Feng shui: armonia in colori ed arredamento di casa ed ufficio

Il Feng Shui è una disciplina orientale secondo cui la disposizione delle cose ed i colori degli ambienti in cui viviamo possono influenzare il nostro modo di relazionarci con il mondo esterno. Attraverso l’armonia in colori ed arredamento di casa ed ufficio quindi può migliorare la nostra qualità di vita. Scopriamo come.

    Indice Articolo:
  1. Caratteristiche
  2. Colori ed arredamento
    1. Casa
      1. Camera da letto
      2. Bagno
      3. Zona giorno
      4. Giardino
    2. Ufficio

Cos’è il Feng Shui?

Il Feng Shui, letteralmente “vento - acqua”, è una filosofia che deriva dal taoismo secondo cui, in base a colori e disposizioni di mobili e oggetti, noi umani possiamo vivere al meglio il contatto con il mondo che ci circonda e in armonia con gli altri esseri viventi e con la nostra mente, gestendo al meglio le energie che fluiscono in casa o nell’ambiente di lavoro.

Quando è nato?

E’ una tradizione antichissima, nata nella Cina di oltre cinquemila anni fa, quando la tradizione veniva tramandata a voce di padre in figlio. La documentazione scritta circa il Feng Shui risale, infatti, al 600 d. C. In alcuni luoghi della Cina questa disciplina è ancora talmente importante, al punto che prima di costruire edifici, statue o appartamenti, viene consultato un esperto di Feng Shui che darà le sue indicazioni circa dimensioni, forme e colori che dovranno avere gli oggetti per intrecciarsi all’ambiente circostante nel modo più armonioso possibile.

Gli elementi base di questa filosofia.

Anche se non può essere definito una scienza, questo approccio alla vita ha molti seguaci. Esistono diverse prospettive, ma le regole principali che la disciplina segue sono implicite nel nome: vento ed acqua. Questi sono i due elementi naturali più importanti.

Questo dottrina inoltre si ricollega a diversi altri principi delle filosofie orientali, tra cui:

I punti cardinali ed i colori del Feng Shui.

Secondo il Feng Shui, oltre ai quattro punti cardinali (nord, sud, ovest ed est), esiste un altro punto fondamentale, il centro, che prende le sembianze di un vero e proprio punto cardinale a parte. Le direzioni in questo modo divengono cinque, proprio come i cinque elementi naturali: fuoco, acqua, terra, metallo e legno.

Ad ogni punto cardinale corrisponde un ambito della nostra vita e ci sono colori che possono stimolare il passaggio di flussi energetici favorevoli e positivi.

Direzione: Nord
Elemento: Acqua
Ambito Vita: Carriera - Successo - Fama
Colori: Blu, Nero
Direzione: Nord-Est
Elemento: Terra
Ambito Vita: Relazioni: amicizia, matrimonio, sentimenti, famiglia
Colori: Viola, Beige
Direzione: Nord-Ovest
Elemento: Terra
Ambito Vita: Fortuna - Fantasia
Colori: Giallo
Direzione: Sud
Elemento: Fuoco
Ambito Vita: Salute/ Forma fisica
Colori: Rosso
Direzione: Sud-Est
Elemento: Legno
Ambito Vita: Conoscenza/ Viaggi
Colori: Verde
Direzione: Sud-Ovest
Elemento: Terra
Ambito Vita: Relazioni sociali
Colori: Arancione
Direzione: Est
Elemento: Legno
Ambito Vita: Salute
Colori: Verde
Direzione: Ovest
Elemento: Metallo
Ambito Vita: Figli/ Bambini
Colori: Bianco, oro

In questo modo ogni elemento determina il successivo e ognuno di essi trova al suo opposto proprio il suo contrario, in modo tale da contrastarlo e governarlo al contempo.

La diffusione di questa filosofia orientale in occidente: i principi dell’arredamento.

Oggi il Feng Shui viene particolarmente seguito anche in Italia e in Occidente in generale. Forse la frenesia del mondo globale, forse l’agglomerato di cemento che vediamo affacciandoci dal nostro balcone di casa, o ancora la mancanza di contatto con il verde e la natura, le crisi economiche e sociali che derivano da un mondo che corre e perde la voglia, il tempo e la possibilità di riflettere, ci hanno fatto avvicinare a questa disciplina orientale, che traendo spunto fondamentalmente dalla riflessione e dalla filosofia aspira a creare pace e calma interiore. Tramite il Feng Shui oggi possiamo cercare di rendere più ospitali e armoniose le mura che ci circondano costantemente: quelle di case e uffici! La maggior parte delle persone, infatti, trascorre quasi tutte le 24h giornaliere diviso tra ambienti domestici e lavorativi e pare che arredarli secondo le regole del Feng Shui aiuti a stabilire un contatto positivo con loro e tutto ciò che ci circonda.

