Crostacei: quali sono? Proprietà, benefici e controindicazioni.

I crostacei sono artropodi e sono tra gli alimenti più pregiati ed ad alto contenuto proteico. Possiedono molteplici proprietà benefiche legate al contenuto di antiossidanti ed alla loro capacità di liberare endorfine, e per tale motivo sono ritenuti un alimento afrodisiaco. Sono però sconsigliati se si soffre di insufficienza renale, obesità, sovrappeso e dislipidemie a causa dell'alto contenuto di proteine e colesterolo. Vediamo come utilizzarli in cucina.

Crostacei: quali sono? Proprietà, benefici e controindicazioni

    Indice Articolo:

  1. Carattertistiche ed elenco
  2. Calorie e valori nutrizionali
  3. Benefici
  4. Conrtroindicazioni
  5. Approfondimenti

Crostacei: caratteristiche ed elenco. 

I crostacei appartengono al phylum degli artropodi (lo stesso degli insetti), e sono prevalentemente organismi acquatici marini, sebbene esistano anche crostacei d'acqua dolce. Sono caratterizzati dall'essere rivestiti da un esoscheletro (uno scheletro esterno), che prende il nome di carapace, e che è formato da sostanze mineralizzate, tra cui i sali calcarei. Esistono più di 26000 specie di crostacei e tra questi quelli commestibili per l'uomo appartengono alla classe dei decapodi, così chiamati perché possiedono dieci paia di zampe.

I decapodi comprendono:

  • i macruri (aragoste, astici, gamberi e scampi),
  • i brachiuri (granchi),
  • gli stomatopodi (canocchie e cicale).

Lo sapevate che...

I crostacei si consumano soltanto quando sono adulti, cioè quando hanno completato tutti i loro stadi di sviluppo che sono rappresentati da diversi stadi larvali.

Calorie e valori nutrizionali delle diverse specie di decapodi.

I crostacei sono un'eccellente fonte proteica e rappresentano un alimento molto pregiato. Di seguito riportiamo i valori nutrizionali (riferendoci a 100 g di prodotto) di quelli maggiormente consumati:

  • gambero: contiene 74,91 g di acqua, 9,13 g di carboidrati, 12,39 g di proteine, 1,47 g di lipidi (tra cui 0,75 g di acidi grassi polinsaturi e 36 mg di colesterolo), sali minerali (19 mg di calcio, 4,3 mg di ferro, 705 mg di sodio) e vitamine (0,024 mg di tiamina, 0,034 g di riboflavina, 0,17 g di niacina). 100 g apportano circa 101 kcal.
  • Granchio: apporta circa 84 kcal per 100 g e contiene 79,57 g di acqua, 18,29 g di proteine, 0,6 g di lipidi (tra cui 0,13 g di acidi grassi polinsaturi e 42 mg di colesterolo), sali minerali (0,59 mg di ferro, 46 mg di calcio, 836 mg di sodio) e vitamine (1,1 mg di niacina, 0,043 mg di riboflavina, 0,043 g di tiamina).
  • Aragosta: contiene 80,95 g di acqua, 16,52 g di proteine, 0,75 g di lipidi (tra cui 0.293 g di acidi grassi polinsaturi e 114 mg di colesterolo), sali minerali (423 mg di sodio, 0,26 mg di ferro, 84 mg di calcio) e vitamine (0,014 mg di riboflavina, 1,591 g di niacina e 0,02 mg di tiamina). 100 g apportano circa 77 kcal.
  • Astice: apporta circa 77 kcal per 100 g e contiene 82,24 g di acqua, 15,97 g di proteine, 0,95 g di lipidi (tra cui 0,13 g di acidi grassi polinsaturi e 42 mg di colesterolo), sali minerali (0,84 mg di ferro, 27 mg di calcio, 58 mg di sodio) e vitamine (2,208 mg di niacina, 0,032 mg di riboflavina, 0,07 g di tiamina).
  • Mazzancolla: contiene 79,91 g di acqua, 9,13 g di carboidrati, 12,39 g di proteine, 1,47 g di lipidi (tra cui 0.75 g di acidi grassi polinsaturi e 36 mg di colesterolo), sali minerali (705 mg di sodio, 0,6 mg di ferro, 19mg di calcio) e vitamine (0,034 mg di riboflavina, 0,17 g di niacina e 0,024 mg di tiamina). 100 g apportano circa 101 kcal.
  • Canocchia: apporta circa 69 kcal per 100 g e contiene 80 g di acqua, 2,3 g di carboidrati, 13,6 g di proteine, e 0,6 g di lipidi (tra 85 mg di colesterolo).

I crostacei sono, quindi, alimenti molto ricchi di proteine e quindi di aminoacidi.

