Bagno disintossicante: come farlo? Prodotti e benefici.

Quali sono i benefici di un bagno disintossicante? Quali le tecniche ed i prodotti da utilizzare perchè un bagno non sia solo rilassante ma aiuti anche a depurare l’organismo da tossine e scorie? Scopriamo tutti i segreti del bagno detox e le possibili controindicazioni di questa pratica.

Bagno disintossicante: come farlo?  Prodotti e benefici

    Indice Articolo:

  1. Bagno fai da te
  2. Prodotti
  3. Benefici
  4. Controindicazioni
  5. Approfondimenti

Bagno disintossicante fai da te

Il bagno disintossicante è una tecnica, utilizzata fin dall’antichità, per espellere scorie e tossine e restituire lucentezza e vitalità alla pelle e non solo.

Preparare un bagno disintossicante è davvero molto semplice, basta, infatti, riempire la vasca con acqua calda (tra poco vedremo la temperatura perfetta) ed aggiungere i giusti prodotti naturali. Quindi si può tranquillamente farlo in casa, senza spendere soldi e tempo in saune o centri estetici.

Cosa serve dunque per preparare un perfetto bagno detox fai da te?

La cosa che assolutamente non può mancare, oltre alla vasca, è un po di tempo da dedicare a noi stessi! Per un buon bagno disintossicante servirebbero minimo di 20-30 minuti di immersione effettiva in acqua, e per mantenere gli effetti della disintossicazione l’ideale sarebbe effettuate almeno un bagno detox a settimana.

La temperatura dell’acqua dovrebbe essere tale da permettere di riscaldarsi, ma allo stesso tempo di non bruciarsi, in linea di massima circa 37 gradi, anche se non vi è una temperatura precisa in quanto la percezione del calore è soggettiva, e il calore viene influenzato anche da fattori ambientali come calore della stanza etc, stagione etc.

Quali sono i prodotti adatti ad un bagno disintossicante?

In generale i prodotti detox più efficaci sono di origine naturale, in che permette di evitare un ulteriore accumulo di tossine sulla pelle. Tra i rimedi più efficaci per un buon bagno disintossicante troviamo:

  • Aceto di mele: grazie alle vitamine A, C ed E contenute in esso, questo prodotto, aggiunto nell’acqua calda può favorire un’ottima azione antiossidante, andando a contrastare la formazione dei radicali liberi. E’ sicuramente ottimo da utilizzare come prodotto “anti-age” (contro l’invecchiamento cutaneo). Quanto usarne? Si possono versare circa 7 tazze nella vasca colma di acqua calda.
  • Sali di epsom: sono di origine britannica e sono sali di solfato di magnesio; presentano numerosi benefici, ad esempio aiutano a contrastare la presenza dei calcoli biliari e possono essere utilizzati per un bagno fai-da-te immergendone circa due tazze nella vasca da bagno riempita con acqua calda. L’azione distensiva del magnesio, a livello muscolare, permetterà di rilassarsi e di scacciare tutta la tensione accumulata.
  • Bicarbonato di sodio: questo prodotto presenta azione disintossicante in quanto attira acqua da dentro l’organismo portando via le stesse tossine, grazie ad un processo osmotico. Quanto bisogna aggiungerne nella vasca da bagno? Circa due tazze.
Per avere un’azione potenziata si potrebbe pensare di aggiungere nell’acqua calda sia bicarbonato che sali di Epsom: si avrà un’azione doppiamente disintossicante e distensiva grazie all’azione del magnesio. Si possono creare anche dei mix di sali di epsom e olii essenziali, bicarbonato e oli essenziali, aceto di mele ed olii essenziali. I benefici sono gli stessi per qualsiasi mix, ovviamente sono potenziati rispetto al singolo uso del prodotto naturale.
  • Oli essenziali: se ne aggiungono circa 5-7 gocce nella vasca da bagno colma di acqua calda, da soli o insieme ai prodotti sopra citati. Ma, in particolare, di quali oli essenziali parliamo? Pompelmo, menta, lavanda, rosmarino, camomilla. Cosa hanno in comune questi principi? Possono abbassare la pressione sanguigna, avere azione antiossidante, alleviare le forti emicranie, contrastare i disturbi del sonno.

Quali sono i benefici che possono derivare a partire da una singola seduta di bagno detox? Vediamoli di seguito.

I benefici del bagno disintossicante per corpo e mente.

Abbiamo visto come farlo e che prodotti utilizzare, ma quali sono in concreto i benefici che un bagno disintossicante può apportare a mente e corpo?

Vediamoli.

  • Effetto disintossicante: l’acqua calda permette di far fuoriuscire per via osmotica le tossine. L’osmosi è un trasporto che avviene all’interno dell’organismo in cui l’acqua passa da una zona meno concentrata ad una più concentrata: in questo caso essa fuoriesce attraverso i pori della pelle verso l’esterno, dove vi è appunto meno acqua trasportando con sé le tossine.
  • Effetto anticellulite: la cellulite è un problema della pelle dovuto anche all’accumulo di tossine. L’effetto disintossicante si riflette, quindi come effetto anticellulite.
  • Effetto rilassante: ritagliarsi 30 minuti o un’ora per sé stessi per fare un bagno detox aiuta a liberare l’organismo dallo stress della routine giornaliera e a ritrovare il proprio benessere psico-fisico.
  • Effetto sull’umore: l’effetto rilassante si riflette anche sul tono dell’umore. Dopo un bagno detox rilassante tutti noi ci sentiamo sicuramente più sereni e con l’umore giusto per affrontare il resto della giornata!

Esistono delle controindicazioni?

Beh si, anche in questo caso esistono degli effetti collaterali in particolari situazioni. Vediamole insieme.

  • Nei pazienti con problemi di circolazione e propensione ad avere le vene varicose o fragilità capillare, il bagno disintossicante potrebbe andare a peggiorare il problema in quanto il calore dell’acqua e l’azione dei prodotti naturali possono andare a dilatare i vasi sanguigni (infatti si presenta diminuzione della pressione sanguigna) e lacerare ulteriormente le vene o i capillari
  • Stesso problema si può riscontrare nei soggetti diabetici, i quali presentano un microcircolo (insieme dei capillari sanguigni) debole e propenso maggiormente alla rottura

E le donne in gravidanza possono fare il bagno disintossicante?

Nel loro caso sarebbe buona pratica consultare il medico di fiducia, in quanto anche le donne in gravidanza potrebbero presentare problemi dovuti all’indebolimento del microcircolo.

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Maria Innocente (Scienze della nutrizione)

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Bagno disintossicante: come farlo? Prodotti e benefici"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...