Ceretta fai da te.

Ceretta fai da te per eliminare i peli superflui senza spendere un capitale! A differenza di altri metodi casalinghi (rasoio e crema) la ceretta permette di avere una pelle liscia e vellutata per periodi anche lunghi. Scopriamo allora tutte le possibili alternative di cerette domestiche: a freddo a caldo e perfino una ricetta per realizzare da sole la cera depilatoria con ingredienti tutti naturali.

Ceretta fai da te

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Tipologie
    1. A freddo con strisce
    2. A caldo con rullo
    3. A caldo con fornellino
    4. Fatta in casa
  3. Quale scegliere?
  4. Approfondimenti

Depilazione con la ceretta fai da te.

Esistono sul mercato tante alternative e numerosi strumenti per la depilazione e l’epilazione, ma probabilmente uno dei metodi più efficaci resta la cara vecchia cera.

La ceretta è composta da una resina naturale o sintetica che blocca la peluria direttamente all’epidermide imprigionandola.

Una volta applicata la striscia, il pelo può essere eliminato a strappo contropelo dalla radice, o con uno strappo nel senso del pelo in modo da prevenire la formazioni di peli incarniti, anche se questo tipo di strappo non assicura l’estirpazione del bulbo.

Agire direttamente alla radice invece significa rallentare molto la ricrescita dei peli superflui, senza però aggredire violentemente la pelle.

Se praticata a intervalli regolari, con costanza e per anni, la ceretta può addirittura far diminuire la crescita dei peli, sollevando le donne (e non solo) da un annoso fastidio.

Tipi di ceretta.

Chiariamo, innanzitutto, che per fare una ceretta esistono svariati modi e procedure, per cui prima di procurarsi l’occorrente necessario e le relative istruzioni bisogna effettuare la scelta circa la modalità di epilazione che si intende seguire.

Ceretta a freddo con strisce preconfezionate.

Soluzione ottima per chi ha intenzione di effettuare sporadicamente o addirittura “una tantum” la ceretta a casa. E' la scelta più rapida e semplice per depilarsi, ma è sicuramente meno precisa ed economica delle altre.

Approfondisci caratteristiche e tecniche della ceretta a freddo.

Di cosa abbiamo bisogno:

  • Una confezione di strisce depilatorie (acquistabili presso qualsiasi supermercato o profumeria; esistono di varie marche come ad esempio Veet, Depil-soap, ecc.)

  • Una confezione di crema per il corpo rinfrescante e lenitiva.

Come procedere:

Per effettuare una depilazione con le strisce a freddo le istruzioni sono poche e semplici:

  • prendere una striscia per volta, sfregarla per qualche secondo tra le mani,

  • dividere i due lembi,

  • applicare un foglio per volta sulla pelle da depilare,

  • attaccare per bene la striscia e tirarla con uno strappo secco e deciso,

  • ripetere l'operazione fino a completare la zona interessata.

Consigli e informazioni utili: In genere le confezioni in questione sono provviste, oltre che dei circa 20 strappi, di alcuni strappi per depilazioni più specifiche come baffetti, inguine e ascella e di alcune salviette oleose utili per togliere i residui di cera rimasti sulla pelle. Si consiglia, in ogni caso, di stendere con un massaggio abbondante crema lenitiva dopo la depilazione al fine di idratare e calmare la pelle che subisce comunque uno stress non indifferente con la ceretta.

Ceretta a caldo con rullo scalda-cera.

Utile per chi desidera effettuare la ceretta in maniera periodica soprattutto per le meno esperte e per chi ha a disposizione poco tempo per la depilazione.

Puoi approfondire come fare una perfetta ceretta a caldo.

Di cosa abbiamo bisogno:

  • Un rullo o manipolo scaldacera munito di cavo elettrico.

  • Un rotolone di carta strappacera.

  • Una ricarica di cera in rullo/roll-on.

  • Una confezione di crema o di olio lenitivo per il corpo.

  • Un paio di forbici.

  • Un grosso asciugamano.

Come procedere:

  • Inserire la cartuccia di cera in rullo nel manipolo scaldacera e collegare il cavo alla corrente elettrica per circa 15-20 minuti, tempo necessario per sciogliere la cera.

  • Intanto tagliare con le forbici, dal rullo di carta strappacera, le strisce ritenute sufficiente per depilare la zona, della lunghezza di 10-15 cm. Una volta scaldata, la cera diventa abbastanza liquida per essere spalmata attraverso il roll-on sulla superficie da depilare.