Curiosità.

Questi decapodi contengono al loro interno moltissimi atomi di azoto (300 mg di azoto per 100 gr di parte edibile) e ciò ne determina una conservabilità molto limitata!

Proprietà e benefici per il nostro organismo.

I crostacei possiedono molteplici proprietà benefiche per il nostro organismo.

In particolare tra i benefici apportati dal loro consumo possiamo citare:

  • potere afrodisiaco, in quanto, secondo la tradizione e le credenze popolari, sarebbero in grado di aumentare la libido ed il desiderio sessuale. Questo sarebbe legato alla capacità dei crostacei di indurre il rilascio di endorfine (sostanze ad azione eccitante secrete dal nostro organismo), ma il meccanismo esatto non è ancora conosciuto.
  • Proprietà antiossidanti ed antitumorali, legate al contenuto di una sostanza denominata astaxantina, appartenente alla classe dei carotenoidi. Questa sostanza inoltre aiuterebbe il sistema immunitario a rispondere meglio a batteri, virus ed infezioni in generali, sarebbe in grado di favorire la rigenerazione cellulare e proteggerebbe la membrana cellulare dall'invecchiamento.
  • Azione di contrasto al colesterolo cattivo (LDL), grazie alla presenza di acidi grassi polinsaturi della serie omega 3 ed omega 6.

Puoi approfondire la differenza tra colesterolo buono e colesterolo cattivo.

Controindicazioni.

Nonostante le proprietà sopra elencate il consumo di crostacei va limitato a 1 - 2 volte a settimana (preferibilmente previa cottura o marinatura per evitare la trasmissione di virus e batteri che potrebbero provocare tossinfezioni alimentari) in quanto il loro elevato tenore proteico può provocare problemi renali. Inoltre sono controindicati in soggetti:

  • che soffrono di insufficienza renale, per il loro alto contenuto di proteine ed azoto.
  • Che sono obesi, sovrappeso o che soffrono di dislipidemie o di accumuli di grasso nel fegato (steatosi epatica), a causa dell'elevato contenuto di colesterolo.
  • Allergici ai crostacei o ad altri alimenti (in questo secondo caso l'ingestione di crostacei può provocare una cross reazione e scatenare una crisi allergica).
  • Che allattano, in quanto potrebbero causare reazioni avverse al neonato il cui sistema immunitario non è ancora del tutto sviluppato.
  • Che soffrono di ipertensione, a causa del loro elevato contenuto di sodio.
  • Diverticolosi.

Adesso che conosciamo meglio i crostacei, vediamo come utilizzarli in cucina nel box di approfondimento.

Ricette sfiziose a base di crostacei.

Con i crostacei è possibile realizzare molteplici ricette in base al proprio gusto personale. Riportiamo di seguito quelle più famose e conosciute:

  • Aragosta in bellavista: è un piatto tipico natalizio o del capodanno e si prepara facendo prima lessare l'aragosta intera, successivamente si praticano le incisioni sul carapace per estrarre la polpa. Una volta estratta la polpa si taglia a medaglioni e si ricoprono i medaglioni con uno strato di gelatina. Successivamente si pone in un piatto della lattuga tagliata a julienne e vi si pongono sopra le due metà vuote del carapace dell'aragosta che verranno riempite con i medaglioni in gelatina. Si guarnisce poi infine con della maionese. Con un'aragosta si fa una porzione per 1 - 2 persone.
  • Cocktail di gamberi: è uno degli antipasti più conosciuti al mondo e si prepara con gamberi sgusciati e lessati (calcolare 15 - 20 gamberetti, o 6 - 8 grossi gamberi a persona), serviti su un letto di lattuga e conditi con la salsa cocktail (da preparare miscelando maionese, ketchup e salsa Worcestershire in quantità variabili in base al proprio gusto personale).
  • Linguine all'astice o al granchio: per questa ricetta si può usare indifferentemente la polpa dell'astice o del granchio. Il crostaceo scelto andrà prima lessato in acqua bollente e successivamente verrà estratta la polpa dal carapace. Una volta estratta la polpa la si fa saltare in padella con pomodorini, olio, prezzemolo e se lo si gradisce un pizzico di pepe. Cuocere la pasta e una volta cotta aggiungerla alla padella con il condimento, far saltare per qualche minuto e servire. Solitamente con un astice o un granchio si arrivano a condire 2 piatti di pasta.

Ricordiamo che l’articolo ha uno scopo puramente informativo.

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Margherita Mazzola (Biologa - Nutrizionista) - Dott.sa Francesca Vassallo

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Crostacei: quali sono? Proprietà, benefici e controindicazioni"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...