprente minerale: si tatta della tipica formulazione in polvere minerale, da stendere con il pennello. Basta versarne una piccola quantità sul pratico coperchietto in dotazione ed applicare sulle zone interessate con movimenti rotatori lenti e ampi.

Fondotinta coprente fai da te: un’alternativa economica e divertente!

Nel caso in cui non riesci proprio a trovare in commercio il fondotinta coprente che fa per te, non disperare!

C’è infatti l’ultima, grande, economica possibilità: realizzare il tuo fondotinta coprente fai da te, in pochi gesti e direttamente a casa tua.

Occorrente:

  • Terra o fard che usi di solito

  • Crema idratante

  • Borotalco

  • Ombretto verde

Procedimento:

  1. Prendere una piccola quantità di terra o fard e polverizzarla.

  2. Unire la polvere di fard e/o terra a un po’ di crema idratante e miscelare.

  3. Una volta che il composto è omogeneo e senza grumi, aggiungere tanta terra fino al raggiungimento del colore desiderato.

  4. A questo punto aggiungere un po’ di borotalco come fissante e continuare a mecolare.

  5. Aggiungere infine un po’ di polvere di ombretto verde: servirà a contrastare, a seconda delle esigenze, il rossore derivante dalle imperfezioni sul viso.

  6. Mescolare il tutto e conservare in un vasetto in frigo.

Il bello di questa operazione è che si può effettivamente raggiungere con facilità il colore esatto della nostra pelle, garantendoci la coprenza che desideriamo ed evitando il fastidioso effetto “maschera”. Vale davvero la pena di provare!

Qualche consiglio utile per un risultato ottimale.

Se riusciamo a scegliere il fondotinta coprente che più ci si addice, è importante che seguiamo qualche passaggio fondamentale perché il risultato sia davvero perfetto!

  • Puliamo ed asciughiamo sempre bene la pelle prima di iniziare.

  • Applichiamo una buona crema idratante, sempre adatta al nostro tipo di pelle, prima di stendere il nostro fondotinta.

  • Se ne abbiamo voglia, possiamo completare la base trucco con l’uso di un buon correttore coprente.

  • Ricordiamo sempre di tenere i pennelli e le spugnette pulite.

Poche accortezze che rendono molto più “sicuro” il risultato finale, a trecentosessanta gradi!

Supervisione: - Collaboratori: Ilenia Migliarese - Silvia Barcellona

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Fondotinta coprente per acne macchie e cicatrici"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...