Agopuntura per dimagrire.

L’agopuntura è un’antica pratica medica di origine orientale che può essere d’aiuto anche per dimagrire, oggi si colloca tra le medicine alternative più accettate nei paesi occidentali e consiste nell’inserimento in determinati punti del corpo di sottili aghi volti a stimolare e riequilibrare il benessere della persona. Vediamo nello specifico cosa può fare l’ agopuntura per aiutare a perdere peso, quali sono i punti da stimolare per ristabilire l’equilibruio tra lo yin e lo yang e sopratutto chiariamo se e come funziona per dimagrire.

Agopuntura per dimagrire

    Indice Articolo:

  1. I punti da stimolare per perdere peso
  2. Funziona?
    1. Combatte la fame nervosa
    2. Stimola il metabolismo
    3. Combatte la cellulite
  3. Le sedute da fare e quando farle
  4. I costi
  5. Auricoloterapia
  6. Agopuntura e gravidanza
  7. Approfondimenti

Pareri sulla validità dell'agopuntura per perdere peso.

Come tutti i sistemi di medicina alternativa anche l’agopuntura ha i suoi sostenitori e i suoi detrattori. Per molti l’efficacia dell’agopuntura per dimagrire è ampiamente comprovata, molti altri sostengono che la tecnica si è rivelata inefficace per perdere peso. “Virtus in medio stat”: non si può sperare di dimagrire esclusivamente attraverso l’agopuntura, ma la pratica può essere un valido supporto nelle terapie volte ad un dimagrimento equilibrato in quanto agisce sulle cause che favoriscono l’aumento di peso. Essa va quindi abbinata ad una dieta dimagrante ipocalorica ed alla pratica regolare di attività fisica.

Inoltre come tutti i percorsi che prevedono un dimagrimento sano ed equilibrato, anche quello fatto con l’ausilio dell’agopuntura richiederà dei tempi più o meno lunghi a seconda della quantità di peso che si deve perdere e della risposta del soggetto. 

In America e Asia l’agopuntura per dimagrire è già considerato un valido aiuto per dimagrire mentre in Italia sta iniziando a diffondersi gradatamente.

Come agisce l’agopuntura: i punti per dimagrire.

L’agopuntura segue le cosiddette mappe per agopuntura risalenti alla dinastia Ming: immagini di un corpo umano sul quale sono segnati i 365 punti nevralgici sui quali agire per ritrovare il benessere e l’armonia completa. Ciascuno di questi punti è collocato su dodici canali lungo i quali scorrono il sangue e l’energia, detti meridiani, a cui si aggiungono altri otto punti fuori meridiano.

Ogni punto di agopuntura svolge un’azione specifica ma nel trattamento di un paziente e del suo disequilibrio energetico, vengono comunemente trattati dai 5 ai 20 punti contemporaneamente; raramente viene stimolato un unico punto, quindi diffidate da chi vi dice che per dimagrire con l’agopuntura è sufficiente stimolare l’unico punto della fame e rivolgetevi soltanto a professionisti dell’agopuntura, che vi offriranno una terapia completa.

I canali da stimolare per controllare le cause che comportano aumento di peso sono:

Stomaco Per controllare l’assunzione di cibo anche quando si è sazi
Rene Per eliminare le tossine e controllare la ritenzione idrica.
Ovaie Per controllare l’aumento di peso in menopausa.
Tiroide Per stimolare il metabolismo.
Orecchie Per equilibrare gli attacchi di fame compulsivi
Polmoni Per chi è dipendente da un alimento come ad esempio il cioccolato

Gli aghi utilizzati in agopuntura sono molto sottili quindi il loro inserimento nel corpo e pressoché indolore, è importante che siano sterili e utilizzati un’unica volta, per evitare contaminazione e diffusione di eventuali agenti patogeni trasferiti attraverso l’ago da una persona ad un’altra.

Efficacia dell’agopuntura per dimagrire.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce oggi il valore dell’agopuntura e fornisce una lista di patologie che potrebbero beneficiare dell’agopuntura, tra queste opportunamente integrata con terapie dietologiche, l’eccessivo sovrappeso e l’obesità.

