Aceto di mele proprietà.

Aceto di mele proprietà

L’aceto di mele, pur essendo conosciuto dalla maggior parte delle persone unicamente come condimento alternativo all’aceto di vino, è un vero e proprio tesoro nascosto: le sue proprietà sono innumerevoli e può essere utilizzato in diversi ambiti della vita quotidiana. Ma cos’è l’aceto di mele e come si ottiene? Per cosa può essere usato? Cosa cura? Cosa previene? Ci sono controindicazioni al suo utilizzo? Cercheremo di orientarci assieme in questo mondo tanto sconosciuto quanto vasto.

Cos’è l’aceto di mele?

L’aceto di mele deriva dalla trasformazione del succo di mela in sidro e del sidro in aceto.

In buona sostanza il succo di mela viene fatto fermentare fino a divenire sidro: con l’aggiunta di un battere del genere Acetobacter - che ossida l’alcol etilico ottenuto durante la fermentazione, e lo trasforma in acido acetico – il sidro diviene aceto, ed è pronto al consumo.

Potassio, calcio, ma anche vitamina B2 e B3, fosforo, magnesio, cloro, zolfo, ferro, fluoro, silicio, sono solamente alcune delle proprietà dell’aceto di mele, che può essere considerato un vero e proprio “toccasana” se utilizzato con criterio: non dimentichiamoci infatti che l’aceto di mele è una sostanza acida, il cui abuso potrebbe arrecare danno al nostro apparato digerente.

Aceto a base di mele: benefici a 360°.

Sempre avere in casa una bottiglia di aceto di mele! Questa la conclusione che si potrebbe trarre dopo aver scorso le numerose possibilità di utilizzo di questa sostanza.

Schematicamente, se ne possono evidenziare tre principali ambiti d’impiego: quello alimentare, quello “curativo” e quello cosmetico.

Impiego in ambito alimentare: l’aceto di mele, oltre che essere un valido, e forse più saporito, sostituto dell’aceto di vino nel condire le pietanze, viene utilizzato soprattutto dalla cucina vegan per far “lievitare” i dolci: basterà unirne un cucchiaino, mescolato a ugual quantità di bicarbonato, per ottenere dolci belli e “rigonfi”;

Impiego in ambito “curativo”: pur non essendo una vera e propria medicina, ma un potente integratore da inserire nella lista dei “rimedi della nonna”, l’aceto di mele “cura” e “previene” diversi “disagi” corporei.

  • Usatelo ad esempio per digerire pasti abbondanti o particolarmente pesanti, e prevenire eventuali leggere intossicazioni causate da cibi non sufficientemente freschi.
  • Efficace anche come acidificante delle urine, può prevenire infezioni a carico delle vie urinarie; è inoltre diuretico e combatte la ritenzione idrica.
  • E’ un ottimo integratore alimentare, in virtù delle qualità sopra descritte: assumendolo in periodi di forte stress, vi aiuterà a mantenere il giusto equilibrio di vitamine e sali minerali nel vostro corpo.

Per tutti i problemi sopra descritti, diluitene un cucchiaio in un litro d’acqua e consumatelo a piccoli sorsi durante il giorno.

  • Avendo un PH molto simile a quello della pelle,  aiuta a preservarla. Potrete usarlo ad esempio per lavaggi di dermatiti o irritazioni della pelle, anche in zone delicate del corpo: fungerà da disinfettante, delicato ma efficace.
  • Utilizzatelo inoltre per proteggervi dalle punture degli insetti, o per lenire il prurito da esse causato: vi basterà imbevere un batuffolo di cotone e strofinarlo sulla parte interessata per allontanare le spiacevoli bestiole o ridurre il fastidio provocato dalla puntura.

Impiego in ambito cosmetico: l’aceto di mele è utilizzato anche in ambito “cosmetico” nei casi di acne e in presenza di macchie brune, punti neri e forfora dei capelli.

  • Maschera all'aceto di mele: Procedete così per creare una maschera fai da te contro acne e punti neri: diluite un cucchiaino di aceto di mele in una tazza d’acqua; mescolate una quantità di argilla bianca in polvere sufficiente per ottenere la consistenza di una crema densa; spalmatela sul viso e lasciatela in posa dai 5 ai 10 minuti, a seconda delle caratteristiche della vostra pelle (diminuite i tempi di attesa se la vostra pelle è secca, aumentateli in caso contrario).
  • Per macchie brune, imbevete un batuffolo in una tazza d’acqua tiepida in cui avrete disciolto un cucchiaino di aceto di mele e applicatelo sulla pelle in corrispondenza della macchia per 15 minuti circa, poi sciacquate con acqua tiepida.
  • Per la cura dei capelli invece, sciacquate a ogni lavaggio i capelli con un litro d’acqua in cui avrete mescolato due cucchiai di aceto di mele.

Ricordate che anche in ambito cosmetico si sconsiglia tassativamente l’uso dell’aceto di mele non diluito e non tralasciate il fatto che l’aceto potrebbe lasciare sulla vostra pelle o sui vostri capelli un odore non proprio piacevole: evitate di utilizzarlo prima di un appuntamento galante o di lavoro.

Ha proprietà dimagranti?

Spesso si descrive l’aceto di mele come miracoloso agente snellente: la comunità scientifica tuttavia non lo considera né un acceleratore del metabolismo (semmai della digestione) né un prodotto utile a perdere peso.

Sul web sono molte le voci che consigliano di assumere una dose considerevole di aceto di mele prima dei pasti per sfruttarne a pieno le caratteristiche dietetiche: reputiamo tuttavia preferibile avere un’alimentazione sana e bilanciata e praticare regolare attività fisica per dimagrire. L’abitudine sopra descritta infatti ricorda dei comportamenti tipici dell’anoressia, in cui l’aceto di vino è descritto come il miglior prodotto per allontanare lo stimolo della fame e/o indursi il vomito.

Forse sarebbe bene smettere di dedicarsi alla ricerca di una panacea che possa farci perdere peso senza obbligarci a un radicale cambio nelle nostre abitudini alimentari e quotidiane e iniziare a rimboccarci le maniche per costruire per noi e per il nostro corpo il reale benessere psico-fisico.

Ricordiamo tuttavia che i dietologi consigliano l’aceto di mele come esaltatore di gusto e sapidità ottimo nelle diete povere di sale e olio.

Controindicazioni nell'uso di aceto di mele.

Si raccomanda, all’acquisto, di aver cura di scegliere aceto di mele non pastorizzato e non filtrato proveniente esclusivamente da agricoltura biologica: durante il processo di pastorizzazione e filtraggio si perderebbero gran parte delle proprietà nutrienti del prodotto e l’utilizzo di pesticidi sulle mele usate come materia prima trasformerebbe in altamente dannoso l’effetto di questo prezioso frutto della terra.

Ricordiamo ancora una volta che l’aceto di mele, se assunto in quantità sconsiderate, può danneggiare le pareti gastriche, tanto quanto l’aceto di vino: anche se l’aceto di mele è considerato più blando rispetto al simile derivato vinicolo, ne conserva in nuce tutte le caratteristiche positive e negative.




Torna su
Condividi su Facebook
"Aceto di mele proprietà"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.