Bardana: proprietà curative e controindicazioni di radice e foglie.

Scopriamo le proprietà curative di della bardana, una pianta depurativa, antiossidante ed antifungina. Valida alternativa alla medicina tradizionale, i decotti e gli infusi che si ottengono con radici e foglie della Arctium lappa apportano molteplici benefici e non presentano particolari controindicazioni.

Bardana: proprietà curative e controindicazioni di radice e foglie

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche e principi attivi
  2. Proprietà curative
  3. Dosaggio e posologia
  4. Controindicazioni
  5. Approfondimenti

Cos’è la bardana? 

La bardana, o Arctium lappa, è una pianta resistente che si adatta bene ai vari climi.

Conosciuta fin dall’antichità per le proprietà benefiche e terapeutiche la bardana è molto rappresentata nella medicina tradizionale cinese; infatti, varie parti di questa pianta, dalle radici alle foglie e anche i semi, sono da secoli utilizzati a scopi sia alimentari che curativi.

Le radici, estratte nel periodo autunnale, prima di essere utilizzate devono essere tagliate longitudinalmente e trasversalmente e lasciate ad essiccare per tutto l’inverno mentre le foglie possono essere usate fresche.

Le diverse parti si possono utilizzare per la preparazione di decotti o infusi ma si può beneficiare degli effetti della bardana mediante l’assunzione di diversi preparati erboristici.

La bardana è inoltre utilizzata anche in campo alimentare, soprattutto nell’ambito della cucina orientale attraverso la preparazione di piatti tipici, soprattutto insalate preparate con i gambi crudi della pianta.

La ricchezza di questa pianta? I suoi principi attivi.

La bardana è una pianta ricca di principi attivi ed è grazie a queste sostanze che i prodotti che ne derivano sono ricchissimi di proprietà benefiche per l’organismo.

In primo luogo, la bardana è costituita per oltre il 50% del suo peso da polisaccaridi e in particolare dall’inulina, una sostanza prebiotica comune nel mondo vegetale; a spiccare è poi la quantità di sali minerali presenti, in particolare di potassio ma anche ferro, zinco, fosforo e manganese. La bardana contiene anche un buon apporto vitaminico, soprattutto di vitamina C, vitamina E e piridossina, vitamina appartenente al gruppo B.

Come spesso succede, sono però i principi attivi a rendere ricca di effetti benefici la bardana, cioè delle sostanze che prendono attivamente parte al metabolismo per apportare quei cambiamenti necessari in caso di patologia.

Tra i principi attivi contenuti nella bardana possiamo ricordare i lignani, gli acidi fenolici (come ad esempio l’acido caffeico) alcuni principi amari come l’arctiopicrina e ancora tannini e resine. I composti con attività antibatterica si ritrovano principalmente nell’estratto di foglie ma altri principi attivi, come gli antiossidanti e gli antidiabetici, si trovano abbondanti anche in semi e radici. Tali principi attivi saranno descritti in relazione alle proprietà e ai benefici apportati all’organismo nel prossimo paragrafo.

Le proprietà curative di radice e foglie.

Scoperti i principi attivi e le caratteristiche della bardana, vediamo ora come aiuta il nostro organismo. L’assunzione regolare dei prodotti a base di bardana apporta numerosi benefici salutari ed è utile per combattere diversi disturbi a carico della cute e non solo; vediamo dunque quali sono gli effetti benefici che si possono ricavare dalle radici e dalle foglie di questa straordinaria pianta:

  • depurativo: è l’effetto più conosciuto e sfruttato, in particolare grazie all’azione depurativa e drenante a livello della cute nella cura di dermatiti, eczemi, ulcere e acne; tale effetto depurativo si traduce anche in una maggiore attività epatica e della cistifellea, nonchè dell’intestino e dei reni, insomma di tutti quegli organi deputati al metabolismo e allo smaltimento delle tossine prodotte. L’azione depurativa della bardana è dovuta alla sinergia di vari principi attivi, dagli acidi fenolici che stimolano il drenaggio di vari organi e della cute fino all’inulina che ha un’azione diuretica ed aiuta quindi ad eliminare i liquidi in eccesso ed a contrastare la cellulite.

Puoi approfondire i benefici delle numerose tisane drenanti.

  • antiossidante: la presenza delle vitamine e di altri composti antiossidanti assicura una protezione contro gli effetti dannosi dei radicali liberi, che sono i responsabili dell’invecchiamento e dei danni cellulari.

  • antitumorale: sembra che tali proprietà siano dovute alla presenza delle molecole antiossidanti in combinazione con altre sostanze di natura non proteica, ancora oggetto di studio e ricerca.

  • antibiotico e antimicotico: azione svolta in particolare dal succo estratto dalle foglie che contiene molti acidi fenolici, è utile soprattutto per l’infezione da batteri gram positivi (per esempio lo Stafilococco) e contro le infezioni fungine.