Combatte la fame nervosa.

Uno dei meriti più riconosciuti al trattamento con agopuntura a scopo dimagrante è la riduzione dell’impulso a mangiare in situazioni particolarmente stressanti, la cosiddetta fame nervosa.

In questi casi l’agopuntura stimola i punti nevralgici relativi ad accumuli di stress e preoccupazioni, portando, sempre gradualmente, il soggetto a raggiungere uno stato di maggiore tranquillità e rilassamento, sonno più riposante perché non interrotto e tranquillo e di conseguenza un risveglio più rilassato e positivo che si riflette spessissimo sull’andamento della giornata.

Curare lo stress con l’agopuntura apporta quindi notevole beneficio anche ai soggetti che tendono a sfogare i propri malumori e le proprie tensioni sul cibo, fuori dei pasti e prima del riposo notturno, compromettendo una digestione agevole e causando l’aumento di peso.
Nel controllo degli attacchi di fame nervosa in agopuntura vengono spesso stimolati i punti relativi agli organi preposti alla digestione, fegato e milza, per ristabilirne l’equilibrio e facilitarne il corretto funzionamento.

Puoi approfondire i rimedi per combattere l'impulso irresistibile di cibo che non dipende a necessità alimentare.

Stimola il metabolismo.

Molte persone lamentano una certa tendenza a mettere su peso con facilità e in alcuni casi è vero, il metabolismo può infatti lavorare diversamente da soggetto a soggetto, essere in alcuni casi più lento e anche comportare l’aumento di peso. L’agopuntura agisce stimolando il metabolismo e riconducendolo ad un corretto funzionamento che comporta il consumo dei nutritivi da parte dell’organismo senza che vadano a depositarsi in bella vista su pancia e fianchi.

Anche nei soggetti normopeso trattati con agopuntura risultano gli stessi effetti positivi sull’organismo successivamente al trattamento, ad esempio l’agopuntura stimola l’aumento delle endorfine che favorisce il metabolismo dei lipidi e conduce alla mobilizzazione delle energie dagli accumuli di grasso.

Riduce la cellulite.

L’agopuntura è altresì efficacemente impiegata per il trattamento della cellulite che com’è noto si forma per risultato dell’ipertrofia, una sorta di rigonfiamento, delle cellule adipose tra le quali si accumulano i liquidi in eccesso residui da processi biochimici interni al nostro organismo.

In presenza di cellulite si verifica un rallentamento del sistema circolatorio e la ritenzione idrica, la tendenza a trattenere i liquidi da parte dei tessuti. In agopuntura si agisce per combattere la cellulite stimolando i punti relativi al fegato, milza, reni e pancreas, per favorire l’eliminazione delle tossine e dei liquidi in eccesso attraverso la diuresi, agendo quindi sulle cause di formazione della cellulite.

Ti potrebbero interessare le cause che determinano la formazione di cellulite per combatterla meglio.

Le sedute: dove, quando e come.

Innanzitutto è necessario, per ricevere un trattamento di agopuntura sicuro ed efficace, rivolgersi a medici abilitati alla professione e non a fantomatici esperti o presunti tali. Gli agopuntori autorizzati non hanno necessariamente una laurea in medicina, ma sono di frequente specialisti della terapia del dolore formati ed autorizzati a praticare l’agopuntura.

L’agopuntura non ha effetti collaterali e non è dolorosa, può provocare solo una sensazione di formicolio, ne pericolosa se correttamente eseguita. La durata di una singola seduta è di circa 60 minuti e include oltre all’inserimento degli aghi anche un colloquio preventivo con il paziente e una visita generale.

Gli aghi utilizzati oltre ad essere molto sottili, non vengono inseriti molto in profondità per cui generalmente non causano la fuoriuscita di sangue, tuttavia è possibile che alcuni punti possano sanguinare leggermente dopo il disinserimento dell’ago soprattutto in persone che sanguinano facilmente.

