Come schiarire i capelli in modo naturale: prodotti e tecniche per capelli chiari e scuri.

E’ possibile schiarire i capelli in modo naturale? Ebbene si, se si desiderano capelli un po più chiari ma non si vuole ricorrere a tinte o interventi del parrucchiere è possibile utilizzare rimedi casalinghi come ad esempio, limone, miele, camomilla o aceto che permetteranno di avere capelli più chiari in modo semplice ed economico. Vediamo nello specifico i prodotti e le tecniche da utilizzare, e le eventuali controindicazioni.

Come schiarire i capelli in modo naturale: prodotti e tecniche per capelli chiari e scuri

    Indice Articolo:

  1. Come fare?
  2. Prodotti e tecniche
  3. Controindicazioni
  4. Approfondimenti

Come schiarire i capelli in modo naturale?

E’ possibile schiarire i capelli utilizzando rimedi naturali quali il limone, il miele, l’aceto, la camomilla, la curcuma, o altri prodotti di cui parleremo di seguito nel dettaglio. Bisogna comunque tener conto del colore di partenza, (base chiara o base scura), in quanto sicuramente non tutti i tipi di capelli avranno lo stesso risultato.

Prodotti e tecniche per schiarire capelli chiari e scuri.

Vediamo insieme quali sono i prodotti e le tecniche che si possono utilizzare per schiarire la chioma.

Bisogna sapere che...

Tutti i metodi riportati sono sicuramente adatti ai capelli chiari. Solo alcuni metodi possono essere utilizzati anche per i capelli scuri. Infatti, per i capelli scuri (neri e castani) l’effetto più chiaro e i riflessi dorati sono più difficili da presentarsi.

  • Camomilla. E’ quella più usata e addirittura conosciuta dalle nostre nonne. La camomilla schiarisce i capelli in maniera non aggressiva, grazie alla presenza dei flavonoidi apigenina e lapiganin-7-glucoside. Si può partire dai fiori di camomilla o utilizzando le bustine: scopo finale è quello di portare alla preparazione di un infuso o decotto, versando i fiori o il contenuto della bustina nell’acqua in ebollizione. Una volta preparato l’infuso o il decotto, si lascia raffreddare e lo si utilizza dopo aver utilizzato lo shampoo e l’eventuale balsamo. Si tiene in posa per 10 minuti e, senza risciacquare, si asciugano i capelli al sole (se d’estate, i raggi solari contribuiscono allo schiarimento dei capelli) oppure, se d’inverno, con il phon.
  • Birra. La birra è un metodo più “strong”, infatti riesce a schiarire in maniera accentuata (grazie alla presenza del malto d’orzo), ma non è adatta per i capelli più scuri (non dà alcun effetto). Si consiglia di utilizzarla dopo l’abituale lavaggio dei capelli e, se d’estate, lasciare asciugare gli stessi al sole. D’inverno si consiglia di avvolgere i capelli nella pellicola e far agire la birra per un’oretta (per poi asciugare con il phon).

Essendo la birra una bevanda alcolica, bisogna stare attenti all’alcol in quanto tende a seccare i capelli: una maschera idratante è ottima per contrastare questo inconveniente!

  • Limone. Il limone è un ottimo schiarente naturale per i capelli (per la presenza della vitamina C). Per utilizzarlo sui capelli è consigliato effettuare una diluizione con acqua (anche 4 litri di acqua per un cucchiaio di succo). L’accortezza da prestare quando si utilizza il limone è quella di nutrire e idratare i capelli dopo l’impacco (la cui durata può essere più o meno lunga, anche un’ora, in dipendenza da ciò che si vuole ottenere), in quanto bisogna tener conto dell’elevata acidità del limone la quale potrebbe essere motivo di secchezza dei capelli.
  • Acqua ossigenata. L’acqua ossigenata, o perossido di idrogeno, è uno dei metodi più efficaci, ma al quale bisogna apportare delle giuste accortezze. Innanzitutto, la percentuale di concentrazione non deve superare il 3 % (una concentrazione maggiore potrebbe innescare la caduta dei capelli) e il tempo di posa, sempre dopo lo shampoo, non deve superare i 20-30 minuti.

ATTENZIONE: Il perossido d’idrogeno è un ingrediente abbastanza pericoloso. E’ da utilizzare con cautela, per non danneggiare i capelli. Innanzitutto, bisogna considerare se i capelli sono stati trattati in un tempo precedente minore di un mese ma, in ogni caso, se non si è sicuri del suo utilizzo, sarebbe meglio rivolgersi ad un parrucchiere, quindi esperto del settore.