  • Proteggere il pavimento o comunque la zona dove si opera con un telo o asciugamano, le macchie che si dovessero creare con le eventuali colature di cera non andrebbero via facilmente.

  • Una volta che la cera è diventata liquida (dopo circa una ventina di minuti coma abbiamo detto) staccare lo scaldacera dalla presa elettrica.

  • Stendere attraverso il dosatore roll-on, delle strisce di cera sulla zona interessata, della lunghezza di circa 10-15 cm, quindi di una lunghezza compatibile con le strisce tagliate dal rullo di carta strappacera.

  • Di volta in volta strappare la cera stesa attraverso le strisce che abbiamo precedentemente tagliato.

  • A ceretta ultimata, stendiamo abbondante crema lenitiva o olio al fine di rilassare la pelle e di eliminare i residui di cera.

Consigli utili: Nello stendere la cera cerchiamo di avere un certo ordine in modo da non lasciare zone di pelle non depilate. Di tanto in tanto reinserire il cavo nella presa elettrica per mantenere la cera sempre liquida ma moderatamente calda.

Ceretta a caldo con fornellino scaldacera e spatola.

Indicata per donne più esperte e pazienti che effettuano in maniera periodica la depilazione.

Di cosa abbiamo bisogno:

  • Uno scaldacera per barattolo (esistono di vari tipi, modelli e prezzi: con trasformatore, con base elettrica, con regolazione di temperatura ecc.)

  • Una spatola spalmacera.

  • Un rotolone di carta strappacera.

  • Un barattolo di cera (esistono di varie dimensioni, da 400 ml, 500 ml, 800 ml, ma ne serve comunque meno di uno per una depilazione).

  • Una confezione di crema o di olio lenitivo per il corpo.

  • Un paio di forbici.

  • Un grosso asciugamano.

Come procedere:

Per questo tipo di ceretta il procedimento è sostanzialmente lo stesso di quello di cui al punto precedente con la differenza che la cera va stesa utilizzando la spatola. Questo sistema consente di essere più precise nella depilazione, soprattutto nelle zone più difficoltose da epilare, come l’inguine o l’interno coscia.

Consigli e suggerimenti: Tutto l’occorrente per le cerette a caldo si può trovare facilmente in profumeria ma, per una spesa meno esosa, ci si può recare presso negozi che forniscono estetiste e parrucchieri o, talvolta, presso negozi di detersivi e affini.

Non demoralizzarsi se le prime volte la depilazione non risulta perfetta, dopo un paio di volte tutto risulta più semplice.

Molti suggeriscono, per evitare follicolite dopo la ceretta, di passare sulla pelle da depilare un batuffolo di alcool prima e dopo la depilazione.

Ceretta fatta in casa.

La ceretta, sopratutto nella versione a caldo, è dunque una delle tecniche epilatorie più efficaci, purtroppo però in alcuni casi può risultare dispendiosa sia in termini di tempo, per chi ad esempio sceglie di farla da un estetista, sia in termini economici, infatti, anche le cere pronte all’uso acquistabili nei supermercati hanno un certo costo.

Per ovviare a questi problemi è possibile realizzare da sole una cera depilatoria, da applicare comodamente a casa, risparmiando tempo e soldi.

Ricetta

La “ricetta” che vi proponiamo è, nello specifico, quello della cera araba (halawa). Si tratta di un rimedio naturale, la cui preparazione coinvolge ingredienti dolci, golosi e profumati

La ceretta può essere utilizzata su ogni parte del corpo: sulle braccia, gambe, inguine, baffetti, sopracciglia e quant’altro.

Cosa serve per preparare la cera? Abbiamo bisogno di:

  • due - tre limoni,

  • due tazze di zucchero,

  • due cucchiaini di miele d’ambrosia,

  • uno spremiagrumi,

  • una piccola pentola,

  • un frustino da cucina,

  • una bilancia,

  • un contenitore.

Ricordatevi che, orientativamente, le quantità di zucchero e miele devono essere il doppio rispetto a quelle dei limoni.

La preparazione:

  • Lavare i limoni, tagliarli a metà e ricavarne il succo tramite lo spremiagrumi. Occhio al peso dell’estratto ottenuto: servirà per regolare le quantità degli altri “ingredienti”.

