Aromaterapia: cos’è? Usi degli oli essenziali per salute e bellezza.

L'aromaterapie è una pratica antica che utilizza le essenze estratte da molte piante per curare il corpo e la mente. Quali sono i benefici degli oli essenziali? E come vengono utilizzati?

Aromaterapia: cos’è? Usi degli oli essenziali per salute e bellezza

    Indice Articolo:

  1. Caratteristiche
  2. Tecniche
  3. Benefici
    1. Oli Antidoloricifi
    2. Oli per l'intestino
    3. Oli Antibiotici
    4. Oli espettoranti
    5. Oli per dormire bene
    6. Oli sedativi
    7. Oli cosmetici
  4. Controindicazioni
  5. Approfondimenti

Cos'è l’aromaterapia?

L’aromaterapia è una pratica che prevede l’utilizzo di aromi estratti da essenze vegetali, come gli oli essenziali, per mantenere il corpo in salute o addirittura come terapia. Si tratta di una tecnica che ha origini molto antiche (già nell’antico Egitto si parlava delle sue proprietà benefiche), ed oggi è quanto mai attuale anche grazie ai molti centri benessere che la propongono. Secondo i sostenitori dell’aromaterapia questa pratica, ha effetti benefici in una molteplicità di situazioni: gli oli possono essere adoperati come antibiotici, anestetici, antiflogistici, contro gli spasmi o irritazioni e così via; si ritiene che abbiano inoltre effetti benefici sul sistema nervoso o come espettoranti.

Puoi approfondire benefici e rischi degli oli essenziali.

Come si ottengono gli oli essenziali?

Esistono un gran numero di oli, estratti da altrettante tipologie vegetali, che si ritiene abbiano effetti positivi sul nostro organismo a diversi livelli.Queste sostanze vengono estratte da diverse parti delle pianta: foglie, fiori, frutti, attraverso tre principali metodi:

  • distillazione a vapore un particolare processo di distillazione che aggiunge acqua nella colonna di distillazione per abbassare il punto di ebollizione. E’ il sistema più utilizzato per ottenere oli essenziali adatti ad un uso terapeutico.
  • Spremitura a freddo è una tecnica impiegata soprattutto nell’ estrazione di essenze agrumarie.
  • Estrazione con solventi utilizzata per l’estrazione di essenze da quelle piante che non sopportano la distillazione in corrente di vapore.

Le tecniche dell’aromaterapia. Come si somministrano gli oli essenziali?

Gli oli essenziali possono essere adoperati e applicati all’organismo con diverse tecniche che vengono scelte in relazione alle caratteristiche della sostanza, della patologia da curare ed in base all’età del paziente:

  • Diffusione: viene adoperato un diffusore che permette all’essenza di profumare la stanza attraverso un filtro. L’essenza viene così assorbita attraverso inalazione in maniera del tutto naturale e non eccessiva. Bastano dalle 3 alle 15 gocce.
  • Applicazione cutanea: l'essenza viene assorbita dalla pelle e dai pori, attraverso un massaggio o frizione che aggiunge un effetto rilassante (movimento circolatorio). Si aggiungono le gocce ad un cucchiaio di olio vegetale.
  • Bagno: nella vasca da bagno è possibile diluire in acqua tiepida le gocce dell’olio essenziale unito al sapone liquido. In questo caso bastano una decina di gocce.
  • Suffumigi: In una bacinella con acqua bollente vengono aggiunte una decina di gocce di olio e, chinando il capo sulla bacinella, basta inalare i vapori con il capo coperto con un panno o un asciugamano, fino a che l’acqua non si raffredda. Il caldo aumenta le proprietà antibatteriche.
  • Pediluvi e maniluvi: anche in questo caso la tecnica è l’immersione in acqua calda o tiepida con l’aggiunta di oli essenziali.
  • Assunzione via orale che consiste in gargarismi con olio essenziale diluito in soluzione alcolica.

Come si assumono gli oli essenziali? Tempi e modi.

In generale gli oli essenziali non vanno assunti puri ma diluiti in una base.  La base più utilizzata è il miele d’acacia o altri tipi di miele, ma può essere utilizzato anche lo zucchero, un succo di frutta o un bicchiere di latte.

Per potenziare gli effetti terapeutici dell’aromaterapia è meglio assumere gli oli essenziali con tempi e modi stabiliti, in base al tipo di beneficio che si vuole ottenere:

  • A digiuno: gli oli depurativi, diuretici, lassativi,
  • Dopo i pasti: oli antisettici intestinali, calmanti,
  • Prima di dormire: oli rilassanti per il sistema nervoso, cardiotonici,
  • Due ore prima dei pasti principali: oli antipiretici, fluidificanti, antireumatici,
  • Mezz’ora prima dei pasti: oli ricostituenti.