  • Miele. Il miele deve il suo effetto schiarente alla presenza del perossido di idrogeno nella sua composizione (quindi è da utilizzare anche questo con cautela). Si consiglia di diluirlo in acqua prima dell’utilizzo, per la sua consistenza viscosa (che non permetterebbe una buona applicazione e rimozione) e di metterlo in posa per 30 minuti (o una nottata). Successivamente, si sciacqua e si passa al normale lavaggio. Per ottenere un risultato migliore si può anche aggiungere allo stesso shampoo.

Un impacco per capelli ottimale da preparare prevede l’utilizzo di miele ed olio d’oliva: potenzia l’effetto schiarente e, grazie all’azione dell’olio, permette di idratare i capelli.

Si consiglia anche di applicare lo stesso olio solo sulle punte per dar loro lucentezza.

  • Cannella. Secondo le nostre nonne dona ai capelli chiari riflessi dorati e rossastri e permette di schiarire anche i capelli scuri, dando un effetto ramato. Va mescolata al balsamo, per ottenere un impacco da utilizzare prima del lavaggio.
  • Aceto. Questo prodotto, utilizzato come impacco prima dell’abituale lavaggio, consente di schiarire al meglio i capelli per la presenza dell’acido acetico. In particolare, l’aceto di mele è adatto a una base di partenza scura e ramata, mentre l’aceto bianco è adatto a una base di partenza più chiara.
  • Bicarbonato di sodio. Il bicarbonato di sodio è utile per schiarire e far splendere i capelli, andando ad aggiungere un cucchiaio al balsamo abituale (per evitare di seccare i capelli) o mescolandolo con acqua per formare una crema da applicare sui capelli.
  • Curcuma. La curcuma presenta il suo effetto solitamente sui capelli chiari, riuscendo ad accentuare dei riflessi biondi già presenti (sicuramente non presenterà alcuna azione sui capelli scuri). Il suo potere schiarente è dovuto alla presenza della curcumina. Per utilizzarla si consiglia di partire da una bottiglia di acqua e un cucchiaino di curcuma: non esagerate con le dosi, altrimenti l’effetto sarà un giallo fluorescente tendente al verde!
  • Hennè neutro. L’hennè neutro, o Cassia, non va a schiarire i capelli ma dona loro delle sfumature color oro. Per avere questo effetto, deve essere potenziato dall’utilizzo di un acido (tra cui il succo di limone) che permetterà di avere una reazione di ossidazione, la quale comporterà l’attivazione del pigmento della cassia. L’impacco, da posizionare sui capelli, può essere tenuto in posa per un’ora, dopo di chè si passa al risciacquo e al normale lavaggio.

Si è visto, inoltre, come l’hennè neutro sia non solo utile a schiarire le normali colorazioni, ma anche a coprire i capelli bianchi. Una miscela di miele ed hennè risulta essere ottimale per questa pratica, in modo da poter evitare il contatto con le solite tinture a base di prodotti chimici!

  • Olio di germe di grano. E’ reputato uno dei metodi più efficaci, in quanto il germe di grano non solo schiarisce i capelli, ma li rende brillanti, per la presenza di vitamina E. Tale olio essenziale può essere acquistato in erboristeria.

Gli ingredienti riportati precedentemente possono essere anche utilizzati insieme per avere un effetto potenziato: ad esempio limone e olio, miele e olio, miele e succo di limone, aceto e camomilla, aceto e limone, hennè e curcuma, miele e burro di karitè (con un uovo).

Per tutti i prodotti citati si consiglia di effettuare l'impacco una volta a settimana. Solo in questo modo si potranno vedere i primi risultati e riuscire a mantenerli.

Possibili controindicazioni.

Alcuni dei metodi sopra citati, come ad esempio il miele e il perossido, potrebbero danneggiare i capelli ulteriormente se sono fragili.

Anche il limone, per la sua acidità, potrebbe contribuire a renderli secchi e a farli spezzare più facilmente.

Consigli per prendersi cura dei capelli dopo la schiaritura.

Vediamo quali sono gli accorgimenti da adottare per preservare i capelli dopo averli schiariti.

  • Ricordare di effettuare una maschera nutriente e di utilizzare il balsamo: ad esempio, per quanto riguarda il miele, si può mescolare il prodotto naturale con l’abituale balsamo utilizzato.
  • Ricordare di limitare l’utilizzo del phon, di piastra o ferro arricciacapelli: il calore prodotto contribuisce a rendere maggiormente fragili i capelli.

E voi avete mai provato a schiarire i capelli in modo naturale? Raccontateci la vostra esperienza!

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Maria Innocente (Scienze della nutrizione) - Dott.sa Francesca Vassallo

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Come schiarire i capelli in modo naturale: prodotti e tecniche per capelli chiari e scuri"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...