La ripartizione della terapia prevede 10 sedute, 2 alla settimana, per un ciclo di agopuntura, da ripetere se necessario più volte; generalmente in 2 o 3 sedute il medico è in grado di vedere l’eventuale miglioramento del paziente e quindi l’efficacia della terapia.

Per i trattamenti di agopuntura per dimagrire le tempistiche della terapia partono dai 6 mesi circa per arrivare anche al doppio, ottenendo un dimagrimento graduale ma duraturo e un rimodellamento del fisico.

Alle volte può bastare una sola terapia d’agopuntura, indipendentemente dal numero dei cicli, i risultati possono infatti perdurare nel tempo, altre volte può essere necessario sottoporsi ad una nuova terapia per il ripresentarsi di eccesso di peso nonostante i comportamenti corretti per evitarlo.

In questi casi può essere necessaria la cosiddetta terapia di mantenimento anche saltuaria, sottoponendosi quindi a sedute d’agopuntura saltuariamente per prolungarne i benefici nel tempo.
In un’unica seduta possono essere applicati dai 4 ai 10 aghi totali, inseriti per 1-5 millimetri circa su varie parti del corpo ma ben lontani dalle zone vitali, nelle terapie di dimagrimento gli aghi sono generalmente applicati nella zona delle caviglie, dell’incavo posteriore del ginocchio, su petto e orecchie per ansia e stress.

I costi delle sedute dimagranti.

Il prezzo di una seduta di agopuntura si aggira intorno ai 100-150€, generalmente dopo la prima seduta il prezzo si abbassa leggermente fino ad arrivare anche a 70€ a seduta. Considerando che per ottenere risultati significativi e duraturi sul piano del dimagrimento si necessita generalmente di almeno 10 sedute, il costo di una terapia d’agopuntura si aggira intorno ai 1000€ per ciclo. I trattamenti sono deducibili dalle imposte fiscali e sono generalmente rimborsati dalle compagnie assicurative ma, in assenza di una regola generale se si prevede o necessita un rimborso, è preferibile informarsi in merito preventivamente.

L'agopuntura auricolare.

Sul solo padiglione auricolare sono stati individuati numerosi punti d’agopuntura corrispondenti a funzioni fisiologiche, organi, regioni anatomiche e tra questi c’è anche il punto energetico corrispondente al centro della sazietà, di particolare interesse nella terapia d’agopuntura per dimagrire. L’agopuntura auricolare o auricoloterapia fa parte come l’agopuntura delle medicine alternative o non convenzionali, nasce negli anni ’50 del XX secolo e si sviluppa in correlazione ma, come una disciplina e terapia a se stante rispetto all’agopuntura tradizionale, grazie alle intuizioni di un medico francese e agli studi di approfondimento da parte dei medici cinesi ed europei, dando origine a diverse scuole di agopuntura auricolare.
L’auricoloterapia per dimagrire può essere utilizzata in via esclusiva o in concomitanza con le terapie d’agopuntura tradizionale, come quest’ultima non è invasiva, non è dolorosa, si attua mediante l’inserimento di sottili aghi nel padiglione auricolare che stimolano i centri energetici corrispondenti alle zone del corpo che presentano uno squilibrio.

Il controllo del peso in gravidanza con l’agopuntura.

L’agopuntura può risultare molto utile anche per le donne in stato interessante in quanto non prevede l’assunzione di alcun tipo di sostanza. L’agopuntura può essere utile in gravidanza per curare ad esempio stati depressivi o per alleviare la nausea o i dolori alla schiena per tenere sotto controllo il peso laddove ci siano disfunzioni digestive anche pregresse o anche per alleviare l’ansia e lo stress che portano a mangiare eccessivamente e mettere su troppo peso. L’agopuntura se praticata correttamente non presenta effetto collaterale alcuno in gravidanza.ale alcuno in gravidanza.

COMMENTI


INDICE
Condividi su Facebook
"Agopuntura per dimagrire"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...