  • Versare in un pentolino la giusta quantità di zucchero e aggiungere il succo di limone. Mescolare il tutto a fuoco lento, agevolando l’operazione con la frusta da cucina.

  • Continuare a girare fino ad amalgamare perfettamente il composto.

  • Aggiungere il miele (ricorda il rapporto 1:2, rispetto alla quantità del succo di limone).

  • Riprendere a mescolare, alzando la fiamma.

  • La cera sarà pronta quanto il preparato diventerà color giallo ambrato. Spegnere e lasciare raffreddare.

La ceretta è pronta.

Come utilizzarla:

  • Inserire il preparato in un contenitore, facendo attenzione a non scottarsi.

  • Distribuire il composto sulla pelle con un coltello largo o una spatola, seguendo la direzione dei peli.

  • Per lo strappo, acquistare in profumeria le apposite strisce, oppure rimediare a casa vecchie lenzuola da tagliare ad hoc.

Molte donne si rifanno anche alla tecnica di depilazione araba, creando delle palline con la cera raffreddata. Inizialmente, non è impresa facile raggiungere la giusta consistenza, ma è un traguardo facilmente raggiungibile con un pò di pratica. Ogni singola pallina creata deve essere “ruzzolata” sulla parte del corpo interessata, in modo da catturare i peli superflui, senza ricorrere alle solite strisce.

Consigli utili.

  • Mettere uno strato di talco sulla pelle prima della depilazione, per attutire lo strappo e non irritare la pelle, senza andare incontro ad arrossamenti e follicoliti.

  • Dopo la cera è buona pratica sciacquare la zona depilata con abbondante acqua fredda.

Quale ceretta scegliere ? Calda o fredda in funzione del tipo di pelle e della zona da depilare.

La scelta delle ceretta, calda o fredda, a strisce o fatta in casa dipende naturalmente dalla zona del corpo da depilare e soprattutto dal tipo di pelle.

La ceretta a caldo è sicuramente la tecnica depilatoria più duratura in quanto essa elimina non solo il pelo ma anche la radice assicurando una pelle liscia fino a quattro settimane.

Essa però, presenta molti inconvenienti:

  • è dolorosa;

  • provoca irritazione ed ecchimosi della pelle, ed in alcuni casi, se è troppo calda, anche lievi scottature;

  • è controindicata per chi soffre di vene varicose o capillari fragili in quanto il calore della cera provoca vasodilatazione;

  • è sconsigliata per la depilazione di zone delicate e sensibili quali inguine, ascelle, labbra e sopracciglia, mentre è più indicata per eliminare i peli da gambe (Salvo controindicazioni) e torace;

  • va inoltre evitata in caso di pelle sensibile, ovvero in caso di pelle che si presenta sottile fragile, secca e di colorito molto chiaro.Tale tipo di pelle è infatti ipereattiva a qualsiasi sollecitazione, al caldo, al freddo e soprattutto a sostanze cosmetiche irritanti, inoltre il calore della cera e lo strappo, posso causare rossori bruciori ed irritazioni.

Approfondisci le caratteristiche di una pelle sensibile.

Per ovviare al problema è possibile ricorrere ad una tecnica di depilazione simile alla ceretta a base di pasta di zucchero che è ipoallergica e molto più dolce della cera. Essa, infatti, una volta spalmata, aderisce solo ai peli senza irritare la pelle.

La ceretta a freddo è sicuramente meno efficace di quella calda, in quanto le strisce che si applicano sulla pelle non aderiscono sempre perfettamente e spesso i peli non vengono estirpati dalla radice. Inoltre per avere una depilazione migliore spesso è necessario ripetere più volte l’applicazione.

Tuttavia essa presenta i suoi vantaggi:

  • è rapida e comoda: le strisce sono già pronte per l’uso;

  • non emana calore e quindi non determina vasodilatazione, ne presenta rischi di scottature dovute ad un cattivo dosaggio della temperatura;

  • è indicata per zone sensibili quali inguine, ascelle, viso,

Scopri come fare la depilazione intima senza incorrere in spiacevoli effetti collaterali.

  • è consigliabile per chi soffre di fragilità capillare o veno varicose e per chi ha una pelle sensibile.

A questo punto non ti resta che scegliere quale metodo sia più adatto alle tue esigenze!

Supervisione: Maria Grazia Cariello Collaboratori:



Torna all'Indice:
Condividi su Facebook
"Ceretta fai da te"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.