Per alcuni versi, modificato ed innovato, il Feng Shui, anche sotto altri nomi identificativi, è divenuto una moda da seguire. I suoi principi vengono quindi applicati all’architettura e al design, contribuendo ad elaborare nuove dimensioni, nuovi modi di creare spazi e precise indicazioni per l’accostamento di mobili e colori.

La casa.

Esaminiamo come, secondo il Feng Shui, dovremmo arredare la nostra casa. Partiamo dal dire che secondo teorie orientali, l’appartamento in cui viviamo è diviso in 9 zone, così disposte e da arredare in modo adeguato. Ad ogni punto cardinale come possiamo vedere corrisponde un ambito della nostra vita e andrebbe arredato in modo conforme alle regole attinenti i punti cardinali, i cinque elementi naturali e il significato e il potere dei colori.

Fortuna Carriera -Espressione del sè Relazioni - Matrimonio
Famiglia - Antenati Salute Prole - Progetti
Conoscenza interiore - Autorealizzazione Carriera professionale Persone utili - Angeli

L’ingresso della casa, secondo lo schema, si trova sul versante inferiore, al riquadro “conoscenza interiore e autorealizzazione”. L’appartamento andrebbe quindi organizzato dall’architettura, all’arrendamento, ai colori, agli oggetti, in base a questo schema.

Non si tratta di livelli ma di zone. Ogni riquadro corrisponde a una direzione, a un punto cardinale, quindi a un ambito della propria vita e per questo andrebbe arredato con l’ausilio di colori specifici per l’elemento in questione. Significa che partendo dall’ingresso dell’abitazione, questo dovrebbe immettersi in un ambiente che ricorda e si riferisce alla conoscenza e all’autorealizzazione e l’intera casa andrebbe sviluppata disponendo le singole stanze in base proprio a questo schema.

Camera da letto.

La camera da letto il luogo in cui si riposa e in cui il sonno deve essere accompagnato nel modo migliore. E’ un luogo che deve presentarsi come fresco e asciutto, tranquillo e intimo. Sono da evitare posizioni che danno sulla strada, su vie trafficate o particolarmente rumorose. Sono da preferire camere interne, silenzione e tranquille (principio Yin), di forma quadrata o rettangolare e fornite di finestra. Secondo il Feng Shui va considerato il ruolo della camera, che è appunto quello di riposare, rilassarsi e trovare ristoro e intimità. E’ un luogo in cui tutti, quando vi entriamo, ci sentiamo più fragili e vulnerabili e va quindi arredata con ciò che può darci pace e farci stare bene. La camera va mantenuta pulita, protetta da altre attività e da estranei. Da essa va inoltre tenuto fuori tutto ciò che non serve, anche pc, telefonini e apparecchiature capaci di creare campi elettromagnetici che possono interferire col riposo.

In camera da letto la cosa più importante da posizionare è il letto, che secondo il Feng Shui non deve intralciare le linee dell’energia, soprattutto quella che corre tra la porta e la finestra. Il letto non dovrebbe essere posizionato ne sotto finestre ne sotto travi, nè in modo tale da non vedere la porta d’ingresso o da mostrarle i piedi, ne in luoghi troppo piccoli, chiusi o opprimenti. Allo stesso tempo sono da evitare soffitti eccessivamente alti e luci accecanti (sia naturali che non). In sintesi il letto andrebbe sistemato con la testata verso un muro senza finestre, posizionato in modo tale da poter vedere luce naturale, all’angolo opposto rispetto alla porta d’ingresso della camera e orientata ad est se vi dormono bambini e giovani, e ad ovest nel caso in cui vi stiano persone anziane. Il letto, infine, non deve essere direttamente appoggiato a terra ma essere sollevato per permettere il circolo dell’energia (Ch’i)

L’arredamento deve essere essenziale, è bene evitare i mobili troppo spigolosi ma preferire linee dolci, essenziali e arrotondate. E’ indicato scegliere mobili di legno e non di metallo e utilizzare materiali naturali. Inoltre è da evitare il posizionamento di specchi diretti verso il letto.

I colori dovrebbero rispecchiare il proprio elemento di nascita, tenendo conto di evitare di creare una stanza a tinta unica, ma di seguire sempre lo Yin Yang, controbilanciando il proprio colore con degli altri. In base al giorno di nascita, ognuno di noi è rappresentato da un elemento e ad ogni elemento corrisponde un colore. Il fuoco è rappresentato dal rosso, dal viola, dal bordeaux, dall’arancione e dal giallo intenso; la terra dal giallo; il metallo dal bianco e dal grigio, dall’argento e dal beige; l’acqua dal blu e dal nero; il legno dal verde, dal marrone e dall’azzurro. In base al tuo elemento di nascita dovresti avere oggetti che ne attirino l’energia, ma in base alla stanza in cui ti trovi e al tipo di energia che vorresti incanalare, segui la tabella fatta su.

