Capelli secchi

I capelli secchi sono un inestetismo molto frequente tra soggetti di ambo i sessi e di tutte le età: capita spesso infatti che i capelli assumano un tono sfibrato, un colorito spento e tendano a spezzarsi. La larga diffusione di questo problema può essere messa in relazione con il fatto che all’origine dei capelli secchi possono essere individuate una gran varietà di cause anche di natura molto diversa tra loro. Scoprire quale sia/no la/e cause che portano alla comparsa dei capelli secchi è però un elemento imprescindibile per poter scegliere il rimedio più adeguato e cercare di attenuare il fenomeno.

    Indice Articolo:
  1. Quali sono le cause dei capelli secchi
  2. Come riconoscerli?
  3. Cosa fare per prevenili
  4. I possibili trattamenti
  5. Rimedi naturali
  6. Maschere fatta in casa
  7. Prodotti ristrutturanti in commercio

Cause responsabili dei capelli secchi.

I capelli secchi sono causati da una mancanza di sebo nel tessuto del capello, ovvero lo strato di grasso naturale che avvolge il capello, donando all’intera chioma un aspetto setoso al tatto. La mancanza di tale elemento fa si che il tessuto dei capelli si sfaldi, ciò determina l’aspetto sicuramente noto, poco piacevole sia alla vista che al tatto.

Fattori genetici: le persone che hanno una predisposizione ad avere la cute secca, o bassi livelli di sebo, avranno maggiore possibilità di ritrovarsi con una chioma di capelli secchi.

Patologie: o qualsiasi altro tipo di disturbo, che provochi una non corretta assimilazione dei nutrienti o scompensi ormonali, quali ipotiroidismo i ipertiroidismo, possono provocare una secchezza cutanea e dei capelli dovuta alla alterata quantità di T3 e T4 nel sangue.

Fattori ormonali: in alcuni casi una scarsa produzione di certi tipi di ormoni può provocare un indebolimento della struttura del capello: non a caso le donne in gravidanza, vista l’alta produzione di estrogeni, hanno capelli belli e lucenti. Gli estrogeni, infatti, hanno un effetto protettivo sui capelli, ne stimolano la crescita e mantengono in salute il bulbo pilifero.

Squilibri nutrizionali: una dieta povera di alcuni nutrienti come ad esempio le proteine che sono componenti fondamentali della cheratina, o di vitamine ed acidi grassi essenziali può provocare un forte indebolimento della struttura del capello.
L’alimento consigliato per la cura dei capelli è l’uovo perché ricco di proteine, calcio e altre proprietà nutrizionali essenziali per il benessere della nostra chioma.

Approfondisci il ruolo delle vitamine per il benessere dei capelli: una carenza di vitamine comporta un indebolimento del fusto.Fattori climatici ed ambientali: temperature eccessivamente rigide, l’esposizione al sole, il sale marino, il vento, ma anche il semplice smog delle città sono tutti fattori che provocano stress ai capelli che andrebbero quindi adeguatamente protetti in ognuna delle situazioni sopramenzionate. I fattori ambientali infatti, abbassano il livello di sebo sui capelli, facendo in modo che questi diventino più porosi e più inclini ad assorbire ciò che ci sta intorno.

Prodotti cosmetici e comportamenti scorretti: il più frequente fattore di stress per i nostri capelli che spesso li porta ad essere secchi e sfibrati sono proprio i trattamenti estetici cui noi li sottoponiamo e tra questi rientrano tanto trattamenti saltuari come ad esempio le tinture le permanenti, etc.. che quelli quotidiani come lo shampoo l’uso del fon etc..

L’uso del fon ad una distanza troppo ravvicinata e/o con una temperatura troppo elevata, fanno si che lo strato di sebo che ricopre il capello si alteri, rendendolo visibilmente secco. Anche trattare i capelli con la piastra per lisciare può alterare la salute degli stessi.

Lavaggi troppo frequenti con prodotti aggressivi, possono alterare il ph del capello e del cuoio capelluto portando ad una visibile increspatura della massa dei capelli. Anche il cloro, può portare a lungo andare ad avere capelli secchi, per questo agli sportivi nel campo del nuoto è consigliato avere una maggiore cura della loro chioma.