  • regolarizzante intestinale: la presenza dell’inulina, un prebiotico, produce una regolarizzazione del transito intestinale con un leggero effetto lassativo; ricordiamo che un prebiotico è una sostanza non digeribile che arriva inalterata all’intestino crasso dando così nutrimento ai batteri normalmente presenti e aumentando la massa fecale. In questo modo l’intestino si mantiene attivo e sano.

  • ipoglicemizzante: grazie all’azione di sostanze che svolgono un ruolo importante nel controllo dei livelli di zucchero nel sangue, come un derivato della vitamina B2, la bardana ha un effetto positivo nella regolazione della glicemia, rappresentando dunque un buon coadiuvante nel trattamento del diabete.

  • ipocolesterolemizzante: la presenza del prebiotico inulina aiuta a mantenere sotto controllo anche i livelli di colesterolo ematico, con un effetto ipocolesterolemizzante.

Una pianta multifunzionale: il suo uso in cosmesi.

La bardana può inoltre essere utilizzata in campo estetico e cosmetico: la preparazione non differisce in quanto gli stessi decotti possono essere applicati sulla pelle e sui capelli per ottenere ottimi risultati. In particolare l’applicazione regolare di un decotto preparato con la radice di bardana associato a frizione 2-3 volte a settimana apporta un effetto anti-sebo e purificante; con lo stesso metodo si può ottenere una lozione che aiuti a ripristinare l’equilibrio del cuoio capelluto, condizione che coadiuva alla ricrescita dei capelli in caso di caduta.

Dove comprare la bardana e come assumerla.

Come già accennato, è possibile assumere la bardana attraverso diverse preparazioni erboristiche, in base alle proprie necessità e ai propri gusti; queste preparazioni si trovano facilmente in tutte le erboristerie, nei reparti appositi all’interno dei grandi supermercati e ovviamente anche nei negozi online, prestando sempre attenzione alle certificazioni dei prodotti che si acquistano. I prezzi sono generalmente accessibili e variano in base al tipo di preparazione scelta: si va dai 7 € circa fino ai 18 € delle creme per il viso.

Ecco dunque come si può assumere la bardana per trarne al meglio i benefici:

  • Decotto: si prepara facendo bollire 50 g di radice fresca in 1 L di acqua per circa 20 minuti, si procede alla filtrazione ed è già pronto da bere; si consiglia l’assunzione di 3 tazze al giorno, meglio se lontano dai pasti, in maniera regolare per un paio di mesi soprattutto per una cura palliativa dell’acne giovanile.

  • Tintura madre: si acquista in gocce e questa formulazione è utile soprattutto nella cura delle dermatosi in generale; basta assumere 40 gocce in poca acqua 3 volte al giorno, sempre per un paio di mesi per apprezzare i primi effetti.

  • Tisana: si può preparare una tisana a base di bardana in maniera molto semplice. Basta far bollire in acqua 1 cucchiaino di radici per circa 3 minuti, lasciare in infusione altri 5 minuti e quindi filtrare. Meglio assumere la tisana sempre lontano dai pasti per ottenere un effetto depurativo generale.

  • Unguento: questa preparazione è utile per l’applicazione topica e si prepara con il succo ottenuto dalla spremitura delle foglie mescolato a dell’olio per ottenere un composto omogeneo da applicare sulla zona interessata, per la cura di eritemi, piaghe e ulcerazioni.

  • Compresse: la bardana si può acquistare anche in compresse contenenti l’estratto secco della pianta, da assumere 2-3 volte al giorno secondo la dose riportata in etichetta.

  • Crema e lozione: da applicare direttamente sulle zone del corpo da trattare, le creme e le lozioni contengono estratti della pianta che, così come gli unguenti, sono un ottimo coadiuvante per il trattamento dell’acne e di altre affezioni della pelle.

Controindicazioni? No!

Tanti benefici e principi attivi, ma... ha controindicazioni?

Le preparazioni a base di bardana sono generalmente molto ben tollerate e non presentano particolari controindicazioni, tranne per soggetti con ipersensibilità per i quali si possono verificare episodi allergici.

Per le persone che invece seguono una cura farmacologica ipoglicemizzante bisogna fare attenzione e consultare un medico prima di assumere la bardana in quanto gli effetti della pianta possono interagire con gli effetti dei farmaci. Infine, come gran parte delle cure naturali, è sconsigliata l’assunzione della bardana alle donne in gravidanza e in allattamento a causa dell’effetto lassativo che può portare a disidratazione e all’azione sulla muscolatura uterina.

Insomma, dalla natura arriva sempre un aiuto alla nostra salute. Un prodotto come la bardana è un prezioso alleato per il nostro organismo: depurativa, antiossidante, antibiotica e molto altro! Non perdere tempo! Facile da trovare e piena di principi attivi è un prodotto naturale da non sottovalutare.

Supervisione: Collaboratori:Dott.sa Delia Belluccia (Biologa - Nutrizionista)- Dott.sa Teresa Spadaro

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Bardana: proprietà curative e controindicazioni di radice e foglie"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...