Bacche di alloro: proprietà ed utilizzi.

Le bacche di alloro hanno diversi principi attivi con proprietà, digestive, analgesiche ed antinfiammatorie, il che ne fa un ingrediente molto usato non solo in cucina ma anche in erboristeria ed aromaterapia. Approfondiamo tutti i benefici delle bacche di lauro i loro utilizzi e le possibili controindicazioni.

Bacche di alloro: proprietà ed utilizzi

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Proprietà
  3. Usi
  4. Controindicazioni
  5. Approfondimenti

Bacche di alloro: caratteristiche.

Le bacche dell’alloro o laurus (laurus nobilis), albero sempreverde con foglie aromatiche verde scuro, vengono prodotte in autunno e sono rotondeggianti di colore nero-violaceo dal sapore e dalla profumazione molto intensi.

Spesso si tende a confondere le bacche di questa pianta con quelle di altre varietà, in particolare l’ alloro rosa (Nerium oleander) e l’alloro del portogallo (Prunus lusitanica) che appartengono a generi differenti e non hanno caratteristiche in comune con l’alloro se non l’aspetto delle foglie e le cui bacche sono tossiche.

Invece sia le bacche che le foglie del laurus nobilis, non solo non sono tossiche, ma sono commestibili ed ampiamente usate sia in cucina che, come vedremo più avanti, in erboristeria.

Proprietà dei principi attivi delle bacche del laurus nobilis.

I principi attivi dell’alloro sono molto più concentrati nelle bacche che nelle foglie. Eugenolo, cineolo, geraniolo, eucaliptolo, pinene, sono tra i fitochimici ai quali si attribuiscono le proprietà benefiche delle bacche:

  • proprietà digestive. Eugenolo, eucaliptolo e geraniolo e i terpeni presenti nelle bacche, sono sostanze aromatiche in grado, quindi, di stimolare la secrezione salivare e gastrica favorendo la digestione.
  • Proprietà antisettiche. La maggior parte dei principi attivi prodotta dalle bacche ha la funzione di impedire attacchi da parte dei parassiti e dei germi. Tali sostanze, infatti sono in grado di inibire la crescita dei microrganismi come funghi e batteri e possono essere usate a nostro vantaggio.
  • Proprietà analgesiche. L’elevato contenuto in cineolo rende le bacche utili contro il dolore. L’azione analgesica si esplica inibendo la nocicezione, ossia la percezione del dolore attraverso le terminazioni nervose che conducono poi il segnale al cervello. Per questo, frizionare l’olio di bacche di alloro sulle articolazioni è utile per alleviare il dolore causatovdall’artite.
  • Proprietà antinfiammatorie. Le bacche di alloro, in virtù dei principi attivi quali il cineolo e il pinene, possiedono un’azione anti-infiammatoria. Il meccanismo d’azione con cui tali sostanze agiscono sembra molto simile a quello dei farmaci anti-infiammatori non steroidei, ossia agiscono bloccando degli enzimi (Cox2) che sintetizzano mediatori dell’infiammazione. L’olio estratto dalle bacche, non a caso viene usato topicamente per trattare la psoriasi malattia infiammatoria cronica che causa desquamazione di alcune aree del corpo come mani, ginocchia, gomiti...

Usi in fitoterapia ed aromaterapia della polvere e dell’olio estratti dall’alloro.

Viste tutte le loro proprietà le bacche di alloro fanno da sempre parte della tradizione popolare come rimedi naturali, e sono quindi protagoniste anche di rimedi fitoterapici.

In particolare:

  • in fitoterapia. Reperibile in erboristeria, ma facile da preparare anche a casa, la polvere di bacche di alloro si ottiene essiccando le bacche per poi pestarle in un mortaio per poi tritarle finemente. Mezzo cucchiaino basta per preparare una tisana ad azione analgesica, magari dolcificata con poco miele.

Con la polvere delle bacche di alloro si prepara l’olio di alloro.

Si mescolano 50 grammi di polvere in 250ml di olio d’oliva dopo circa un mese l’olio può essere usato topicamente per alleviare i dolori reumatici.Disponibile in erboristeria al costo di circa 5,00 euro il flacone da 10 ml, l’olio essenziale di bacche di alloro può essere impiegato topicamente contro dolori o infiammazioni cutanee.

  • In aromaterapia. Le bacche di alloro contengono composti volatili, ossia, facilmente evaporabili, capaci di stimolare alcune aree del sistema nervoso centrale e per questo vengono impiegate largamente in aromaterapia. In dettaglio, il geraniolo, l’eugenolo e l’eucaliptolo, contenuti nelle bacche, quando inalati sono in grado di attivare, a livello cerebrale, i neuroni coinvolti nell’elaborazione dei pensieri positivi, contrastando la depressione. A tale scopo si aggiungono 4 o 5 gocce nell’apposito diffusore o in acqua bollente.

Puoi approfondire quali sono gli oli essenziali

L’alloro in cucina: non solo foglie….

Nella nostra tradizione culinaria dell’alloro vengono utilizzate soprattutto le foglie, tuttavia le bacche sono l’ingrediente essenziale di alcune ricette in particolare sono fondamentali per preparare arrosti di maiale e selvaggina, ma vengono usate anche per insaporire focacce.Con le bacche, inoltre, si prepara anche un famoso liquore, il laurino tipico della tradizione gastronomica sicula. Abbastanza difficili da reperire nei negozi biologici, la becche di alloro hanno un costo che si aggira intorno ai 6,00 euro per confezione da 50 grammi.

Controindicazioni all’utilizzo delle bacche di alloro.

Le bacche di alloro non hanno particolari controindicazioni, tuttavia sono sconsigliate in alcuni casi:

  • l’uso interno non è indicato in presenza di gastriti o altre affezioni a carico dello stomaco, in quanto le bacche, stimolando la secrezione di succhi gastrici possono provocare iperacidià.
  • l’uso topico viene controindicato nei soggetti allergici che possono manifestare ipersensibilità cutanea verso le componenti delle bacche o del suo olio essenziale.

Supervisione: Maria Grazia Cariello - Collaboratori: Dott.sa Valentina Coviello (Biologa)

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Bacche di alloro: proprietà ed utilizzi"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...