Dermatite seborroica cuoio capelluto.

Dermatite seborroica cuoio capelluto

Come comportarsi in presenza di dermatite seborroica del cuoio capelluto? Come riuscire a minimizzarne la presenza? Queste sono le domande a cui questa guida si propone di rispondere, rappresentando un valido aiuto e conforto verso chi soffre di questa patologia. Se riuscirete a mettere in atto ciò che vi sarà illustrato, potrete rimediare a questo fastidioso disturbo.

Cos'è, come agisce,  e le cause della dermatite seborroica.

La dermatite seborroica che agisce sul cuoio capelluto colpisce le ghiandole sebacee della cute di tale zona epidermica. Le cause di tale disturbo ad oggi non sono ben chiare neanche agli esperti, ciò nonostante secondo alcuni studi esisterebbe una correlazione tra questa patologia ed un tipo particolare di fungo, il Malassezia Furfur, di cui è stata dimostrata una presenza massiccia nelle zone in cui la popolazione è maggiormente colpita da questo fastidio.

Altre cause che potrebbero favorire la formazione di dermatite seborroica sul cuoio capelluto, sono da rintracciarsi in fattori di trasmissione genetica, irregolarità del sistema immunitario, condizioni ormonali, stress, fattori esterni ed ambientali.

Come si presenta?

Le modalità più vistose di esordio di questa  patologia sono la comparsa della forfora secca, di crosticine gialle, macchie rosse sulla cute, secchezza e un fastidioso e prolungato prurito sul cuoio capelluto. Si tratta di una patologia che, purtroppo, non può essere estirpata del tutto, infatti nei soggetti predisposti questa tende a ripresentarsi ciclicamente, ad ogni modo però è possibile cercare di contrastarla ed attenuarne i sintomi in più modi.

Come prevenirla e curarla.

A parte la cura farmacologica prescritta da uno specialista dermatologo,  è possibile mettere in pratica semplici trattamenti preventivi e curativi che vadano ad integrare quelli prescritti a meno che non espressamente sconsigliati dal medico.

Per contrastare questa patologia in modo semplice ed efficace, bisogna cercare di agire su più fronti ovvero: sullo stile di vita, per cui cercare di tenere sotto controllo lo stress e l’alimentazione, e sulla cosmetica, utilizzando shampoo al ketoconazolo e miele d’ambrosia per creare dei preparati curativi specifici.

Salvo controindicazioni, è bene ricorrere ad uno shampoo alla base di ketoconazolo, prodotti venduti in farmacia senza prescrizione. Tra le marche più conosciute che hanno avuto un maggior riscontro curativo troviamo: Node' Ds Shampoo o Evolith Ds Shampooing. Essi sono da usare al massimo due volte a settimana in luogo del solito shampoo.

Preparato fai da te per la dermatite seborroica al cuoio capelluto.

Oltre allo shampoo di cui al punto precedente, potete  realizzare un preparato fatto in casa per meglio contrastare il disturbo. Prendete due cucchiai di miele di acacia e metteteli in un pentolino sul fuoco lento fino a farli sciogliere e liquefare. Una volta eseguito questo passo, diluite il miele con dell’acqua calda. Girate accuratamente, in modo da amalgamare il tutto e versate il composto in uno spruzzino, quelli che si usano solitamente al mare.

Applicazione:  Al termine di ogni shampoo, quando i capelli sono ancora bagnati o umidi, spruzzate a distanza ravvicinata il composto lì dove il problema della dermatite è più evidente, in presenza di crosticine o forfora. Quest’azione localizzata vi permetterà di ammorbidire la cute, addolcirla ed eliminare più agevolmente questi fastidi cutanei. Il preparato va usato dopo aver fatto lo shampoo, quindi massimo due volte a settimana e non necessita di alcun risciacquo.

Consigli e suggerimenti.

Per chi soffre di dermatite seborroica  il caldo e l’ambiente marino possono essere d’aiuto. Il sole, le temperature gradevoli e lo iodio marino favoriscono il ridimensionamento dei problemi legati alla dermatite seborroica sul cuoio capelluto.




Torna su
Condividi su Facebook
"Dermatite seborroica cuoio capelluto"

Diventa Fan