In passato si credeva che 100 colpi di spazzola mantenevano una chioma lucente, oggi al contrario è stato provato che pettinature troppo vigorose o troppo frequenti, possono indebolire la struttura del capello.
Infine tra le peggiori cause dei capelli secchi troviamo le tinture. Queste, essendo dei prodotti chimici, formati per la maggior parte da ammoniaca, hanno la capacità di cambiare la struttura del capello e togliere lo strato di sebo che lo protegge.

Ma come riconoscere i capelli sfibrati?

Come visto i capelli secchi sono un problema che accomuna sia uomini che donne, sia chi ha i capelli lunghi che chi li ha corti. Si presentano, aridi, sfibrati e fragili: avendo perso la loro consistenza si spezzano con una maggiore facilità e sono più soggetti alla formazione di doppie punte. È importante riconoscerli per poterli curare.

Come detto le cause che possono rendere secchi i capelli sono molteplici, e non è raro che all’origine vi siano diversi fattori che interagiscono tra loro, per limitare i quale è necessario intervenire contemporaneamente e mettere in atto una strategia mirata a rendere nuovamente sana lucente la chioma usando i giusti rimedi.

Cosa fare per i capelli danneggiati?


Anzitutto, in assenza di cause fisiologiche che necessitano di cure opportune, prevenire il problema: come?

Cose da non fare:

Non lavare i capelli con acqua calda perché l’alta temperatura scioglie lo strato protettivo di sebo che riveste i capelli.
Non asciugarsi con il fon troppo vicino e con una temperatura elevata perché si potrebbe alterare la struttura del capello.
Non strofinare i capelli per eliminare l’acqua in eccesso dopo un lavaggio, lo strofinio altera l’uniformità del tessuto dei capelli.
Non passare la piastra lisciante spesso, perché l’elevata temperatura danneggia i capelli.
Non fare spesso le tinture a base di ammoniaca, perché questa indebolisce i capelli.

Cose da fare:

Proteggere sempre i capelli dalle intemperie: in estate usando un olio protettivo, in inverno anche un cappello aiuta a proteggersi da freddo che danneggia il tessuto dei capelli.
Preferire una tintura all'hennè piuttosto che una all'ammoniaca in modo da ottenere un risultato simile, ma senza aggredire il capello. È preferibile usare prodotti erboristici e non aggressivi per il lavaggio dei capelli.
Risciacquare i capelli con acqua tiepida tendente al freddo.
Mettere il fon ad una distanza di 15 cm dai capelli per asciugarli.
Portare un taglio non troppo lungo, per evitare di stressare i capelli. Spuntare le punte dei capelli con regolarità, in modo da evitare doppie punte.
Pettinare i capelli con un pettine di legno a denti larghi, con molta delicatezza.
Al mare e in piscina, dopo il bagno, è opportuno farsi una doccia in modo da togliere sia i residui di sale che di cloro che potrebbero essere dannosi per i capelli secchi.
Dopo lo shampoo, con l’ultimo risciacquo, è utile usare del succo di limone o dell’aceto perché eliminano l’effetto dell’acqua con un alto contenuto di calcare, donano lucentezza e prevengono l’eventuale secchezza dei capelli.
È importante avere un’alimentazione varia, che permetta di apportare il giusto quantitativo di ferro e Sali minerali.

Come curarli.

Per curare i capelli secchi è possibile usare sia rimedi naturali, con delle maschere fatte in casa, sia prodotti che si possono comprare in farmacia e profumerie: l’importante che questi abbiamo lo scopo di ristrutturare il capello e ripristinare il suo naturale strato di sebo protettivo.

Rimedi naturali.

Per rimedi naturali per la cura dei capelli secchi, facciamo riferimento a tutto ciò che si può trovare in natura, senza l’aggiunta di elementi chimici. Si tratta di prodotti facilmente reperibili nelle erboristerie: nella maggior parte dei casi sono oli che si applicano lungo la lunghezza dei capelli come fossero delle maschere e poi vanno risciacquati prima di essere asciugati.
Vediamo cosa possiamo usare per i nostri capelli e quali principi attivi agiscono in favore di questi.