Dopo aver visto le informazioni generali proviamo ad entrare un pochino più nello specifico e vedere praticamente come trarre beneficio dalla pratica dell’aromaterapia.

Aromaterapia e salute: gli effetti benefici degli oli essenziali.

Anche se tale pratica e tutti i suoi potenziali effetti positivi non sono dimostrati clinicamente, e non vi è quindi un vero e proprio fondamento scientifico al di fuori del classico effetto placebo, agli oli essenziali vengono attribuite numerose proprietà.

L’aromaterapia viene usata nel trattamento di numerosi disturbi sia fisici che psichici:

Proprietà antidolorifiche.

Grazie alle proprietà antinfiammatorie ed anestetiche gli oli essenziali vengono utilizzati per calmare gli stati dolorosi. Tra gli oli ritenuti più efficaci contro il dolore troviamo:

  • l'olio di germe di grano, ottenuto con la spremitura a freddo dai semi di grano, essendo ricco di vitamine, viene utilizzato, in combinazione con olio essenziale di geranio, per stati dolenti di vario genere come i dolori mestruali e gli spasmi muscolari.
  • L’olio essenziale di canfora, essendo ricco di cineolo, ha proprietà antinfiammatorie e quindi è indicato in caso di dolori muscolari, reumatici ed articolari.

Come si usano gli oli essenziali antidolorifici? Secondo l’aromaterapia il modo migliore per beneficiare dell’azione antidolorifica di questi oli è un uso topico, o attraverso impacchi da applicare sulla zona dolente, o aggiungendo poche gocce di olio ad una crema e per fare un massaggio locale.

Gli oli essenziali contro la diarrea ed i gas intestinali.

Alcuni oli hanno proprietà depurative e sono utili per i problemi gastro intestinali:

  • L’olio di lavanda, oltre che per il suo profumo, viene impiegato in aromaterapia come antisettico e contro problemi gastrointestinali (diarrea, nausea, flatulenza...).
  • L’olio di Menta, generalmente usato in altri ambiti, sembra invece avere diversi effetti positivi anche per quanto concerne l’apparato digerente o la diuresi.
  • L’olio di finocchio favorisce la digestione e quindi è indicato per contrastare il gonfiore addominale e la flatulenza;

Come si usano gli oli per il benessere di stomaco ed intestino? Generalmente gli oli vengono assunti per via orale facendo gargarismi con olio essenziale diluito in soluzione alcolica, ma anche per inalazione (mettere 2/3 gocce su un fazzoletto).

Proprietà antibiotiche e battericide degli oli essenziali.

Alcuni oli essenziali possono essere utilizzati in alternativa ai trattamenti antibiotici per contrastare le infezioni dentarie, cutanee, malattie virali, quali influenza, herpes zoster, e lenire prurito e dolore dei morsi di insetti.

  • L’olio di Melaleuca, che si ritiene abbia effetti come anti-mcotico, viene adoperato per contrastare la candidosi o anche contro l’HIV. Il suo utilizzo deve essere molto accorto a causa di possibili controindicazioni, in particolare la tossicità.
  • Gli oli di garofano, cannella, origano e timo hanno un potere antisettico molto efficaceper cui sono utili in caso di raffreddore, mal di gola o stati influenzali.
  • L’olio di Menta è un estratto che può essere impiegato contro la stanchezza mentale o per il suo effetto lenitivo specie sulle punture di insetti.
  • L’olio di bergamotto: particolarmente efficace come antidoto alla cistite.

Tali oli vengono usati sotto forma di creme, che si ottengono aggiungendo ad una normale crema neutra una o due gocce di olio, o di sali da bagno sciolti in acqua calda

Proprietà espettoranti.

Molti sono gli oli utilizzati per contrastare il catarro grazie alle proprietà fluidificanti ed espettoranti.

  • L’olio di Eucalipto ricco di eucaliptolo è adoperato soprattutto per il trattamento di affezioni polmonari perché viene considerato un efficiente mucolitico.
  • L’olio di canfora ha numerose proprietà tra cui quelle balsamiche, mucolitiche e decongestionanti per cui è indicato per curare raffreddori, tosse e sinusite.
  • L’olio di finocchio espettorante è particolarmente utile contro catarro, tosse ed asma. E’ controindicato in gravidanza perchè ricco di fitoestrogeni.

