Cavitazione estetica contro la cellulite ed il grasso localizzato.

Segue una guida informativa sulla cavitazione, dagli utilizzi alle diverse tipologie, dalle sedute ai vantaggi di questo trattamento.

Cavitazione estetica contro la cellulite ed il grasso localizzato

Cosa è e quali sono  gli utilizzi della Cavitazione?

Il termine cavitazione indica un processo fisico in cui si formano delle bolle di vapore all’interno di un fluido, bolle che poi a causa di un cambio di pressione implodono.

Questo processo viene sfruttato in diversi ambiti,  come per il funzionamento di motori e macchinari, è presente anche in natura  nel sistema vascolare delle piante, ma è negli ultimi anni che il termine "cavitazione" ha assunto una certa notorietà, dal momento che si è scoperto che questo processo fisico poteva essere applicato anche ai tessuti biologici, dando ottimi risultati nella lotta contro uno degli inestetismi più diffusi ed odiati, ovvero l’accumulo di adiposità localizzate, in altre parole la cellulite.

I diversi tipi di Cavitazione.

Come già accennato esistono diversi tipi di cavitazione, in questa sede ci soffermeremo ad analizzare solo quelli che vengono utilizzati come trattamenti contro la cellulite e che possono essere distinti in:

  • cavitazione estetica,
  • cavitazione medica,
  • cavitazione chirurgica

Tutti e tre questi trattamenti si basano sullo stesso principio ovvero sull’emissione di ultrasuoni che vanno a formare delle bolle all’interno delle cellule di grasso facendole quindi implodere. Una volta implose i residui vengono espulsi dall’organismo attraverso le urine, il sudore e gli altri fluidi corporei.

Differenza tra i diversi  tipi cavitazione.

La differenza tra i 3 tipi di cavitazione è legata al fatto che nella cavitazione medica e chirurgica vengono iniettati, prima del trattamento, dei farmaci che favoriscono lo scioglimento delle cellule adipose, mentre nella cavitazione estetica vengono usati solo gli ultrasuoni, ecco perché per la cavitazione medica e chirurgica c’è bisogno della mano di un medico specialista che somministri i farmaci mentre l’estetica può essere praticata anche da un estetista.

La potenza degli ultrasuoni.

Per quanto riguarda la potenza degli ultrasuoni questi devono sempre e comunque essere a bassa frequenza, in questo modo infatti vanno ad agire solo sulle cellule di grasso non intaccando invece il tessuto muscolare e le altre cellule. L’utilizzo dei farmaci usati nella cavitazione medica e chirurgica naturalmente fa si che questi trattamenti siano più efficaci in situazioni critiche dove ad esempio ci si trova a dover debellare una cellulite già al III stadio, ma rende anche leggermente più evidenti gli effetti collaterali, rossore e gonfiore che sono accentuati dalle iniezioni.

Le sedute di cavitazione.

La durata di ogni singola seduta dipende naturalmente da quanto sia estesa la zona da trattare, il trattamento è del tutto indolore e non vi è quindi la necessità di eseguire anestesie o preparazioni particolari, anche gli effetti collaterali sono molto limitati, è possibile infatti che la zona sottoposta al trattamento si presenti leggermente arrossata nelle ore successive al trattamento ma è un effetto normale e temporaneo che si attenua in modo naturale.

Massaggio post intervento.

In molti casi alla cavitazione fa seguito un massaggio che favorisce l’eliminazione delle cellule di grasso implose il che rende il trattamento un po’ più lungo in termini di tempo ma senza dubbio più piacevole.

Da quando sono visibili i risultati?

Secondo molti i risultati sono visibili fin dalla prima seduta ma in linea di massima, soprattutto se si tratta di cavitazione estetica, sono necessarie più sedute per ottenere dei risultati apprezzabili, in media è sufficiente un ciclo che può essere composto di 8-10 sedute da effettuare con cadenza settimanale, poi può essere sufficiente fare delle sedute mensili o anche trimestrali o addirittura annuali semplicemente per conservare nel tempo i risultati ottenuti.

Campi di applicazione e vantaggi della cavitazione.

La cavitazione è un trattamento che viene usato sopratutto per favorire il dimagrimento e per sconfiggere uno degli inestetismi più odiati dalle donne, ovvero la cellulite. Il grande successo della cavitazione estetica è legata al fatto che questo trattamento permette di avere risultati quasi paragonabili a quelli della liposuzione, anche se a volte in tempi leggermente più lunghi, ma comunque con molte meno controindicazioni ed effetti collaterali. La cavitazione infatti è un metodo per nulla invasivo che non lascia alcun tipo di cicatrici e non richiede alcun tipo di accorgimento particolare nella fase pre o post trattamento. Questo naturalmente non vuol dire che questo trattamento vada preso sotto gamba, è sempre necessario affidarsi a personale altamente qualificato, sia per garantire la salute che per essere certi di avere risultati. Nel campo della cavitazione estetica bisogna stare attenti a scegliere centri e macchinari che siano certificati e garantiti in quanto non è raro che ci siano centri che spacciano per cavitazione trattamenti che non sono tali e quindi del tutto inefficaci, se non addirittura dannosi.

Sebbene questo trattamento non presenti particolari controindicazioni e possa essere eseguito da donne e uomini di tutte le età, è sconsigliato a coloro che sono portatori di pace maker o soffrono di disturbi all’apparato cardio-circolatorio.

COMMENTI


SU
Condividi su Facebook
"Cavitazione estetica contro la cellulite ed il grasso localizzato"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...