Olio di jojoba per la sua consistenza simile a quella del sebo è un ottimo rimedio per la cura dei capelli secchi perché ricco di vitamina E e vitamina B, con iodio e zinco, che nutrono e idratano le cellule indebolite. Poche gocce bastano per l’effetto desiderato.

Olio di mandorle dolci è usato per gli impacchi, grazie alle sue proprietà idratanti, nutre i capelli e li riporta ad uno stato di normalità. Va tenuto in posa mezz’ora e poi risciacquato con uno shampoo naturale.

Anche l’olio di cocco è da considerarsi un rimedio per i capelli secchi; in questo caso dona lucentezza e morbidezza grazie alle sue proprietà idratanti ed emollienti. Va applicato un paio di ore prima dello shampoo oppure prima di una lunga esposizione al sole al mare per evitare l’effetto di paglia che si ottiene a causa della salsedine. Molto famoso tra le donne orientali che lo usano costantemente per la cura dei loro capelli.

L’olio di Argan e l’olio di semi di lino sono consigliati per i capelli sfruttati e secchi perché grazie al loro principio attivo, l’acido linoleico, con l’azione anche della vitamina E ed A, perché protegge dai fattori climatici.

I semi di lino sono un rimedio naturale particolarmente efficace per la salute dei capelli.Il burro di karitè con le sue proprietà emollienti ed idratanti è usato per la cura dei capelli secchi, sia per ridare luminosità sia come maschera solare per proteggere questi dai raggi UV, che potrebbero danneggiarli ulteriormente.

Anche altri rimedi sono usati per la cura e la prevenzione dei capelli secchi:

Rimedi per capelli secchi fatti in casa.

Tra i rimedi fai da te fatti in casa, troviamo varie soluzioni per la cura dei capelli secchi.

Maschera all’uovo per chi ha i capelli molto secchi.

Gli ingredienti sono:

Per preparare il composto sbattete i due tuorli dentro una terrina, aggiungete l’olio, il miele e infine il limone. Mescolate fino ad avere un composto omogeneo e poi usatelo per i vostri capelli secchi. È consigliato tenerlo in posa per 30- 40 minuti, dopo di ché è importante lavarli bene. Otterrete un ottimo risultato, i capelli acquisteranno subito morbidezza, vigore e salute, perdendo quell’effetto di paglia secca.

Maschera agli oli per i capelli che tendono al secco.

Gli ingredienti:

Mescolare gli ingredienti in una terrina, in modo da ottenere un composto omogeneo. Fatto ciò si può passare a stenderlo sulle punte e sulla lunghezza dei capelli, senza però interessare la cute. Lasciarlo in posa 60 minuti e poi lavare i capelli con uno shampoo poco aggressivo.

Prodotti ristrutturanti.

In commercio abbiamo una vasta gamma di buoni prodotti che agiscono a favore di questo problem a secondo le proprie esigenze.

Kerastase: l’oleo relax è un ottimo prodotto da usare dopo lo shampoo, prima di asciugare i capelli, basta una piccola quantità da spalmare sulla lunghezza per ottenere il risultato desiderato. Già dalle prime applicazioni è possibile notare un miglioramento. Sempre la stessa casa, ci propone dei prodotti per prevenire i capelli secchi: nella linea solare della kerastase, abbiamo un olio che si vaporizza sulla chioma prima di un’ esposizione ai raggi solari, Huile celestè. I costi di questi prodotti sono medio alti, partono dai 17 euro.

L’Oreal professional: ci propone una linea “absolut repair cellular”, in cui è possibile trovare dallo shampoo, balsamo, maschera e olio che grazie all’azione dell’acido lattico riescono a ristrutturare le cellule dei capelli donando un aspetto più sano. Anche in questo caso i prodotti hanno dei costi medio alti, e si parte da 15 euro.

FM group: azienda che si occupa di shampoo, creme, profumi e make up- che ci offre una linea di shampoo e balsamo per capelli secchi, che risolve il problema rinvigorendo i capelli, dona maggiore lucentezza e li idrata grazie all’azione dell’aloe e degli estratti di alghe.in questo caso il prezzo dei prodotti è a partire da 8 euro.
Inoltre si possono trovare shampoo, balsami e maschere più commerciali nei supermercati con costi a partire che non superano i 5 euro, ma che riescono ad alleviare i sintomi visibili.