Possono essere utilizzati con impacchi da massaggiare sul petto, con suffumigi o bagni caldi in cui sciogliere poche gocce di olio.

Aromaterapia per dormire bene: proprietà ipnotiche degli oli essenziali.

L’aromaterapia viene considerata molto utile in caso in cui si abbia difficoltà a prendere sonno o a riposare bene. Sono diversi infatti gli oli che hanno un potere calmante e conciliano il sonno. Tra questi:

  • L’olio di camomilla ricco di flavonidi ha un effetto rilassante e viene adoperato contro l’insonnia e tutti quei disturbi causati da eccessivo stress (comprese gastriti e coliche); è anche un efficace lenitivo contro le mestruazioni dolorose.
  • L’olio di Rosa, ha un forte potere calmante e rilassante ed è adatto anche per i bambini o in gravidanza.

Il modo più efficace di utilizzare le proprietà ipnotiche di questi oli è utilizzarli per fare massaggi o bagni caldi, che sono trattamenti che a loro volta hanno un potere calmante e rilassante. In alternativa si possono utilizzare gli oli essenziali per semplici inalazioni.

Proprietà calmanti: gli oli essenziali contro stress ed ansia.

Secondo i sostenitori dell’aromaterapia diversi oli essenziali agiscono sulla memoria, sulla concentrazione e calmano stati ansiosi, stress ed irritabilità.

I più efficaci sono:

  • L’olio di bergamotto: utile soprattutto in caso di stati di ansia o depressioni per il suo effetto sedativo, ma anche in caso di frigidità e astenia sessuale.
  • L’olio di rosmarino: oltre che in cucina, è utilizzato per favorire la memoria, la respirazione ed in ogni caso il benessere psichico. È controindicato per chi è in gravidanza o soffre di epilessia.
  • l’olio di salvia: ha effetto energizzante per cui è consigliata in caso di ansia, problemi psichici e stress.
  • Ylang ylang: anche questo dall’effetto rilassante, tale olio è collegato a tutti quei problemi legati all’ansia o alla frustrazione, in quanto capace di riequilibrare e armonizzare l’organismo; è anche molto utilizzato come olio erotico.
  • L’olio di lavanda: molto utile per contrastare emicranie e stati ansiosi.

Per beneficiare degli effetti calmanti di questi oli contro stress ed ansia, l’ideale sarebbe spargerli nell’ambiente attraverso un apposito diffusore per oli essenziali, o bagnare il cuscino con 2- 3 gocce.

Più belli con l’aromaterapia: proprietà cosmetiche.

Maschere, creme, saponi a base di oli essenziali possono contrastare molti inestetismi cutanei come pelle grassa, acne, rughe, nello specifico:

  • Gli oli di cipresso, lavanda, limone sciolti nell’acqua del bagno sono indicati per rilassare, rinfrescare e tonificare la pelle.
  • Gli oli di lavanda o di timo sono particolarmente indicati per fare massaggi rinfrescanti e purificanti diluiti con un olio vegetale come quello di jojoba o extravergine di oliva.
  • Gli oli di rosa mosqueta, di avocado o di germe di grano, sciolti in un olio base come l’olio di nocciole, applicati sul viso, sono un efficace antirughe naturale.
  • Gli oli estratti dalla frutta come quello di arancio amaro, mandarino o limone sono ottimi per fare massaggi anticellulite perchè favoriscono la circolazione e aiutano ad eliminare le tossine.

Controindicazioni.

L’utilizzo degli oli essenziali potrebbe avere anche degli effetti indesiderati che possono essere legati ad allergie e comportare irritazione, tossicità o sensibilizzazione. Ovviamente l’entità di questi potenziali disturbi è connessa alla quantità di sostanza impiegata e al soggetto (in particolare all’età).

È in ogni caso sconsigliata l’applicazione:

  • in gravidanza,
  • bambini sotto i 36 mesi,
  • soggetti allergici o epilettici.
  • per chi soffre di gravi epatiti o problemi ai reni.

Ricordiamo comunque che i trattamenti aromaterapici non possono essere considerati sostitutivi di qualsiasi terapia medica sia stata eventualmente indicata per un disturbo, eventualmente, possono essere integrati ad essa, ed è comunque sempre bene farsi guidare da un esperto aromaterapeuta per la scelta degli oli giusti e delle dosi da somministrare.

Supervisore: Maria Grazia Cariello

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Aromaterapia: cos’è? Usi degli oli essenziali per salute e bellezza"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...