Il bagno.

E' un’altra delle stanze più importanti dell’appartamento in cui viviamo, governata dall’elemento acqua e in cui, quindi, vanno evitati chiari riferimenti al fuoco. E’ un ambiente che va decorato con colori tenui, dovrebbe essere esposto al nord, avere specchi (non posti di uno di fronte all’altro però) e anch’esso dovrebbe trovarsi lontano da cucina, fornelli ed ingresso dell’abitazione.

Il bagno deve essere sempre tenuto estremamente pulito ed esposto a una forte luce naturale. Va ornato in modo essenziale, in quanto deve risultare pratico, facilmente utilizzabile e velocemente pulibile. Water e bidet vanno posti in modo da non essere visibili appena si entra nella stanza e il water va tenuto col tappo chiuso quando non è utilizzato. Possono essere introdotte piante.

Se, per la conformazione della casa, non si riesce a rispettare la posizione ideale del bagno, se il bagno è cieco o è dentro la camera da letto, è possibile usare degli accorgimenti per incanalare meglio l’energia positiva: introdurre elementi color fuoco, cristalli o quarzi e specchi. Infine, chiudere sempre la porta, anche quando il bagno non è utilizzato.

Zona giorno.

In generale si consiglia di avere due camere diverse, una per cucinare e una per soggiornarvi e trovare relax. Oggigiorno è, però, sempre più difficile trovare abitazioni particolarmente ampie e dotate di molti ambienti, quindi prendete in considerazione i consigli del Feng Shui sia per la cucina che per il soggiorno e, per quel che si può, provate a seguirli.

Giardino.

Se fuori dal tuo appartamento hai la possibilità di arredare un giardino tutto tuo, arredarlo secondo le linee guida del Feng Shui, infonderà tranquillità in chiunque lo vedrà. Devi pensare a creare un luogo naturale, ad omaggiare la natura stessa per la sua bellezza. Il consiglio è di alternare, secondo il già citato principio di Yin e Yang, gli opposti. Quindi via a zone di terra in cui si intravede uno stagnetto, passa un ruscello o vi è un fontana. Via anche all’alternanza di oggetti sferici e non, orizzontali e in verticali. Puoi introdurre sassi o piccole rocce per circondare o arricchire uno stagno, alternando nei dintorni piante che crescono in altezza e altre che si sviluppano il larghezza. Puoi utilizzare cespugli e giocare coi colori della natura, ricordando che le forme circolari e tondeggianti sono quelle preferite dal Feng Shui.

L’ufficio.

L’ufficio è il secondo posto in cui trascorriamo parecchie ore delle nostre giornate e per questo è importante che colori ed arredi ci diano la sensazione di stare in armonia con la nostra mente e con ciò che ci circonda.

In ufficio di primaria importanza è la scrivania. Questa deve essere posta in una posizione tale da poter vedere chi entra e chi esce dalla stanza e da permetterti di stare con le spalle rivolte verso un muro. Va tenuta sempre in ordine, in modo tale da non avere oggetti che possano intralciare il nostro lavoro e da non creare blocchi alle energie che circolano nell’ambiente. Secondo il Feng Shui ogni oggetto va posizionato in un preciso punto della scrivania. Secondo esso la parte della scrivania che ci viene immediatamente di fronte deve essere lasciata sempre libera, cercando di posizionare gli oggetti ai lati della stessa. Questi ultimi vanno messi a destra se attengono alle nostre relazioni e i nostri sentimenti (cellulare, portafoto, ecc) e a sinistra se invece attengono all’aspetto lavorativo e alla nostra carriera (pc, cancelleria, ecc). Le stanze devono essere molto luminose e arredate con mobili chiari. Ovviamente mobili di altro colore possono essere introdotti ma hanno spesso dei significati ben precisi riguardo chi ci lavora. Il giallo è tipico di una persona allegra, il bianco di una persona pura, il rosso di chi spera in novità positive e così via. Più una stanza è piccola più però è difficilmente arredabile con mobili di colore particolarmente intenso. In questi casi vanno preferiti il bianco e i colori pastello. E’ possibile arredare l’ufficio anche con soprammobili e suppellettili, come piante, vasi, lampade e così via. Prima di arredare la stanza è consigliabile prendere in considerazione il fatto che chi accede in un ufficio per fare un colloquio, una riunione o un incontro, dovrebbe avere la possibilità di sedere con le finestre di fronte, cosa che gli infonderebbe tranquillità.

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Maria Grazia Maggio (Laurea in Sciene della formazione/ psicologia)