Abbronzatura sicura.

Negli ultimi anni sta notevolmente aumentando l'attenzione per un'abbronzatura sicura, grazie alle tante campagne di sensibilizzazione, che hanno messo in evidenza i possibili effetti nocivi dei raggi solari sulla pelle e la salute dell'organismo in generale.

Abbronzatura sicura

Optare per un'abbronzatura sicura.

Questo naturalmente non vuol dire che sia necessario evitare a tutti i costi i raggi solari, rinunciando totalmente alla tintarella estiva, ma semplicemente che bisogna optare per un abbronzatura sicura, da ottenere rispettando il corpo la pelle e le sue necessità e quindi proteggendola adeguatamente.

La scelta della protezione.

Per abbronzarsi in modo sicuro è necessario usare alcuni piccoli accorgimenti, il primo in ordine di tempo e di importanza è senza dubbio quello della scelta di un solare che sia adeguato alle caratteristiche della propria pelle, a seconda che si abbia una carnagione più o meno chiara, una pelle più o meno secca e così via.

Il fattore di protezione, almeno per le prime settimane di esposizione, deve essere alto, per passare gradualmente a fattori protettivi più bassi man mano che ci si abbronza.

Per quanto riguarda la tipologia del prodotto, almeno all’inizio è sempre preferibile una crema da applicare con il tradizionale massaggio, mentre in un secondo momento si può passare a creme vaporizzate o a gel ed oli che hanno di solito fattori protettivi più bassi.

Prodotti di qualità ed idroresistenti.

Naturalmente è sempre bene scegliere prodotti di qualità prediligendo quelli che sono resistenti all’acqua in modo da essere protetti anche mentre si fa il bagno. Ad ogni modo, è bene ricordare che la prima applicazione del protettivo andrebbe fatta almeno una mezz’ora prima di esporsi al sole e va poi ripetuta più volte nell’arco della giornata anche in base ai tempi di immersione e di esposizione. E' importante comunque continuare ad applicare creme o oli che proteggano dai raggi uva e contribuiscano a mantenere l’idratazione della pelle anche quando si è già abbronzati.

Se si hanno difficoltà nella scelta del solare e del fattore di protezione adeguato, si può chiedere consiglio al farmacista o al medico di fiducia. Ugualmente importante è anche la scelta e l’utilizzo di prodotti doposole che contribuiscono a mantengano costante l’idratazione della pelle.

L'esposizione al sole.

E' opportuno iniziare ad esporsi al sole in modo graduale, evitando di tenere la pelle ancora bianca sotto i raggi solari diretti per lunghi periodi, evitando di prendere il sole nelle ore centrali e più calde della giornata, ovvero da mezzogiorno l’una alle tre, tre e trenta del pomeriggio, e questo non solo per il primo periodo ma per tutta l’estate.

Soprattutto all’inizio bisogna stare attenti all’effetto che i riflessi dell’acqua possono avere sulla pelle, infatti, se si sta a stretto contatto con la superficie marina o se si prende il sole bagnati, l’acqua amplifica la potenza dei raggi solari, il che se da un lato può servire ad accelerare l’abbronzatura dall’altro richiede una maggiore attenzione e prevenzione per evitare di bruciature.

Al mare e non solo.

Tutte le regole sopra elencate riguardo la scelta del solare e dei tempi di esposizione valgono anche per chi va in vacanza in montagna, a questo proposto può essere utile ricordare che il verde dei prati e la neve hanno lo stesso effetto amplificatore dell’acqua di mare, per cui quando ci si espone al sole in questi luoghi è necessario prestare un attenzione maggiore alla protezione.

E’ utile ricordare inoltre che ci sono alcune zone del corpo che sono più delicate, come il viso la zona del decolté nelle donne, ecc..che richiedono attenzioni ancora maggiori per avere allo stesso tempo un’abbronzatura perfetta e tuttavia sicura.

COMMENTI


SU
Condividi su Facebook
"Abbronzatura sicura"

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Benessere360, non mostrare più questo box.

CARICANDO...